Gianna Maria Canale, imperatrice per la quarta volta

1958 Gianna Maria Canale 112

1958 03 27 Tempo Gianna Maria Canale intro

Gianna Maria Canale in dieci anni di fortunata attività cinematografica non è riuscita una volta sola ad evadere dal primo personaggio affidatole

Roma, marzo

La contraddizione per cui una ragazza timida, moderna, allegra, sullo schermo appare come vamp, come donna crudele e ammaliatrice, è una delle più consuete nel mondo del cinema. Il caso di Gianna Maria Canale è uno dei tanti. «Mi hanno falsata, mi hanno falsata» diceva l’attrice l’anno scorso, al Festival di Venezia; e citava, a prova, i titoli dei suoi film in costume, storici o pseudostorici, o addirittura di cappa e di spada. «Da oggi in poi, aggiungeva, vita nuova. Voglio interpretare un personaggio allegro, moderno, magari un tantino frivolo, ma voglio essere una donna vera non una vamp».

1958 03 27 Tempo Gianna Maria Canale f1

Il tutto è rimasto una semplice intenzione. Quindici giorni dopo infatti la Canale girava Le fatiche d'Ercole e II corsaro della mezza luna: due film in costume. Per di più, giorni fa le hanno proposto di essere Afrodite, in un film che dirigerà Mario Bonnard. L'attrice non ha accettato. Questa volta però perchè ha giudicato che il compenso offertole era troppo esiguo.

1958 03 27 Tempo Gianna Maria Canale f3Gianna Maria Canale nel soggiorno della sua villa sulla Cassia, nella quale vive completamente sola

Dato i tempi che corrono, la ragione del rifiuto è ancor più sorprendente. Solo chi è molto sicuro di sè, sotto tutti i punti di vista, può permettersi oggi un lusso di questo genere. Ma Gianna Maria Canale lo è. Sono dieci anni che è sulla breccia: dall’anno, cioè, in cui si classificò seconda al concorso di Miss Italia. Da allora l’attrice non soltanto ha sempre lavorato, ma ha anche saputo sempre amministrarsi con molta avvedutezza. Fra le ville dei cineasti che sorgono sulle colline vicino alla Cassia (la chiamano la Beverly Hill di Cinecittà), la sua è certamente una delle più belle e delle più sontuose.

1958 03 27 Tempo Gianna Maria Canale f2L’ATTRICE nella modernissima cucina della sua villa a Roma. La Canale ha ora tre film in programma: in Italia, Germania e nel Messico. Del primo si conosce già il pomposo titolo, ”La rivolta dei gladiatori”, nel quale l’attrice dovrà sostenere la parte di imperatrice, per la quarta volta nella sua carriera.

1958 03 27 Tempo Gianna Maria Canale f4RECENTEMENTE l’attrice ha preso parte a due film in Inghilterra dove la sua severa bellezza mediterranea è piaciuta molto. In "Tutta la verità", il primo dei due, i produttori britannici le hanno affidato la parte di una diva famosa, imponendole di mutarsi ben venti volte d’abito. La Canale ha debuttato dieci anni fa.

1958 03 27 Tempo Gianna Maria Canale f5L’ALTRA PELLICOLA, ”Il nemico silenzioso”, cui hanno partecipato anche altri attori italiani, si ispira ad alcuni episodi dell’ultima guerra. E’ dedicata infatti al sommozzatore inglese Crabb, scomparso misteriosamente un paio d’anni fa, e la cui vita è narrata non senza molta fantasia.

Circondata da un grande giardino, nel quale è stata ricavata una piscina, la villa è a due piani. Al pianterreno, vi sono quattro ambienti: il soggiorno, aperto su una vetrata, è lungo 12 metri e largo 10. L’arredamento è composto da mobili antichi, di grande valore: con un solo pezzo si potrebbe comprare un appartamento di tre stanze. Una grande terrazza conclude l’edificio. In questa villa principesca l’attrice vive sola («la storia con Riccardo Freda, dichiarò a Venezia, è finita»), quando il lavoro non la chiama altrove, lontano da Roma.

A.D., «Tempo», anno XX, n.13, 27 marzo 1958


Tempo
A.D., «Tempo», anno XX, n.13, 27 marzo 1958