Totò, Peppino e... la dolce vita

Il cappotto che porti addosso è del nonno? Allora fagli un telegramma: 'Caro nonno, fate schifo tu e il cappotto. Firmato. Stop'.

Antonio Barbacane

Inizio riprese: novembre 1960 - Autorizzazione censura e distribuzione: 23 febbraio 1961 - Incasso lire 387.856.000 - Spettatori 1.999.258


Titolo originale Totò, Peppino e... la dolce vita
Paese Italia - Anno 1961 - Durata 90’ - B/N - Audio sonoro - Genere comico - Regia Sergio Corbucci, Nino Zanchin (aiuto) - Soggetto Steno, Lucio Fulci - Sceneggiatura Bruno Corbucci, Giovanni Grimaldi, Mario Guerra - Produttore Mario Mariani, Gianni Buffardi per MB film, Armando Morandi (ispettore), Giancarlo Sambucini(ispettore), Danilo Marciani(direttore), Dino di Salvo (segretario) - Fotografia Alvaro Mancori - Montaggio Renato Cinquini - Musiche Armando Trovajoli - Scenografia Piero Filipponi - Costumi Maria Baroni - Trucco Nilo Jacoponi (trucco), Carlo Sindici (parrucco)


Totò: Antonio Barbacane e il nonno Barbacane - Peppino De Filippo: Peppino Barbacane - Mara Berni: Elena, moglie di Guglielmo e amante di Oscar - Francesco Mulè: Guglielmo, detto Guco - Rosalba Neri: Magda, l'amante di Guglielmo - Antonio Pierfederici: il conte Oscar - Gloria Paul: Patrizia, la straniera bruna - Peppino De Martino: il ministro - Tania Berjll: Alice, la straniera bionda - Daniele Varcas: il marchese Daniele - Giancarlo Zarfati: il piccolo Renato, aiutante di Antonio - Dina Perbellini: Luisa Giovanna, amica della baronessa - Irene Aloisi: la baronessa Renata Francesca - Jacqueline Pierreux: Jacqueline, la festeggiata al party - Franco Rossellini: Franco, un invitato - Jo Staiano: un omosessuale, invitato al party - Carlo Di Maggio: il giocatore di strip-poker - Mario Castellani: il presidente della S.p.a. - Franco Bracardi e The Flippers il suo complesso - Mario De Simone: Pasquale, un compaesano di Peppino - Nino Vingelli: un trafficante - Nino Milano : un altro trafficante - Sergio Corbucci: il signore che aspetta il suo turno al telefono pubblico - Mimmo Poli: un ladruncolo - Nello Appodia: il cameriere del night


