Claudia Cardinale: «sono ottimista, contenta e felice»

1962 Claudia Cardinale k95

Con queste parole Claudia Cardinale - che ha raggiunto in breve tempo la popolarità delle più applaudite dive internazionali - ha festeggiato il suo ventitreesimo compleanno. La giovane attrice sta per iniziare sotto la guida di Visconti la più impegnativa prova della sua carriera nel “Gattopardo”

Roma, aprile

Non vi sembra di averla sempre conosciuta e di aver sempre sentito parlare di lei? Eppure sono appena quattro gli anni che Claudia Cardinale ha dedicato alla carriera cinematografica. «Quale desiderio ha espresso spegnendo le ventitré candeline?».

«Mi sono preoccupata di spegnerle tutte... poi ho espresso dei desideri, seri, che riguardano il mio lavoro».

1962 04 28 Tempo Claudia Cardinale f1Davanti alla tradizionale torta con le candeline, Clandia Cardinale sorride ai suoi ventitré anni. L’attrice ha festeggiato il compleanno nella sua casa romana circondata dai familiari (alla sua sinistra si riconosce, nella foto, il più giovane dei suoi fratelli, Adriano), prima di partire per la Sicilia dove Luchino Visconti sta per iniziare ”Il gattopardo”, il film tratto dal fortunato libro di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, in cui Claudia sosterrà la parte di Angelica.

«E’ contenta della sua carriera?».

«Sì, va tutto bene, mi sembra... abbastanza bene. Sono felice di aver fatto quello che ho fatto. Non ho avuto delusioni. I miei ammiratori mi hanno mandato più lettere di quante non ne avessi mai ricevute... E così mi sono accorta che tutti sanno quando sono nata. Che rabbia! Non posso più dire di avere diciotto anni!».

«Quanti se ne sente di anni?».

«Dipende dai giorni... Ma in genere me li sento tutti. Ed è una strana impressione. Mi piacerebbe averne meno».

1962 04 28 Tempo Claudia Cardinale f2

Il successo non ha guastato il carattere di Claudia Cardinale che ha conservato la fresca spontaneità di quando era studentessa all’Istituto magistrale di Tunisi. Nella foto sopra Claudia ride felice assieme ai fratelli (da sinistra: Bruno, Bianche e Adriano) ed in quella sotto riceve il loro abbraccio. Anche Bianche Cardinale si prepara a seguire l’esempio della sorella e frequenta una scuola di recitazione per attrici drammatiche. In meno di quattro anni, da quando cioè è apparsa per la prima volta sullo schermo sostenendo una piccola parte nei "Soliti ignoti", Claudia ha interpretato una ventina di film, quasi tutti di notevole successo, ed ha lavorato sotto la guida dei più celebri regi sti, da Visconti a Germi, da Monicelli a Bolognini, da Maselli a Zurlini. La sua popolarità è in continua ascesa anche all’estero: in Francia, dove è apparsa recentemente nei "Leoni scatenati" al fianco di Michele Morgan ed in Inghilterra dove si recherà nel prossimo luglio, appena terminato ”Il gattopardo”, per interpretare, sotto la direzione di Joseph Losey, un nuovo film: "La stanza ammobiliata"

1962 04 28 Tempo Claudia Cardinale f3

«Sono tanti ventitré anni?».

«Non lo so, lei che cosa ne dice?».

«Non me li ricordo più».

«Lo so che non sono molti... ma per la prima volta mi sono accorta di aver superato imo dei traguardi della vita: i venti anni. Sono pochi.. Ma un traguardo è passato».

«Si sente differente rispetto a quando ne aveva diciotto?».

«Certo. Sono successe molte cose... Chi l’avrebbe detto allora che sarei stata presentata alla Regina d’Inghilterra e al Presidente Gronchi? Ma, a parte questo, devo dire che non sono mai stata una ragazzina».

«Quanti colleghi le hanno fatto gli auguri?».

«Nessuno».

«Lei li fa ai suoi colleghi?».

«No, perchè non conosco le loro date di nascita... e poi fare gli auguri a uno che invecchia non sempre è carino».

«Qual è l’augurio che si è fatta per il ventiquattresimo compleanno?».

«Nessun augurio... a meno che non vogliamo parlare di film. Sto benissimo, non posso chiedere di più. Io sono ottimista, contenta e felice».

Franco Calderoni, «Tempo», anno XXIV, n.17, 28 aprile 1962


Tempo
Franco Calderoni, «Tempo», anno XXIV, n.17, 28 aprile 1962