Sylva Koscina

Silva Košćína, italianizzata in Sylva Kòscina (Zagabria, 22 agosto 1933 – Roma, 26 dicembre 1994), fu un'attrice italiana di origine jugoslava, che conobbe un grande successo all'inizio della carriera per la sua avvenenza grazie alla quale rappresentò la sublimazione della trasgressione extraconiugale tipica della commedia all'italiana, anche se in seguito ebbe modo di mettersi in luce e rivelare qualità recitatorie anche in ruoli drammatici. Attiva per quasi quarant'anni, morì a fine 1994 a Roma per tumore al seno, un anno dopo il suo ultimo film, C'è Kim Novak al telefono.

Biografia

Nata Silva Košćína nell'allora Regno di Jugoslavia da genitori dalmati, oriundi di Spalato e Traù (i Košćina erano proprietari del primo grande cantiere marittimo a Spalato fondato nel 1831). Per scopi pubblicitari inventò[senza fonte] di essere nata Sylva Koskinon, di padre greco e madre polacca. Da adolescente si trasferì in Italia durante la seconda guerra mondiale, seguendo la sorella sposata con un italiano. Mentre seguiva i corsi per la laurea in fisica all'Università degli Studi di Napoli conquistò il titolo di Miss di Tappa al Giro d'Italia del 1954 che le aprì le strade del cinema con una piccolissima parte al fianco di Totò in Siamo uomini o caporali (1955) di Camillo Mastrocinque. Il primo ruolo importante arrivò con Il ferroviere (1955), con la regia di Pietro Germi.

Attraente, prosperosa e fotogenica, Koscina comparve in molte pellicole degli anni 1950, 1960 e 1970 lavorando con Alberto Sordi, Nino Manfredi e Ugo Tognazzi. Suo grande successo fu accanto a Sordi in Ladro lui, ladra lei (1958) di Luigi Zampa e continuò la salita con Giovani mariti (1958) e Mogli pericolose (1959). Fu al fianco di Steve Reeves in Le fatiche di Ercole (1957) e Ercole e la regina di Lidia (1958).

Negli anni 1960 partecipò - oltre che allo sceneggiato televisivo I Giacobini - al film drammatico Il sicario (1960) di Damiano Damiani, ma ottenne un vasto successo nelle commedie come Il vigile (1960) o Copacabana Palace (1962), e fu scelta da Federico Fellini per la parte di una delle sorelle della protagonista in Giulietta degli spiriti (1964).

Nel 1967 fu ingaggiata negli USA per girare alcune pellicole a Hollywood: in tale occasione fu lanciata con un'audace campagna stampa, che culminò con la pubblicazione di un servizio fotografico su Playboy in cui posava a seno nudo. Negli Stati Uniti ebbe come partner Kirk Douglas in Jim, irresistibile detective (1968) e Paul Newman in La calata dei barbari (1968).

Nel 1969 interpretò la parte di una giovane eroina partigiana titina jugoslava nel film di guerra La battaglia della Neretva di Veljko Bulajić accanto a Yul Brynner, Sergej Bondarchuk, Orson Welles e Franco Nero. Nel 1970 girò il film Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa, dove, a differenza della protagonista Monica Vitti, apparve a seno nudo. Era una fan di Tito, il quale nel decennio 1970-79 la ospitò spesso nell'isola di Brioni assieme a vari attori.

Popolare anche nel settore televisivo, fu conduttrice con Mike Bongiorno e Paolo Villaggio dell'edizione 1972 del Festival di Sanremo. Gli ultimi film furono nell'ambito del cinema di genere, anche se le sue partecipazioni erano per lo più in veste di guest star, interprete quasi di se stessa, come mito senza età.

A partire dai primi anni 1960 investì la maggior parte dei suoi considerevoli guadagni in una lussuosa villa a Marino con arredi del XVI secolo e dipinti artistici. Più tardi nel 1976, in seguito ad una inchiesta per evasione fiscale fu costretta a vendere la dimora. La Koscina conviveva dal 1960 con il produttore Raimondo Castelli, non essendo sposati poiché la moglie di Castelli, Marinella, rifiutava l'annullamento del matrimonio. Successivamente la coppia si sposò in Messico nel 1967, anche se il matrimonio non fu mai riconosciuto in Italia.

Morì il 26 dicembre del 1994 all'età di 61 anni per un tumore al seno. Riposa nella tomba di famiglia al cimitero di Prima Porta a Roma.