Toto_Peppino_e_la_dolce_vitaSoggetto 

Antonio Barbacane (Totò) viene mandato dal ricco nonno a Roma per cercare di corrompere dei politici affinché spostino il tracciato di un'autostrada sulle proprie terre al fine di aumentarne il valore. Egli, invece di provvedere, si abbandona ai piaceri della capitale pur non avendo un lavoro fisso. Per controllarne l'operato viene inviato lì suo cugino Peppino (Peppino De Filippo), segretario comunale del paese, moralista ed integerrimo a tal punto da far rimuovere i manifesti del film La dolce vita. Sulle prime Peppino non è disponibile alla missione ma si convince una volta che Pasquale un suo compaesano gli legge una lettera di Antonio in cui dava posti, si negava ad Anita Ekberg e dava consigli a Fanfani. Antonio invece sta sbarcando il lunario come posteggiatore abusivo a via Veneto dove però è conosciuto da tutti. Arrotonda infatti gli incassi con i servizi che procura ai nobili, frequentatori di quel posto: vende a credito pacchetti di sigarette, presta denaro con interessi anticipati anche a babbo morto, procura donnine allegre a chi ha voglia di divertirsi, mette in contatto i venditori coi clienti interessati all'acquisto di automobili di lusso. Un certo presidente della S.p.a. tramite un amico, il conte Oscar, è in attesa di ricevere una partita di coca. I venditori sono pedinati dalla polizia e poco prima di essere arrestati riescono a liberarsi della merce facendola scivolare nella tasca del cappotto del conte. Questi per evitare problemi avvicina Antonio, suo conoscente, con un pretesto, gli fa indossare il cappotto e lo invita al 'Pipistrello', un night-club alla moda, con quel vestito. Questo abito lo fa apparire benestante al cospetto di Peppino che, dopo essere stato coinvolto involontariamente in una scazzottata prontamente fotografata dai paparazzi, trova Antonio su quella strada. Rifiutati i rimproveri del nonno portati da Peppino, Antonio lo porta in giro. Due belle straniere dopo aver litigato con i loro uomini per ripicca li abbandonano e vanno a fare la conoscenza dei due Barbacane seduti a un tavolino. Antonio sfrutta l'ignoranza di Peppino per parlare in un ipotetico inglese ma per loro fortuna le ragazze comprendono l'italiano e accettano con entusiasmo la proposta di portarle a ballare al 'Pipistrello'. Sebbene i due non siano frequentatori di locali non mostrano alcun disagio divertendo le ragazze e portando confusione. A un certo punto della serata arriva Oscar che si fa notare da Antonio per recuperare la scatola, ma lui finge di non vederlo. Il conte a questo punto lascia andare Elena la sua amante a perquisire Antonio impegnato in pista con la straniera, ma invano. Antonio infatti ha aperto l'astuccio e credendo che fosse borotalco ne ha diffuso il contenuto nell'aria eccitando tutti i presenti. Il nonno intanto sta sorvegliando i nipoti di nascosto e depreca i loro comportamenti. E' notte alta e Peppino è ubriaco e stanco. Antonio lo colloca nel bagagliaio di un'auto in sosta nella quale si accomoda per riposare. Ma la macchina non rimane lì tutta la notte: il suo proprietario, l'avvocato Guglielmo detto Guco, infatti la porta via accompagnato dalla sua amante Magda. Svegliatosi Antonio, su richiesta della ragazza alla ricerca di un posto tranquillo e originale, li conduce a casa sua, una dimora allagata e abbandonata. Mentre sono lì due ladri tentano di rubare la ruota di scorta dell'auto in sosta ma alla vista di Peppino nel bagagliaio, temendo che sia morto, fuggono impauriti. La ragazza intanto dopo i primi entusiasmi si è annoiata e all'insaputa di Antonio i due amanti vanno via portando con loro il dormiente Peppino. Il giorno dopo Antonio arringa 300 dimostranti tutti posteggiatori abusivi per sollecitare la regolarizzazione della categoria. Alla vista della polizia il comizio non autorizzato si interrompe e Antonio viene condotto dinanzi al ministro a cui manifesta il desiderio di autorizzare almeno la sola sua posizione. Intanto Peppino si sveglia e liberato da Guco riconosce nella di lui moglie Elena l'amante del conte al 'Pipistrello'. Antonio è alla vana ricerca di Peppino tra i bagagliai delle auto in sosta quando s'imbatte nel ministro intento a recarsi negli studi di un programma televisivo. Antonio lo insegue osservato dal nonno e mescolandosi tra i giornalisti della tribuna elettorale, manifesta in tivù il suo disagio, sostenuto dai giornalisti stessi e poi cacciato dalla trasmissione. Tornato a via Veneto Peppino, che aveva visto il cugino in tivù, con sua sorpresa lo ritrova questa volta in tenuta da posteggiatore. Antonio si giustifica con la scusa di mimetizzarsi agli agenti delle tasse per non pagare troppe tasse e continua a illuderlo di avere parlato al ministro del problema della strada. Intanto arriva Renata Francesca, la baronessa che lo invita con lei a un party col proposito segreto di fargli pagare il pieno dell'auto. Il nonno, che è sempre sulle loro tracce, li segue in taxi. Fanno benzina e qui Antonio ritrova il ministro che sotto pressione gli da la sua parola d'onore di dargli l'agognato posto, quando la radio informa che il governo era caduto già da un'ora. Alla festa ci sono tutti: Magda, Guco, il presidente della S.p.a., Oscar, Elena in attesa di festeggiare il centesimo amante di Jacqueline. Giunti sul posto Antonio confessa a Peppino di non avere più una lira, di sopravvivere facendo il posteggiatore e che la S.p.a., di cui è presidente, significa società posteggiatori abusivi. Peppino si sente perso, su quell'aiuto contava molto. Antonio lo persuade prima a spararsi, poi a dimenticare i suoi problemi almeno per quella notte, invitandolo a partecipare a quella festa malgrado il rischio di perdere l'eredità. I comportamenti degli invitati sono disinibiti e promiscui, annoiati e infantili. I due cugini, invitati alla seduta spiritica condotta dalla medium Norma per stabilire un contatto con le anime dei morti, vengono terrorizzati dalla comparsa di un fantasma. Reagiscono allo scherzo di Franco con parole grosse alle quali devono porre rimedio con una sfida a duello con un tal de' Pitoni. Ma anche questo in realtà è uno scherzo e il festino riprende. Irrompe furibondo il nonno che li rimprovera di aver abbandonato le consegne ricevute e di essersi dati alla brutta vita. Spediti al paese i nipoti, mentre vivono tra le pecore, ricevono una lettera del nonno. Sarà lui a occuparsi degli affari di famiglia iniziando proprio da via Veneto dove anche lui però si è lasciato travolgere dalla dolce vita. 

Critica e curiosità 

Il film viene realizzato sull’onda del film di Fellini, riutilizzando gran parte della costosa scenografia di via Veneto allestita per quel film e recuperando il soggetto che Steno e Fulci avevano preparato per quel Totò e Peppino in via Veneto programmato tre anni prima dalla DDL; al posto di Steno c’è ora Mastrocinque, e invece di Broggi e Libassi produce la MB Film, una piccola casa di cui è socio Gianni Buffardi, il marito di Liliana de Curtis, che il principe cerca di aiutare finanziariamente per amore della figlia. Ma dopo i primi giorni di riprese Mastrocinque abbandona il set per contrasti con la produzione (la prima ripresa in Via Veneto è la sua); Totò ricorre allora a Corbucci, appena testato in Chi si ferma è perduto e che passa tra l’altro per un esperto della dolce vita romana (nell’ambiente lo chiameranno un po’ malignamente “il Fellini dei poveri”).

