I fratelli De Filippo

1941-I-De-Filippo

1941-Tempo-De-Filippo


Quando Eduardo e Peppino de Filippo recitano a Napoli sono insolitamente innervositi, li diresti turbati come debuttanti; il pubblico napoletano, che pure affluisce numerosissimo al loro richiamo, li mette in uno stato di vero orgasmo.


1941 Tempo De Filippo f4


1941 Tempo De Filippo f0

1941 Tempo De Filippo f3

Non mi sono reso conto mai con chiarezza di questo strano fatto; pure, a ripensarci. ho cercato di spiegarmi la cosa paragonando il loro imbarazzo a quello che coglie in pittore, per esempio, al cospetto di un paesaggio dipinto con passione ma che rende un particolare stato d'animo e non, mai, la totalità di un complesso amore.

Infatti la piccola borghesia napoletana, che è il loro iniziale modello, si reca ad ascoltare i de Filippo come colui che si guarda allo specchio in un abito nuovo: si vorrebbe voler bene, vorrebbe vedersi più simpatico ed affascinante invece il vestito nuovo lo rende goffo, lo ridicolizza crudelmente, rivela le spalle strette e cadenti, la dilatazione allo stomaco e, insomma lo disillude amaramente sulla propria bellezza.

1941 Tempo De Filippo f1

I de Filippo hanno puntato il loro spietato cannocchiale proprio nel cuore della piccola borghesia e la scoperta continua della malinconia, della limitatezza e della civetteria di questa classe ha formato il nucleo essenziale del loro teatro.

Cominciarono con l'adattare alla propria curiosità espressiva vecchi schemi da San Carlino prima e scarpettiani poi; ma i personaggi ci stavano dentro con pena poiché mentre Scarpetta commentava bonariamente e senza malizia la vita della borghesia ottocentesca sicura e felice e alla quale lo Scarpetta stesso credeva, i de Filippo la investono con crudezza ironica. dolorosa ma senza bontà. Così superarono Scarpetta e Perito e scopersero prima Viviani e il suo teatro denso di morale e di programmi popolari, in seguito Charlot e la comicità stupefatta degli americani e, finalmente, i de Filippo.

1941 Tempo De Filippo f2

Questa scoperta costò loro molta fatica. Io ricordo Eduardo de Filippo fermo all'angolo di piazza S. Ferdinando a Napoli, assistere apparentemente innocente, alla sfilata interminabile di questa strana popolazione; osservarne attentamente i gesti e le parole più casuali, più semplici e, dopo essere stato in osservazione ore intere, tornarsene a casa a braccetto di qualche amico e rifare, quasi come a ripassarsi una lezione da mandare a me moria, i gesti e le parole e, soprattutto, il suono di esse, la cadenza musicale, la loro intima espressività psicologica.

Nel camerino, prima d'andare in iscena o durante gli intervalli, con gli amici che vanno a salutarli. Peppino ed Eduardo continuano a parlare delle cose della loro giornata con la stessa voce dei personaggi delle loro commedie. E se tu fai notare la cosa essi si meravigliano che tu non faccia altrettanto e si chiudono in profondissima malinconia come se li avessi offesi e non parlano più: ritoccano il trucco, si guardano allo specchio intensamente e sospirano inesplicabili.

Credono, e molti credono con essi, che questo teatro abbia una morale: niente di più falso: le loro commedie sono pretesti perchè risalti e venga svolto un giuoco senza forma, senza regola. Le cose più belle dei de Filippo sono quelle che non hanno nè inizio nè fine; il velario si apre su una realtà preesistente e si chiude su una realtà che continua.

In ciò risiede la loro più grande originalità. Ho sempre pensato che potrebbero abolire le scene e tutti i pretesti per chiudere in quadri le parole; potrebbero parlare da fermi in iscena poiché l'unica necessità è il suono dei loro discorsi.

Ricordate la loro abitudine, recitando, di ripetere una frasi più volte sempre cambiando tono? Ripeterla fino a deformarla, a renderla incomprensibile quasi come un balbettio bestiale come capita a chi parli dormendo?

Alle volte vien fuori qualche cosa alla Joice ed è questa la loro scoperta. In palcoscenico Eduardo ama recitare seduto e, spessissimo con le spalle verso il pubblico godendo intimamente delle strane parole pronunciate con lentezza gustandone a una a una le sillabe, le pause i suoni indipendentemente da ogni preoccupazione contenutistica.

Dopo lo spettacolo tornano a casa silenziosi e malinconici, evitano di parlarsi e ruminano strani progetti vendicativi contro quelli che sono rimasti affascinati da questa pazzia intuitiva co me i serpenti dalla musica del fachiro

Ogni sera si amareggiano i de Filippo è una vita d'inferno la loro.

P. R., «Tempo», anno V, n.107, 12-19 giugno 1941


Tempo  P. R., «Tempo», anno V, n.107, 12-19 giugno 1941