Claudio Ermelli

Nome d'arte di Ettore Foà (Torino, 24 luglio 1892 – Roma, 29 ottobre 1964), è stato un attore italiano.

Biografia

Nato a Torino, da una famiglia di origine ebraica, segue all'inizio le orme del padre medico, iscrivendosi alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, ma successivamente interrompe gli studi per seguire la sua vera passione: il teatro e la recitazione.
Entra come attore generico in compagnie di secondo piano e diventa in seguito capocomico di una propria compagnia di riviste e avanspettacolo, per debuttare anche nel cinema muto nel 1914.
Trasferitosi a Roma, ottiene presso la Cines, un contratto per delle pellicole che lo vedranno coprire soprattutto parti di caratterista, continuando a recitare nel cinema per oltre un trentennio.


Pur essendo di origine ebraica, non ebbe mai difficoltà o contrasti, nella sua professione, anche dopo le Leggi razziali del 1938, ma continuò il suo lavoro senza pause, prendendo parte ad oltre 115 film.
Anche la neonata Rai televisione, gli offrirà spesso parti in commedie e sceneggiati per tutti gli anni 50.
Nel teatro lavorerà ancora, per tutto il dopoguerra, sino alla fine degli anni 50, diretto da registi come Luchino Visconti, Luciano Mondolfo e Luigi Squarzina.
Una curiosità: la sua immagine pare essere stata usata come modello per Desmond[1], il maggiordomo di Rip Kirby (nota serie a fumetti britannica).

Filmografia

Il dono del mattino di Enrico Guazzoni (1932)
Zaganella e il cavaliere di Gustavo Serena e Giorgio Mannini (1932)
Tre uomini in frak di Mario Bonnard (1932)
T'amerò sempre di Mario Camerini (1933)
Ninì Falpalà di Amleto Palermi (1933)
Non c'è bisogno di denaro di Amleto Palermi (1933
La fortuna di Zanze di Amleto Palermi (1933)
La serva padrona di Giorgio Mannini (1934)
Darò un milione di Mario Camerini (1935)
Re burlone di Enrico Guazzoni (1935)
Ma non è una cosa seria di Mario Camerini (1936)
Nozze vagabonde di Guido Brignone (1936)
Trenta secondi d'amore di Mario Bonnard (1936)
La danza delle lancette di Mario Baffico (1936)
L'antenato di Guido Brignone (1936)
L'albero di Adamo di Mario Bonnard (1936)
Il fu Mattia Pascal di Pierre Chenal (1937)
Il dottor Antonio di Enrico Guazzoni (1937)
Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)
I fratelli Castiglioni, regia di Corrado D'Errico (1937)
Condottieri, regia di Luis Trenker (1937)
L'ultimo scugnizzo, regia di Gennaro Righelli (1938)
Crispino e la comare, regia di Vincenzo Sorelli (1938)
Il destino in tasca, regia di Gennaro Righelli (1938)
Animali pazzi, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1939)
La voce senza volto, regia di Gennaro Righelli (1939)
La mia canzone al vento, regia di Guido Brignone (1939)
L'eredità in corsa, regia di Oreste Biancoli (1939)
Piccolo re, regia di Redo Romagnoli (1939)
Ballo al castello, regia di Max Neufeld (1939)
Scandalo per bene, regia di Esodo Pratelli (1940)
Giù il sipario, regia di Raffaello Matarazzo (1940)
Trappola d'amore, regia di Raffaello Matarazzo (1940)
Vento di milioni, regia di Dino Falconi (1940)
Incontro di mezzanotte, regia di Mario Baffico (1940)
La zia smemorata, regia di Ladislao Vajda (1940)
Alessandro, sei grande!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1940)
Amami Alfredo, regia di Carmine Gallone (1940)
Oltre l'amore, regia di Carmine Gallone (1940)
Don Pasquale, regia di Camillo Mastrocinque (1940)
La forza bruta, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1941)
Ridi pagliaccio, regia di Camillo Mastrocinque (1941)
L'allegro fantasma, regia di Amleto Palermi (1941)
Tosca, regia di Carl Koch (1941)
L'elisir d'amore, regia di Amleto Palermi (1941)
L'orizzonte dipinto, regia di Guido Salvini (1941)
L'amante segreta, regia di Carmine Gallone (1941)
Villa da vendere, regia di Ferruccio Cerio (1941)
Una volta alla settimana, regia di Ákos Ráthonyi (1942)
La fortuna viene dal cielo, regia di Ákos Ráthonyi (1942)
Turbamento, regia di Guido Brignone (1942)
La maestrina, regia di Giorgio Bianchi (1942)
La contessa Castiglione, regia di Flavio Calzavara (1942)
L'ultimo addio, regia di Ferruccio Cerio (1942)
La fabbrica dell'imprevisto, regia di Jacopo Comin (1942)
Pazzo d'amore, regia di Giacomo Gentilomo (1943)
Due cuori fra le belve, regia di Giorgio Simonelli (1943)
Dente per dente, regia di Marco Elter (1943)
In cerca di felicità, regia di Giacomo Gentilomo (1944)
Nebbie sul mare, regia di Marcello Pagliero (1944)
Lacrime di sangue, regia di Guido Brignone (1944)
Abbasso la miseria!, regia di Gennaro Righelli (1945)
Il ratto delle Sabine, regia di Mario Bonnard (1945)
Biraghin di Carmine Gallone (1946)
Sciuscià, regia di Vittorio De Sica (1946)
Il corriere di ferro, regia di Francesco Zavatta (1946)
L'apocalisse, regia di Giuseppe Maria Scotese (1947)
La Certosa di Parma, regia di Christian-Jaque (1947)
Sperduti nel buio, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
Dove sta Zazà?, regia di Giorgio Simonelli (1947)
Il vento m'ha cantato una canzone, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
Gli ultimi giorni di Pompei, regia di Paolo Moffa (1948).
La leggenda di Faust, regia di Carmine Gallone (1948)
Il barone Carlo Mazza, regia di Guido Brignone (1948)
Le mura di Malapaga, regia di René Clément (1949)
Rondini in volo, regia di Luigi Capuano (1949)
La madonnina d'oro, regia di Ladislao Vajda e Luigi Carpentieri (1949)
Vivere a sbafo, regia di Giorgio Ferroni (1949)
Donne senza nome, regia di Géza von Radványi (1949)
La bellezza del diavolo, regia di René Clair (1949)
Biancaneve e i sette ladri, regia di Giacomo Gentilomo (1949)
Sambo, regia di Paolo William Tamburella (1950)
Taxi di notte, regia di Carmine Gallone (1950)
Senza bandiera, regia di Lionello De Felice (1951)
Era lui... sì! sì!, regia di Vittorio Metz e Marcello Marchesi (1951)
La vendetta di una pazza, regia di Pino Mercanti (1951)
Gli innocenti pagano, regia di Luigi Capuano (1951)
Il sogno di Zorro, regia di Mario Soldati (1951)
Cento piccole mamme, regia di Giulio Morelli (1951)
Il cappotto, regia di Alberto Lattuada (1952)
La donna che inventò l'amore, regia di Ferruccio Cerio (1952)
Il romanzo della mia vita, regia di Lionello De Felice (1952)
Primo premio: Mariarosa, regia di Sergio Grieco (1952)
Gioventù alla sbarra, regia di Ferruccio Cerio (1952)
Tripoli, bel suol d'amore, regia di Ferruccio Cerio (1953)
L'età dell'amore, regia di Lionello De Felice (1953)
Vacanze romane, regia di William Wyler (1953)
Ho ritrovato mio figlio!, regia di Elio Piccon (1954)
Casa Ricordi di Carmine Gallone (1954)
I tre ladri, regia di Lionello De Felice (1954)
Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1955)
Bravissimo, regia di Luigi Filippo D'Amico (1955)
Accadde tra le sbarre, regia di Giorgio Cristallini (1955)
Una sera di maggio, regia di Giorgio Pastina (1955)
La ragazza del Palio, regia di Luigi Zampa (1957)
Addio alle armi, regia di Charles Vidor (1957)
Serenate per 16 bionde, regia di Marino Girolami (1957)
La baia di Napoli, regia di Melville Shavelson (1960)