Si gira negli studi Titanus alla Farnesina, su negativi Dupont S.2, sviluppo e stampa Istituto N.Luce, dove lo scenografo Filipponi ha ricostruito un tratto di via Veneto completo di marciapiede, vetrine ed edicola. La sceneggiatura viene scritta man mano che procede la lavorazione del film. Si riparte dalla scena in cui Totò e Peppino vengono abbordati da Taina Beryll e Gloria Paul, una sequenza indicata in sceneggiatura in modo alquanto sommario, e sviluppata dai protagonisti praticamente sotto i riflettori. La lavorazione procederà allo stesso modo fino alla fine delle riprese: le scene vengono abbozzate poche ore prima del ciak, e affidate alla rifinitura o allo stravolgimento dei due primi attori. Il film viene ad avere così due anime, una dal soggetto originario di Steno & Fulci, basato sul posteggiatore abusivo Totò in cerca di un lavoro stabile, e un altro improvvisato al momento, a parodiare il film di Fellini.

Il verdetto della commissione censura è severissimo: divieto ai minori di 16 anni a patto che vengano scorciate numerose scene. Totò, Peppino e... la dolce vita è uno dei film più massacrati di Antonio de Curtis, meno di Totò e Carolina ma più di Totò all’inferno, l’ultimo violento colpo di coda della censura nei confronti di un attore che è comico vero, e perciò intimamente sovversivo. Salta tra le altre una scena giudicata “contraria al sentimento religioso”, in cui Totò inseguiva dentro una chiesa Peppino De Martino, ministro “democratico e cristiano”, andandosi a inginocchiare supplice accanto a lui. 


Così la stampa dell'epoca

1960 Epoca La dolce vita a Milano
«Epoca», 1960. Inchiesta sulla "dolce vita" notturna a Milano
1961 04 10 Alta Tensione INTRO

Peppino Barbacane (Peppino De Filippo) è segretario comunale di un paesino del sud. Amministratore onesto e zelante, almeno nelle apparenze, Peppino si rende interprete del desiderio dei suoi concittadini, e in special modo del vecchio nonno, ricco proprietario terriero, e si batte da anni perché l'autostrada nazionale passi attraverso il piccolo centro. Se ne è interessato, bombardando il Ministero, a Roma, di esposti e di domande, finché il nonno non ha deciso di «spedire» a Roma un altro suo nipote, Antonio Barbacane (Totò). Con la burocrazia, si sa come succede: chi vuole vada, chi non vuole scriva. Cosi Antonio è venuto a Roma, sovvenzionato dai compaesani e dal nonno. Dalle lettere che scrive al paese si direbbe, infatti una specie di « re di via Veneto » : conosce uomini politici, stelle del cinema e aristocratici, ed è anche presidente di una non meglio identificata S.P.A.

La verità è che egli è semplicemente uno scalcinatissimo custode di posteggio abusivo nella celebre strada e in questo senso fa muovere ai propri ordini le dive e i personaggi importanti, guidandoli quando posteggiano la macchina ; in questo senso ha in mano via Veneto. La Società S.P.A. non è altro che il « Sindacato Posteggiatori Abusivi ». Insospettiti per un silenzio più lungo del solito, il nonno e i paesani mandano a Roma Peppino per toccare con mano la situazione e vedere a che punto è la pratica per la benedetta autostrada.

Quando i due cugini s'incontrano a via Veneto, Antonio sembra un vero signore, per via di un cappotto con pelliccia che uno stravagante aristocratico (Antonio Pierfederici) gli ha messo sulle spalle, in quanto l'indumento « scotta » : in una tasca vi è un barattolo di borotalco pieno di cocaina, e l'aristocratico se ne è liberato, perché inseguito dalla polizia.

Perché non crolli il suo prestigio di fronte a tutto il paese, Antonio è costretto a recitare la parte dell'uomo importante che saluta e conosce tutti, e per fare degnamente da cicerone a Peppino accetta di portarselo dietro nel « night » dove egli ha appuntamento con l'aristocratico, per restituirgli il cappotto. I due fanno conoscenza di due belle straniere (Gloria Paul e Taina Be-rjll) che, avendo litigato con i rispetti mariti, per vendicarsi cercano la compagnia dell'amante latino. Al night, ubriachi di whisky e di droga ( il « borotalco » che Antonio ha spruzzato su qualche macchia ha finito per « vaporizzare » in tutto l'ambiente), i due cugini combinano un indescrivibile parapiglia, con spogliarelli e scazzottature finali.

Le notti romane della dolce vita sono lunghe e imprevedibili. Peppino finisce nel capace portabagagli di una grossa auto straniera, mentre Antonio porta nella sua casa « allagata » di periferia («stile veneziano », perché è una specie di laguna) una coppia in cerca di emozioni (Francesco Mulè e Rosalba Neri).

