Gli articoli d'epoca

Raccolta di trascrizioni di articoli, per una migliore consultazione, provenienti da archivi nazionali e internazionali, raccolte personali, biblioteche pubbliche e private, archivi digitali e cartacei. La sezione è in continuo sviluppo con periodico e costante ampliamento, ciò per aiutare a comprendere meglio l'arte di Totò e la vita di Antonio de Curtis, l'uomo e la maschera.

Dal 1920 al 1929

Tragedia fra amanti in un albergo

La Castagnola, urlando dallo spavento, si precipitò giù per le scale. I medici giudicarono la ferita molto grave, essendo il proiettile penetrato in cavità...
«Corriere della Sera», 14 ottobre 1920

«Il Paradiso delle donne» alla Sala Umberto

Sull'arte poi del suo compagno, dell’irresistibile Totò è inutile dilungarsi, poiché basta a caratterizzarla quel suo volto cosi mobile e cosi espressivo...
«L'Impero», 26 gennaio 1928

Chi è Totò?

Quali sono i mezzi di cui questo singolare artista si serve per suscitare il riso?
U.M.B., «Il Piccolo», 1 febbraio 1928

«Mille e una donna» alla Sala Umberto

Se ieri sera gli applausi sono stati sinceri e calorosi lo si deve unicamente alla simpatica e nuova comicità di Totò e al brio biricchino di Isa Bluette.
«L'Impero», 12 febbraio 1928

Attor comico? Si

E della rivista, Totò, oggi, a detta dei più è l’attore principe, il comico più adatto.
Anonimo, «Il Piccolo», Roma, 6 ottobre 1928

Dal 1930 al 1939

Avete visto Totò?

Se lo vedete muovere come un giocattolo meccanico, voi ridete. Se lo sentite cantare, un po’ stonato e mezzo afono, voi ridete. Se ascoltate le sue...
Antonio Barretta, «La Stampa», 27 novembre 1933

«Fermo con le mani!» Erzsi Paal intervista Totò

Un'intervista con Totò non è la cosa più facile di questo mondo: Totò ha una mimica che è assai più espressiva di ogni lingua parlata...
«Cinema Illustrazione», anno XII, n. 5, 3 febbraio 1937

«Fermo con le mani!» l'esordio

Un film interpretato da Totò non può essere che un film di Totò sia pieno dal primo all'ultimo fotogramma. Questo è infatti il caso di «Fermo con le mani!»...
«Cinemundus», anno V, n.7, 20 febbraio 1937

Volti nuovi per il cinema italiano: Totò

A ridere non si riesce quasi più; andatelo a vedere, saranno, ve ne do la mia parola, due ore tra le meglio spese...
Adolfo Franci, «Cinema Illustrazione», anno XIV, n.14, 5 aprile 1939

Nuovi film: «Animali pazzi»

Con gli odierni 'Ammali pazzi', di Achille Campanile, riconferma la sua impossibilità di essere attore, di far vivere cioè un personaggio senza cadere...
Ennio Flaiano, «Oggi», anno I, n.13, 26 agosto 1939

Totò, il nemico dei riflettori

Ci ricevette sotto una luce fioca dietro le quinte del teatro, contornato da una folla di belle ragazze e si spenzolò da dietro un tavolino salutandoci mentre..
«Giuseppe Isani, «Cinema», anno IV, n.82, 25 novembre 1939

Dal 1940 al 1949

Varietà: Totò al «Valle»

Totò è tornato al Valle, dopo un lungo e trionfale periodo di permanenza in A. O. I., con la Compagnia rinverdita di nuovi elementi, presentando una rivista...
Nino Capriati, «Film», anno III, n.19, 11 maggio 1940

Totò e sua figlia

La figlia di Totò si chiama Liliana, ha sette anni. Non farà l'attrice, dice Totò con fermezza. Ma questa bambina ha la forza innocente della natura...
C. D'Antoni, «Film», anno III, n.43, 26 ottobre 1940

Totò calzolaio in «San Giovanni decollato»

Favorito da un viso asimmetrico, dove sembrano giocare le linee di antiche maschere greche, Totò, alle volte, buttato sul palcoscenico, pare tirato fuori...
G.P., «Tempo», anno IV, n.77, 14 novembre 1940

La comicità di Totò

Fino a qualche mese fa non avevamo neppure una minima idea di quali potessero essere le possibilità cinematografiche di Totò. In meno di mezz'ora...
Silvano Castellani, «Film», anno III, n.47, 23 novembre 1940

Giornate a Cinecittà: Totò fantasma

Avamo incontrato il marchese Antonio De Curtis due mesi fa, a pochi giorni dall'inizio di S. Giovanni decollato. Allora avevamo parlato con lui del film che...
U. De Franciscis, «Film», anno III, n.50, 14 dicembre 1940

Totò in «San Giovanni decollato»

Totò sa ancora troppo di rivista per assumersi un sì oneroso impegno. Anche nel «San Giovanni» egli fa poggiare tutta la sua comicità in quelle grottesche...
Osvaldo Scaccia, «Film», anno IV, n.3, 18 gennaio 1941

Totò, ovvero Pulcinella

Che cosa ha da dire, Totò sullo schermo? Come tutti i partenopei, il nostro attore ha il gesto roteante e la maschera mobilissima, in più, ha il collo che...
Tabarrino, «Film», anno IV, n.6, 8 febbraio 1941

Totò, l'«Allegro fantasma»

Di queste commedie e di questi film ne abbiamo visti molti, troppi magari; commedie e film generalmente intonati ad una moralità veristica e piccolo-borghese...
Gino Visentini, anno III, n.42, «Oggi», 18 ottobre 1941

Arte antica di Totò

Chi l’abbia visto nel suo numero del gagà, ad esempio, sa benissimo che senso di freddo e malinconico sgomento spiri da quella piccola figura in giacca bianca..
Aldo Paladini «Tempo», 27 novembre 1941

Totò in «Volumineide»

Ormai si sa che il ricettario di tali spettacoli, quando ci mette le mani un esperto dall'arguzia pronta e dal piglio sicuro come Galdieri...
Marco Ramperti, 1942

Ehi, della Gonda, quale novità?