Prosa televisiva RAI

Knock o il trionfo della medicina, con Sergio Tofano, Gianni Bortolotto, Andrea Matteuzzi, Pina Cei, Claudio Ermelli, Checco Rissone, Franco Graziosi, Nietta Zocchi, Olga Vittoria Gentili, regia di Sergio Tofano, trasmessa il 21 dicembre 1956.
L'avaro, di Molière, con Piero Carnabuci, Sergio Tofano, Gigi Pistilli, Warner Bentivegna, Giulia Lazzarini, Armando Bandini, Tino Bianchi, Claudio Ermelli, Nando Gazzolo, Renzo Palmer, regia di Vittorio Cottafavi, trasmessa il 22 novembre 1957.
Merluzzo, di Marcel Pagnol, con Odoardo Spadaro, Claudio Ermelli, Giuseppe Pagliarini, Aldo Silvani, Tino Bianchi, Wilma Casagrande, regia di Alessandro Brissoni, trasmessa il 20 dicembre 1957.
Serenata d'onore, con Quinto Parmeggiani, Claudio Ermelli, Flora Lillo, Aldo Silvani, Raoul Grassilli, regia di Giancarlo Galassi Beria, trasmessa il 11 marzo 1958.
Le miserie 'd Monsù Travet, con Claudio Ermelli, Silvio Anzelmo, Angiolina Quinterno, Nino Pavese, Luigi Pavese, Elena Da Venezia, Ileana Ghione, Mario Siletti, Francesco Sormano, regia di Edmo Fenoglio, trasmessa il 6 dicembre 1960.
Una tragedia americana, sceneggiato televisivo, 1962