'O CORE TUIO

Antonio de Curtis
Il cuore tuo

Stongo dint'a 'nu lietto
malato 'e pucundria,
cu 'nu dulore mpietto
pe tte Ninetta mia.

E tu cert' a chest'ora
'e me t' he già scurdato,
mentr'io suffrenno ancora
me struio pensanno a tte.

'O core tuie 'nzieme 'o core mio
s'erano 'ncatenate tutt' e dduie,
facenno 'na promessa 'nnanze a Ddio
pe tutt' 'a vita 'e nun se lassà cchiù.

E invece mo 'stu core è condannato
a purtà 'o llutto 'e 'na persona viva.
Chiagne 'stu core e nun s'è rassignato
ca tu si viva e nun esiste cchiù.

Mo porto int' a 'stu core
'nu gelo 'e freva ardente,
gelo 'e 'nu trist'ammore
'na freva malamente.

'Stu core ha perdonato
'o mmale che m'he fatto,
però nun s'è scurdato
chello ch'he fatto a mme.

'O core tuie 'nzieme 'o core mio
s'erano 'ncatenate tutt' e dduie,
facenno 'na promessa 'nnanze a Ddio
pe tutt' 'a vita 'e nun se lassà cchiù.



Il sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy di tototruffa2002.it