Paolo Ferrara

(Stilo, 17 ottobre 1892 – Roma, 1965) è stato un attore italiano.

Biografia

Dopo la licenza liceale s'interessa di teatro e con varie compagnie recita dai primi anni dieci fino al periodo bellico.

Nel cinema esordisce in età ormai matura (1936) con un piccolo ruolo in Pensaci, Giacomino! di Gennaro Righelli. Ha partecipato a diversi film di Totò facendo il ruolo del commissario nel film Letto a tre piazze e il conduttore del vagone letto in Totò a colori.

Sono rimaste memorabili le scene che interpreta nel film Totò e i re di Roma dove Paolo Ferrara offre lo spunto a Totò per cimentarsi in varie gag mentre tenta malamente di sorpassare l'esame elementare sotto lo sguardo severo di Alberto Sordi; mentre nel film Un eroe dei nostri tempi è alle prese con lo stesso Sordi - che affetto da paure e manie di persecuzione - in qualità di commissario, Paolo Ferrara si vede costretto più volte ad ammonirlo per il suo comportamento ambiguo.

Fino al 1965, anno della sua morte, appare in una cinquantina di film, sempre come caratterista.


Galleria fotografica

Foto: lombardiabeniculturali.it


Filmografia

Pensaci, Giacomino!, regia di Gennaro Righelli (1936)
Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)
Ettore Fieramosca, regia di Alessandro Blasetti (1938)
Terra di fuoco, regia di Marcel L'Herbier e Giorgio Ferroni (1938)
L'ultimo scugnizzo, regia di Gennaro Righelli (1938)
Il barone di Corbò, regia di Gennaro Righelli (1939)
Imputato, alzatevi!, regia di Mario Mattoli (1939)
Non me lo dire!, regia di Mario Mattoli (1940)
Ore 9: lezione di chimica, regia di Mario Mattoli (1941)
Se non son matti non li vogliamo, regia di Esodo Pratelli (1941)
I mariti (Tempesta d'anime), regia di Camillo Mastrocinque (1941)
Noi vivi, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
Addio Kira!, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
Labbra serrate, regia di Mario Mattoli (1942)
Treno crociato, regia di Carlo Campogalliani (1942)
Fuga a due voci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
Spie tra le eliche, regia di Ignazio Ferronetti (1943)
4 ragazze sognano, regia di Guglielmo Giannini (1943)
Inviati speciali, regia di Romolo Marcellini (1943)
L'ultima carrozzella, regia di Mario Mattoli (1943)
Torna a Sorrento, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1945)
La primula bianca, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1946)
Furia, regia di Goffredo Alessandrini (1947)
I due orfanelli, regia di Mario Mattoli (1947)
Il corriere di ferro, regia di Francesco Zavatta (1947)
Molti sogni per le strade, regia di Mario Camerini (1948)
Il brigante Musolino, regia di Mario Camerini (1950)
Vita da cani, regia di Steno e Monicelli (1950)
È più facile che un cammello..., regia di Luigi Zampa (1951)
Atto d'accusa, regia di Giacomo Gentilomo (1951)
Cameriera bella presenza offresi..., regia di Giorgio Pàstina (1951)
Anna, regia di Alberto Lattuada (1951)
Totò e i re di Roma, regia di Steno e Mario Monicelli (1951)
La famiglia Passaguai fa fortuna, regia di Aldo Fabrizi (1952)
Processo contro ignoti di Guido Brignone (1952)
Totò a colori, regia di Steno (1952)
Le infedeli, regia di Steno e Monicelli (1953)
La lupa, regia di Alberto Lattuada (1953)
Vortice, regia di Raffaello Matarazzo (1953)
Torna!, regia di Raffaello Matarazzo (1953)
L'età dell'amore, regia di Lionello De Felice (1953)
L'uomo, la bestia e la virtù, regia di Steno (1953)
Marsina stretta, episodio di Questa è la vita, regia di Aldo Fabrizi (1954)
Vestire gli ignudi, regia di Marcello Pagliero (1954)
Proibito, regia di Mario Monicelli (1954)
Totò cerca pace, regia di Mario Mattoli (1954)
Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
Amici per la pelle, regia di Franco Rossi (1955)
Suor Letizia, regia di Mario Camerini (1956)
Maruzzella, regia di Luigi Capuano (1956)
Padri e figli, regia di Mario Monicelli (1957)
Onore e sangue, regia di Luigi Capuano (1957)
Mariti in città, regia di Luigi Comencini (1957)
Amore e chiacchiere, regia di Alessandro Blasetti (1957)
Adorabili e bugiarde, regia di Nunzio Malasomma (1958)
Carosello di canzoni, regia di Luigi Capuano (1958)
Carmela è una bambola, regia di Gianni Puccini (1958)
Un militare e mezzo, regia di Steno (1959)
Letto a tre piazze, regia di Steno (1960)
Il gobbo, regia di Carlo Lizzani (1960)
Totò diabolicus, regia di Steno (1962)
L'ultimo rififi, regia di Juan Atienza (1964)

Il doppiaggio

Dotato di una voce possente, Paolo Ferrara doppiò sempre attori di stazza robusta che necessitavano di un timbro vocale forte e autoritario, però a differenza di altri colleghi, l'attore diede molto raramente una inflessione dialettale alla propria voce durante l'attività di doppiaggio, esprimendosi sempre in italiano.

Attori doppiati

Saro Urzì in Il cammino della speranza
Ciccio Barbi in Bravissimo
Fernand Sardou in I tartassati