Sempre alla ricerca delle gioie della presunta dolce vita, i due cugini vengono imbarcati a via Veneto su una macchina di stravaganti personaggi, che vanno ad una festa in un castello. Qui Antonio butta la maschera e rivela al cugino di essere un povero posteggiatore abusivo, per niente preoccupato del problema dell'autostrada. Peppino dapprima è scandalizzato, ma poi getta a sua volta la maschera: non potrà fare uno scandalo, non potrà dire al nonno che Antonio è un poco di buono, perché anche lui ha molte cose da nascondere. Infatti Peppino ha sottratto forti somme di denaro dalla cassa comunale del paese per accontentare la bella moglie del farmacista del paese di cui è l'amante. Che fare, adesso? Non c'è molto da scegliere, e poi, tutto sommato, quello che stanno facendo a Roma è tutt'altro che sgradevole.

I due cugini si gettano nel vortice della dolce vita, nel grande castello, dove s'imbattono con i personaggi più impensati, e vivono divertenti e paradossali avventure. Ma sul più bello arriva il vecchio nonno che dice di sapere lui come risolvere tutto.

Soluzione: Antonio e Peppino, con i calzari dei pastori abruzzesi, sorvegliano le greggi del nonno, mentre questi se ne sta a via Veneto, sprofondato in poltrona e attorniato da bellissime donne, a godersi la dolce vita.

«Alta Tensione», anno VII, n.141, 10 aprile 1961


«Il principe Antonio de Curtis, Totò, ha firmato un contratto cinematografico che lo impegna ad «entrare in dolce vita». Il successo di cassetta della felliniana « Dolce vita » ha indotto altre produzioni a sfruttare, come del resto avviene ogniqualvolta un film piace al pubblico, la fortuna di un titolo. Così si annuncia già una parodia della pellicola di Fellini. Si intitolerà « Totò e la dolce vita». Le riprese cominceranno in aprile.»

«Corriere dell'Informazione», 1 marzo 1960


«Debolissima parodia al film di Fellini [...] Mancando ogni trovata, il pubblico si deve accontentare della generica bravura dei due comici.»

«Corriere dell'Informazione», 4 aprile 1960


«[...] Al solito l'invenzione è tanto povera e la comicità così grossolana, che ci pare superfluo trattenerci sull'accozzaglia dì casi che vi tengono luogo di vicenda. Eppure la risata il filmetto la strappa piuttosto spesso; e non tanto per la rozza caricatura dì alcuni passaggi del film felliniano (Vìa Veneto, Ì paparazzi e scampoli di orge nobiliari) e molto meno per la solita macchinetta degli equivoci, quanto per il duetto serrato e quasi sempre spassoso dei due protagonisti, Totò e Pappino [...] Il regista si è affidato a loro a occhi chiusi [...]»

Leo Pestelli, «La Stampa», 20 aprile 1961


«[...] "Totò, Peppino e... la dolce vita", di Sergio Corbucci, vorrebbe essere la parodia del famoso film di Fellini, ma è soltanto una stanca farsa vociante e inconcludente. Fra tanta sciatteria si salva, a tratti, la pirotecnica bravura dei due comici, ai quali si devono augurare canovacci meglio ideati e eseguiti.»

«Corriere della Sera», 2 aprile 1960


«Sergio Corbucci, dopo aver firmato numerosi copioni rivistaioli, è passato al cinematorafo, dirigendo questa ennesima puntata della serie Totò, Peppino e...[..] Parodia condotta non tanto secondo un gusto di piacevole divertimento, ma spesso con mano e allusioni più equivoche, di pornografia fine a se stessa.»

Mauro Manciotti, 1961


«Fosse almeno una parodia del film di Fellini! [...] Totò e Peppino fanno del loro meglio per salvare il film dal mare di banalità»

Corriere Lombardo, 1961


«È molto tempo che non recensisco un film di Totò. Vederli fa bene alla salute, perciò colgo l’occasione della proiezione di questo Totò, Peppino e la dolce vita per tessere di nuovo l’elogio del principe Antonio de Curtis. Ogni suo film è un bene prezioso, come un gioiello. I negativi della miriade dei suoi lavori dovrebbero essere conservati in una cassaforte, a Fort Knox. C’è voluto molto tempo perché ci si accorgesse della grandezza di Totò, della sua genialità, paragonabile solo a quella dei fratelli Marx, di Chaplin, di Keaton».

Walter Veltroni


«Nel novembre del '60 un redattore di «La Fiera del Cinema» si intrufola nel teatro n. 3 della Titanus Farnesina. Sono le otto di sera, la troupe sta facendo gli straordinari. Camillo Mastrocinque gira la prima scena di Totò, Peppino e... la dolce vita, prodotto da Gianni Buffardi, il marito di Liliana de Curtis. Davanti a vetrine, tavolini e aiuole simili a quelle di via Veneto, Dina Perbellini e Irene Aloisi, nobildonne romane, si intrattengono «democraticamente» con Totò, posteggiatore abusivo, divorandogli sotto i suoi occhi il piatto di pastasciutta che il pover'uomo si è appena cucinato».