...dove il titolo c'entra solo fino a un certo punto con Totò e De Filippo...
Mercutio (Vincenzo Talarico) «Star», 16 giugno 1945

L'assalto alla linea Totò e Wanda Osiris alla riscossa

Coraggio, Totò. Si metta davanti allo specchio e arzigogoli qualcosa di nuovo. Non le sembra eccessivo che intere generazioni debbano essere condannate...
Diego Calcagno, «Quarta Parete», anno II, n.12, 10 gennaio 1946

La resa di Totò

Chi sa perché, l'altra sera, riascoltando Totò, ci veniva in mente l'aneddoto di Demostene. A pensarci bene un'analogia vera e propria non v’è tra i due...
Mercutio (Vincenzo Talarico), «Star», anno III, n.2, 12 gennaio 1946

Ecco Totò, Altezza Imperiale

Come tutte le questioni genealogiche anche questa vicenda, che ha portato il lustro di un titolo imperiale ad un artista di varietà, è piuttosto intricata...
Corrado Pallembero, «Espresso», Roma, 26 gennaio 1946

Le «Sette» di Totò

E sono situazioni nuove, colori nuovi, accenti nuovi che fanno ben gustare la soffice, leggera, schiumosa torta che ha il nuovo nome di Eravamo sette sorelle...
Carlo Maria Petrucci, «7Sette», anno II, n.5, 3 febbraio 1946

Tutti bravi, se ci fanno ridere

Macario, Taranto, Totò, sono i tre buffi che entusiasmano i frequentatori della rivista. Quando parlo di entusiasmo, non affermo nè di più nè di meno...
X., «Corriere della Sera», 15 marzo 1947

La rivista di Totò al Teatro Nuovo

Totò è stato studiato con la lente da Zavattini. La sua è, all’inizio, una comicità da invertebrato; la sua prima immagine è un metro snodato, di quelli...
O. V. (Orio Vergani), «Corriere della Sera», 23 gennaio 1948

Le Vocazioni di Totò

Da ragazzo voleva farsi prete e studiò in seminario; più tardi divise la sua vita fra due grandi vocazioni: quella di fare il principe e quella di fare Totò
Vittorio Bonicelli, «Tempo», 14 febbraio 1948

Pioggia di croci e commende sulla democrazia

Don Marziano II risponde al Principe Don Antonio de Curtis dei Griffi Focas — in arte «Totò» — che rivendica per sé, a seguito della surricordata morte del...
Giorgio Visconti, «Tribuna Illustrata», 16 maggio 1948

Dal 1950 al 1959

L'impero di Totò nacque a Ponte Milvio

Se Totò avesse portato a Londra la sua rivista, il comico napoletano sarebbe stato ricevuto alla stazione Victoria dal rappresentante del Re d'Inghilterra...
«Settimana Incom Illustrata», 7 gennaio 1950

Totò impugnerà la spada di Don Chisciotte

Non sono il primo a pensare che si possa costruire con Totò, un personaggio di una certa consistenza poetica. Ma forse, altre volte, è mancato il soggetto...
Carlo Lizzani, «L'Unità», 19 febbraio 1950

Maschera di Totò

Il segreto della comicità di Totò risiede innanzitutto dentro Totò: non può essere e non è mai altrimenti. Ma quella nativa comicità, trasmessa dal di dentro...
Spicc. «Reggio Democratica» , 21 maggio 1950

Firmamento Totò

Passato dal varietà al teatro di rivista, Totò ha innovato il tradizionale genere comico portandomi gli elementi di pura fantasia...
«Cinesport», 24 maggio 1950

Totò si prepara a morire

Uno degli amici che è sempre per casa, Don Pasqualino, è fatto mettere a giacere sul grande letto che è al centro della stanza e truccato da morto...
«Settimana Incom Illustrata», anno III, n.37, 23 settembre 1950

Il Senato minaccia i Cavalieri di Totò

Questo Impero correrà nei prossimi giorni un pericolo grave in quanto il nemico è la legge sulle onorificenze, in discussione Aula del Senato Repubblicano...
Fabrizio Schneider, «La Settimana Incom Illustrata», anno III, n.20, 27 maggio 1950

Totò visto da Aldo Palazzeschi

Una volta visto Totò Tarzan non doveva essere più possibile di pensare a Tarzan senza ridere. Tale è la missione di equilibrio affidata al comico...
Aldo Palazzeschi, «Epoca», anno I, n.9, 9 dicembre 1950

Totò piange dettando le sue memorie

Dal mese di novembre scorso, tutte le domeniche, dalle 15 alle 21, Totò, cioè il Principe De Curtis,Eduardo Passarelli, e il giornalista Alessandro Ferraù...
Arturo Musini, «Stampa Sera», 20 marzo 1951

Poesia e memorie di Totò

Tra qualche mese uscirà in Italia il libro di Totò «Siamo uomini o caporali?» dove, senza complimenti, il nostro attore racconta le amare avventure...
Fabrizio Sarazani, «Momento Sera», 29 aprile 1951

Totò querela un giornale che negava la sua nobiltà

Il noto attore comico Totò ha presentato querela alla Procura della Repubblica contro un giornale che parlava in tono ironico e metteva in dubbio l’autenticità
«La Stampa» e «Il Tempo», 28 aprile - 24 maggio 1951

Marziano II contro Totò

Se la vita di Totò attore è tutta costellata di soddisfazioni, sia materiali, sia morali, non lo è altrettanto la vita del principe Focas Flavio Angelo Ducas...
Giorgio Berti, «La Settimana Incom Illustrata», 12 maggio 1951

Totò cerca maschio

Fu cosi che fu realizzato, al prezzo di 150 mila lire (al cambio d'oggi, tanto costarono le varie spese legali), il sogno d'amore di Totò e Diana non più sposi.
Crescenzo Guarino, «La Stampa», 8 giugno 1951

Totò poeta

Ha messo in versi la storia del suo amore infelice per Silvana Pampanini...
Dino Aprile, «Settimo Giorno», anno IV, n.26, 28 giugno 1951

Il trecentesimo uomo

Un successo del genere nessuna pellicola comica lo ha mai ottenuto. Neppure ai tempi di Charlot!...
«La Stampa», 22 settembre 1951

Totò sarà l'interprete della 'Paura' di Eduardo

Questa si che è una sorpresa. L'Incontro cinematografico tra Eduardo De Filippo e Totò, è stato già fruttifero al massimo: in Napoli milionaria...
Tommaso Chiaretti, «L'Unità», 30 ottobre 1951

Si parli finalmente di Totò

«Sette ore di guai», ridotte fortunatamente a un’ora e mezza di proiezione, sarebbe la traduzione cinematografica d’una farsa dialettale di Scarpetta...
«Tempo», anno XIII, n.46, 17 novembre 1951

Totò: siamo uomini o caporali?

Introduzione autografa al libro 'Totò: siamo uomini o caporali?'
Antonio de Curtis, prefazione a "Totò. Siamo uomini o caporali?" con Alessandro Ferraù e Eduardo Passarelli, Capriotti, Roma 1952

Come nasce Totò, raccontato da Totò

Dal 1921 feci per un paio d'anni la commedia dell'arte, poi fui nel varietà, diventai una vedette e finalmente ebbi il piacere di passare alla Sala Umberto I...
Antonio de Curtis, "Totò. Siamo uomini o caporali?" con Alessandro Ferraù e Eduardo Passarelli, Capriotti, Roma 1952

Recensione del film «Guardie e ladri»

Tra americani truffati, pacchi dono, il film è pieno di queste suggestioni che il pubblico carpisce al volo e di cui ride amaro...
Corrado Alvaro, «Il Mondo», 5 gennaio 1952

«Guardie e ladri» breve recensione al film

Se per qualche merito, oltre che per l'interpretazione di Totò, sarà ricordato «Guardie e ladri», sarà per aver tentato di allargare i confini del genere comico
«Vie Nuove», anno VIII, n.1, 6 gennaio 1952

