Casa de Curtis: il personale di servizio

Casa Toto Personale 

Una seccatura da schivare per Totò, erano i licenziamenti del personale zoppicante a cui magari aveva fatto una cazziata e non era più disposto a tollerarselo davanti. Il compito veniva delegato a Edoardo Clemente (suo cugino e segretario personale, n.d.r.), con l'ordine che se ne liberasse subito, pagando tutto quello che volevano e anche più, purché facessero fagotto all’istante, perché altrimenti "quando quelli sanno che debbono andarsene e gli fai fare i quindici giorni in casa sono capaci di sputarti nel piatto, per sfregio." E per evitare di essere coinvolto in qualche tiritera verbale, se il licenziamento per un’infrazione grave avveniva la sera era capace di andarsene a dormire in albergo.


Riferimenti e bibliografie:

  • "Totò, l'uomo e la maschera" (Franca Faldini - Goffredo Fofi) - Feltrinelli, 1977