Lisa Gastoni

Pseudonimo di Elisabetta Gastone (Alassio, 28 luglio 1935), è un'attrice cinematografica italiana.

Biografia

Di padre italiano e madre irlandese[1], negli anni del dopoguerra si trasferisce a Londra dove inizia la sua carriera di fotomodella e attrice.

Approda al cinema italiano negli anni sessanta, interpretando alcuni film di fantascienza con il nome di Jane Fate. Successivamente, dopo un breve matrimonio con un noto professore di fisica, Constatine Manos, si lega al produttore Joseph Fryd, con cui nel 1966 gira da protagonista Svegliati e uccidi di Carlo Lizzani, nel quale si fa notare nel ruolo di Candida, compagna del «solista del mitra» Luciano Lutring, interpretato da Robert Hoffmann. La pellicola ottiene un notevole successo e l'interpretazione di Lisa Gastoni viene premiata con il Nastro d'argento.

Il film maggiormente legato all'immagine di Lisa Gastoni è però indiscutibilmente il cult movie Grazie zia (1968) di Salvatore Samperi, nel quale è una conturbante e raffinata zia, attirata in un morboso rapporto psico-incestuoso dal nipote finto-paralitico, interpretato dal giovane Lou Castel, reduce dal successo di I pugni in tasca di Marco Bellocchio. La sua interpretazione sarà premiata con la Targa d'oro ai Premi David di Donatello.

« Io sono convinta che ciascuno di noi ha una sua età (...) Ci sono dei momenti fisici - perché nel cinema è soprattutto questione di momenti fisici - che ci sono più adatti, più giusti. In genere si chiamano "incontro col personaggio". In fondo il mio vero incontro col personaggio è avvenuto quando avevo ventinove anni, girando Grazie zia. All'età quindi una donna nella sua pienezza, alla soglia della trentina. Non ero vecchia ma neppure giovane. Però ero fisicamente ed emotivamente giusta per il ruolo. »
(Lisa Gastoni[2])

Nel 1973 interpreta il film erotico La seduzione. Comunque negli anni settanta gira pochi film, in virtù di una sua scelta di lavorare solo con registi di qualità. Nel 1974 interpreta il ruolo di Claretta Petacci in Mussolini ultimo atto di Carlo Lizzani e nel 1975 vince il secondo Nastro d'argento con Amore amaro di Florestano Vancini.

Dopo aver debuttato in teatro nel 1979 con La Celestina di Fernando de Rojas, sotto la regia di Luigi Squarzina, si è ritirata dalla scene, dedicandosi alla pittura e alla scrittura. Vi è ritornata a metà anni duemila con alcune eccellenti interpretazioni per il cinema e la televisione, ottenendo con Cuore sacro (2005), di Ferzan Özpetek, una candidatura al David di Donatello e al Nastro d'argento.


Galleria fotografica

Foto: Getty Images


 

