Articoli & Ritagli di stampa - Rassegna 1935


Rassegna Stampa 1935


Totò


E' fissata per gli spettacoli di oggi dalle 16, la prima rappresentazione in Italia della novità La mummia vivente, rivista in due parti e 16 quadri di Bel Ami e Tramonti che è di vivo Interesso per gli argomenti d'attualità e per la tipica comica figura che interpreterà Totò. Il lavoro è stalo allestito con ricchezza di scenari e di costumi. Della novità saranno interpreti principali, oltre Totò, la Clely Fiamma, il Sinaz, Panchetti, Inglese con i due corpi di ballo.

«Il Messaggero», 8 gennaio 1935


All'ELISEO, La compagnia Totò il cui successo si è rinnovato ieri calorosissimo a teatri gremiti di pubblico plaudente, annuncia per gli spettacoli di oggi dalle 16:00 in poi le prime rappresentazioni della comicissima rivista due parti e 16 quadri di Tramonti La Vergine indiana allestita con grande sfarzo di scenari e di costumi. Fervono le prove dell'attesa novità di Tramonti e Inglese Belle o brutte mi piacciono tutte alla quale attende lo stesso Totò con amorevole cura.

«Il Messaggero», 13 gennaio 1935


1935 01 19 Il Messaggero Belle o brutte mi piaccion tutte intro

Ieri sera all'Eliseo la compagnia Totò ha riportato un vivissimo successo con la nuova rivista di Tramonti e Inglese Belle o brutte mi piacciono tutte. E' stato un continuo scroscio di risate da parte del pubblico che gremiva l'elegante teatro. Bisogna convenire che Paolo Tramonti e Italo Inglese hanno saputo consegnare una rivista nella quale ci sono tutti i numeri per piacere e divertire. Totò si è presentato nelle vesti di un innamorato che ne combina di ogni colore pur di avvicinare le donne del suo cuore. Ed è così che per amore devi improvvisarsi manichino nella casa di un sarto la cui moglie è oggetto delle sue brame e dalla pericolosa situazione riesce a liberarsi con un tratto di paradossale comicità che ha assai divertito il pubblico, così di seguito di disavventura in disavventura, fino a che, sempre per amore, è costretto ad improvvisarsi odontoiatra ai danni di un malcapitato che nottetempo ha bussato alla casa di un dentista assente. Il pubblico s'è spassato un mondo ed ha rimeritato degli applausi più calorosi l'eccellente Totò ed i suoi bravi compagni. La rivista è stata presentata con un bel contorno di quadri coreografici suggestivi ed eleganti e con numerose danze vivaci. Applausi a non finire e da oggi le repliche.

«Il Messaggero», 19 gennaio 1935


1935 01 29 Il Messaggero La banda delle gialle introA teatri affollatissimi, la compagnia Totò ha rappresentata la divertente rivista di Paolo Tramonti, La banda delle gialle, ricca di quadri gustosissimi e di coreografie indovinate. Totò vi ha signoreggiato dalla prima all'ultima scena con la sua comicità paradossale ed è stato ripetutamente applaudito unitamente ai principali suoi collaboratori tra cui vanno ricordati la Clely Fiamma, Dora Barsi,. Memo Sinaz, Italo Inglese, Cantalamessa. Panchetti, non escluso il corpo di bailo. Oggi delle 16 In poi altre repliche.

«Il Messaggero», 29 gennaio 1935


1935 02 02 Il Messaggero Una terribile notte introLa compagnia Totò ha inscenata ieri la terza novità della stagione: la rivista di Mario Mangini Una terribile notte. Il lavoro vuol essere una garbata satira del genere giallo e l’inizio, infatti, ha tutte le caratteristiche del classico dramma giallo vale a dire una seduta spiritica nel corso della quale, profittando del buio, qualcuno uccide la moglie del padrone di casa: a rendere ancor più misteriosa la faccenda il cadavere non si trova. Ed ecco che ad accingersi a dissipare l'imbrogliata mutala si offrono due Improvvisati poliziotti. Va da se che, essendo uno dei due Totò, lo svolgimento assume subito un andamento paradossale e grottesco con un susseguirsi di scene comiche divertentissime, di qui pro quo. di misteriosi trabocchetti che inghiottono persone per restituire cadaveri, danze di scheletri, spettri vaganti e via dicendo.

