Print Friendly, PDF & Email

STAMME A SENTÌ

Antonio de Curtis, Falcomatà
Stammi a sentire

C'aggia fà si 'o core mio vò bbene a te.
C'aggia dì si 'o core tuio me fa suffrì.
Chist'ammore me struie, m'accide
e tu saie pecchè, sto luntano 'a te.

Penzo sempe a te, dormo e sonno a te,
c'aggia fà, facimmo pace siente a mme,
c'aggia dì, si mo me faie murì.
N'ata vota int' 'e braccia te voglio abbracciata cu' me.

C'aggia fà, c'aggia dì, io voglio a te.
Vaco parlanno sulo c' 'o fele dint' 'o core
e penzo che st'ammore
nun pò fernì accussì.

Mo è già passato n'anno che stammo appiccicato,
maie pace aggiu truvato perciò stamme a sentì.
C'aggia fà, si 'o core mio vò bbene a te,
c'aggia dì, si 'o core tuio me fa suffrì.

Chist'ammore me struie, m'accide e tu saie pecchè,
sto luntano 'a te, penzo sempe a te,
dormo e sonno a te.

C'aggia fà, facimmo pace siente a mme.
C'aggia dì, si mo me faie murì.
N'ata vota int' 'e braccia te voglio abbracciata cu me.

C'aggia fà, c'aggia dì, io voglio a te.