Sposerà Totò la «bella di Via Veneto»

La futura sposa del principe-attore è una meravigliosa ragazza che ha compiuto i ventun anni da pochi giorni. I suoi grandi occhi verdi, i lunghi capelli neri..
«Il Messaggero», 4 marzo 1952

Galeotta fu «la suocera»

«Oltre la bellezza di Franca, mi colpì l'aspetto dolcissimo della madre: una vera santa».
c. l., «La Stampa», 5 marzo 1952

Una bionda diciannovenne contende l'impero a Totò

Intanto sono sbocciati nuovi pretendenti al trono di Bisanzio, si tratta di una pretendente: la bionda imperatrice Maria Teresa Ily Dites Lule Argondizza-Tocci.
Luigi Cavicchioli, «Oggi», anno VIII, n.38, 18 settembre 1952

Una ragazza è la nuova pretendente del trono di Bisanzio

Nella vicenda della legittimità al trono di Bisanzio, fra Totò e Marziano II di Lavarello si frappone Maria Teresa Ily Dites Lule Argondizza Tocci, una giovane
«La Stampa», 22 agosto 1952 - «L'Avanti», 22 agosto 1952 - «L'Unità», 18 settembre 1952

Anche una ragazza vuole il trono di Bisanzio

La principessa Maria Teresa-Stella Mattutina-Fiore Tocci è entrata in gara con Totò e con Marziano II e col romano Sanmartini...
Ugo Moretti, «Epoca», anno III ,n. 109, 8 novembre 1952

Processo e condanna di Marziano di Lavarello ed i suoi consulenti

Cinque anni di reclusione sono stati inflitti dal Tribunale alle tre persone che, nel giugno 1951, misero in dubbio la discendenza imperiale di Totò...
«Il Giornale dell'Emilia», 4 dicembre 1952, Arnaldo Geraldini, «Corriere della Sera», 6 dicembre 1952, «Corriere dell'Emilia», 6 dicembre 1952, Arnaldo Geraldini, «Corriere della Sera», 21 dicembre 1952, «Il Tempo», 21 dicembre 1952, Arnaldo Geraldini, «C

Totò, il magnifico burattino

Ogni tanto questo spassosissimo comico sembra stancarsi d’essere un uomo come tutti gli altri e si trasforma miracolosamente in un burattino...
Dino Falconi e Angelo Frattini, «Guida alla rivista e all'operetta», 1953

Fora lo schermo il mento di Totò

Si prova il 3D sulla pelle di Totò e dei suoi compagni di avventura, per un film comico a colori e in rilievo cui è stato finalmente trovato da poco un titolo..
Italo Dragosei , «Festival», 6 giugno 1953

Per una canzone Napoli contro Totò

La sua partecipazione come autore al 4° festival di San Remo ha scatenato le più accanite polemiche sui giornali napoletani...
Emilia Granzotto, «La Settimana Incom Illustrata», Anno VII, n.5, 30 gennaio 1954

Totò al Festival: a Sanremo ha vinto la sciatica

È stato scritto che «Con te» avrebbe dovuto essere presentata al pubblico come creazione del signor Antonio De Curtis e non dell'attore Totò...
Alfredo Panicucci, «Epoca», anno V, n.175, 7 febbaio 1954

Totò poliziotto non piace a poliziotti

La storia del poliziotto Totò e della 'sbandata' Carolina, ha determinato un inconcepibile irrigidimento da parte degli organi di censura.
Stelio Martini, "Cinema Nuovo", anno III, 15 aprile 1954

Tre ladri e una canzone

La canzone «Tapioca», che ha lo stesso nome del personaggio principale del film, nacque una sera in casa del principe De Curtis in presenza di Bixio...
G.Beri, «Sorrisi e Canzoni TV», 14 giugno 1954

Lieto evento alla corte di Bisanzio

In una conferenza-stampa svoltasi a Montecarlo, il principe Antonio de Curtis, ha annunciato che la sua bella fidanzata, Franca Faldini, è prossima alla...
Mino Caudana, «Tutti» 18 luglio 1954

La nascita e la morte di Massenzio, il piccolo principe erede di Totò

Deceduto alla nascita il figlio di Totò. Le condizioni di Franca Faldini, giudicate gravi in un primo tempo, questa sera erano soddisfacenti. Sconvolto dal...
«Corriere della Sera», 9 luglio, 13 e 14 ottobre 1954 - «Corriere d'Informazione», 10 luglio 1954, 14 ottobre 1954 - «Il Messaggero», 13 e 14 ottobre 1954 - «Momento Sera», 14 ottobre 1954 - «Il Paese», 13 ottobre 1954 - «La Stampa», 13 e 14 ottobre 1954

Lacrime vere di Totò: il principino non ha visto il sole

Ogni sera, tornato a casa, Totò raggiunge una certa stanza che conosce lui solo, vi entra cercando dl non farsene accorgere, si chiude a chiave, resta a lungo..
Arnaldo Geraldini, «L'Europeo», anno X, n.43, 24 ottobre 1954

Una novella di Totò: due mamme e un comico

Talvolta egli la prendeva a sedere sulle ginocchia, proprio come aveva fatto lei con lui, per tempo immemorabile, quand'era bimbo; e gli piaceva cullarla...
Antonio de Curtis, «Domenica del Corriere», Anno 58, n.41, 7 ottobre 1956

Al Sistina di Roma «A prescindere» - Rivista di Nelli e Mangini

Al suo primo apparire gli applausi sono stati eccezionalmente calorosi. Dopo una presentazione alquanto lunga durante la quale Totò, sotto le vesti di un uomo..
E. C. (Ermanno Contini), «Il Messaggero», 24 novembre 1956 - ag. sa., «L'Unità», 24 novembre 1956 - «Corriere della Sera», 24 novembre 1956

Un grande ritorno dopo sette anni: Totò è sempre Totò

Prima dell’andata in scena a Roma, Remigio Paone aveva trasferito a Perugia l’intera compagnia per un debutto d’affiatamento. Doveva essere una rappresentazione...
L.N., «Settimo Giorno», anno IX, n.50, 8 dicembre 1956

L'asse Totò-Magnani

Scoppio del secondo conflitto mondiale: in alto l’asse Roma-Berlino, e in basso, se ne effettua un altro, più piacevole e più producente: l’asse Totò-Magnani...
Remigio Paone, «Vie Nuove», anno XI, Roma, 1 dicembre 1956

All'Alfieri di Torino «A prescindere» - Rivista di Nelli e Mangini

Totò è tornato sulle tavole del palcoscenico dopo anni di assenza. Sette, ad essere precisi, per quanto riguarda Torino, dove, ieri sera, al Teatro Alfieri...
u. bz., «La Stampa», 26 gennaio 1957 - g. c., «L'Unità», 26 gennaio 1957 - Vice, «La Stampa», 26 gennaio 1957

Al Nuovo di Milano «A prescindere» - Rivista di Nelli e Mangini

Teatro gremito e applausi fragorosi per tutta la serata. Totò ha esilarato il pubblico con le sue risorse buffonesche, usate e sempre fresche per il pubblico...
«Corriere della Sera», 27 gennaio 1957, 6,24 febbraio 1957 - «Il Giorno», 6 febbraio 1957 - «Corriere d'Informazione», 5,7 febbraio 1957

