Pietro Carloni

(Taurisano, 28 ottobre 1896 – Roma, 3 agosto 1968) è stato un attore teatrale e cinematografico italiano.

Biografia

Nacque da una famiglia teatrale di origini pugliesi, molto numerosa e di modeste aspirazioni artistiche. Mentre recitava nella compagnia di Francesco Corbinci, ebbe la fortuna di conoscere quella che sarebbe stata la compagna della sua vita, l'apprezzata attrice Titina De Filippo, con la quale si unì in matrimonio nel 1922 e dalla quale ebbe l'unico figlio Augusto. Il loro fu un connubio anche artistico che li vide inseparabili sulle scene, lavorando con la compagnia "Cafiero-Fumo", con Nino Taranto, ma soprattutto con i fratelli di Titina, i grandi Eduardo e Peppino.

Carloni divenne così di fatto un attore napoletano di adozione. Quando Titina De Filippo si ammalò, Pietro continuò la sua attività con Eduardo e girò anche alcuni film con Totò. Non seppe però riprendersi dalla perdita della moglie, avvenuta il 26 dicembre del 1963, e cinque anni dopo morì anch'egli nella sua dimora romana, all'età di quasi 72 anni.


Galleria fotografica

Foto: Archivi di Teatro, Napoli


Filmografia

Assunta Spina, regia di Mario Mattoli (1948)
La macchina ammazzacattivi, regia di Roberto Rossellini (1948)
Napoli milionaria, regia di Eduardo De Filippo (1950)
Filumena Marturano, regia di Eduardo De Filippo (1951)
Guardie e ladri, regia di Steno, Mario Monicelli (1951)
Totò e i re di Roma, regia di Steno, Mario Monicelli (1951)
Cani e gatti, regia di Leonardo De Mitri (1952)
5 poveri in automobile, regia di Mario Mattoli (1952)
Martin Toccaferro, regia di Leonardo De Mitri (1952)
I morti non pagano le tasse, regia di Sergio Grieco (1952)
Non è vero ma ci credo, regia di Sergio Grieco (1952)
Dov'è la libertà?, regia di Roberto Rossellini (1953)
Piovuto dal cielo, regia di Leonardo De Mitri (1953)
Accadde al commissariato, regia di Giorgio Simonelli (1954)
Peccato che sia una canaglia, regia di Alessandro Blasetti (1954)
Da qui all'eredità, regia di Riccardo Freda (1955)
Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
I due compari, regia di Carlo Borghesio (1955)
Accadde al penitenziario, regia di Giorgio Bianchi (1955)
Susanna tutta panna, regia di Steno (1957)
Carmela è una bambola, regia di Gianni Puccini (1958)
Sogno di una notte di mezza sbornia , regia di Eduardo De Filippo
I 4 monaci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1962)
Lo smemorato di Collegno, regia di Sergio Corbucci (1962)
Totò e Cleopatra, regia di Fernando Cerchio (1963)
Totò contro i quattro, regia di Steno (1963)
Bianco, rosso, giallo, rosa, regia di Massimo Mida (1964)
Totò contro il pirata nero, regia di Fernando Cerchio (1964)
C'era una volta..., regia di Francesco Rosi (1967)

Prosa radiofonica RAI

Ventiquattrore di un uomo qualunque, di Ernesto Grassi, con Peppino De Filippo, Mario Siletti, Ercole Raneli, Luigi De Filippo, Pietro Carloni, Lidia Martora, regia di Peppino De Filippo, trasmessa il 3 ottobre 1955, nel secondo programma.
Le voci di dentro , di Eduardo De Filippo, con Titina De Filippo, Rosita Pisano, Piero Ragucci, Eduardo, Aldo Giuffré, Pietro Carloni, Carlo Pennetti, Vera Carmi, Antonio La Raina, Clara Crispo, Mario Frera, Giulia D'Aprile, Enzo Donzelli, Salvatore Costa, regia di Eduardo De Filippo, trasmessa giovedì 23 luglio 1959, nel Secondo Programma ore 21.
Natale in casa Cupiello , di Eduardo De Filippo, con Pupella Maggio, Eduardo, Pietro De Vico, Enzo Petito, Pietro Carloni, Enzo Cannavale, Clelia Matania, Antonio Casagrande, regia di Eduardo, trasmessa martedì 17 novembre 1959, nel programma nazionale.