Giulio Calì

Nome d'arte di Giulio Ferrantini (Roma, 26 marzo 1895 – Roma, 20 gennaio 1967), è stato un attore italiano.

Biografia

Anni di gavetta nel teatro dialettale e di avanspettacolo, senza riuscire a venir fuori dall'anonimato, non distruggono la volontà e l'entusiasmo di questo impertinente "romano de Roma", saporoso caratterista di grande comunicativa e vivace loquacità.

Il debutto nel cinema è piuttosto oscuro con la partecipazione al film muto Un balilla del '48 di Umberto Paradisi (1927) ma, seppur relegato a ruoli di secondo o terzo piano, talvolta minuscoli, spesso senza che il suo nome appaia su manifesti o nei titoli di testa o coda di una pellicola, Giulio Calì dimostra una volontà di ferro e una tenacia esemplare apparendo in una grande quantità di film dove disegna argutamente figure di portinai, scribacchini, notai, avvocatucci, uscieri, caporali, frequentatori di osterie e molti altri di divertente spontaneità.

Grazie ad Alberto Lattuada che ne intuisce le potenziali doti d'attore, Giulio Calì riesce a uscire dall'anonimato con due ruoli egregi affidatigli dal regista milanese: il contadino Smarazzacucco convinto dell'"unità del proletariato" ne Il mulino del Po (1949) e, soprattutto, il sarto ciarlero e impiccione ne Il cappotto (1952), dove dimostra eccellenti doti da caratterista di lusso, interpretando alla perfezione il personaggio.

Pur continuando a lavorare ininterrottamente per tutti gli anni cinquanta e parte dei sessanta, macinando ruoli su ruoli, in film di routine e di maniera, Giulio Calì trova chi lo capisce e lo valorizza in Lattuada e nel Fellini giovane: nel loro Luci del Varietà il suo fachiro Burma è tra le cose migliori. Intanto continua ad essere richiesto da registi del calibro di Steno, Monicelli, Blasetti, Mattoli, Comencini, De Santis, Zampa e altri.


Galleria fotografica


Filmografia

Ore 9: lezione di chimica, regia di Mario Mattoli (1941)
Avanti c'è posto..., regia di Mario Bonnard (1942)
Campo de' fiori, regia di Mario Bonnard (1943)
La porta del cielo, regia di Vittorio De Sica (1944)
La primula bianca, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1946)
Le due madonne, regia di Enzo Di Gianni e Giorgio Simonelli (1949)
Il mulino del Po, regia di Alberto Lattuada (1949)
Figaro qua, Figaro là, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
Mater Dei, regia di Emilio Cordero (1950)
Luci del varietà, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada (1950)
Guardie e ladri, regia di Mario Monicelli (1951)
Totò e i re di Roma, regia di Steno e Mario Monicelli (1951)
Vacanze col gangster, regia di Dino Risi (1951)
La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Pentimento, regia di Enzo Di Gianni (1952)
5 poveri in automobile, regia di Mario Mattoli (1952)
Il cappotto, regia di Alberto Lattuada (1952)
La prigioniera della torre di fuoco, regia di Giorgio Walter Chili (1952)
Ho scelto l'amore, regia di Mario Zampi (1952)
Ai margini della metropoli, regia di Carlo Lizzani (1952)
Legione straniera, regia di Basilio Franchina (1952)
La trappola di fuoco, regia di Gaetano Petrosemolo (1952)
Il viale della speranza, regia di Dino Risi (1953)
Le infedeli, regia di Mario Monicelli e Steno (1953)
La valigia dei sogni, regia di Luigi Comencini (1953)
Gli uomini, che mascalzoni!, regia di Glauco Pellegrini (1953)
Una di quelle, regia di Aldo Fabrizi (1953)
Musoduro, regia di Giuseppe Bennati (1953)
Un giorno in pretura, regia di Steno (1953)
La mia vita è tua, regia di Giuseppe Masini (1953)
Pellegrini d'amore, regia di Andrea Forzano (1953)
Opinione pubblica, regia di Maurizio Corgnati (1954)
Desiderio 'e sole, regia di Giorgio Pàstina (1954)
L'ultima illusione, regia di Vittorio Duse (1954)
Giorni d'amore, regia di Giuseppe De Santis (1954)
Nel gorgo del peccato, regia di Vittorio Cottafavi (1954)
Cuore di mamma, regia di Luigi Capuano (1954)
Ballata tragica, regia di Luigi Capuano (1954)
Un americano a Roma, regia di Steno (1954)
Lacrime d'amore, regia di Pino Mercanti (1954)
Peccato che sia una canaglia, regia di Alessandro Blasetti (1954)
Due soldi di felicità, regia di Roberto Amoroso (1954)
Operazione notte, regia di Giuseppe Bennati (1954)
Le vacanze del sor Clemente, regia di Camillo Mastrocinque (1954)
Totò all'inferno, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)
Il motivo in maschera, regia di Stefano Canzio (1955)
La ragazza di Via Veneto, regia di Marino Girolami (1955)
Una pelliccia di visone, regia di Glauco Pellegrini (1956)
Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
Uomini e lupi, regia di Giuseppe De Santis e Leopoldo Savona (1956)
Vivendo cantando... che male ti fò?, regia di Marino Girolami (1957)
La capinera del mulino, regia di Angio Zane (1957)
La canzone più bella, regia di Ottorino Franco Bertolini (1957)
I misteri di Parigi, regia di Fernando Cerchio (1957)
La chiamavan capinera..., regia di Piero Regnoli (1957)
Susanna tutta panna, regia di Steno (1957)
Totò, Vittorio e la dottoressa, regia di Camillo Mastrocinque (1957)
La ragazza del palio, regia di Luigi Zampa (1957)
Gli avventurieri dell'uranio, regia di Angio Zane (1958)
Pia de' Tolomei, regia di Sergio Grieco (1958)
Gli zitelloni, regia di Giorgio Bianchi (1958)
Un uomo facile, regia di Paolo Heusch (1958)
Vacanze d'inverno, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
La cento chilometri, regia di Giulio Petroni (1959)
Nel blu dipinto di blu, regia di Piero Tellini (1959)
Genitori in blue jeans, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
Era notte a Roma, regia di Roberto Rossellini (1960)
Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)
Mobby Jackson, regia di Renato Dall'Ara (1960)
Scano Boa, regia di Renato Dall'Ara (1961)
Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
Colpo gobbo all'italiana, regia di Lucio Fulci (1962)
I tre nemici, regia di Giorgio Simonelli (1962)
Il gladiatore di Roma, regia di Mario Costa (1962)
Nerone '71, regia di Walter Filippi (1962)
La cuccagna, regia di Luciano Salce (1962)
Le monachine, regia di Luciano Salce (1963)
8½, regia di Federico Fellini (1963)
Il ribelle di Castelmonte, regia di Vertunnio De Angelis (1964)
Le voci bianche, regia di Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa (1964)