Paolo Ferrara

(Stilo, 17 ottobre 1892 – Roma, 1965) è stato un attore italiano. Dopo la licenza liceale s'interessa di teatro e con varie compagnie recita dai primi anni dieci fino al periodo bellico. Nel cinema esordisce in età ormai matura (1936) con un piccolo ruolo in Pensaci, Giacomino! di Gennaro Righelli. Ha partecipato a diversi film di Totò facendo il ruolo del commissario nel film Letto a tre piazze e il conduttore del vagone letto in Totò a colori. Sono rimaste memorabili le scene che interpreta nel film Totò e i re di Roma dove Paolo Ferrara offre lo spunto a Totò per cimentarsi in varie gag mentre tenta malamente di sorpassare l'esame elementare sotto lo sguardo severo di Alberto Sordi; mentre nel film Un eroe dei nostri tempi è alle prese con lo stesso Sordi - che affetto da paure e manie di persecuzione - in qualità di commissario, Paolo Ferrara si vede costretto più volte ad ammonirlo per il suo comportamento ambiguo. Fino al 1965, anno della sua morte, appare in una cinquantina di film, sempre come caratterista.