Maurizio Arena

Pseudonimo di Maurizio Di Lorenzo (Roma, 26 dicembre 1933 – Roma, 21 novembre 1979), è stato un attore italiano. Era fratello di Rossana Di Lorenzo.

Biografia

Scelse come pseudonimo il cognome Arena in omaggio all'attrice Anna Arena, a cui fu legato sentimentalmente per qualche anno, nonostante la forte differenza d'età. Arena fu molto famoso soprattutto negli anni cinquanta, grazie al successo della trilogia di Dino Risi Poveri ma belli, Belle ma povere e Poveri milionari, incarnando il tipo del romano di estrazione popolare, giovane, aitante e abulico.

Tentò anche la strada della regia, senza particolare successo. Produsse e interpretò nel 1960 il film Il principe fusto, nel cui cast figuravano anche la madre ed il padre. Il film anticipò in qualche modo, di circa otto anni, la poca affinità dei suoi valori con quelli di una certa aristocrazia, come dimostrò la contrastata love story con Beatrice di Savoia[2]. Il principe fusto fu girato mentre Fellini girava La dolce vita, incentrato su quella via Veneto che vedeva all'epoca proprio Arena tra i suoi protagonisti.

Il declino

Dopo un periodo di assenza, alla fine degli anni sessanta la sua fama era già in netto declino. Molto ingrassato, veniva ormai chiamato soltanto per piccole parti da caratterista. La sua ultima interpretazione, in un film ispirato al personaggio dei fumetti Braccio di Ferro, e intitolata Pugni, dollari e spinaci, non riuscì neppure a trovare uno sbocco commerciale. Come tanti suoi colleghi attori, si cimentò nella canzone e poi, dal 1974 fino alla fine della sua breve vita svolse, presso la sua Villa di Casal Palocco a Roma, l'attività di guaritore, spesso apparendo in trasmissioni su tv private, e alla trasmissione "Acquario" di Maurizio Costanzo, dalla quale è stato pubblicato un libro (Dopo Acquario, SugarCo) che era una raccolta di lettere di pazienti, ricevute sia da Maurizio Arena che da Maurizio Costanzo.

La morte

Scomparve all'età di 45 anni nella notte tra mercoledì 20 e giovedì 21 novembre 1979 nella sua Villa di Casal Palocco a causa di una crisi cardiaca sopraggiunta in seguito al riacutizzarsi di un'affezione renale di cui soffriva da tempo. I funerali si svolsero sabato 24 novembre nella chiesa di San Francesco Saverio alla Garbatella, il popolare quartiere romano dove era nato e vissuto prima di trasferirsi nella sua Villa all'Infernetto[3].

Nel quartiere della Garbatella a Roma gli è stato dedicato un parco al quale si accede da piazza Benedetto Brin; e in via della Garbatella 24, dove nacque, è stata posta una targa in sua memoria.


Galleria fotografica


Filmografia

Regista

Il principe fusto (1960) - (anche sceneggiatore, produttore e compositore)
Gli altri, gli altri e noi (1967) - (come Maurizio Di Lorenzo)

