Rossella Como

(Roma, 29 gennaio 1939 – Roma, 20 dicembre 1986) è stata un'attrice italiana. Esordisce giovanissima in un piccolo ma gustoso ruolo nel film Poveri ma belli (1957) di Dino Risi. Da allora interpreterà - quasi sempre in parti di contorno - un buon numero di commedie (La nonna Sabella, 1957; Lazzarella, 1957; Io, mammeta e tu, 1958), in cui però viene troppo spesso confinata nel personaggio della bella ragazza petulante e svampita, che lei riesce però ad impreziosire grazie alla sua recitazione disinvolta e alla vivace ironia.

Negli anni sessanta Rossella Como è attiva anche in teatro (nel 1965 è accanto ad Amedeo Nazzari nella commedia Hanno rapito il presidente, scritta da Dino Verde[1]) e il cinema comincia ad affidarle della parti di maggior valore, in film come 8 e 1/2 (1963) di Federico Fellini e Ti ho sposato per allegria (1967) di Luciano Salce. Il suo successo le permette di essere chiamata a presentare insieme a Silvio Noto tutti gli spettacoli del tour italiano dei Beatles, nel 1965.

Nei primi anni settanta l'attrice ha già cominciato a diradare i suoi impegni cinematografici. Nel 1973 porta con successo sulle scene uno spettacolo da lei stessa realizzato, Roma amor, in cui propone canzoni folkloristiche romane insieme a brani di Trilussa e Pasolini. L'attrice porterà questo recital in un lungo tour nell'America Latina.[2]

Nel 1983 Rossella Como torna brillantemente sullo schermo, interpretando la madre snob di Christian De Sica, nella commedia Vacanze di Natale, diretta da Carlo Vanzina.

Si spegne a soli quarantasette anni, a causa di un cancro.