Pietro Tordi

(Firenze, 12 luglio 1906 – Firenze, 14 dicembre 1990[1]) è stato un attore e insegnante italiano di teatro, cinema e televisione, impiegato spesso in ruoli da caratterista in film sia drammatici che comici. Sua caratteristica era la voce, particolarmente profonda, la dialettica, la raffinata e ricercata oratoria, la fluida e ricca parlantina.

Biografia

Di professione maestro elementare, Tordi ha interpretato nella sua lunga carriera cinematografica una novantina di film, a partire dagli anni trenta fino alla sua morte.

È ricordato soprattutto per i ruoli ricoperti in pellicole come Divorzio all'italiana (1962) nella parte dell'avvocato difensore del barone Cefalù, Straziami ma di baci saziami (1968) nella parte dello zio frate e in In nome del popolo italiano (1971) dove interpreta il professor Rivaroli.

Molto presente nella prosa radiofonica dagli anni trenta prima nell'EIAR, successivamente nella Rai e in televisione dall'inizio delle trasmissioni negli anni cinquanta, lavorò in commedie e sceneggiati, fra cui, nel 1962, Il caso Maurizius.

Filmografia

Il dottor Antonio, regia di Enrico Guazzoni (1937)
Don Cesare di Bazan, regia di Riccardo Freda (1942)
Pazzo d'amore, regia di Giacomo Gentilomo (1942)
Dagli Appennini alle Ande, regia di Flavio Calzavara (1943)
Il diavolo bianco, regia di Nunzio Malasomma (1947)
L'imperatore di Capri, regia di Luigi Comencini (1947)
Le mura di Malapaga, regia di René Clément (1949)
Il falco rosso, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1949)
Vogliamoci bene!, regia di Paolo William Tamburella (1949)
Capitan Demonio, regia di Carlo Borghesio (1949)
Non c'è pace tra gli ulivi, regia di Giuseppe De Santis (1950)
Il figlio di d'Artagnan, regia di Riccardo Freda (1950)
Strano appuntamento, regia di Dezső Ákos Hamza (1950)
Il monello della strada, regia di Carlo Borghesio (1950)
Figaro qua, Figaro là, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
Sambo, regia di Paolo William Tamburella (1950)
Achtung! Banditi!, regia di Carlo Lizzani (1951)
Il capitano di Venezia, regia di Gianni Puccini (1951)
Licenza premio, regia di Max Neufeld (1951)
Napoleone, regia di Carlo Borghesio (1951)
Messalina, regia di Carmine Gallone (1951)
Quo vadis?, regia di Mervyn LeRoy (1951)
O.K. Nerone, regia di Mario Soldati (1951)
Roma ore 11, regia di Giuseppe De Santis (1951)
I sette nani alla riscossa, regia di Paolo William Tamburella (1951)
La leggenda di Genoveffa, regia di Arthur Maria Rabenalt (1951)
Carne inquieta, regia di Carlo Musso, Silvestro Prestifilippo (1952)
Rivalità, regia di Giuliano Biagetti (1952)
Abracadabra, regia di Max Neufeld (1952)
Altri tempi - Zibaldone n. 1, regia di Alessandro Blasetti (1952)
La regina di Saba, regia di Pietro Francisci (1952)
Camicie rosse, regia di Goffredo Alessandrini (1952)
Il prezzo dell'onore, regia di Ferdinando Baldi (1952)
Ho scelto l'amore, regia di Mario Zampi (1952)
Inganno, regia di Guido Brignone (1952)
Il maestro di Don Giovanni, regia di Vittorio Vassarotti e Milton Krims (1952)
Ivan, il figlio del Diavolo Bianco, regia di Guido Brignone (1953)
Di qua, di là del Piave, regia di Guido Leoni (1953)
Giorni d'amore, regia di Giuseppe De Santis (1954)
Totò all'inferno, regia di Camillo Mastrocinque (1954)
Guai ai vinti, regia di Raffaello Matarazzo (1954)
Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1954)
Il cardinale Lambertini, regia di Giorgio Pàstina (1954)
La grande avventura, regia di Mario Pisu (1954)
Tre soldi nella fontana, regia di Jean Negulesco (1954)
Porta un bacione a Firenze, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
Adriana Lecouvreur, regia di Guido Salvini (1955)
I miliardari, regia di Guido Malatesta (1956)
Te sto aspettanno, regia di Armando Fizzarotti (1956)
I baccanali di Tiberio, regia di Giorgio Simonelli (1959)
Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
Un maledetto imbroglio, regia di Pietro Germi (1959)
Le ambiziose, regia di Antonio Amendola (1961)
Divorzio all'italiana, regia di Pietro Germi (1962)
Mare matto, regia di Renato Castellani (1963)
Ercole sfida Sansone, regia di Pietro Francisci (1963)
Angelica alla corte del re, regia di Bernard Borderie (1964)
Anthar l'invincibile, regia di Antonio Margheriti (1964)
La colt è la mia legge, regia di Alfonso Brescia (1965)
Gli amanti latini, regia di Mario Costa (1965)
Le stagioni del nostro amore, regia di Florestano Vancini (1966)
El rojo, regia di Leopoldo Savona (1966)
Arizona Colt, regia di Michele Lupo (1966)
Mondo pazzo... gente matta!, regia di Renato Polselli (1966)
Wanted, regia di Jackson Calvin Padget (1967)
Fai in fretta ad uccidermi... ho freddo!, regia di Citto Maselli (1967)
Straziami, ma di baci saziami, regia di Dino Risi (1968)
Corri uomo corri, regia di Sergio Sollima (1968)
Uno di più all'inferno, regia di Giovanni Fago (1968)
Tre croci per non morire, regia di Sergio Garrone (1968)
Italiani! È severamente proibito servirsi della toilette durante le fermate, regia di Vittorio Sindoni (1969)
Il merlo maschio, regia di Pasquale Festa Campanile (1971)
In nome del popolo italiano, regia di Dino Risi (1971)
Uccidi Django... uccidi per primo!!!, regia di Sergio Garrone (1971)
Il vero e il falso, regia di Eriprando Visconti (1972)
Tutti per uno botte per tutti, regia di Bruno Corbucci (1973)
Permettete signora che ami vostra figlia?, regia di Gian Luigi Polidoro (1974)
Lettomania, regia di Vincenzo Rigo (1976)
Puttana galera!, regia di Gianfranco Piccioli (1977)
Un borghese piccolo piccolo, regia di Mario Monicelli (1977)
Come perdere una moglie e trovare un'amante, regia di Pasquale Festa Campanile (1978)
Il furto della Gioconda, regia di Renato Castellani (1978)
Caro papà, regia di Dino Risi (1979)
Mani di velluto, regia di Castellano e Pipolo (1979)
Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)
Il petomane, regia di Pasquale Festa Campanile (1983)
Fotoromanzo, regia di Mariano Laurenti (1986)
Stradivari, regia di Giacomo Battiato (1986)
Momo, regia di Johannes Schaaf (1986)

Radio

Re operaio, di Renzo Pezzani, regia di Guglielmo Morandi, trasmesso il 10 gennaio 1943 su EIAR.