IL DRAMMA DI DON CICCIO CACCAVALLE

Il dramma di Don Ciccio Caccavale

'O terzo piano, int' 'o palazzo mio,
a pporta a mme sta 'e casa na famiglia,
ggente per bene timorata 'e Ddio:
marito, moglie, 'o nonno e quatto figlie.

'O capo 'e casa, 'On Ciccio Caccavalle,
tene na putechella int' 'o Cavone,
venne aucielle, scigne e pappavalle,
ma sta sempe arretrato c' 'opesone.

'E chisti tiempe 'a scigna chi s' 'a compra?!
Venne ogni morte 'e papa n'auciello;
o pappavallo è addiventato n'ombra,
nun parla cchiù p' 'a famma, 'o puveriello!

'A moglie 'e Caccavalle, Donn'Aminta,
è una signora con le mani d'oro:
mantene chella casa linda e pinta
ca si 'a vedite è overo nu splendore.

'O nonno, sittant'anne, malandato,
sta segregato dint'a nu stanzino.
'O pover'ommo sta sempe malato,
tene 'e dulure, affanno e nun cammina.

E che bbuò fà! Nce vonno 'e mmedicine,
a fella 'e carne, 'o ppoco 'e muzzarella
Magnanno nce 'o vuò dà 'o bicchiere 'e vino
e nu tuscano pe na fumatella?

'A figlia, Donn'Aminta, notte e ghiuorno
fa l'assistenza al caro genitore;
trascura 'e figlie e nun se mette scuorno,
e Don Ciccillo sta cu ll'uocchie 'a fora.

Don Ciccio Caccavalle, quanno è 'a sera
ca se ritira, sta sempe ammurbato
pe vvia d' 'o nonno ('o pate d' 'a mugliera),
e fa: "Che ddiece 'e guaio ch'aggio passato."

Fra medicine, miedece e salasse
'o pover'ommo adda purtà sta croce.
Gli affari vanno male, non s'incassa,
e 'o viecchio nun è carne ca lle coce.

E chesto è overo 'On Ciccio sta nguaiato!
Porta sul'issso 'o piso 'ncoppa 'e spalle;
'o viecchio nun'è manco penzionato
e s'è appuiato 'ncuollo a Caccavalle.

'O viecchio no nun vò senti raggione.
Pretenne 'a fella 'e carne, 'a muzzarella
'A sera po', chello ca cchiù indispone:
"Ciccì, mme l'he purtata 'a sfugliatella?"

Don Ciccio vò convincere 'a mugliera,
ca pure essendo 'a figlia, ragiunasse:
"'O vicchiariello soffre 'e sta manera
è meglio ca 'o Signore s' 'o chiammasse!"

E infatti Caccavalle, ch'è credente,
a San Gennaro nuosto ha fatt' 'o vuto:
"Gennà, si 'o faje murì te porto argiento!
'Sta grazia me l'he fà faccia 'ngialluta!"

Ma Caccavalle tene n'attenuante,
se vede ca nun naviga int' a ll'oro
Invece io saccio 'e ggente benestante
che tene tant' 'e pile 'ncopp' 'o core!