Print Friendly, PDF & Email

'NU JUORNO ALL'INTRASATTA...

Un giorno all'improvviso...

'Nu juomo all'intrasatta
sentette 'e tuzzulià 'ncopp' a stu core:
"Mò chi sarà ca vene a tuzzulià proprio a chest'ora,
a mme ca nun aspetto cchiù a nisciuno?".

E allora? Allora addimannaje: "Chi è?"
'Na voce gentile rispunnette:
"Faciteme trasi', cerco ospitalità".
"'O nomme, aggia sapè!"

"Me chiammano Violetta".
Subbeto spalancate 'a porta 'e chistu core
pe fa' trasi' 'stu sciore,
'stu sciore delicato, 'stu sciore appassionato.

Appena isso trasette, 'a porta se 'nzerraje,
nun s'arapette cchiù, cchiù pe nisciuno, maje.