Articoli & Ritagli di stampa - Rassegna 1931


Rassegna Stampa 1931


Totò

Articoli d'epoca, anno 1931

16 Gen 2014

Antonio e Diana, un amore difficile

ANTONIO E DIANA, UN AMORE DIFFICILE Dopo l’annullamento del matrimonio, i nostri rapporti continuarono ad essere tempestosi. Divenne ancora più geloso di…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
18680

1931 01 11 Il Messaggero intro

Il debutto di Totò all'Umberto I ha segnato all'attivo di questo inarrivabile comico un altro clamoroso suceesso. Il pubblico è accorso in folla a salutarlo e fu avvinto dalla sua comicità garbata, originale ed Inesauribile, e lo compensò con frequenti unanimi applausi o numerose richieste di bis. (Nota: Totò si esibisce per cinque giorni insieme alla Compagnia Negra di Lois Duglas, lo sciame negro di girls, dal frenetico jazz, dalle grazie e dal fascino delle attrici e delle cantanti dello stesso colore.)

«Il Messaggero», 11 gennaio 1931


1931 01 14 L Impero Toto Umberto I L

1931 01 12 Il Messaggero intro

Il successo di Totò continua seralmente e richiamare una gran folla di pubblico, la quale si diverte immensamente con le sue comicità. [...] Siamo alle ultime rappresentazioni di Totò all'Umberto I, il quale domani, giovedi, darà la sua serata d'addio. Grande il favore incontrato dal pubblico per questo eccellente artista, che con la sua comicità sana e garbata, fa trascorrere nel massimo buonumore la serata.

Questa sera gli spettacoli all'Umberto I, sono in onore e d'addio a Totò, che tanto successo ha riportato in questa breve permanenza a Roma e siamo certi che anche questa sera l'Umberto sarà affollato di pubblico per applaudirlo ancora. [...]

«Il Messaggero», 12, 13, 14 e 15 gennaio 1931


«L'Impero d'Italia», 13 gennaio 1931

«L'Impero d'Italia», 14 gennaio 1931

1931 01 16 L Impero Toto Umberto I L

«L'Impero d'Italia», 16 gennaio 1931


1931 03 21 Il Piccolo Compagnia Maresca intro

Ha debuttato iersera la Compagnia di riviste del cav. Achille Maresca che ha ottenuto un successo magnifico. La Ippaviz inarrivabile, Totò comicissimo, e la «troupe» danzante Elzoff, veramente meravigliosa, hanno avuto entusiastici applausi. La Compagnia si fermerà ancora stasera e domani.

«Il Piccolo», 20 marzo 1931


AL GENOVESE grande successo nel cinema del film Il porto dell'inferno interpretato dalla nota artista Lupe Velez. Nel varietà addio della meravigliosa Compagnia dei Nani con nuove interpretazioni. Domani nei cinema continueranno le proiezioni del film in programma e nel varietà debutto della grande Compagnia italo-viennese dei cav. A. Maresca, con la soubrette Angela Ippaviz ed noto comico Totò.

«Il Lavoro», 22 marzo 1931


AL GENOVESE ha debuttato ieri la Compagnia di riviste italo-viennese del cav. Achille Maresca, alla quale una folla di spettatori ha tributato festose e simpatiche accoglienze. Angela Ippaviz, elegantissima e brillantissima, il comico Totò, irresistibile dispensatore di ilarità, e gli altri artisti sono stati accolti dagli applausi. Nel cinema "Il porto dell'inferno".

«Il Lavoro», 22 marzo 1931


AL GENOVESE sono stati calorosamente festeggiati anche ieri i valenti artisti della Compagnia di riviste Marasca, fra cui primeggiano la vivacissima Ippaviz e il divertente Totò. Nel Cinema Il Porto dell'Inferno.

