Crisa Erno (Crisà Erno)

Erno Crisa bio

Erno Crisa, pseudonimo di Ernesto Crisà (Biserta, 10 marzo 1914 – Roma, 4 aprile 1968), è stato un attore italiano.

Biografia

Nacque nel 1914 a Biserta, in Tunisia, da una famiglia di emigrati siciliani. Affascinato dal mondo dello spettacolo, dopo essere emigrato in Francia seguì i corsi di balletto e coreografia moderna e classica, della Preobajenska, riuscendo successivamente a lavorare in alcuni spettacoli teatrali parigini.

Nel cinema francese esordisce accanto a Fernandel nel 1945 nel film “90… la paura”. Viene chiamato in Italia da Wanda Osiris, come solista del balletto nella rivista di Garinei e Giovannini, ”Al Grand Hotel”, nella stagione 1948-1949. Il regista Luigi Zampa lo dirige nel film “Cuori senza frontiere” al fianco di Raf Vallone e di una giovane Gina Lollobrigida, e Crisa inizia a recitare in una lunga serie di pellicole che terminerà alla fine degli anni ’60.

La sua versatilità per danza, teatro e cinema lo rende artista completo e unico; la sua espressione visiva lo fa spesso preferire per i ruoli di “cattivo”, che lo caratterizzeranno fino al ciclo degli “Western all’italiana”. Gli anni ’50 e 60′ sono ricchi di partecipazioni a film apprezzati dal pubblico e dalla critica, condotti da registi del calibro di De Sica, Germi, Zampa e De Filippo, con celebri attori come Delon, Mastroianni, Vallone, Fernandel, Rascel, Gemma, Girotti, Franchi e Lupo e con splendide “prime donne” come la Mangano, la Lisi, la Lollobrigida, Delia Scala, la Mercier, la Spina ecc.

Morì improvvisamente a Roma, a cinquantaquattro anni, nel 1968. È sepolto nel cimitero di Casalpusterlengo, presso Lodi, accanto alla moglie Giuseppina Ferri.


Tributo ad Erno Crisa, un grande attore morto troppo presto.

Filmografia

90... la paura (Le mystère Saint-Val), regia di René Le Hénaff (1945)
Cuori senza frontiere, regia di Luigi Zampa (1950)
I falsari, regia di Franco Rossi (1951)
Messalina, regia di Carmine Gallone (1951)
L'ultima sentenza, regia di Mario Bonnard (1951)
La colpa di una madre, regia di Carlo Duse (1952)
Papà ti ricordo, regia di Mario Volpe (1952)
Gli eroi della domenica, regia di Mario Camerini (1952)
Canzoni di mezzo secolo, regia di Domenico Paolella (1952)
Gelosia, regia di Pietro Germi (1953)
Canzoni, canzoni, canzoni, regia di Domenico Paolella (1953)
Violenza sul lago, regia di Leonardo Cortese (1954)
La figlia di Mata Hari, regia di Renzo Merusi (1954)
Di qua, di là del Piave, regia di Guido Leoni (1954)
L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
Amore e fango - Palude tragica (Cañas y barro), regia di Juan de Orduña (1954)
Questi fantasmi, regia di Eduardo De Filippo (1954)
Il grande seduttore (Don Juan), regia di John Berry (1955)
L'amante di Lady Chatterley (L'Amant de Lady Chatterley), regia di Marc Allégret (1955)
La tierra del fuego se apaga, regia di Alfred Rode (1955)
La fille de Feu, regia di Alfred Rode (1958)
Due selvaggi a corte, regia di Ferdinando Baldi (1958)
Cartagine in fiamme, regia di Carmine Gallone (1959)
Caterina Sforza, la leonessa di Romagna, regia di Giorgio Walter Chili (1959)
L'arciere nero, regia di Piero Pierotti (1959)
I mafiosi, regia di Roberto Mauri (1959)
I cosacchi, regia di Giorgio Rivalta e Viktor Turžanskij (1960)
Delitto in pieno sole, regia di René Clément (1960)
Il sepolcro dei re, regia di Fernando Cerchio (1960)
Le baccanti, regia di Giorgio Ferroni (1961)
Maciste contro lo sceicco, regia di Domenico Paolella (1961)
Maciste il gladiatore più forte del mondo, regia di Michele Lupo (1962)
Giulio Cesare contro i pirati, regia di Sergio Grieco (1962)
Taras Bulba il cosacco, regia di Ferdinando Baldi (1962)
Lasciapassare per il morto, regia di Mario Gariazzo (1962)
Le due leggi, regia di Edoardo Mulargia (1962)
Maciste l'eroe più grande del mondo, regia di Michele Lupo (1963)
Carosello di notte, regia di Elio Belletti (1963)
Brenno il nemico di Roma, regia di Giacomo Gentilomo (1963)
Erik il vichingo, regia di Mario Caiano (1965)
Sette contro tutti, regia di Michele Lupo (1965)
Operazione 3 gatti gialli, regia di Gianfranco Parolini (1966)
Angelica e il gran sultano (Angélique et le Sultan), regia di Bernard Borderie (1967)
Pecos è qui: prega e muori, regia di Maurizio Lucidi (1967)
Sugar Colt, regia di Franco Giraldi (1967)

Doppiatori

Nando Gazzolo in L'arciere nero, Delitto in pieno sole, Maciste il gladiatore più forte del mondo
Emilio Cigoli in Maciste l'eroe più grande del mondo, Sette contro tutti
Riccardo Cucciolla in Brenno il nemico di Roma, Erik il vichingo
Mario Pisu in Gelosia, La figlia di Mata Hari
Pino Colizzi in Cartagine in fiamme
Gualtiero De Angelis in Cuori senza frontiere
Pino Locchi in I cosacchi
Giorgio Piazza in Pecos è qui: prega e muori!
Massimo Foschi in Sugar Colt
Giulio Panicali in L'oro di Napoli
Mario Bardella in Le due leggi

Prosa televisiva Rai
L'isola del tesoro di Robert Louis Stevenson, regia di Anton Giulio Majano, sceneggiato (1959)
Il quarto giorno di primavera, regia di Antonio Racioppi, trasmessa il 6 dicembre 1962.
La cittadella di Archibald Joseph Cronin, regia di Anton Giulio Majano, sceneggiato (1964)
Scaramouche, regia di Daniele D'Anza sceneggiato (1965)

Teatro di rivista

Al Grand Hotel, di Garinei e Giovannini, stagione 1948/1949.

Bibliografia

Gli attori, Gremese editore Roma 2002.
Il Radiocorriere, annate varie.


Riferimenti e bibliografie:

  • Video tratto da Youtube