Lo spirito di Pulcinella rivive nell'arte di Totò

Il pubblico commosso per la malattia di uno dei suoi attori preferiti. Il cafè-chantant fu la scuola del comico napoletano. Dall’armadio dei nonno provengono...
Ivano Cipriani, «Il Paese», 8 maggio 1957

Dolori da principe, gioie da Totò

Sono venti anni che Totò recita con un occhio solo, evita con cura di far pesare sugli altri questa sua malasorte. L'attore è minacciato? Il principe tace...
Flora Antonioni, «Il Messaggero», 10 maggio 1957

La malattia agli occhi di Totò: la lunga convalescenza

Raccolta di articoli relativi alla convalescenza durante la malattia agli occhi, avvenuta a Palermo durante la tournée della rivista 'A prescindere' nel 1957...
«La Nuova Gazzetta di Reggio» «Gazzettino della Sera» «Il Tempo» «Il Messaggero» «Corriere dell'Informazione» «Corriere della Sera» «La Stampa» «Il Paese» «L'Unità» «Momento Sera», a partire dal 9 maggio 1957

La malattia agli occhi di Totò: la vicenda giudiziaria

Le conseguenze giudiziarie dell'interruzione della rivista «A prescindere». Impresari e avvocati sono sul piede di guerra per reclamare il pagamento dei danni..
«Momento Sera» «Corriere della Sera» «L'Unità», dal 10 maggio 1957

La malattia agli occhi: ricco di canzoni il buio di Totò

Per la malattia del noto attore, la compagnia fu costretta a sospendere le recite. Poi Totò si rimise e dopo i successi in Alta Italia la compagnia passò a Napoli...
Antonio Pugliese, «Visto», anno VI, n.21, 25 maggio 1957

Totò ha affidato gli occhi a Santa Lucia

A Palermo i disturbi visivi di Totò presero ad accentuarsi. L’impresario Mangano, del Teatro Politeama 'Garibaldi', fu molto cortese col comico...
Vittorio Paliotti «Oggi», anno XIII, n.20, 16 maggio 1957

Lo strano ritorno del reduce di Natale

Nicola Silvestro, tornato dalla prigionia in Russia dopo sedici anni, quando ormai tutti lo ritenevano morto, non ha voluto riabbracciare la moglie...
Giorgio Salvioni, «Epoca», anno IX, n.379, 5 gennaio 1958

Gli telegrafarono: "sei imperatore!"

Dopo lunghissime indagini, infatti, Antonio de Curtis poteva senz'altro insignirsi del titolo di marchese, senza bisogno di adozioni o d’altro...
Alessandro Porro, «Grazia», 26 gennaio 1958

La canzone di Totò che doveva andare a Napoli

Forse — confessa Totò — la mia canzone Piccerella napulitana meritava miglior sorte. Io scrivo canzoni da oltre trent'anni e l'ho fatto sempre per hobby...
Lyno Giusti, «Sorrisi e Canzoni TV», n.25, 21 giugno 1959

Non voleva il titolo di presidente il principe Totò

Chiamato a dirigere la giuria del Festival di Sanremo, l'attore Sua Altezza ha rifiutato una qualifica che sa troppo di repubblica e che avrebbe offeso...
Giorgio Berti, «Epoca», anno X, numero 480, 13 dicembre 1959

Festival di Sanremo 1960: hanno perso la testa

La presidenza di Totò è durata il breve spazio di tre settimane. Poi il principe Antonio de Curtis si è alzato dalla sua sedia e ha detto basta. Allora...
Alfredo Panicucci, «Il Musichiere», 17 dicembre 1959

Festival 1960: non faccio l'uomo di paglia per Sanremo

Iil principe Antonio de Curtis spiega il vero motivo per cui ha dovuto abbandonare la presidenza della commissione incaricata di scegliere le canzoni...
Antonio de Curtis, «Oggi», anno XV, n.52, 24 dicembre 1959

Dal 1960 al 1969

I centonovanta cani di Totò

Totò è contento di sentirsi intorno l’affetto degli indisciplinati animali che da qualche mese ha adottato, e che gli debbono la vita. Accanto a lui Franca...
Lietta Tornabuoni, «Novella» anno XLII, n. 2, 12 gennaio 1961

L'infallibile Dox torna in borghese

Il cane poliziotto Dox e Dox jr. sono stati «sfrattati» proprio in questi giorni dalla Questura della Capitale, scatenando un uragano di attacchi sui giornali..
Giorgio Salvioni, «Tempo» anno XII, n. 539, 29 gennaio 1961

I cani di Totò

Siamo andati a vedere nei giorni scorsi il canile: una vera selva di code, di orecchie, di musi, un concerto di sibili e guaiti ci ha accolto...
Ermes Giusti, «La Gazzetta di Mantova», 20 gennaio 1961

Principe «smemorato»

Totò è giunto al suo ottantesimo film. Sono con lui sul set la Lissiak e la Sanson. Alcune scene ricalcano in chiave grottesca il caso Bruneri-Canella...
Alberto Ceretto, «Corriere della Sera», 29 maggio 1962

Principi dappertutto, anche al cinema

Tra questi ce n'è uno al quale spetta nientemeno che il titolo di Altezza Imperiale, e che è indicato sul libro d’oro della nobiltà italiana come Focas Flavio...
Vanna Riccardi, «Sogno», n.11, 11 ottobre 1962

Cinque storie come tante altre

Ormai, quasi quotidianamente, sui giornali è pubblicata la notizia di una ragazza che si allontana da casa e raggiunge Roma. Quale è il motivo? Fare l’attrice..
Stefano Puma, «Sogno», n.45, 8 novembre 1962

Franca Faldini: non lascio Totò

Io, dopo dieci anni di matrimonio, seguito a volergli bene. E non perché si chiami Totò e sia uno degli attori più celebri...
Franca Faldini, «Grand Hotel», 29 dicembre 1962

Il principe metafisico, ovverosia Totò

Non si piace, dice. Ma si vuole bene da sé. E' altezza imperiale e tante altre cose. Ma deve tutto al personaggio di Totò. Si sarebbe pure fatto frate, se...
Oriana Fallaci, «L'Europeo», anno XIX, n.40, 6 ottobre 1963

Vorrei sposare Franca in chiesa

Dapprincipio per Franca non fu facile vivere con me, io sono un animale notturno: dormo di giorno e al tramonto mi sveglio, mangio, bevo, canto, scrivo canzoni...
Maurizio Cherici, «Oggi», anno XX, n.38, 17 settembre 1964

Totò, “pater et magister”

Caro Totò, con tutto il rispetto che ho per lei, non mi riesce di cominciare questa lettera senza premettere, appunto, un "caro Totò”...
Giovanni Arpino, «Tempo», anno XXVII, n.15, 14 aprile 1965