Alberto Anile


«Totò interpreta Antonio Barbacane. Il film è la parodia dell'omonimo capolavoro di Federico Fellini e ne riproduce la tipica atmosfera in chiave farsesca. Antonio Barbacane, un posteggiatore abusivo, e il cugino Peppino (Peppino De Filippo), entrambi alla ricerca di una sistemazione dignitosa, si ritrovano a Roma, cedendo alle lusinghe della dolce vita. Ne seguono parecchie avventure, come la serata in un night con due belle straniere e il party peccaminoso in un castello, con tanto di seduta spiritica.»

Matilde Amorosi


La censura

La commissione censura si concentra particolarmente sulla sequenza del party al castello, parte integrante del film:

  • L'esclamazione annoiata di Franco al party: «Le solite mignotte» diventa: «Le solite droghe».

  • Salta un dialoghino fra Gugo e sua moglie (Mara Berni) abbracciata all'amante Oscar:
    Moglie: «Ti annoi mio piccolo maritino? Bevi e non pensarci troppo.»
    Gugo: «E voi che fate?»
    Moglie: «Io farò come quella volta a casa del conte Palmieri.
    Ricordi? Quello che è stato arrestato?»
    Gugo: «Ah ah! Gli hanno dato dieci anni.»
    Oscar: «E infatti lo difendevi te.»
    Gugo: «È naturale.»

  • Eliminata una battuta di Jacqueline Pierreux: «Quelle merdeuse», il che rende incomprensibile la risposta successiva di Castellani («Sempre spiritosa, Jacqueline»).

  • Salta un dialogo su uno spogliarello:
    Franco: «Ah, ma ci hai sfinito con 'ste fregnacce.»
    Marra: «Luchetto si è pervertito, adesso gli interessano le donne.»
    Genovese: «Ti interessano le donne adesso?»
    Lucchetto: «Sì, sì!»
    Edda: «Andiamo a vedere, andiamo.»
    Rosati: «Andiamo.»
    Lucchetto: «Andiamo a vedere che cosa succede di così terribile!»
    Edda: «Ahò, Elena è un fenomeno a spogliarse.»
    Rosati: «Capirai se non lo fa bene lei che...»

  • Tagliato lo spogliarello di Mara Berni, mentre gli astanti commentano:
    Rosati: «Ah bona! Mi farei strangolare da du' gambe così.»
    Luchetto: «Perché tu non hai visto le mie!»
    Rosati: «Ma va' a morì ammazzato!»
    Gugo: «Mamma mia quanto è bella mia moglie! Sì, è mia moglie!»
    Edda: «Ahò, è arrivato monnezza eh!»
    Baronessa: «Ahò, che spiritoso, guardate che meraviglia.»
  • Peppino De Filippo ridoppia una sua battuta per far sparire l'esclamazione: «Gesù Gesù» (peraltro ripetuta più volte successivamente).

  • Saltano due intere esilaranti pagine di dialogo fra Totò e Peppino:
    Edda: «Ma chi so' sti due?!»
    Franco: «So' du' froci.»
    Peppino: «Senti Anto', senti Anto', ma tu hai sentito quei due che dicono, come ci hanno chiamato?»
    Totò: «Sì, sì, sì.»
    Peppino: «Ebbè, come sarebbe?»
    Totò: «Quello è un intellettuale e si è ispirato all'odissette hai capito?»
    Peppino: «All'odissette? Perché?»
    Totò: «All'odiotto.»
    Peppino: «L'odiotto...»
    Totò: «La odessa!»
    Peppino: «L'Odissea!»
    Totò: «L'Odissea.»
    Peppino: «A proposito di chi?»
    Totò: «A proposito dei Proci, sai chi sono i Proci? Quei principi dell'antichità che tutto il giorno gozzovigliavano in casa di Pennelope...»
    Peppino: «Pennelope... Penelope!»
    Totò: «E Penelope!»
    Peppino: «Ah, ho capito...»
    Totò: «Qui guardati intorno, sono tutti Proci!»
    Peppino: «Eh, me ne so' accorto.»
    Totò: «Oggi essere Procio è un titolo d'onore.»
    Peppino: «Eh!»
    Totò: «Io, per esempio, se fossi in te, dato che ci hai anche il fisico, modestamente, fatti Procio!»
    Peppino: «Tu sei scemo!»
    Totò: «Fatti Procio!»
    Peppino: «Ma vattene...»
  • Eliminata la scena in cui, poco prima del duello finale, Totò sputa nell'occhio bendato del guercio Castellani. Questo il dialogo sparito:
    Totò: «Scusi, lei ci ha un occhio solo?»
    Castellani: «Sì.»
    Totò: «Quest'altro è libero?»
    Castellani: «Evidentemente.»
    Totò: «Permette?»
    Castellani: «Prego.»
    Totò: «Grazie. Ppù! Va bene?»
    Castellani: «La pagherete questa offesa.»

  • Un ultimo taglio viene fatto alla colonna sonora nel momento finale dell'«orgia». Su invito di Stajano gli invitati si mettono tutti a quattro zampe a fare le pecorelle: spariscono alcune frasi.

