Rosanna Schiaffino

Genova, 25 novembre 1939 – Milano, 17 ottobre 2009) è stata un'attrice italiana.

Biografia

Inizia a lavorare come modella dopo aver vinto vari concorsi di bellezza. La prima prova al cinema è con un ruolo secondario in Totò lascia o raddoppia? (1956) di Camillo Mastrocinque. Si impone subito grazie alla sua prorompente bellezza mediterranea, ma dimostra anche doti interpretative e versatilità in varie pellicole italiane e straniere come La sfida (1958) di Francesco Rosi, Il vendicatore (1959) di William Dieterle, La notte brava (1959) di Mauro Bolognini e Due settimane in un'altra città (1962) di Vincente Minnelli e fu in quell'occasione che si colse la straordinaria somiglianza con la sua collega israeliana Daliah Lavi.

Fu molto apprezzata la prova offerta nell'adattamento di Alberto Lattuada de La mandragola (1965) nel ruolo di Lucrezia, per cui viene premiata con una Targa d'Oro ai David di Donatello. Dalla seconda metà degli anni sessanta ha recitato soprattutto in produzioni di scarso rilievo, e a metà degli anni settanta si è ritirata dalle scene.

È stata sposata due volte: la prima col produttore cinematografico Alfredo Bini da cui nacque Annabella nel 1969 e la seconda con Giorgio Falck da cui nacque Guido Nanni nel 1981. Il divorzio da Falck e le battaglie legali per l'affidamento, e il mantenimento del figlio hanno occupato a lungo la cronaca rosa.

Colpita nel 1991 da un cancro al seno, si impegna nella lotta contro il cancro insieme alla Fondazione di Umberto Veronesi, fino a morire, stroncata dalla malattia, il 17 ottobre 2009 all'età di 69 anni.[1] I funerali si sono svolti il 19 ottobre 2009 nella chiesa di Santa Maria Segreta in Milano davanti a pochi intimi amici. La sua salma è stata portata al cimitero di Portofino, dove è stata tumulata.


Galleria fotografica

Foto: Getty Images, Archivio Allori


Filmografia

Totò lascia o raddoppia?, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
Orlando e i paladini di Francia, regia di Pietro Francisci (1956)
La sfida, regia di Francesco Rosi (1958)
Un ettaro di cielo, regia di Aglauco Casadio (1959)
Il vendicatore, regia di William Dieterle (1959)
La notte brava, regia di Mauro Bolognini (1959)
Ferdinando I° re di Napoli, regia di Gianni Franciolini (1959)
Le schiave bianche (Le bal des espions), regia di Michel Clément e Umberto Scarpelli (1960)
Teseo contro il minotauro, regia di Silvio Amadio (1960)
L'onorata società, regia di Riccardo Pazzaglia (1961)
La Fayette - Una spada per due bandiere (La Fayette), regia di Jean Dréville (1961)
La congiura dei potenti (Le miracle des loups), regia di André Hunebelle (1961)
Il ratto delle Sabine, regia di Richard Pottier (1961)
I briganti italiani, regia di Mario Camerini (1961)
Il delitto non paga (Le crime ne paie pas), regia di Gérard Oury (1962)
Due settimane in un'altra città (Two Weeks in Another Town), regia di Vincente Minnelli (1962)
Donne senza paradiso (Axel Munthe - Der Arzt von San Michele), regia di Giorgio Capitani e Rudolf Jugert (1962)
La corruzione, regia di Mauro Bolognini (1963)
Ro.Go.Pa.G., episodio Illibatezza, regia di Roberto Rossellini (1963)
I vincitori (The Victors), regia di Carl Foreman (1963)
Le lunghe navi (The Long Ships), regia di Jack Cardiff (1964)
Sette contro la morte, regia di Edgar G. Ulmer (1964)
A 009 missione Hong Kong, regia di Ernst Hofbauer (1965)
La mandragola, regia di Alberto Lattuada (1965)


 

Rosanna Schiaffino e Alberto Lattuada ospiti a casa de Curtis, in occasione del film "La mandragola"


La strega in amore, regia di Damiano Damiani (1966)
El Greco, regia di Luciano Salce (1966)
Arrivederci, Baby! (Drop Dead Darling), regia di Ken Hughes (1966)
L'avventuriero, regia di Terence Young (1967)
Violenza per una monaca (Encrucijada para una monja), regia di Julio Buchs (1967)
Scacco alla regina, regia di Pasquale Festa Campanile (1969)
Simon Bolivar (Simón Bolívar), regia di Alessandro Blasetti (1969)
La Betìa ovvero in amore, per ogni gaudenza, ci vuole sofferenza, regia di Gianfranco De Bosio (1971)
7 fois... par jour, regia di Denis Héroux (1971)
Trastevere, regia di Fausto Tozzi (1971)
Ettore lo fusto, regia di Enzo G. Castellari (1972)
Il magnate, regia di Giovanni Grimaldi (1973)
Lo chiamavano Mezzogiorno (Un hombre llamado Noon), regia di Peter Collinson (1973)
Gli eroi, regia di Duccio Tessari (1973)
Il testimone deve tacere, regia di Giuseppe Rosati (1974)
L'assassino ha riservato nove poltrone, regia di Giuseppe Bennati (1974)
Commissariato di notturna, regia di Guido Leoni (1974)
Cagliostro, regia di Daniele Pettinari (1975)
La trastienda, regia di Jorge Grau (1975)
La ragazza dalla pelle di corallo, regia di Osvaldo Civirani (1976)
Don Giovanni in Sicilia, regia di Guglielmo Morandi (1977) - miniserie televisiva

Doppiatrici italiane

È stata doppiata da:

Rita Savagnone in La Fayette - Una spada per due bandiere, Ro.Go.Pa.G., Le lunghe navi, Ettore lo fusto, Il magnate
Clara Bindi in La sfida, Ferdinando I° re di Napoli
Maria Pia Di Meo in La congiura dei potenti, I briganti italiani
Lydia Simoneschi in Totò lascia o raddoppia?
Gabriella Genta in Un ettaro di cielo
Adriana De Roberto in Il vendicatore
Anna Miserocchi in La notte brava
Rosetta Calavetta in Teseo contro il minotauro
Noemi Gifuni in Sette contro la morte

Premi

Targa d'oro al David di Donatello 1966