Totò: caporali o aquile

Stanco e deluso, il vecchio comico ritorna alla caricatura e alla mimica diretta. Nell’ultimo film di Pasolini si confessa agli animali...
Luigi Costantini, «Settimana Incom Illustrata», anno XVIII, n.50, 12 dicembre 1965

Il lamento del vecchio Totò

In una spietata autocritica Totò mostra la corda di tutto il suo pessimismo. Riconosce di avere speso male il suo grande patrimonio di attore, ma biasima...
Maurizio Liverani, «Tempo», anno XXVII, n.39, 29 settembre 1965

La morale delle favole

Totò è in scena insieme a Ninetto, un giovane biondo e ricciuto col viso ancora adolescente, ricoperto di acne. Il comico è vestito da domatore...
Antonio Bertini, «Vie Nuove», anno XX, n.47, 25 novembre 1965

Totò, serio discorso di un attore comico

Allora la stampa o mi ignorava o mi vituperava. Ed io che mi domandavo: perché la gente riempie il teatro o il cinema tutte le sere quando recito io?...
Angelo L. Lucano, «Rivista del Cinematografo», n.1, 1 gennaio 1966

Il principe de Curtis odia Totò

Totò sono sempre io, ma io sono anche un signore decaduto che per vivere deve fare strane cose: saltare, dipingersi la faccia, indossare buffi costumi...
Maurizio Chierici, «Oggi», anno XXII, n.2, 13 gennaio 1966

Italiani che non ridono - Processo ai comici italiani

Prima il film comico era uno dei generi più facili e più sicuri: vi erano degli specialisti, registi o sceneggiatori, che risolvevano il problema applicando...
Luigi Costantini, «Settimana Incom Illustrata», Anno XIX, n.15, 10 aprile 1966

Le storielle che non racconterò alla TV

Ma alla TV non racconterò barzellette», ci dice, «non sono un comico da barzelletta. Amo ripetere a modo mio quelle che più mi piacciono tra quante ne sento...
Aldo Congiu, «Oggi», anno XXII, n.16, 21 aprile 1966

Tuttototò: la mia vita in dieci serate

Totò racconta: Perché mi sono arreso alla televisione. Il nostro più grande comico vi anticipa la serie di spettacoli con i quali gli italiani concluderanno...
Antonio de Curtis, «La Settimana Incom Illustrata», anno XIX, n.18, 1 maggio 1966

Totò, l'arte di far ridere

Quando io vado a vedermi in un film resto male, non sono soddisfatto, penso che si poteva fare di più. Noi attori nel cinema improvvisiamo. il nostro cinema...
Maria Maffei, «Noi donne», anno XXI, n.22, 28 maggio 1966

Facciamo visita a Totò

Il grande attore, che presto vedremo in un programma televisivo a puntate, sta serenamente percorrendo il viale del tramonto. Ormai ci vede poco, vive...
Pietro Zullino, «Epoca», anno XXVII, n.818, 29 maggio 1966

Totò va in treno con la maschera antigas

La strada, ai Parioli, è quieta. La casa è silenziosa. L’appartamento come foderato, felpato. Da fuori, non giunge il più piccolo rumore della notte romana...
Silvio Bertoldi, «Oggi», anno XXII, n.48, 1 dicembre 1966

16 aprile 1967, il sipario si chiude. La scomparsa di Totò sui giornali

La morte di Totò nella rassegna stampa dei principali quotidiani italiani. Aveva dato al segretario centoventimila lire per i funerali raccomandando che...
«Corriere d'Informazione», 15 aprile 1967 - «La Stampa», 16 aprile 1967 - «Paese Sera», 16 aprile 1967 - «Il Mattino», 20 aprile 1967 - «Il Roma», 20 aprile 1967 - «Novella 2000», 30 aprile 1967

Addio Totò

Tolto il cerone, rivestiti i suoi panni di signore, Totò ridiventava in ogni senso il principe De Curtis, generoso come un re con i poveri, pronto a sollevare...
Flora Antonioni, «Sorrisi e Canzoni TV», anno XVI, n. 17, 23 aprile 1967

La morte di Totò: «stateve bbuone!»

Tra la folla che sabato mattina ha reso omaggio alla salma di Totò, a poche ore dalla morte del grande comico, c’era anche una anonima donnetta: magra...
Carlo Galimberti, «Tribuna Illustrata», anno LXXVII, n.17, 23 aprile 1967

Il principe triste che donava sorrisi

Alla schiavitù del successo si aggiungeva lo scarso amore di Totò per quelle "massonerie" intellettuali che nell’epoca nostra si arrogano il diritto...
Giovanni Cavallotti, «Gente» anno XI, n.17, 26 aprile 1967

Totò, il comico dalla faccia tragica

Sapeva riassumere, con il candore e la forza incisiva dei grandi interpreti, il mistero della vita. Non rifiutò mai un’offerta di lavoro, convinto com’era...
Piero Pintus, «Radiocorriere TV», anno XLIV, n.17, 23-29 aprile 1967

La scomparsa di Totò: siamo uomini o caporali?

Il giornale-radio — di solito così fedele a tutto ciò che è ufficiale e governativo — ha aperto il suo notiziario del 15 con la notizia della morte di Antonio de Curtis...
Antonio de Curtis, «Domenica del Corriere», anno LXIX, n.18, 30 aprile 1967

Daniele D'Anza: Totò sfiorò la morte in palcoscenico

Quanta fretta intorno a Totò, quest'anno, come tutti sapessero che per lui sarebbe stato l’ultimo, e ciascuno si affannasse a riguadagnare il tempo perduto...
Daniele D'Anza, «Radiocorriere TV», anno XLIV, n.18, 30 aprile - 6 maggio 1967

Franca Faldini, la vedova di Totò

Quando conobbe Totò e se ne innamorò, era giovanissima, bellissima, ricca, corteggiata, e aveva già girato un film a Hollywood, Totò le mandò un fascio...
Mimmina Quirìco, «Tribuna Illustrata», anno LXXVII, n. 18, 30 aprile 1967

Tuttototò, la sua ultima parte fu quella del capellone

I registi di «Tutto Totò» ricordano in queste pagine l’attore col quale hanno lavorato nell’ultimo spettacolo d’una vita tutta dedicata al pubblico...
Sandro Bolchi, «Radiocorriere TV», anno XLIV, n.18, 30 aprile - 6 maggio 1967

I cani salvati da Totò

I cani randagi cui Totò provvedeva continueranno ad essere ospitati e curati nel canile che il grande attore napoletano aveva allestito alla periferia di Roma.
S.C., «Tribuna Illustrata», anno LXXVII, n. 19, 7 maggio 1967

La maschera di Totò

Pensiamo che questo giudizio, possa compendiare efficacemente l’apporto insostituibile di Totò allo spettacolo italiano e la stima da cui egli era circondato...
Leandro Castellani, «Rivista del Cinematografo», n.6, giugno 1967

Totò, il comico irripetibile

Il suo stile, come si sa, si era formato sulle tavole del 'café-chantant' sul modello di Gustavo De Marco: aveva dunque dei precedenti...
Ernesto G. Laura, «Bianco e nero», anno XXVII, n.6, giugno 1967

Ricordo di Totò

Era nato a Napoli il 13 febbraio 1898 dal Marchese Giuseppe de Curtis e da Anna Clemente; destinato alla carriera di Ufficiale di Marina, la guerra 1915-18...
Luciano Pelliccioni di Poli, «Orizzonte dei Cavalieri d'Italia»n.4,5,6, aprile-giugno 1967

Franca Faldini: è ingiusto chiamarmi «vedova allegra»

Franca Faldini, la compagna di Totò, è tornata a fare vita mondana dopo la scomparsa dell’attore avvenuta 4 mesi fa. «Sono giovane, devo continuare a vivere»...
Maurizio Chierici, «Oggi», anno XXIII, n.42, 19 ottobre 1967

Dove sono finiti tutti i soldi di Totò?