Alberto Anile

I documenti



Anche l'autista personale di Antonio de Curtis, Carlo Cafiero, ebbe modo di fare una breve apparizione nel film Totò, Peppino e la dolce vita nel 1963.


Totò: Allora, giriamo?
Corbucci: Sì, ma cosa? Non c'è niente, nemmeno la sceneggiatura.
Totò: E che, vuoi pure la sceneggiatura? Non ti preoccupare, poi con Peppino ci mettiamo, scriviamo le cose, facciamo una scaletta.

Totò e Sergio Corbucci sul set del film "Totò, Peppino e la dolce vita"


In fase di sceneggiatura Totò praticamente non dava nessun apporto. Ma appena arrivava sul set, partoriva un’idea dietro l’altra, inventava battute e situazioni comiche, ti trasformava di sana pianta anche la scena più banale. Totò, Peppino e la dolce vita era un film incasinatissimo, prodotto da parenti suoi, la figlia con il marito, tanto è vero che io arrivai in sostituzione di Camillo Mastrocinque che aveva litigato e se ne era andato. Non sapevo niente, non avevo neppure letto il copione, e c’era una scena di una specie di bar con un tavolino, e su un foglio lessi che Totò e Peppino avrebbero dovuto sedere attorno a questo tavolino chiacchierando. Ma di che cosa non era specificato. Gli dissi: “lo sono piombato qua, questo è quanto mi trovo tra le mani, però sono all’oscuro di tutto, e adesso che facciamo in questa scena del bar?”. E Totò, calmo calmo, mi disse di lasciarlo fare. Così, di sana pianta, mentre lo seguivo con la macchina e Peppino ordinava dello champagne al cameriere che gli suggeriva il Moét Chandon, Totò inventò uno sketch straordinario svisando Moèt Chandon in "Mo’ esce Antò" andando avanti sull’equivoco per diversi minuti. Tutti della troupe schiattavamo dal ridere, in quei casi spesso i macchinisti e gli elettricisti finivano con l’applaudirlo perché si divertivano come pazzi, inaspettatamente.

Sergio Corbucci


Le supposte e la censura

La dolce vita

Alla battuta della medium: «Le cose vere le mettiamo da parte, ma le supposte, le supposte dove le mettiamo?» Totò e Peppino rispondevano così: Totò: «Peppino, le supposte dove...?» Peppino: «Ehm, non so... io...» Castellani: «Silenzio!» Totò: «Oddio, se servono...» Peppino: «E va bene, si comprano.» Lo scambio di battute viene eliminato; sul taglio Totò ha aggiunto in doppiaggio una nuova battuta fuori campo per chiudere la situazione: «Direi che per il momento accantoniamo le supposte».

Le forbici della censura sul film "Totò, Peppino e la dolce vita" - 1961


Cosa ne pensa il pubblico...


logodavi

I commenti degli utenti, dal sito www.davinotti.com

  • Non è certo il miglior film dell'accoppiata Totò-Peppino, ma riserva momenti gustosi. Il film tiene bene per due terzi, fino all'arringa ducesca di Totò, che chiede un "posteggio al sole" e ricorda che "abbiamo pazientato quaranta mesi: ora basta!". Ci sono momenti davvero parodistici, con la Neri che sposa la Ekberg e la Aimée, facendo il bagno nell'appartamento di periferia, ma non sempre azzeccati (la festa finale, con Staiano, è debole). Cameo di Corbucci, che vuole usare il telefono pubblico usato da Peppino.

  • Ovvia parodia del quasi omonimo film di Fellini, il film è la classica storia dei provinciali meridionali irretiti dalla vita tentacolare della grande metropoli che finisce rapidamente per conquistarli. Lo spunto è decisamente buono, ed ottima la caratterizzazione dei protagonisti che bene intepretati dai due attori partenopei danno al film una impronta comica davvero pregevole per battute e situazioni. Il contesto purtroppo (per quanto riguarda sceneggiatura, regia e resto del cast) latita.

  • Due provinciali arrivano a Roma dove si impastoiano nei vizi della perversa “dolce vita”... Spassosa performance di Totò e Peppino, da ricordare nonostante l’esiguità della storia e del film stesso, che è l’apparente parodia dell’opera di Fellini, ma in realtà si rivela una collana di sketch tenuti in piedi dall’irresistibile accoppiata. Fa parte della lunga serie dei lavori “tirati via” nella filmografia di Totò, ma basta lui (e Peppino) per renderlo consigliabile alla visione.

  • Cosa può accadere quando due soggetti digiuni di appetiti libertini si trovano di fronte a occasioni di baldoria inaudita? La coppia storica del cinema comico di casa nostra ce lo spiega, tra situazioni irresistibili (tutta la sequenza del night club) e giochetti di parola marchio di fabbrica del duetto (la traduzione simultanea in "inglese"). Il modello sta nel titolo e la vena "licenziosa" si scorge anche in qualche centimetro di epidermide più della norma, tra calze, reggicalze, décolleté e gambe all'aria. Non trascendentale ma simpatico.

