Totò e... Sergio Corbucci

A Totò devo molto

Il regista Sergio Corbucci, con il quale Totò ha girato ben sette film, al pari di Alfred Hitchcock, amava comparire in brevi sequenze dei lavori da lui diretti. Qui lo ritroviamo, ad esempio, in "Totò, Peppino e la dolce vita" e ne "Gli onorevoli".


A Totò devo molto, lo considero un grande insegnamento, una grande chance della mia vita professionale. Quando dovevo fare Chi si ferma è perduto, il primo film che girai con lui, ero molto giovane. Totò diffidava dei giovani, delle persone che non conosceva, e solo perché la figlia, che era mia amica, gli disse che ero molto simpatico, accettò di incontrarmi e poi di fare il film con me.
Quando Mastrocinque, per disaccordi con il produttore, lasciò il set di Totò, Pepppino e la dolce vita, si ricordò di me e, credendomi (poiché allora frequentavo molto via Veneto) un esperto di "dolce vita", mi chiamò per finire il film. Stavo facendo un'altra cosa, fui preso e portato sul set, che era poi quello del film di Fellini, con la strada ricostruita in teatro e tutto il resto. Cominciai a girare subito senza pormi troppi problemi, perché bisognava fare presto. La sceneggiatura si buttava giù la mattina prima di incominciare le riprese, oppure alla sera dopo l'una di notte.
Si andava a casa di Totò a leggergli le scenegggiature. Dopo cena guardava la televisione, chiacchierava, riceveva gli amici, prima delle quattro, delle cinque di mattina non si addormentava: avendo fatto teatro tutta la vita non riusciva a dormire prima, aveva l'insonnia. Si dedicava dall'una di notte fino alle tre, tre e mezza alla lettura delle scenegggiature. I registi, gli autori, rimbambiti completamente perché avevano sulle spalle un giorno di lavoro, stavano lì a leggere le sceneggiature. Erano scene lugubri, mentre gli altri erano quasi addormentati. Totò ascoltava come una civetta sorniona, pronto a scattare, gli bastava una situazione, una battuta, uno spunto parodistico. Ma spesso queste sceneggiature, lette stralunatamente di notte, alla mattina non anndavano più bene.
Quando alle due si cominciava a girare con Totò, prima si rileggeva la scenegggiatura e magari si decideva che era un disastro e bisognava rifare tutto da capo. Si utilizzava qualche elemento già predisposto, una situazione, un motivo, e s'improvvvisava una scenetta. Le cose migliori sono sempre nate così, proprio dall'improvviisazione di Totò e Taranto, di Totò e Peppino De Filippo, che avevano nel sangue questa improvvisazione da commedia dell'arte.

Sergio Corbucci


 Immagini sul set di alcuni film di Totò



La recitazione di Totò era molto spontanea, l’improvvisazione vi aveva una grande parte. Per dare il meglio, Totò aveva bisogno di un compagno con cui l’accordo fosse immediato, e che spesso lo seguiva di film in film. Ne I due marescialli, ad esempio, Totò recitava per la seconda volta con Vittorio De Sica. Al suo fianco quasi si esaltava, dimostrava il classico piacere del comico che sa di recitare capito e lo fa in modo eccezionale. Le sue doti naturali di improvvisazione, le sue straordinarie doti di comico, venivano messe in enorme risalto. Credo che questo avvenisse, in quel film, principalmente per la presenza di un partner molto importante. Totò diceva sempre: “Io posso far ridere, ma se ho vicino a me uno che fa ridere più di me, anch’io faccio ridere di più." Con De Sica ritrovava una verve nuova, e il senso di divertire un artista che oltre che essere un vecchio collega, un compagno napoletano, era nello stesso tempo un grande regista. Da parte sua c’era un certo gusto a far risaltare la sua bravura, una certa eccitazione nel recitare, far ridere, tirar fuori tutti i suoi lazzi e le sue fantastiche trovate, che rendevano difficile perfino al regista assistere alla scena senza ridere.