«Quell’eredità è la pagina più amara della mia vita. Tutto è andato a Liliana: che diritto potevo avere io? Perché non porto il lutto? Perché a lui non sarebbe piaciuto»
Maurizio Chierici, «Oggi», anno XXIV, n.24, 13 giugno 1968

Strette di mano: il principe De Curtis

Alludo al caro Totò. Al grande comico napoletano Totò che si arrabbiava tanto e seriamente quando non lo si appellava con titolo di «Principe» per il quale ha..
Peppino De Filippo, «Il Messaggero», 13 aprile 1969

Dal 1970 al 1979

Totò vent'anni dopo riabilitato dalle risate dei giovani

Oggi si vedono annunciati i film di Totò non solo nei cinema centrali ma addirittura nei cinema d’essai, notoriamente ritrovi d’avanguardia dove si discute...
Maurizio Costanzo, «Tempo», anno XXXIII, n.52, 26 dicembre 1971

Totò 1971 - Totò al Giro d'Italia

la realtà vera è che Totò e la sua maschera sono forti da sopportare tutto. Totò è uno dei pochi «attori eterni» che ci abbia dato lo spettacolo italiano.
Callisto Cosulich, «ABC», anno XII, n.52, 24 dicembre 1971

La febbre di Totò

Oggi, a distanza di cinque anni, si assiste al rilancio dei suoi film più noti, con un grande successo di pubblico. Anche la TV ha in progetto un omaggio...
Franco Berutti e di Paolo Mosca, «Domenica del Corriere», anno LXXIV, n.17, 25 aprile 1972

I fiaschi dell'uomo di gomma

Dal libro Totò il principe del sorriso (Fiorentino Editore), che è costato due anni di lavoro e di ricerche al nostro collaboratore Vittorio Paliotti...
Vittorio Paliotti, «Oggi», anno XXVIII, n.49, 7 dicembre 1972

In TV la rivincita di Totò

«Vorrei almeno essere rispettato» si lamentava l'attore dilaniato in vita dai critici. Oggi tutti gli riconoscono doti artistiche eccezionali e inimitabili...
Gianni Villa, «Sorrisi e Canzoni TV», anno XXII, n.12, 25 marzo 1973

Totò: la sua comicità e i comici dopo di lui

Il revival di Totò è scoppiato all’improvviso, un paio di anni fa, sul finire della stagione del 71, con la ripresa di film a Milano e Roma e poi a Napoli...
Giuseppe Sibilla e Salvatore Piscicelli, «Radiocorriere TV», anno 50, n.13, 25-31 marzo 1973

La tardiva RIscoperta di Totò

Il grave ritardo impiegato da 'mamma Rai’ per rievocare Totò, dal '67 non ricordato sul piccolo schermo se non rendendo un cattivo servizio alla sua memoria...
Luciano Mattino, «Settimana TV», anno XX, marzo-aprile 1973

Piangeva su ogni de Curtis

Il conte Marco Rocco di Torrepadula ci descrive le grandi qualità e le innocenti manie del comico napoletano cui è dedicato un ciclo televisivo...
Vittorio Paliotti, «Oggi», anno XXIX, n.14, 5 aprile 1973

Totò, il principe surrealista di Napoli

La televisione ha incominciato a trasmettere i suoi vecchi film, quei filmacci, che il pubblico li segue con entusiasmo perché vi ritrova lui, Totò...
Guido Gerosa, «Epoca», anno XXIV, n.1175, 8 aprile 1973

Totò temeva di essere presto dimenticato

Ho fatto molta gavetta, poi i produttori cinematografici mi hanno sommerso di proposte, un film dopo l'altro, pochissimi buoni, moltissimi che mi fanno pena...
Giuliano Ranieri, «Grazia», anno XLVI, n.1676, 8 aprile 1973

Una serata del 1948...

'Serata con Totò' è stato tratto dal volume "Abat-jour" (Longanesi). E' una raccolta di ricordi, ritratti e "cose viste” che Orio Vergani...
Orio Vergani, «Tempo», Anno XXXV, n.14, 8 aprile 1973

Totò, vent'anni di cinema con il principe clown

Totò va cercato non in uno solo o in dieci ma attraverso i cento e più film abitati da una maschera, da una marionetta che propone soltanto sé stessa...
Morando Morandini, «Tempo», anno XXXV, n.14, 8 aprile 1973

Totò, una donna si uccise per lui

Una sera, in preda alla disperazione, si avvelenò in una pensione di Napoli. L’attore battezzò la propria figlia col nome di Liliana...
Ada Mariani, «Grand Hotel», anno XXVIII, n.1400, 3 maggio 1973

Totò e il teatro

Il modo di leggere gli sketch che abbiamo ripescato, è quello di supplire con l'immaginazio­ne stimolata dal ricordo del Totò...
Goffredo Fofi, «Scena», anno 1, n.2, marzo-aprile 1976

Rievocazioni: il mio Totò

Spesso affermava di ritenersi lieto di aver fatto per mestiere il comico perché la comicità aiuta a prendere la vita come viene e gliela rende più accettabile.
Autori Vari, «Panorama», 18 ottobre 1977

E adesso ascoltiamo la Faldini

Anche se era universalmente conosciuto come Totò, io preferivo chiamarlo Antonio, cioè col suo vero nome. Totò era l'artista, non il mio uomo...
Angelo De Robertis, «Gente», anno XXI, n.50, 17 dicembre 1977

Quel maledetto 13! Ma io me la rido...

«Colpa del tredici, naturalmente!», sottolinea convinta e compunta Diana de Curtis. Da napoletana verace quale è, certe credenze le ha nel sangue, ereditate...
G.D., «Stop», 1977

Totò, che piacere rivederti

Tutto Totò: in sei telefilm la sua arte comica. Ecco come lo ricordano Macario, Taranto, Manfredi, Tognazzi e Gigante.
Fiammetta Rossi, «Radiocorriere TV», anno LV, n.23, 4-10 giugno 1978

Silvana Pampanini: «Totò, il mio mancato marito»

I meriti degli attori troppo spesso vengono riconosciuti dopo la loro scomparsa. Questa sorte è toccata anche a Totò, che in vita è stato bistrattato...
Matilde Amorosi, «Gente», anno XXII, n.25, 24 giugno 1978

La riscoperta di Totò: ma mi faccia il piacere...