  • Totò e Peppino immersi nella dolce vita felliniana. Un'idea di per sé già geniale, qui sfruttata bene da una sceneggiatura che permette alla coppia di lanciarsi in una serie di situazioni assurde e paradossali, dove sanno dare il meglio di sé. Contornati anche da buoni comprimari (tra cui un ottimo Mulè) e bellissime donne (la Paul su tutte), i due procedono tra i classici giochi di parole e qualche momento di blanda satira politica. Ritmo sostenuto, regia svelta. Notevole.

  • Occasione ghiotta, che Steno e Fulci non si lasciano scappare, di parodiare il grande successo di Fellini La dolce vita, chiamando Totò e Peppino De Filippo a rifare quello che sanno fare bene (l'hanno dimostrato in più di un'occasione). Si aggiunge anche una spruzzata di costume politico nazionale, con Totò che riesce a infilarsi in una tribuna politica televisiva rivendicando i suoi diritti di abusivo (più italiano di così!). Riconfermata la seduzione e l'attrattiva di Via Veneto di quegli anni, cui nessuno riesce a sottrarsi.

  • Nonostante il richiamo nel titolo non si può parlare di parodia; il soggetto non è così banale e attraverso una satira pungente e scoppiettante si irridono gli eccessi della vita notturna, dei festini a base di alcol e cocaina e il pressapochismo che accompagnava tanti finti altolocati e ricchi annoiati alla ricerca di emozioni forti. Il merito è probabilmente di Fulci, autore con Steno del soggetto, mentre Totò e Peppino giganteggiano e sono autori di alcuni scambi veramente eccezionali.

  • Uno dei Totò migliori, iniziato da Camillo Mastrocinque ma poi girato da Sergio Corbucci, contiene gag esilaranti e sequenze oggi considerate d'antologia (si veda, per esempio, il ridicolo tentativo dei due "cafoni" di comunicare con le "straniere" Beryll e Paul, il passaggio "traghettato" di Mulè e della Neri nella casa allagata dell' "omino" Totò...).

  • Grazioso film con Totò e Peppino (qui un po' sotto tono) che utilizza l'espediente della parodia di Fellini. Qualcosa funziona davvero bene (la mitica casa allagata di Totò), altre scene sono invece decisamente più noiose (la prolungata festa finale). Corbucci indeciso tra la parodia e il film quasi-episodico non riesce a indirizzare la pellicola in una direzione univoca; ciò giova al ritmo, ma decisamente meno alla logicità del tutto. Nonostante tutto rimane una bella commedia, a testimonianza della bravura degli interpreti.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Andiamo a un parto" "Ah e potevate dirlo prima! E chi sgrava?" "Soreta!"; l'apologia del parcheggiatore abusivo.

  • Totò e Peppino erano ormai una coppia collaudata e di sicuro successo, per cui in questo film i due attori vengono coinvolti in una scontata parodia del film di Fellini priva di qualsiasi fondamento narrativo. Anche i due protagonisti sembrano avere talvolta le polveri bagnate (Totò era nella fase della cecità quasi completa) e benché non manchino momenti anche molto esilaranti, ci sono scene che sembrano troppo lunghe e alcuni componenti del cast si amalgamano poco con i due protagonisti, soprattutto nella parte finale. Guardabile.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena con le due straniere al night, con un fondamentale lavoro di squadra delle comparse, comprese le due bravissime ragazze.

  • Parodia decisamente riuscita perché va persino oltre le intenzioni dell'affresco originale di Fellini. Là dove Fellini critica, Totò e Peppino randellano, là dove il Maestro alza il dito per riprendere, Totò e Peppino prendono a calci. In fondo Fellini fa parte della stessa borghesia sfatta e corrotta che satireggia con compiacenza, mentre Totò e Peppino sono due zoticoni che vengono dalla campagna, due prepotenti forze della natura, due facce ottuse che distruggono tutto quello che ostacolono i loro bisogni primari e terragni. Esagitata farsa motoria.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La festa al night; La gag del Moet & Chandon; I continui giochi linguistici tra Totò e Peppino.

  • Totò in forma smagliante per un film eccellente. Finalmente una sceneggiatura vera e non solo abbozzata: merito di Fulci e Steno si è detto, ma se il tutto regge si deve a "l'omino", come dirà la Neri. Peppino meno influente del solito. Sfondo di satira di costume stavolta molto esplicito ed effiicace. Addirittura si parla di droga (la "cacaina", come dirà Taranto in un altro film), di politica, di nobiltà decaduta, di provincialismo. Ottimo Corbucci.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Romoletto alla fiamma" e giù una gag degna dei migiori film muti.