«Il Lavoro», 24 marzo 1931

AL GENOVESE la Compagnia di riviste Achille Maresca continua a richiamare un folto pubblico, che tributa seralmente le più cordiali feste alla spumeggiante Ippaviz, al lepidissimo Totò e agli altri brillanti collaboratori. Nel cinema Il porto dell’inferno.

«Il Lavoro», 24 marzo 1931


AL GENOVESE oggi première dei più recente capolavoro interpretato da Greta Garbo: Anna Chrtistie. Nel varietà la Compagnia A. Maresca ci presenta una nuova rivista: «Raggio di sole», in un atto e dodici quadri, con nuove interpretazioni dei comico Totò e grandiosa messa in scena.

1931 03 27 Il Lavoro Compagnia Maresca T L

«Il Lavoro», 27 marzo 1931


La nuova rivista in un atto e dodici quadri «Raggio di sole», presentata ieri per la prima volta sulla scene del «Genovese» dalla Compagnia del cav. Achille Maresca, ha riportato un lieto successo, decretatole da una folla strabocchevole, che gremiva la sala in ogni ordine di posti.

La rivista è briosa e arguta, e, attraverso la rapida processiona dei quadri, il pubblico ha modo di divertirsi senza interruzione. Angela Ippaviz è stata, come sempre, elegante e brillantissima: ha recitato, cantato e danzato con brio indiavolato, bene coadiuvata dal lepidissimo Totò e dagli altri artisti.

Oggi la rivista si replica, mentre sullo schermo si proietterà Anna Chrtstie, il più recente capolavoro interpretato da Greta Garbo, che il pubblico segui ieri col più vivo interesse.

«Il Lavoro», 28 marzo 1931


AL GENOVESE la rivista «Raggio di sole» ha rinnovato ieri, davanti a un pubblico enorme, il caloroso successo della prima rappresentazione, procurando vivi battimani alla Ippaviz, a Totò e agli altri brillanti esecutori del lavoro che oggi si replica. Nel cinema Anna Christie interprete Greta Garbo.

«Il Lavoro», 29 marzo 1931 


Agli Ambasciatori, dopo la Compagnia Barbini, ha ospitato il comicissimo Totò, la dicitrice Amley, e le danzatrici spagnuole Trio Belmontes; [...]

«Varietà», n.6 del 30 giugno 1931


Firenze 22, (A. Mannajoni). Teatro Varietà Follie Estive (Nannoni-Babbucci). Apro la rassegna con un nome caro al pubblico fiorentino : Clely Fiamma, che le sue grandi doti interpretative la pongono in un ruolo privilegiato del varietà internazionale. Vivi consensi agli sketcks con l' eroico papà Cantalamessa che ha ben coadiuvato Clely nella graziosa fantasia "Lo scatolone dei sogni". Anche il comicissimo Totò, é riapparso, applauditissimo, sulle scene delle Follie nelle sue creazioni che non invecchiano mai. Altro.

«Varietà», 31 luglio 1931


Varietà Follie Estive. (Nannoni - Babbucci). Chiedo venia agli artisti se, per ragioni di spazio, limito gli encomi singoli i programmi, presentati in questo periodo nell'elegante ritrovo fiorentino, hanno ottenuto in massima lieto successo e, per qualche nome come ad esempio : Serra, Riento, Latilla, Duo Manetti, Dory Dorika, Vogues Bazar, il divo Pasquariello, La Zingara e Totò, in rentrée, e i Montalbo affermazione completa.

«Varietà», n.8-9 di agosto-settembre 1931


E' nell'estate del 1931 che Totò conobbe Diana Bandini Rogliani a Firenze, nel foyer del Teatro di Varietà "Le Follie Estive"


1931 09 21 La Stampa Debutto Toto Dalla Rivista Al Varieta intro

Stasera avremo ancora la giapponese Tsune-Ko, che darà in settimana il suo addio all'Italia. Avremo inoltre dei nuovi grandi debutti, tra i quali il divertentissimo comico italiano Totò, passato dalla rivista al Varietà [...]

