Una Wanda, tre comici e 12 pappagalli

Wanda-Osiris

1956-10-28-Epoca-Rivista-Wanda-Osiris

La nuova rivista che la compagnia di Wanda Osiris ha presentato a Genova, in “prima'’ nazionale, si intitola “Okay Fortuna!” ed è stata ideata da Puntoni e Terzoli. La famosa “soubrette” ha voluto stavolta avere a fianco tre giovani anziché un comico di grande nome: Gino Bramieri, Giustino Durano e Raimondo Vianello. La nuova formula ha avuto pieno successo.

Soubrettes e toilettes

Il pubblico delle riviste sa a priori quello che ci si può attendere da uno spettacolo inscenato da Wanda Osiris; gli stessi autori sanno sempre qual è il tono generale che avrà la rappresentazione. Si tratta soprattutto di fornire dei pretesti a una serie di quadri in cui si possa fare il massimo sfoggio d’eleganza e di fasto. « Okay Fortuna! » si ispira a questi criteri; in una scena sei «figuranti» appaiono con delle parrucche che sorreggono dei globi di cristallo in cui svolazzano due pappagallini invi. Ma su tutto e tutte domina e si impone la personalità della Osiris. La diva sfoggia sei o sette abiti uno più sfarzoso e lussuoso dell’altro, sullo sfondo dei suoi tradizionali e monumentali scaloni. E quando non può essere lei a indossare un bel costume, ne fa indossare al folto stuolo delle «subrettine», che ella sceglie sempre con cura. La Osiris canta due canzoni di Frustaci destinate a molto successo.

1956 10 28 Epoca Rivista Wanda Osiris f11956 10 28 Epoca Rivista Wanda Osiris f2
Ecco tre delle toilettes, come al solito elegantissime, che la diva indossa nel corso del nuovo spettacolo che la sua compagnia presenta col titolo di «Okay Fortuna!». La prima a sinistra è di crèpe georgette nero con ricami bianchi suldécolleté, lo seconda ha una crinolina a volants alternati di merletto e tulle bianchi, la terza una gonna di chiffon crema pieghettato su cui scendono a guisa di paniers due balze di pizzo d'oro. Le lunghe maniche sono orlate di lince.
1956 10 28 Epoca Rivista Wanda Osiris f3

Le battute più divertenti

Wanda Osiris, in una scenetta, finge di guidare una macchina da corsa avendo Vianello seduto tremebondo al suo lato.

« Bada » l’avverte l’attore, spaurito « che vai a 130 all’ora! »

« Come puoi dirlo con tanta precisione? » obietta lei.

« Lo vedo sul tachimetro » ribatte Vianello. « Guarda: segna uno, tre, zero. »

« Oh, bella! » ride divertita Wanda. « Io l’avevo preso per l’orologio e credevo che segnasse l’una e mezza! »

« Ma chi t’ha dato la patente? » chiede l’altro esterrefatto.

« Nessuno » dichiara lei, serena. « L’esaminatore dopo neanche duecento metri m’ha detto che per me la patente di guida non serviva e che mi ci voleva piuttosto il porto d’armi... »

1956 10 28 Epoca Rivista Wanda Osiris f51956 10 28 Epoca Rivista Wanda Osiris f6
 La ballerina mulatta Carmen è stata assai apprezzata sia come bella donna sia come brava danzatrice, specialmente nei quadri eseguiti col suo partner Ronne.Ulla Lynn e Lucia Folli, danese l'uno, italiana l'altra, tutte e due bionde, tutte e due giunoniche e tutte e due piuttosto alte: quasi un metro e ottanta. 
1956 10 28 Epoca Rivista Wanda Osiris f4
 Bramieri, Durano e Vianello costituiscono un ameno terzetto benché ognuno di questi giovani comici abbia uno personalità assolutamente diversa da quella degli altri due. Bramieri è esuberante, rumoroso e gioviale; Vianello è compassato e svagato, la tipica incarnazione di quei lords inglesi tanto cari a Woodehouse; il filiforme Durano, invece, trova le migliori risorse dello sua comicità nelle parodie canore e in certi atteggiamenti burattineschi. Nella fotografia qui sopra: i tre compari rievocano, in caricatura, un noto trio radiofonico.

Bramieri, parodiando Lombardi, il famoso « amico degli animali », presenta alcuni caratteristici esemplari di... fauna politica:

« Ecco il Pacciardus Solitarius, della razza dei Repubblicani Storici ormai in via di estinzione. L’ho catturato in un ministero e so io che' fatica per farlo uscire... E quest’altro è il Martinus Ridenti, sebbene non si sappia che cos’abbia da ridere. Viene volgarmente chiamato “il banale di Suez”. E' in continua migrazione, sebbene non si sappia dove vada né perché... »

«Epoca», anno VII, n.317, 28 ottobre 1956


Epoca
«Epoca», anno VII, n.317, 28 ottobre 1956