'NGIULINA

Angiolina

Chisto è 'o ritratto e chiste so' 'e capille:
na ciocca 'e seta nera avvellutata.
E cheste songo 'e llettere: cchiù 'e mille;
lettere 'e 'na guagliona 'nnammurata.
'Ngiulina se chiammava 'sta figliola,
ch'è stata 'a primma nnammurata mia.
Trent'anne so' passate... Mamma mia!

'A tengo 'nnanze a ll'uocchie, pare aiere:
vocca 'e curallo, 'na faccella 'e cera,
'nu paro d'uocchie verde, 'e cciglie nere,
senza russetto, semplice e sincera.

Teneva sidece anne e io diciotto.
Faceva 'a sartulella a 'o Chiatamone.
Scenneva d' 'a fatica 'mpunto ll'otto,
e mm'aspettava a me sotto 'o purtone.

Senza parlà, subbeto sotto 'o vraccio
'nce pigliavemo e ghievemo a ffa' 'ammore.
Vicino 'a casa soia, 'ncoppa Brancaccio,
parole doce e zucchero int' 'o core.

Mettennoce appuiate 'nfaccia 'o muro,
a musso a mmusso, tutt' e dduie abbracciate:
dint' 'a penombra 'e n' angulillo oscuro,
quanta suspire e vvase appassiunate!

'A tengo 'nnanze a ll'uocchie, pare aiere:
vocca 'e curallo, na faccella 'e cera;
'nu paro d'uocchie verde, 'e cciglie nere,
senza russetto... semplice e sincera.



Non sapevo nulla di lei, nemmeno il nome, eppure l’avevo riconosciuta subito: era l’ispiratrice ideale per il primo amore di un ragazzo. Da allora, ogni sera alle otto, tornai davanti a quel laboratorio, per guardarla passare. Una volta, infine, Angelina uscì con la fidanzata del mio amico. Quando ci presentarono, avrei voluto ‘impressionarla’ con un tono sicuro e una frase galante, ma riuscii a mormorare soltanto poche parole confuse. Credevo di averla delusa: invece, la conquistai proprio con la mia timidezza.

Antonio de Curtis, 1959


Riferimenti e bibliografie:

  • "Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017