Collaborazioni


Sono Chiara Mercuri, una studentessa del Dams di Romatre. Sto scrivendo la tesi su Totò e ho trovato il suo sito Tototruffa2002.it molto esaustivo. Mi piacerebbe poter utilizzare alcune informazioni e alcune immagini...

Chiara Mercuri


Iniziava così la collaborazione, circa un anno fa con Chiara Mercuri, una giovane studentessa romana laureatasi nel 2020 con una tesi su Totò.


Libro Toto Memories   Libro Toto Memories credits

Nel 2017 i giornalisti Carlo Maria Alfarano, Daniela Giordano e Annalisa d'Inverno realizzarono il libro-inchiesta Totò Memories - Vent'anni di inutili attese (Marotta & Cafiero editori, 2017) sulla (mancata) apertura del Museo di Totò. Il nostro sito ha collaborato alla realizzazione dell'opera, citandoci nelle pagine interne.


Libro Caporali Tanti  Libro Caporali Tanti credits 

Il prof. Emilio Gentile, storico, accademico e docente italiano, studioso di storia contemporanea, in particolare del fascismo, accademico dei Lincei, nel febbraio del 2021 ha pubblicato il libro Caporali tanti, uomini pochissimi. La storia secondo Totò (Editori Laterza, 20121), un'opera storico-biografica che crea una sorta di parallelismo tra la vita e l'arte di Totò e tutti gli eventi storici che si sono succeduti dai primi anni del '900 fino alla fine degli anni '60. Il nostro sito ha messo a disposizione dell'autore l'emeroteca digitale, in modo particolare la parte relativa agli anni degli esordi teatrali e cinematografici di Totò.


Citazioni

2017 04 15 Repubblica Social intro

Da Clementino a Maldestro e Flo, in tanti si dichiarano “totoisti” Decine i profili Facebook dedicati al comico, amato dai giovani

Più che sopravvivere il mito di Totò vive (e gode di ottima salute) tra social e giovani. Solo su Facebook, like e condivisioni si accumulano a migliaia tra decine di pagine a tema. Immagini dai set, frasi note o spezzoni garantiscono piogge di commenti.

Tra le più aggiornate, "Principe Antonio de Curtis - in arte Totò", opera del "totomane" Domenico de Fabio con quasi 500 mila follower e "Onorevole? Ma mi faccia il piacere", curatori il "totoista" Daniele Palmesi e Federico Clemente, figlio di Eduardo, storico tuttofare e cugino di Totò. La pagina ufficiale di famiglia, attivata in seguito alla fondazione dell'associazione "Antonio de Curtis, in arte Totò", è in crescita con 8mila like accanto a fanpage inossidabili come "Signori si nasce ed io lo nacqui modestamente" destinata ai "totò-maniaci di tutto il mondo" (quota 15mila).

Tra i fedelissimi, molti ventenni, alcuni famosi, come Lorenzo Insigne, classe 1991. Il calciatore racconta di guardare spesso e amare perdutamente i film di Totò. E dai cult estrapola frequentemente battute, in particolare dal preferito "Miseria e Nobiltà". Sogna, invece, di incontrarlo magari proprio per girare un film assieme, Serena Rossi, 31 anni, che condurrà la serata in suo onore, in onda su Rai 2 domani (16 aprile): «Totò - spiega - mi fa desiderare di salire su una macchina del tempo: recitare con lui sarebbe stata una esperienza indescrivibile, lo porto nel Dna. Al suo mondo mi hanno avvicinato i miei zii che, ossessionati, collezionavano vecchi Vhs. Tra i ragazzi riscuote successo, le sue massime non invecchiano, entrano nel vocabolario per non uscire più. Io uso "alla faccia del bicarbonato di sodio!" ma a volte ripeto intere scene. Quando arrivo alla stazione di Milano d'estate dico sempre "non può fare caldo!"». Il cantautore Maldestro, 32 anni, non ha dubbi: «Totò è la bellezza - commenta - il cuore pulsante di una Napoli tenera.

È il Chaplin italiano, il genio malinconico che dispensa la gioia delle cose semplici. Totò nasce una sola volta e per fortuna è nato a due passi da casa mia. Tra i suoi film? "Guardie e ladri" di Monicelli, credo che lì ci sia tutta la sua maschera». Si definisce «su-perfan come ogni napoletano che si rispetti» il rapper Clementino che nel suo brano sanremese, "Ragazzi fuori", ha inserito una citazione di Totò: "Questa vita ti ha servito pane col veleno". «Conosco a memoria quasi tutti i film - spiega - ma preferisco "Fifa e arena" e "La banda degli onesti". Ho avuto l'onore di conoscere la figlia Liliana che mi ha consegnato il premio San Gennaro e poi nel mio nome si nasconde un po' della storia del maestro, al cimitero, notai sulla lapide l'incisione del cognome della mamma, Clemente, sono un piccolo Clemente anch'io... spero che le nuove generazioni mantengano lo sguardo su un artista così immenso». Passione senza limiti anche per un altro "principe" ma della serie "Gomorra", Antonio Folletto, 29 anni: «Totó è Napoli - racconta - Totò è il mio mito. Grazie a mio nonno a 7 anni lo scoprii e guardando i suoi film ho capito tutto, ched'è o buon e ched 'è o malamente. L'importanza di sapersi arrangiare. È lampante che il principe non se n'è mai andato. Se chiudo gli occhi riesco a sentire quella voce inimitabile che ci dice "ma mi faccia il piacere", per lui provo immensa gratitudine».

Parla di lessico famigliare, la cantante Flo, 33 anni: «"Qui si mangia pane e veleno. No, Pascà, solo veleno", il 99 per cento delle famiglie napoletane sbuffa questa frase almeno una volta a settimana. Per noi Totò è il salvatore della domenica pomeriggio, quando dopo i dolci e il caffè, le tv private trasmettono i suoi capolavori e facciamo a gara a chi ricorda meglio le battute».

Adele Brunetti, «Repubblica», 15 aprile 2017