A Totò è toccato di essere scoperto dalla «cultura» cinematografica più aggiornata, giovanile e snobistica. Proprio quei «filmetti» d'epoca, a cui i grandi...
Claudio G. Fava, «Radiocorriere TV», anno LVI, n.41, 7-13 ottobre 1979

Totò: «sarò grande dopo la mia morte»

Mentre la TV propone un ciclo di otto film di Totò, parliamo del grande attore napoletano con le donne che gli sono state vicine...
Cristina Maza, «Bolero», anno XXXIII, n.1695, 28 ottobre 1979

Dal 1980 al 1989

Quel Totò non lo voglio in scena!

Così diceva il capostipite dei Maggio: poi cambiò idea e quel giovanotto «sicco sicco» cominciò a far ridere le platee. Non avrebbe più smesso per mezzo secolo.
Eduardo Piromallo, «Radiocorriere TV», 1980

L'antenato che Totò non poté comprare

Il famoso comico nel 1961 si rivolse al Comune di Cava de' Tirreni per ottenere il dipinto di Camillo de Curtis che figura nel grande salone del palazzo...
F.S., «Il Mattino Illustrato», anno IV, n.15, 12 aprile 1980

Diana de Curtis: ho nel sangue la comicità del nonno

La nipote del grande Totò, apparsa recentemente in TV nella trasmissione di Gianni Boncompagni, parla del principe della risata con affetto appassionato...
Daniela Di Germanio, «Albo Blitz», n.41, 14 ottobre 1981

Dove sta Totò

Dal revival sessantottino al periodo di saturazione provocato dall’orgia dell'emittenza privata. Le radici e le ragioni di un carisma sovversivo.
Valerio Caprara, «Il Mattino», 11 aprile 1987

Totò non rideva mai

Totò lontano dalla scena e dal set era un uomo molto riservato Forse era l’impegno intellettuale che spendeva sul lavoro a renderlo per i familiari e amici...
Vittorio Paliotti, «Il Mattino», 11 aprile 1987

Totò, il marziano del Rione Sanità

Totò, grandiosa marionetta. Grandiosa opera dei pupi. Ma, al contrario dell’opera dei pupi, quello di Totò non è mai stato un repertorio eroico-cavalleresco...
Luigi Compagnone, «Il Mattino», 11 aprile 1987

Totò, «mòseca e quisquiglie»

«Nun sì ’na femmina», «Core analfabeta», «Nemica», «Miss, mia cara miss», «Luntano ’a te», «Casa mia»: a parte «Malafemmina» ecco il Totò in sette note.
Gianni Cesarini, «Il Mattino», 11 aprile 1987

Un monumento? Ma mi faccia il piacere...

Dov’è finita la statua presentata al pubblico a luglio? E' stata depositata nella torre del Maschio Angioino. E la tomba di famiglia? È quasi abbandonata...
Pasquale Esposito, «Il Mattino», 11 aprile 1987

Franca Faldini: Totò vent'anni dopo

Vent'anni fa la scomparsa di Antonio de Curtis, in arte Totò, ci lasciava orfani di uno dei più straordinari talenti della storia dei cinema italiano...
Franca Faldini, «Ciak», anno III, n.4, aprile 1987

Totò, muto da ridere

In casa non c'era niente che ricordasse che era la residenza di un uomo di spettacolo. Non conservava nulla che riguardasse la sua attività: né copioni...
Ernesto Baldo, «Radiocorriere TV», anno LXIV, n.15, 12-18 aprile 1987

Totò comprò l'onore per sua madre

Raccontiamo la tormentata esistenza del grande attore nel ventesimo anniversario della sua scomparsa (Prima parte)...
Gaetano Saglimbeni, «Gente», anno XXXI, n.18, 8 maggio 1987

Pochi fondi per il museo di Totò

Liliana De Curtis: «Sarebbe giusto che il museo e la Fondazione sorgessero a Napoli. Mio padre amava moltissimo la sua città, e la città continua ad amarlo»...
Titti Beneduce, «Il Mattino», 18 febbraio 1989

Totò, il suo volto segreto

Papà negli ultimi tempi vedeva molto poco. Ricordo, quando l’andavo a trovare mi faceva sedere accanto a lui, poi, come una carezza, passava la sua mano...
«Ciak», anno V, n.4, aprile 1989

Ecco la prova che Totò era veramente principe

Ho trovato un atto dove è scritto che ad Antonio de Curtis spettavano il titolo e il rango di "Altezza imperiale” quale rappresentante della dinastia...
Sergio De Gregorio, Oggi, Anno XLIV, n.8, 24 febbraio 1988

Dal 1990 al 1999

Totò: foto private e scatti d'autore

1990: l’album di famiglia del principe De Curtis in mostra al Centro Internazionale di Brera.
Alberto Farassino, «Il Venerdì di Repubblica», n.122, 8 giugno 1990

Il principe e la ballerina

Le donne fatali gli hanno sempre fatto perdere la testa, sul set e nella vita. Ma una sola l’ha fatto piangere. Uccidendosi per lui
Claudio Carabba, «L'Europeo», n.25, 23 giugno 1990

Liliana Castagnola, il segreto di Totò

La Castagnola — come veniva chiamata nell'ambiente del «variété» — era una sciantosa, una donna fatale capace di amori eterni, tragici e distruttori...
Giancarlo Governi, «Radiocorriere TV», anno LXVII, n. 29, 8-14 luglio 1990

Come Totò divenne il principe de Curtis

Il racconto delle sue origini, tramandatoci da Totò, non è facilmente verificabile, anche perché nel rione Sanità, di Totò rimane soltanto una lapide...
Giancarlo Governi, «Radiocorriere TV», anno LXVII, n.30, 29 luglio-4 agosto 1990

Jella e pinzellacchere

Un capitolo di «Totò mio padre», di Liliana de Curtis. Il principe della risata era certo un «uomo di mondo», ma conservava superstizioni e piccole manie...
Marco Giusti - Liliana de Curtis, «L'Europeo» n.43, 26 ottobre 1990

Liliana de Curtis: «la malafemmena di mio padre era...»