«La Stampa», 21 settembre 1931

1931 09 22 La Stampa Debutto Toto Dalla Rivista Al Varieta intro

Magnifico successo collettivo, ieri sera, del più bel complesso di attrazioni mondiali. Applauditissimi: la giapponese Tsune-Ko, la creola Eveline Dover, il più gran comico... dei due mondi, Totò [...] Stasera il programma si replica.

«La Stampa», 22 settembre 1931


1931 09 23 La Stampa Debutto Toto Dalla Rivista Al Varieta intro

il pubblico, a cui strappa le più formidabili risate con la sua comicità brillantissima. Applausi continui al magnifico programma. [...]

«La Stampa», 23 settembre 1931


1931 09 23 Toto disegno intro

1931 09 23 Toto disegno

Il pubblico di Torino ha veduto con piacere il ritorno sulle nostre scene di due figure care e simpatiche ai frequentatori del Varietà: Totò, il comico-palla, il grottesco dei grotteschi, l'uomo snodato, la caricatura vivente, l'artista capace di cantare una canzone senza muovere le labbra dicendo le strofe con le contorsioni del collo e il ritornello con le buffe acrobazie delle gambe, il ballerino parodia che riesce da solo suscitare le più matte risate eseguendo una danza di sua composizione sopra un «a solo» di grancassa [...]

«La Stampa», 23 settembre 1931


1931 09 24 La Stampa Debutto Toto Dalla Rivista Al Varieta intro

Al Teatro Alfieri, dove la Tournée delle Stelle richiama sempre il gran pubblico, il popolarissimo Totò scatena risate dalla prima all'ultima battuta [...]

1931 09 25 La Stampa Debutto Toto Dalla Rivista Al Varieta intro

Totò furoreggia al Teatro Alfieri con la sua comicità comunicativa e irresisitibile. Risate clamorose accompagnano tutta l'azione del brillante attore e applausi unanimi e grida di "bis" lo salutano ad ogni uscir di scena. Totò è il "clou" di un brillantissimo programma di varietà.

1931 09 26 La Stampa Debutto Toto Dalla Rivista Al Varieta intro

Accorrete ad ammirare questo simpaticissimo attore che fa fare tanto buon sangue a tutti!

«La Stampa», 24,25 e 26 settembre 1931


Al Teatro Sannazaro il direttore artistico Signor Tornar ha seguito in questa stagione e con non comune intelligenza, le tradizioni aristocratiche di questa bomboniera, ove si dà convegno la élite napoletana. Films d’alta classe passano sullo schermo, seguite da programmi d'arte varia in cui si alternano numeri di reale valore.

Segnaliamo il successo ottenuto in questi ultimi giorni di novembre dalla stella Pierrette Fiori dai giocolieri Paul and Marcel, dalla danzatrice Alhambra e dal napoletanissimo Rubino. Ha debuttato con successo la compagnia di riviste e fantasie «Withe Black» che fra i suoi elementi conta con Totò, il grande Totò. In orchestra il bravo maestro Bossi.

«Varietà», 31 novembre 1931


Altri artisti ed altri temi

Articoli d'epoca, anno 1931

10 Lug 2021

La macchietta satirica e Nicola Maldacea

La macchietta satirica e Nicola Maldacea La macchietta è la incarnazione di un personaggio comico o grottesco, osservato nella vita e presentato alla ribalta in rapida sintesi: tre atti di commedia o farsa, sintetizzati in tre strofe di pochi versi,…
Federico Petriccione, «Comoedia», Gennaio-Febbraio 1931
1201
09 Gen 2023

Il Comm. Ettore Petrolini

Il Comm. Ettore Petrolini Sono stato sere or sono sul palcoscenico del Politeama Giacosa a porgere il mio saluto al grande attore, al leale ed antico compagno della gioventù spensierata e moschettiera. Ettore Petrolini mi à ricevuto con…
Alfredo Chimenti, «Il Varietà», 31 dicembre 1931
376
20 Gen 2023