Un altro caso di compagno all’altezza di Totò era quello di Peppino De Filippo. Io ho diretto sei film di Totò; tre erano anche con Peppino De Filippo: Totò, Peppino e la dolce vita, Chi si ferma è perduto, Gli onorevoli. Totò e Peppino sono comparsi in una dozzina di film insieme, in una dozzina di anni. Totò aveva sempre bisogno di pubblico, di far ridere i presenti secondo quella che era la regola del teatro. Una delle caratteristiche dei film che ho fatto con Totò e Peppino era la difficoltà della prova. Durante la prova la scena diventava sempre penosa, e per il regista tristissima. Uno si sentiva come un deficiente, e si diceva: ecco, questi non faranno ridere nessuno. La prima volta che li ebbi di fronte — e non ero un principiante — li feci provare una scena. Io mi sentivo molto a disagio a dover dirigere due mostri del genere. Mi guardavano sornioni come due gattoni, consideravano ironicamente il giovane regista di fronte a loro che tentava di ottenere qualche cosa in fatto di comicità, e provarono del tutto meccanicamente. Tanto che dovetti rivolgermi al Principe (Totò bisognava chiamarlo Principe per andarci d’accordo) per solleticare un po’ più di slancio... Ma ero disperato. Poi, quando girammo sul serio, ricordo che si trattò di una scena spaventosa, spaventosa perché vedevo l’operatore sussultare dalle risa dietro la macchina, vedevo gli elettricisti, gli operai e i macchinisti sghignazzare sui ponti. Era comicità allo stato puro, la comicità del teatro dell’arte, irripetibile.

La sceneggiatura era per Totò un filo d’acciaio teso tra due punti, l’inizio e la fine del film, ma il resto subiva mille cambiamenti.

Le sceneggiature Totò le considerava nella maniera più terribile che si possa immaginare. E per noi, o meglio per chi ha lavorato con Totò, la difficoltà maggiore era la lettura della sceneggiatura o del soggetto. La difficoltà consisteva nel leggere a Totò le sceneggiature, perché Totò negli ultimi anni non leggeva più per ragioni di vista. Allora gli si dovevano leggere le sceneggiature, e quasi sempre questo avveniva ad ore impossibili, dalle tre alle quattro di mattina, perché Totò prima di quell’ora diceva di non capire bene. Era abituato a leggere i copioni dopo le due di notte, da vecchio attore di teatro che aveva i momenti di maggiore lucidità in quelle ore. Si trattava dunque, per il regista e lo sceneggiatore, di andare a trovare Totò alle tre di notte in quella specie di santuario che si era costruito. Ci si trovava davanti questa specie di gufone simpatico vestito di velluto rosso, che t’aspettava dicendosi "chissà che stupidaggini mi faranno ascoltare” e poi leggergli la sceneggiatura cercando di imitare la sua voce, in modo naturalmente maldestro, e Totò non rideva mai. Qualche volta soltanto faceva quel suo “uh, uh,” e allora voleva dire che avevamo fatto centro. Io credo di essere stato, a quanto so, uno dei pochi registi che riusciva a tanto. Ovviamente poi la sceneggiatura in teatro di posa cambiava completamente. Una volta siamo arrivati non solo a cambiare di sesso al personaggio, ossia Totò diventò una donna, ma la storia stessa diventò completamente diversa, cambiò epoca, cambiò tutto, fu un altro film. Mancava solo che cambiasse anche il regista!

Sergio Corbucci


VIDEO GALLERY


Le opere


Riferimenti e bibliografie:

"Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983


Video estratti dalle serie televisive prodotte dalla RAI "Il Pianeta Totò", ideata e condotta da Giancarlo Governi, trasmessa in tre edizioni diverse - riviste e corrette - a partire dal 1988 e "Totò un altro pianeta" speciale in 15 puntate trasmesso nel 1993 su Rai Uno e curato da Giancarlo Governi.


"Totò, l'uomo e la maschera" (Franca Faldini - Goffredo Fori) - Feltrinelli, 1977

Il sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy di tototruffa2002.it