Print Friendly, PDF & Email

Peppino De Martino

(Napoli, 8 dicembre 1908 – Napoli, 19 giugno 1970) è stato un attore italiano.

Biografia

Caratterista fra i più attivi nel folto panorama degli anni cinquanta e sessanta, si distinse come abile e frizzante comprimario, spalla ideale di comici come Totò ed Alberto Sordi in decine di pellicole.

Esordì sul grande schermo nel 1939, con I grandi magazzini, (1939), di Mario Camerini, sostenendo una piccola parte, quella di un commesso.

Indimenticabili le sue apparizioni in Totò a Parigi, (1958), di Camillo Mastrocinque, nel ruolo del maître del night-club, oppure quella nei panni del notaio Cocozza, che viene fatto impazzire da Totò, nel divertente Totò diabolicus, (1962), di Steno. Piccole parti, certo, ma tutte colorate da un'ottima padronanza della scena.

Fu molto attivo anche in teatro, calcando i palcoscenici sin dai primi anni venti. Cambiò diverse compagnie, lavorando anche con i fratelli De Filippo.

Dopo qualche sporadica apparizione in televisione, morì a Napoli nel 1970.


Galleria fotografica

Foto: Archivi di Teatro, Napoli, Archivio Istituto Luce, lombardiabeniculturali.it


Filmografia

I grandi magazzini, regia di Mario Camerini (1939)
Accidenti alle tasse!!, regia di Mario Mattoli (1951)
Era lui, si, si!, regia di Girolami, Metz e Marchesi (1951)
Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1952)
Camicie rosse, regia di Goffredo Alessandrini (1952)
Attanasio cavallo vanesio, regia di Camillo Mastrocinque (1953)
Alvaro piuttosto corsaro, regia di Camillo Mastrocinque (1954)
Rascel-Fifì, regia di Guido Leoni (1957)
A sud niente di nuovo, regia di Giorgio Simonelli (1957)
Saranno uomini, regia di Silvio Siano (1957)
Totò, Peppino e le fanatiche, regia di Mario Mattoli (1958)
Totò a Parigi, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
Caporale di giornata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1958)
Il bacio del sole (Don Vesuvio), regia di Siro Marcellini (1958)
Cerasella, regia di Raffaello Matarazzo (1959)
La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
La duchessa di Santa Lucia, regia di Roberto Bianchi Montero (1959)
Un maledetto imbroglio, regia di Pietro Germi (1959)
Ferdinando I° re di Napoli, regia di Gianni Franciolini (1959)
Destinazione Sanremo, regia di Domenico Paolella (1959)
Risate di gioia, regia di Mario Monicelli (1960)
I piaceri dello scapolo, regia di Giulio Petroni (1960)
Noi duri, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
Il corazziere, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
Chi si ferma è perduto, regia di Sergio Corbucci (1960)
Totòtruffa 62, regia di Camillo Mastrocinque (1961)
Il federale, regia di Luciano Salce (1961)
Totò, Peppino e... la dolce vita, regia di Sergio Corbucci (1961)
L'oro di Roma, regia di Carlo Lizzani (1961)
Totò diabolicus, regia di Steno (1962)
Luce nella piazza, regia di Guy Green (1962)
Lo smemorato di Collegno, regia di Sergio Corbucci (1962)
Colpo gobbo all'italiana, regia di Lucio Fulci (1962)
Che fine ha fatto Totò Baby?, regia di Ottavio Alessi (1964)
I motorizzati, regia di Camillo Mastrocinque (1964)

Prosa televisiva Rai

Miseria e nobiltà dal Teatro Odeon di Milano, trasmessa il 30 dicembre 1955.
Quei figuri di tanti anni fa, trasmessa il 16 giugno 1956.
I morti non fanno paura, trasmessa il 16 giugno 1956.
La chiave di casa, trasmessa il 5 agosto 1956.
Jack l'infallibile, regia di Raffaele Meloni, trasmessa il 30 agosto 1963.

Varietà teatrali

C'era una volta il mondo, testi e regia di Michele Galdieri, con Totò, Elena Giusti, Isa Barzizza, Mario Castellani, Peppino De Martino, prima al Teatro Valle 21 dicembre 1947.