Settimanale "Oggi", 19 ottobre 1967

Galleria fotografica


Galleria fotografica

Foto: Getty Images


Filmografia

Siamo uomini o caporali, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
Il ferroviere, regia di Pietro Germi (1955)
Michele Strogoff, regia di Carmine Gallone (1956)
Guendalina, regia di Alberto Lattuada (1957)
La nonna Sabella, regia di Dino Risi (1957)
La Gerusalemme liberata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1957)
I fidanzati della morte, regia di Romolo Marcellini (1957)
Le fatiche di Ercole, regia di Pietro Francisci (1958)
Racconti d'estate, regia di Gianni Franciolini (1958)
Totò nella luna, regia di Steno (1958)
Totò a Parigi, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1958)
Giovani mariti, regia di Mauro Bolognini (1958)
Ercole e la regina di Lidia, regia di Pietro Francisci (1958)
La nipote Sabella, regia di Giorgio Bianchi (1958)
Quando gli angeli piangono, regia di Marino Girolami (1958)
Non sono più guaglione, regia di Domenico Paolella (1958)
Le naïf aux quarante enfants, regia di Philippe Agostini (1958)
Mogli pericolose, regia di Luigi Comencini (1959)
Psicanalista per signora (Le confident de ces dames), regia di Jean Boyer (1959)
Tempi duri per i vampiri, regia di Steno (1959)
La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
Le sorprese dell'amore, regia di Luigi Comencini (1959)
Poveri milionari, regia di Dino Risi (1959)
Femmine tre volte, regia di Steno (1959)
Femmine di lusso, conosciuto anche come Intrigo a Taormina, regia di Giorgio Bianchi (1960)
I piaceri dello scapolo, regia di Giulio Petroni (1960)
Il sicario, regia di Damiano Damiani (1960)
Crimen, regia di Mario Camerini (1960)
Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)
L'assedio di Siracusa, regia di Pietro Francisci (1960)
Le pillole di Ercole, regia di Luciano Salce (1960)
Genitori in blue-jeans, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
Le distrazioni (Les distractions), regia di Jacques Dupont (1960)
Le mogli degli altri (Ravissante), regia di Robert Lamoureux (1960)
Mariti in pericolo, regia di Mauro Morassi (1961)
Mani in alto, regia di Giorgio Bianchi (1961)
L'uomo dalla maschera di ferro (Le masque de fer), regia di Henri Decoin (1962)
il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
La congiura dei dieci conosciuto anche come Lo spadaccino di Siena, regia di Baccio Bandini (1962)
Jessica, regia di Jean Negulesco e Oreste Palella (1962)
Le massaggiatrici, regia di Lucio Fulci (1962)
Copacabana Palace, regia di Steno (1962)
La lepre e la tartaruga (Le lièvre et la tortue), episodio di Le 4 verità (Les quatre vérités), regia di Alessandro Blasetti (1962)
Il paladino della corte di Francia (La salamandre d'or), regia di Maurice Régamey (1962)
Le monachine, regia di Luciano Salce (1963)
Il fornaretto di Venezia, regia di Duccio Tessari (1963)
Cyrano e D'Artagnan (Cyrano et d'Artagnan), regia di Abel Gance (1963)
L'appartemento delle ragazze (L'appartement des filles), regia di Michel Deville (1963)
L'uomo in nero (Judex), regia di Georges Franju (1963)
Il triangolo circolare (Le Grain de sable), regia di Pierre Kast (1964)
Una storia di notte, regia di Luigi Petrini (1964)
Sabato 18 luglio, episodio di L'idea fissa, regia di Gianni Puccini (1964)
Cadavere per signora, regia di Mario Mattoli (1964)
Amore e vita, episodio di Amore in quattro dimensioni, regia di Jacques Romain (1964)
Se permettete parliamo di donne, regia di Ettore Scola (1964)
Troppo caldo per giugno (Hot Enough for June), regia di Ralph Thomas (1964)
Giulietta degli spiriti, regia di Federico Fellini (1965)
Corpo a corpo (L'Arme à gauche), regia di Claude Sautet (1965)
Io, io, io... e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1965)
La donna, episodio di Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
Colpo grosso a Galata Bridge (Estambul 65), regia di Antonio Isasi-Isasmendi (1965)
Il morbidone, regia di Massimo Franciosa (1965)
L'autostrada del sole, episodio di Thrilling, regia di Carlo Lizzani (1965)
I soldi, regia di Gianni Puccini e Giorgio Cavedon (1965)
Lo straniero di passaggio (Le monsieur de passage), episodio di Racconti a due piazze (Le lit à deux places), regia di François Dupont-Midi (1966)
I sette falsari (Monnaie de singe), regia di Yves Robert (1966)
Più micidiale del maschio (Deadlier Than the Male), regia di Ralph Thomas (1966)
Agente X-77 - Ordine di uccidere (Baraka sur X 13), regia di Maurice Cloche e Silvio Siano (1966)
Layton... bambole e karatè (Carré de dames pour un as), regia di Jacques Poitrenaud (1966)
Tre morsi nella mela (Three Bites of the Apple), regia di Alvin Ganzer (1967)
Johnny Banco, regia di Yves Allégret (1967)
I protagonisti, regia di Marcello Fondato (1967)
La calata dei barbari, regia di Robert Siodmak (1968)
Guerra, amore e fuga, regia di Jack Smight (1968)
Justine ovvero le disavventure della virtù, regia di Jesús Franco (1968)
Jim l'irresistibile detective (A Lovely Way to Die), regia di David Lowell Rich (1968)
La moglie nuova, regia di Michael Worms (1969)
L'assoluto naturale, regia di Mauro Bolognini (1969)
Vedo nudo, regia di Dino Risi (1969)
La battaglia della Neretva, regia di Velko Bulajic (1969)
Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato (1970)
I lupi attaccano in branco, regia di Phil Karlson (1970)
La colomba non deve volare, regia di Sergio Garrone (1970)
Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù?, regia di Mariano Laurenti (1971)
Nel buio del terrore, regia di José Antonio Nieves Conde (1971)
Homo Eroticus, regia di Marco Vicario (1971)
African Story, regia di Marino Girolami (1971)
Noi donne siam fatte così!, regia di Dino Risi (1971)
Sette scialli di seta gialla, regia di Sergio Pastore (1972)
Boccaccio, regia di Bruno Corbucci (1972)
La strana legge del dott. Menga, regia di Fernando Merino (1972)
Beati i ricchi, regia di Salvatore Samperi (1972)
Lisa e il diavolo, regia di Mario Bava (1972)
Rivelazioni di un maniaco sessuale al capo della squadra mobile, regia di Roberto Bianchi Montero (1972)
Il cav. Costante Nicosia demoniaco ovvero: Dracula in Brianza, regia di Lucio Fulci (1975)
La casa dell'esorcismo, regia di Alfredo Leone e Mario Bava (1975)
Casanova & Company, regia di Franz Antel (1975) con Tony Curtis
Occhio alla vedova, regia di Sergio Pastore (1975)
L'ingorgo, regia di Luigi Comencini (1978)
I seduttori della domenica, regia di Dino Risi (1980)
Asso, regia di Castellano e Pipolo (1981)
Questo e quello, regia di Sergio Corbucci (1982)
Cenerentola '80, regia di Roberto Malenotti (1983)
Mani di fata, regia di Steno (1983)
Rimini Rimini, regia di Sergio Corbucci (1987)
Ricky & Barabba, regia di Christian De Sica (1992)
C'è Kim Novak al telefono, regia di Enrico Roseo (1993)