Ettore Petrolini, la mia scuderia di purosangue

Ettore Petrolini, la mia scuderia di purosangue Ottobre, grande gioia di vivere, come tutti i mesi dell’anno tra sigarette denicotinizzate e propositi di saggezza. Me ne torno passo passo, nel tardo pomeriggio allegro e assolo, dal campo di corse di…
Ettore Petrolini, «Comoedia», 1931
429



«Comoedia», luglio 1931 - Storia della "rivista"


1931 01 15 L impero d italia Avanspettacolo Coop f1

«L'Impero», 14 gennaio 1931

1931 01 30 Cinematografo Giorgio C Simonelli intro

1931 01 30 Cinematografo Giorgio C Simonelli f1Tra i più agguerriti esponenti dei giovani, nel inondo cinematografico romano, scrittore di articoli, di novelle, di soggetti e di scenari, lavoratore assiduo e sereno. Giorgio C. Simonelli gode giustamente simpatia e fiducia sulle sue future possibilità realizzatrici, fiducia solidamente basata su quello che ha già fatto, sulla strada da lui finora percorsa.

L'amico esordi come autore teatrale (insieme a Corrado d’Errico) con «Fantasmi lontani », commedia che fu rappresentata dalla Compagnia del Teatro di Roma all'Adriano.

Tanto per la precisione... storica aggiungiamo che era l'anno 1922.

L'anno successivo la compagnia Grand Guignol di Sainati gli rappresentò un atto unico dal titolo « I lupi », tuttora in repertorio, che ebbe lieto successo, come pure l'altro lavoro dato successivamente dalla compagnia Palmi: «L’uomo delle stelle».

Intanto, parallelamente a questa attività, comincia a nascere in Simonelli simpatia e interesse per il cinematografo. Compresa, e non fra gli ultimi, l'importanza di questa nuova forma d'espressione, egli abbandona il teatro, che non poteva accontentare le sue aspirazioni, e al cine dedica la parte più notevole di attività.

Autore e condirettore, al fianco di F. N. Neroni, del film «Maratona», assistente artistico, insieme a Solaroli, in «Giardini che vivono» primo esperimento di fonofilm italiano, collaboratore di Gennaro Righelli nella preparazione dello scenario della «Canzone dell’Amore»...

Tra i giovani, Simonelli è fra coloro che più sentono il valore del cinematografo da un punto di vista morale e sociale, più che formalmente estetico o «avanguardistico» nel significato più caratteristico della parola.

Questo si comprende, almeno in parte, per quanto i mezzi e le circostanze glielo hanno permesso, in un interessante corto metraggio, «Ombre», di cui abbiamo già avuto occasione di parlare.

«Cinematografo», 30 gennaio 1931


1931 06 15 Varieta Guglielmo Inglese L

«Varietà», 15 giugno 1931


1931 06 15 Varieta E A Mario intro

Alfredo Chimenti, «Varietà», 15 giugno 1931


1931 06 15 Varieta Nicola Maldacea intro

La sera del 22 maggio u. s. ebbe luogo al Quirino di Roma una grande matinée in onore di Nicola Maldacea. Molta folla accorse a rendere omaggio al maestro. Lo spettacolo fu iniziato da un monologo di Maldacea che rievocò il recente doloroso episodio della propria malattia nonché le affettuose necrologie di molti giornali. Il morto resuscitato apparve al pubblico più giovane che mai nell’arguta freschezza del suo dire.

Si prestarono gentilmente il divo Pasquariello, Raffaele Viviani, Musco, Alfredo Sainati e gli attori della Compagnia Capodaglio Paimarini. Gli applausi continui al vecchio artista furono la prova delle simpatie onde egli gode tuttora, anche in mezzo ai suoi compagni d'arte, i quali con bello spirito di solidarietà si sentirono lieti di riunirsi attorno a lui per festeggiarlo.

«Varietà», 15 giugno 1931