Nino Vingelli (Salvatore Vingelli)

Nino Vingelli

(Napoli, 4 giugno 1912 – Roma, 26 marzo 2003) è stato un attore italiano.

Biografia

Salvatore Vingelli in arte Nino inizia giovanissimo, a seguito della sua passione per il canto e per il teatro, a calcare i palcoscenici dei teatri della sua città in cui si esibiscono soprattutto compagnie tradizionali in lingua napoletana.

Si trasferisce a Roma prima della guerra e divulga nei teatri romani la sceneggiata napoletana: Zappatore, Mamma perdoname, Lacreme napulitane ed altre ancora, facendosi così conoscere dal pubblico dei Teatri Reale, Smeraldo, Principe e Ambra Jovinelli, luoghi dove erano in voga il varietà e l'avanspettacolo.

Nel 1941 inizia la sua avventura cinematografica e debutta come caratterista nella pellicola I mariti (Tempesta d'anime) di Camillo Mastrocinque, tratta dalla commedia ottocentesca I mariti, di Achille Torelli. Ma sarà il ruolo di Pasqualino o'17 nel film di Luigi Zampa Processo alla città (1952) a portargli una certa notorietà. Prese parte a più di 200 film, recitando al fianco di Totò, Nino Taranto, Alberto Sordi, Renato Salvatori, Nino Manfredi, Vittorio De Sica e molti altri. Nel 1967 ritorna al teatro, interpretando il ruolo di Napoleone Botta nel Il contratto di Eduardo De Filippo.

Gli anni cinquanta restano comunque i suoi anni migliori dal punto di vista artistico, coronati dall'aggiudicazione del Nastro d'Argento al migliore attore non protagonista per il film La sfida del 1959, nel quale interpreta un guappo per la regia di Francesco Rosi che l'anno successivo lo dirige nuovamente ne I magliari.

In questi anni, spinto dai suoi amici pittori Guttuso, Omiccioli, Vangelli, De Chirico e tanti altri, iniziò anche a dipingere[senza fonte].

La sua lunga carriera prosegue anche in campo internazionale; Jules Dassin lo vuole accanto ad Yves Montand nel ruolo di Pizzaccio nel film La legge. Recita in Matrimonio alla francese accanto a Jean Gabin e Michèle Mercier. Nel 1964 interpreta il ruolo di Amalfitano il soldato guastafeste in Italiani brava gente di Giuseppe De Santis.

Col passare del tempo Vingelli inizia anche ad interpretare alcuni ruoli in sceneggiati televisivi tra cui L'Alfiere del 1956, continuando a recitare sino alla soglia dei novant'anni.

Muore a Roma il 26 marzo del 2003.

Nino Vangelli


Foto: Getty Images


Filmografia

I mariti (Tempesta d'anime), regia di Camillo Mastrocinque (1941)
A che servono questi quattrini?, regia di Esodo Pratelli (1942)
Napoli milionaria, regia di Eduardo De Filippo (1950)
Tototarzan, regia di Mario Mattoli (1950)
Processo alla città, regia di Luigi Zampa (1952)
Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini (1953)
Melodie immortali di Giacomo Gentilomo (1953)
La domenica della buona gente, regia di Anton Giulio Majano (1953)
La valigia dei sogni, regia di Luigi Comencini (1953)
Totò e Carolina, regia di Mario Monicelli (1953)
Il paese dei campanelli, regia di Jean Boyer (1954)
Pane, amore e gelosia, regia di Luigi Comencini (1954)
Casta diva, regia di Carmine Gallone (1954)
Questa è la vita, regia di Aldo Fabrizi (1954)
Totò cerca pace, regia di Mario Mattoli (1954)
Il seduttore, regia di Franco Rossi (1954)
L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
La rivale, regia di Anton Giulio Majano (1955)
Cantami: Buongiorno Tristezza! di Giorgio Pàstina (1955)
Altair, regia di Leonardo De Mitri (1955)
Poveri ma belli, regia di Dino Risi (1956)
Una pelliccia di visone, regia di Glauco Pellegrini (1956)
I vagabondi delle stelle, regia di Nino Stresa (1956)
A sud niente di nuovo, regia di Giorgio Simonelli (1957)
La sfida, regia di Francesco Rosi (1958)
Gambe d'oro, regia di Turi Vasile (1958)
Il bacio del sole (Don Vesuvio), regia di Siro Marcellini (1958)
Non sono più guaglione, regia di Domenico Paolella (1958)
I magliari, regia di Francesco Rosi (1959)
Un ettaro di cielo, regia di Aglauco Casadio (1959)
Un canto nel deserto, regia di Marino Girolami (1960)
Mina... fuori la guardia, regia di Armando W. Tamburella (1961)
Fra' Manisco cerca guai, regia di Armando W. Tamburella (1961)
Che femmina!! e... che dollari!, regia di Giorgio Simonelli (1961)
Canzoni a tempo di twist, regia di Stefano Canzio (1962)
Lo sgarro, regia di Silvio Siano (1962)
Sansone e il tesoro degli Incas, regia di Piero Pierotti (1964)
Casanova '70, regia di Mario Monicelli (1965)
Italiani brava gente, regia di Giuseppe De Santis (1965)
Johnny Oro, regia di Sergio Corbucci (1966)
Per un pugno di canzoni, regia di José Luis Merino (1966)
Per qualche dollaro in meno, regia di Mario Mattoli (1966)
L'uomo che ride, regia di Sergio Corbucci (1966)
Il pianeta errante, regia di Antonio Margheriti (1966)
7 monaci d'oro, regia di Moraldo Rossi (1966)
Una ragazza tutta d'oro, regia di Mariano Laurenti (1967)
A suon di lupara, regia di Luigi Petrini (1967)
La donna, il sesso e il superuomo, regia di Sergio Spina (1967)
Colpo grosso alla napoletana (The Biggest Bundle of Them All), regia di Ken Annakin (1968)
Un minuto per pregare, un istante per morire, regia di Franco Giraldi (1968)
Puro siccome un Angelo papà mi fece monaco... di Monza, regia di Giovanni Grimaldi (1969)
Zorro marchese di Navarra, regia di Franco Montemurro (1969)
Uomini contro, regia di Francesco Rosi (1970)
Mezzanotte d'amore, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1970)
I due maghi del pallone, regia di Mariano Laurenti (1970)
Cose di Cosa Nostra, regia di Steno (1971)
I due assi del guantone, regia di Mariano Laurenti (1971)
La mano nera, regia di Antonio Racioppi (1973)
Piedone lo sbirro, regia di Steno (1974)
I guappi, regia di Pasquale Squitieri (1974)
Napoli violenta, regia di Umberto Lenzi (1976)
La mazzetta, regia di Sergio Corbucci (1978)
Milano... difendersi o morire, regia di Gianni Martucci (1978)
Lo scugnizzo, regia di Alfonso Brescia (1979)
Cafè Express, regia di Nanni Loy (1980)
Torna, regia di Stelvio Massi (1984)
Guapparia, regia di Stelvio Massi (1984)
Teresa, regia di Dino Risi (1987)
Nontuttorosa, regia di Amanzio Todini - film TV (1987)
L'ultimo capodanno, regia di Marco Risi (1998)
Tobia al caffè, regia di Gianfranco Mingozzi (2000)