Attore

La figlia del diavolo, regia di Primo Zeglio, (1952)
Bellezze in motoscooter, regia di Carlo Campogalliani (1952)
Villa Borghese, regia di Vittorio De Sica e Gianni Franciolini (1953)
La lupa, regia di Alberto Lattuada (1953)
Vacanze romane (Roman Holiday), regia di William Wyler (1953) - non accreditato
Tormento d'anime, regia di Cesare Barlacchi (1953)
Siamo tutti inquilini, regia di Mario Mattoli (1953)
Un giorno in pretura, regia di Steno (1954)
Peppino e la vecchia signora, regia di Emma Gramatica e Piero Ballerini (1954)
Tripoli, bel suol d'amore, regia di Ferruccio Cerio (1954)
Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
Totò e Carolina, regia di Mario Monicelli (1955)
La porta dei sogni, regia di Angelo D'Alessandro (1955)
Un giglio infranto, regia di Giorgio Walter Chili (1955)
Processo all'amore, regia di Enzo Liberti (1955)
Accadde di notte, regia di Gian Paolo Callegari (1956)
Sangue di zingara, regia di Maria Basaglia (1956)
Napoli, sole mio!, regia di Giorgio Simonelli (1956)
Tempo di villeggiatura, regia di Antonio Racioppi (1956)
Poveri ma belli, regia di Dino Risi (1956)
Vacanze a Ischia, regia di Mario Camerini (1957)
Un angelo è sceso a Brooklyn (Un angel pasó por Brooklyn), regia di Ladislao Vajda (1957)
Il diavolo nero, regia di Sergio Grieco (1957)
Belle ma povere regia di Dino Risi (1957)
Buongiorno primo amore!, regia di Marino Girolami e Antonio Momplet (1957)
Il cocco di mamma, regia di Mauro Morassi (1957)
Marinai, donne e guai, regia di Giorgio Simonelli (1958)
Valeria ragazza poco seria, regia di Guido Malatesta (1958)
Gli italiani sono matti, regia di Duilio Coletti (1958)
Caporale di giornata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1958)
Amore e guai, regia di Angelo Dorigo (1958)
Un uomo facile, regia di Paolo Heusch (1958)
Via col... paravento, regia di Mario Costa (1958)
Il terrore dell'Oklahoma, regia di Mario Amendola (1959)
La duchessa di Santa Lucia, regia di Roberto Bianchi Montero (1959)
Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1959)
Avventura a Capri, regia di Giuseppe Lipartiti (1959)
Simpatico mascalzone, regia di Mario Amendola (1959)
Il magistrato, regia di Luigi Zampa (1959)
Poveri milionari, regia di Dino Risi (1959)
Noi siamo due evasi, regia di Giorgio Simonelli (1960)
Il principe fusto, regia di Maurizio Arena (1960)
Tu che ne dici?, regia di Silvio Amadio (1960)
Blond mub man sein auf Capri, regia di Wolfgang Schleif (1961)
Il carabiniere a cavallo, regia di Carlo Lizzani (1961)
Le magnifiche 7, regia di Marino Girolami (1961)
I soliti rapinatori a Milano, regia di Giulio Petroni (1961)
Fra' Manisco cerca guai, regia di Armando William Tamburella (1961)
Pugni pupe e marinai, regia di Daniele D'Anza (1961)
Maurizio, Peppino e le indossatrici, regia di Filippo Walter Ratti (1961)
Marcia o crepa, regia di Frank Wisbar (1962)
Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
La fuga, regia di Paolo Spinola (1964)
Via Veneto, regia di Giuseppe Lipartiti (1964)
Le bambole, episodio Il Trattato di Eugenetica (1965)
Il sigillo di Pechino (1967)
Gli altri, gli altri e noi (1967)
Radiografia di un colpo d'oro (1968)
Er più - Storia d'amore e di coltello (1971)
Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù? (1971)
Storia di fifa e di coltello - Er seguito d'er più (1972)
Anche se volessi lavorare, che faccio? (1972)
Il delitto Matteotti, regia di Florestano Vancini (1973)
Il figlioccio del padrino (1973)
Società a responsabilità molto limitata, regia di Paolo Bianchini (1973)
Storia de fratelli e de cortelli (1974)
Per amare Ofelia, regia di Flavio Mogherini (1974)
Il venditore di palloncini, regia di Mario Gariazzo (1974)
Colpo in canna, regia di Fernando Di Leo (1975)
Roma drogata la polizia non può intervenire, regia di Lucio Marcaccini (1975)
Il sogno di Zorro (1975)
Atti impuri all'italiana (1976)
Vai col liscio, regia di Giancarlo Nicotra (1976)
Telefoni bianchi, regia di Dino Risi (1976)
Puttana galera!, regia di Gianfranco Piccioli (1976)
Remo e Romolo - Storia di due figli di una lupa (1976)
La padrona è servita, regia di Mario Lanfranchi (1976)
La bidonata, regia di Luciano Ercoli (1977)
Pugni, dollari e spinaci (1978)

Doppiatori

Ferruccio Amendola in Vacanze a Ischia, Er più - Storia d'amore e di coltello, Per amare Ofelia, Colpo in canna, Storia de fratelli e de cortelli, Società a responsabilità molto limitata
Pino Locchi in Siamo tutti inquilini, Avventura a Capri, Il terrore dell'Oklahoma, Fra Manisco cerca guai, Il magistrato
Giuseppe Rinaldi in Amore e guai, Marinai, donne e guai, Poveri milionari
Massimo Turci in Totò e Carolina
Sergio Fantoni in Poveri ma belli
Cesare Barbetti in Belle ma povere
Gianfranco Bellini ne Il carabiniere a cavallo
Glauco Onorato ne Il delitto Matteotti