Filmografia

Cinema

Operazione Commandos (They Who Dare), regia di Lewis Milestone (1954)
Prigioniero dell'harem (You Know What Sailors Are), non accreditata, regia di Ken Annakin (1954)
The Runaway Bus, con il nome Liza Gastone, regia di Val Guest (1954)
Quattro in medicina (Doctor in the House), non accreditata, regia di Ralph Thomas (1954)
Trafficanti d'oro (Beautiful Stranger), regia di David Miller (1954)
Il grido del sangue (Dance Little Lady), regia di Val Guest (1954)
Josephine and Men, regia di Roy Boulting (1955)
L'uomo del momento (Man of the Moment), regia di John Paddy Carstairs (1955)
The Baby and the Battleship, regia di Jay Lewis (1956)
Tre uomini in barca (Three Men in a Boat), regia di Ken Annakin (1956)
Face in the Night, regia di Lance Confort (1957)
Second Fiddle, regia di Maurice Elvey (1957)
The Truth About Women, regia di Muriel Box (1957)
Man from Tangier, regia di Lance Confort (1957)
Blue Murder at St. Trinian's, regia di Frank Launder (1957)
Assassinio X (Rx for Murder), regia di Derek Twist (1958)
The Strange Awakening, regia di Montgomery Tully (1958)
Chain of Events, regia di Gerald Thomas (1958)
Decisione di uccidere (Intent to Kill), regia di Jack Cardiff (1958)
Wrong Number, regia di Vernon Sewell (1959)
The Breaking Point, regia di Lance Confort (1961)
Passaporto per Canton (Visa to Canton), regia di Michael Carreras (1961)
Le avventure di Mary Read, regia di Umberto Lenzi (1961)
Diciottenni al sole, regia di Camillo Mastrocinque (1962)
Tharus figlio di Attila, regia di Roberto Bianchi Montero (1962)
Duello nella Sila, regia di Umberto Lenzi (1962)
Eva, regia di Joseph Losey (1962)
I quattro moschettieri, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1963)
Il monaco di Monza, regia di Sergio Corbucci (1963)
Il mito, regia di Adimaro Sala (1963)
Ro.Go.Pa.G., episodio "Il pollo ruspante", regia di Ugo Gregoretti (1963)
Bikini pericolosi (Le Roi du village), regia di Henri Gruel (1963)
Gidget a Roma (Gidget Goes to Rome), regia di Paul Wendkos (1963)
Il vendicatore mascherato, regia di Pino Mercanti (1964)
I maniaci, regia di Lucio Fulci (1964)
L'ultimo gladiatore, regia di Umberto Lenzi (1964)
Le sette vipere (Il marito latino), regia di Renato Polselli (1964)
Crimine a due, regia di Romano Ferrara (1964)
Gli invincibili tre, regia di Gianfranco Parolini (1964)
I tre centurioni, regia di Roberto Mauri (1964)
I criminali della galassia, regia di Antonio Margheriti (1965)
Le notti della violenza, regia di Roberto Mauri (1965)
Svegliati e uccidi, regia di Carlo Lizzani (1966)
L'uomo che ride, regia di Sergio Corbucci (1966)
I diafanoidi vengono da Marte, con il nome Jane Fate, regia di Antonio Margheriti (1966)
I sette fratelli Cervi, regia di Gianni Puccini (1968)
La pecora nera, regia di Luciano Salce (1968)
Grazie zia, regia di Salvatore Samperi (1968)
L'amica, regia di Alberto Lattuada (1969)
L'invasione (L'invasion), regia di Yves Allégret (1970)
Maddalena, regia di Jerzy Kawalerowicz (1971)
La seduzione, regia di Fernando Di Leo (1973)
Amore amaro, regia di Florestano Vancini (1974)
Mussolini ultimo atto, regia di Carlo Lizzani (1974)
Labbra di lurido blu, regia di Giulio Petroni (1975)
Scandalo, regia di Salvatore Samperi (1976)
L'immoralità, regia di Massimo Pirri (1978)
Cuore sacro, regia di Ferzan Özpetek (2005)
Tutte le donne della mia vita, regia di Simona Izzo (2007)
Cocapop, regia di Pasquale Pozzessere (2009)

Televisione

La provinciale, regia di Pasquale Pozzessere - miniserie TV (2006)
Maria Montessori - Una vita per i bambini di Gianluca Maria Tavarelli (2007)
Dove la trovi una come me?, regia di Giorgio Capitani (2011)
Sposami, regia di Umberto Marino (2012)
L'onore e il rispetto - Ultimo capitolo, regia di Luigi Parisi ed Alessio Inturri (2017)

Teatro

La celestina (1979) di Luigi Squarzina
Le quattro sorelle (2010)

Premi e riconoscimenti

David di Donatello

1968 - Targa d'Oro, per Grazie zia
2005 - Nomination David di Donatello per la migliore attrice non protagonista, per Cuore sacro

Nastro d'Argento

1967 - Nastro d'Argento alla migliore attrice protagonista, per Svegliati e uccidi
1975 - Nastro d'Argento alla migliore attrice protagonista, per Amore amaro
2006 - Nomination Nastro d'Argento alla migliore attrice non protagonista, per Cuore sacro

Globo d'oro

1966 - Globo d'oro alla miglior attrice, per Svegliati e uccidi

Grolla d'oro

1968 - Grolla d'oro alla miglior attrice, per Grazie zia


Note
^ Biografia dal sito della Treccani
^ "Lisa Gastoni" in F. Faldini, G. Fofi. L'avventurosa storia del cinema italiano. Feltrinelli, Milano, 1981