Paolo Modugno

(Roma, 8 aprile 1940) è un attore, conduttore radiofonico, regista e dialoghista italiano. Modugno debutta alla RAI come attore-bambino in un programma accanto a Arnoldo Foà, Da allora diventa una delle voci più popolari della radio. Da bambino debutta anche in teatro, e quindi in cinema è interprete in Guardie e ladri, Tototarzan, Giacobbe ed Esaù, Il caso Pisciotta, Ondata di calore. In televisione inizia a recitare, partecipando a commedie e romanzi sceneggiati, tra cui Una tragedia americana (del 1962, per la regia di Anton Giulio Majano), David Copperfield, Il caso Mauritius, L'isola del tesoro, Vita col padre e con la madre, Eugenia Grandet. Nel 1971 è stato autore, regista e interprete di alcuni spettacoli teatrali. Dal 1976 Collabora ai programmi di RadioRai, come autore e regista di romanzi sceneggiati e di trasmissioni in diretta delle quali è anche conduttore, come «Radio Anch'io», oltre a numerosi programmi di vario genere: dal varietà «Sotto il sole, sopra la luna», alla biografia rielaborata drammaturgicamente, al documentario radiofonico. È autore di un radiodramma in dieci minuti, dal titolo «Il grande silenzio radio», acquistato e realizzato da Radiouno per un congresso dell'U.E.R. e trasmesso in vari Paesi del mondo. Alla fine degli anni '80 è autore, conduttore e regista di «Il Filo di Arianna», e autore del documentario Vox», presentato al Prix Futura di Berlino 1993, la commedia musicale «Prix», presentata al Prix MonteCarlo 1993, il varietà «Fuochi d'Artificio» presentato al Prix Monte-Carlo 1992, e al Premio Onda 1992. Poi una serie di 13 documentari dal titolo «La Lunga Ombra dell'Arcobaleno» e un diario di viaggio on the road negli Stati Uniti, «La Strada Obliqua». Negli anni '90 cura la regia dell'originale radiofonico in sessanta puntate «Dancing Esperia». È autore e conduttore del programma «Corso Italia / Voci e suoni dalla provincia»; autore e regista di «Kon-Tiki». Nel 1997, autore, regista e conduttore di «Duty Free», poi regista del programma quotidiano «Lavori in Corso». 1998/99 autore con Tullio Fazzolari e Veronica Salvi e regista della fiction radiofonica quotidiana «Partita Doppia» in 175 puntate. Nell'estate del 1999, autore e regista del programma quotidiano in diretta «Radio City Caffè» e, nel gennaio 2000, regista e coautore dello sceneggiato «Il Castello di Eymerich», suoi radiodrammi sono stati tradotti e trasmessi in Germania e in Slovacchia e - non tradotti - in Francia, in Belgio, nella Svizzera Romanda, in Ungheria, in Germania e in Slovenia dalle rispettive emittenti ufficiali, oltre che dalla Radio della Svizzera Italiana. Cura la regia teatrale di "Caffè Mozart" di Vanni Ronsisvalle.