E' giusto raccontare chi era veramente la Malafemmena che ispirò mio padre; la musa di Totò non fu Silvana Pampanini, come si è detto per molto tempo, ma...
Liliana de Curtis, «Radiocorriere TV», anno LXVII, n.46, 18-24 novembre 1990

Con Macario e Totò i fascisti ridevano verde

Ma i due comici che segnano con la loro personalità la fine degli anni Trenta sono Totò e Macario. Totò debutta nel 1937, con un film abbastanza sconnesso...
Claudio Carabba, «L'Europeo», 21 giugno 1991

Diana: Totò scrisse «Malafemmina» pensando a me

Diana Rogliani, moglie dell'indimenticabile comico e che da lui ebbe una figlia, ha deciso di scrivere i momenti più della sua storia d’amore con Totò - Parte 3
Diana Rogliani, (Testo raccolto da Marilù Simoneschi - Terza parte) «Gente», anno XXXV, n.3, 24 gennaio 1991

Diana: «Mio marito mi teneva chiusa a chiave»

Diana Rogliani, moglie dell'indimenticabile comico e che da lui ebbe una figlia, ha deciso di scrivere i momenti più della sua storia d’amore con Totò - Parte 2
Diana Rogliani, (Testo raccolto da Marilù Simoneschi - Seconda parte) «Gente», anno XXXV, n.2, 17 gennaio 1991

Federico Fellini: «il mio Totò»

Per Dario Fo è l’Arlecchino del ’900, per Fellini è Pulcinella, anzi, l’Italia. Il regista ci offre un ritratto per parole e immagini del suo comico preferito.
Leonetta Bentivoglio, «Il Venerdi di Repubblica», n.198, 29 novembre 1991

Il Totò mai visto

Pasolini, nostro 'padre selvaggio'. Forse mai come in questo fine secolo si ricorre alla fonte della sua poesia lo sanno bene Enzo Siciliano e Laura Betti...
Beniamino Placido, «Il Venerdi di Repubblica», n.211, 28 febbraio 1992

Totò, genio puro come Keaton e Charlot

Totò era il massimo allo stato puro, all’altezza di Charlot e di Buster Keaton. Oggi si riconosce che lo si può capire dovunque, mentre noi abbiamo parlato...
Alberto Sordi, «Il Mattino», mercoledi 15 aprile 1992

Totò, un Pinocchio crudele e asessuato

Totò la fa scivolare nello scherzo, nella parodia del desiderio. La risata, graffiante anch’essa, della paura e dello scherno, una risata che «vi seppellirà».
Dario Fo, «Il Mattino», mercoledi 15 aprile 1992

Tutte le mattine sotto casa di Totò una fila di poveri

Non sapeva iniziare la giornata senza fare un’opera di bene come pagare l’abbonamento in trattoria a una vecchietta o finanziare la costruzione di un moderno...
Vittorio Paliotti, «Il Mattino», mercoledi 15 aprile 1992

Monicelli: la sera cantavamo con Totò

Anch'io avevo contrastato Totò. Avevo voluto, semmai, umanizzare il personaggio, portarlo fuori dal cliché della macchietta. Ho fatto un errore...
Liliana Madeo, «La Stampa», 15 luglio 1992

Renzo Arbore: io e Totò

«Sarà uno spettacolo — anticipa Arbore — sciuè sciuè, leggero leggero, un omaggio, una commemorazione festosa». Arbore rivela la sua passione per Totò...
Patrizia Ricci, «Sorrisi e Canzoni TV», numero 50, 13-19- dicembre 1992

Liliana de Curtis: «mio padre, Totò, mi fa regali dal cielo»

I contatti delle persone con l'aldilà. In questo numero c’è una testimonianza veramente eccezionale: quella di Liliana De Curtis, figlia di Totò, scomparso...
Matilde Amorosi, «Gente», anno XXXVII, n. 5, 25 gennaio 1993 e n. 6, 1 febbraio 1993

Totò e Milly Carlucci: il principe e la bionda

Posare per le foto di 'Sorrisi' mi ha molto impressionata: ho avuto la sensazione di stare con il vero Totò, in carne e ossa, tanto era la somiglianza del sosia
Lucia Di Spirito, «Sorrisi e Canzoni TV», n.31, 1-7 agosto 1993

Totò si pentì di «Uccellacci e uccellini»

Appunti inediti curati dalla figlia Liliana. Ma lo scrittore e la compagna dell'attore dubitano dell’autenticità. «Film impegnato, uccide la mia comicità»...
Claudia Provvedini, «Corriere della Sera», 10 diembre 1993

Liliana de Curtis: «Totò cerca film»

Superstizioso, igienista, generoso all’eccesso. La figlia unica e amatissima del grande comico napoletano racconta la sua vita accanto al padre...
Francesca Alliata Bronner, «Il Venerdì di Repubblica», n. 393, 8 settembre 1995

Franca Faldini: «Totò? Meglio di Gary Cooper»

Franca Faldini, personaggio anomalo e prezioso, attrice per caso e per divertimento, compagna del principe Antonio de Curtis, in arte Totò, dai primi anni 50...
Franca Faldini, Fabio Ferzetti «Il Messaggero», 19 marzo 1997

Totò trenta anni dopo

Il settimanale Film TV omaggia Totò nel 1997, in occasione del trentennale della morte, con una serie di articoli a testimonianza della passione che ancora...
«Film TV», anno V, n.17, 20-26 aprile 1997

1898-1998: Totò cento

Il 15 febbraio 1898 nasce a Napoli il principe della risata. Per i cento anni di Totò si preparano grandi festeggiamenti...
Andreina De Tomassi, «Il Venerdi di Repubblica», 5 dicembre 1997

Totò e lo sport: siamo campioni o caporali?

Il 15 febbraio ricorrono i 100 anni dalla nascita dell'attore. L'abbiamo voluto ricordare con le parole e le immagini dei suoi film dedicati allo sport...
Vincenzo Cito, «La Gazzetta dello Sport magazine», anno IV, n.7, febbraio 1998

Totò. Che secolo...

Totò nacque cent’anni fa alla Sanità, conservò l’humus del suo quartiere lasciando capolavori in cui s’intrecciano comico e patetico...
Goffredo Fofi, «Il Mattino», 9 febbraio 1998

L'enigma Totò

Quali rapporti c'erano tra l’elegante signore semicieco che viveva ai Parioli e il clown con la mascella deragliata che giocava vertiginosamente con le parole?
«Specchio della Stampa», n.108, 14 febbraio 1998

15 febbraio 1998: Totò cento

Nascita irregolare per colui che sarebbe diventato una celebrità con l'abbreviazione di Totò e che, invece, si sarebbe costruito un nome enciclopedico...
Roberta Pasero, «Film TV», anno VI, n.7, 15-21 febbraio 1998

La formazione artistica di Totò

Nel ricostruire, per quel che è possibile, una teatrografia dell’attore è opportuno soffermarsi su alcuni aspetti problematici che riguardano il periodo...
Antonella Ottai, «Totò partenopeo e parte napoletano», Associazione Antonio de Curtis, Marsilio Editore 1999

Dal 2000 al 2009

Eugenio De Simone, l'avvocato del Principe

Avvocato Eugenio De Simone ci racconta il primo approccio che ha avuto con il grande comico? Un ricordo lontano ma ancora vivo...
Alberto De Marco, «Cronache del Mezzogiorno», 10 gennaio 2000

I teatranti e la superstizione

Prima che vada in scena, mai dire a un attore «Auguri! » Gli auguri portano sventura. L’unica formula davvero beneaugurante è «Merda! »...
Valentina Pittavina, «Non principe, ma imperatore», Einaudi, 2008

Dal 2010 al 2019

Il cuore generoso del principe, in arte Totò

Mi dispiace che Totò non abbia mai potuto partecipare ad alcuno dei miei programmi televisivi o radiofonici, perché quando l’ho conosciuto ero un giornalista...
Maurizio Costanzo, «Sorrisi e Canzoni TV», 20 giugno 2019