Prosa televisiva RAI

Topaze, di Marcel Pagnol con Andreina Paul, Sylva Koscina, Alberto Lionello, Mario Valgoi, Virgilio Gottardi, regia di Giorgio Albertazzi in onda il 1º gennaio 1971.
Copione, copione, di Carlo Trito con Santo Versace, Mino Bellei, Cinzia De Carolis, Gastone Pescucci, Angela Goodwin, Sylva Koscina, Franco Scandurra, regia di Stefano Roncoroni, trasmessa il 16 luglio 1983.

Teatro

La commedia del Decamerone di Mario Amendola e Bruno Corbucci con Sylva Koscina, Marisa Solinas, Vittorio Congia, Anna Campori. Regia di Amendola e Corbucci. (1972)

Doppiatrici italiane

Maria Pia Di Meo in Le fatiche di Ercole, Ercole e la regina di Lidia, Il triangolo circolare, Guerra amore e fuga, Totò nella Luna, Totò a Parigi, Racconti d'estate, Psicanalista per signora, Tempi duri per i vampiri, L'assedio di Siracusa, Femmine di lusso, Mariti in pericolo, Justine, ovvero le disavventure della virtù
Gabriella Genta in Femmine tre volte, Guendalina, Le pillole di Ercole, Genitori in blue-jeans, La mala ordina
Fiorella Betti in Giovani mariti, Ladro lui, ladra lei, Le massaggiatrici, Il sesso del diavolo
Rita Savagnone in Le monachine, La calata dei barbari, Sette scialli di seta gialla
Lydia Simoneschi in Il ferroviere, La Gerusalemme liberata
Clara Bindi in La nonna Sabella, La nipote Sabella
Luisella Visconti in Cyrano e D'Artagnan, Se permette parliamo di donne
Melina Martello in La battaglia della Neretva, La colomba non deve volare
Anna Miserocchi in Michele Strogoff
Wanda Tettoni in Poveri milionari
Benita Martini in Thrilling
Vittoria Febbi in Delitto d'autore
Marisa Del Frate in Ercole e la regina di Lidia (canto)