Foto di scena, video e immagini dal set



Le incongruenze

  1. In una delle scene finali quando Peppino e Totò chiacchierano sulla scala, il labiale di Totò è sempre fuori sincrono. Totò probabilmente si è dovuto ridoppiare, ma in molti casi il fatto è evidente, tanto che lui non muove le labbra eppure parla.
  2. Ad un certo punto del film si vede Totò che "avvista" il ministro su via Veneto...e camminando lo segue per chiedere un posto fisso, ma dai tavolini di via Veneto si passa completamente ad un'altra ambientazione

www.bloopers.it


logodavi
Tutte le immagini e i testi presenti qui di seguito ci sono stati gentilmente concessi a titolo gratuito dal sito www.davinotti.com e sono presenti a questo indirizzo.
 1961-Toto Peppino e la dolce vita 01 
  Il presunto ministero davanti al quale Totò arringa i colleghi posteggiatori come presidente della S.P.A. (Società Posteggiatori Abusivi) è la sede di Eur S.p.a. in Largo Virgilio Testa a Roma, che Banfi utilizzerà come centrale di polizia in Vai avanti tu che a me vien da ridere
 ; 
La chiesa dove Totò aspetta il ministro all'uscita per chiedergli un posto di parcheggiatore all'ACI è quella di Santa Maria della Consolazione a Roma.
 ; 
  Inseguirà in taxi il ministro che sfugge in Vico Jugaro.
La villa dove Totò e Peppino vengono invitati per un party, con seduta spiritica, dalla baronessa Renata Francesca (Irene Aloisi), è Villa Brasini a Roma, già vista anche in Roma Violenta. Sono in uno dei due edifici del complesso, precisamente nella Villa Augusta.
  
L'atrio dove Antonio Barbacane (Totò), autoproclamatosi presidente della SPA "Società Posteggiatori Abusivi", va a colloquio con un senatore per rivendicare il posto di lavoro è l'atrio, già sfruttato in altri film, del Palazzo delle Fontane all'EUR
 
  Ecco un confronto esplicativo
 ; ;
  La casa dell'avvocato Guglielmo (Francesco Mulè), detto Guco, dove Peppino viene liberato dal bagagliaio dell'auto dove si era addormentato, è in Via Nicolò Porpora a Roma. 
  
  L'abitazione di Antonio Barbacane (Toto) è in Via degli Stradivari a Roma. Ecco il suo arrivo in auto con l'avvocato Guglielmo (Mulè)
 
  Il loro ingresso passando dal portone (A), a confronto con lo stesso visto in Il federale, dello stesso anno
Il paese di cui è segretario comunale Peppino Barbacane è Sacrofano (Roma).  In questa immagine si possono notare alcuni palazzi confrontabili e un piccolo scorcio sulla destra dell'immagine della Chiesa di San Biagio (E)

Totò Peppino e la dolce vita (1961) - Biografie e articoli correlati

Aloisi Irene

Aloisi Irene (Milano, 20 maggio 1925 – Roma, 1º gennaio 1980) è stata…
Aloisi Irene

Amari Mario

Amari Mario Fonico di mixage. Risulta esser stato uno dei due fonici pei film…
Amari Mario

Annuale Armando

Annuale Armando (Napoli, 5 giugno 1884 – Roma, 20 marzo 1962) è stato un attore…
Annuale Armando

Appodia Nello

Appodia Nello (Subiaco, 30 luglio 1926 – Roma, 7 maggio 2004) è stato un attore…
Appodia Nello

Béryl Tania

Béryl Tania (22 febbraio 1942) è un'attrice e ballerina tedesca. Biografia Ha…
Béryl Tania

Corbucci Bruno

Corbucci Bruno (Roma, 23 ottobre 1931 – Roma, 6 settembre 1996) è stato un…
Corbucci Bruno

Corbucci Sergio

Corbucci Sergio (Roma, 6 dicembre 1927 – Roma, 1º dicembre 1990) è stato un…
Corbucci Sergio

De Simone Mario

De Simone Mario (Caserta, 17 marzo 1930 – Roma, 8 novembre 1999) è stato un…
De Simone Mario

Di Maggio Carlo

Di Maggio Carlo Ex attore e modello italiano, conosciuto per la sua attività da…
Di Maggio Carlo

Fulci Lucio

Fulci Lucio (Roma, 17 giugno 1927 – Roma, 13 marzo 1996) è stato un regista,…
Fulci Lucio

Jacoponi Nilo

Jacoponi Nilo Classe 1936, principalmente TRUCCATORE cinematografico, come lo…
Jacoponi Nilo

Mancori Alvaro

Mancori Alvaro (Roma, 15 settembre 1923 – Roma, 24 giugno 2011) è stato un…
Mancori Alvaro

Neri Rosalba

Neri Rosalba (Forlì, 19 giugno 1939) è un'attrice italiana. Ha lavorato anche…
Neri Rosalba

Paul Gloria

Paul Gloria (Londra, 28 febbraio 1940) è un'attrice, cantante e danzatrice…
Paul Gloria

Ravazzini Gino

Ravazzini Gino Biografia È stato un attore attivo nel dopoguerra, presente…
Ravazzini Gino

Rizzoli Angelo

Rizzoli Angelo (Milano, 31 ottobre 1889 – Milano, 24 settembre 1970) è stato un…
Rizzoli Angelo

Totò e... Steno

Totò e... Steno Fatti su misura Quando con Monicelli abbiamo fatto Totò cerca…
Totò e... Steno


Riferimenti e bibliografie:

  • "Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
  • "Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983
  • "I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998
  • "Totò proibito" (Alberto Anile) - Ed. Lundau, 2005
  • «Alta Tensione», anno VII, n.141, 10 aprile 1961