La compagnia Totò ha presentata la interessante e piacevole novità in una ricca e suggestiva cornice scenica, con il bel complemento di numerose e riuscite danze. Attorno a Totò esilarante come sempre si sono fatti vivamente applaudire Clely Fiamma, il bravo Sinaz, Italo Inglese la Bersi e tutti gli altri. Il pubblico ha rivolto calorosi applausi a tutti decretando al lavoro il più cordiale successo. Da oggi le repliche.

«Il Messaggero», 2 febbraio 1935


All'ELISEO, con gli spettacoli di oggi alle 15 in poi, la compagnia Totò darà le ultime definitive repliche della parodia gialla di Mangini Una terribile notte che anche ieri ha riportato un vivo successo. Per domani lunedi è annunciata la gaia rivista di Tramonti Fra dive stelle e un pazzo, una delle più divertenti riviste di Totò. Fervono alacremente le prove dell'attesissima novità di Bel Ami Don Chisciotte, parodia in molti quadri, che sarà allestita con ricchezza di scenari e di costumi.

«Il Messaggero», 10 febbraio 1935


1935 02 16 Il Messaggero Don Chisciotte introCome ultima novità della stagione Totò ha presentato ieri una piacevole e fantasiosa parodia tratta dall'immortale lavoro di Cervantes: Don Chisciotte della Mancia dovuta alla collaborazione di Bel Ami e di Paolo Tramonti, ch'è poi lo stesso Totò. Naturalmente i due autori hanno tratto dal romanzo cavalleresco quegli episodi che meglio si prestavano alla realizzazione scenica e offrivano maggiori possibilità comiche.
Totò era naturalmente Don Chisciotte e mai parte si era fino ad oggi adattata allo spassoso comico come quella del Cavaliere della triste figura sempre in cerca di avventure atte a far rifulgere il suo valore agli occhi dell'amata Dulcinea. Tra i molti episodi sceneggiati con spigliato umorismo dai due autori rammentiamo quello dei Mulini a vento, quello molto comico dell'Osteria dei briganti ed infine quello del Cavadenti i quali, meglio degli altri, hanno esilarato il pubblico foltissimo.
Lo spettacolo è stato posto in scena con una ricchezza di scenari e di costumi dell'epoca veramente encomiabile. [...]

«Il Messaggero», 16 febbraio 1935


Al Teatro Ferrario

Maria Melato ha dato la sua serata d’onore ieri sera rappresentando « La donna nuda » di Bataille in una magnifica interpretazione die le ha procurato applausi calorosissimi a scena aperta e alla fine di ogni atto. Questa sera la Compagnia Melato-Mari ha dato « Fedora » di Sardou e domani sera si congederà dal nostro pubblico avendo terminata la sua fortunata stagione a Salsomaggiore. A richiesta verrà nuovamente rappresentato' « Canada »> di- Cesare Giulio Viola.

Lunedì sera si avrà il debutto della Compagnia di riviste diretta da Totò.

«Gazzetta di Parma», 22 settembre 1935


Al Teatro Ferrario

Ha felicemente debuttato l'altra sera la Compagnia di Riviste diretta da Totò e della quale fa parte Clely Fiamma. E' stata, rappresentata con successo la rivista « Se quell’evaso io fossi » alla quale hanno seguito ieri sera la super- rivinta « Belle o brutte, mi piaccion tutte» e questa sera « I tre moschettieri ». Si sono fatti assai applaudire Totò, la graziosa ed elegante Clely Fiamma, Guglielmo Sinaz, Ugo Ranzato, Lena Bellocchio, Fedora Marsali, Emma Sinaz, Bianca Mandez, Giugliemo Inglese. Mario Panchesti e B. Cantalamela. Assai, ammirati i buonissimi numeri che fanno parte dello spettacolo e cioè; la ballerina solista Anny Wilson, la ballerina contorsionista acrobata Iris Wagner, il duo Hilde, il trio Saba e il duo Inmas. Ottimo ed elegante ii corpo di ballo composto da 18 ballerine italo-tedestehe dirette dalla coreografa Wiky Meran. Bene l'orchestra sotto la direzione del maestro Carlo Ferrari e con l'eccellente batterista Tresacco. Successo quindi completo con applausi calorosissimi e molti bis.

«Gazzetta di Parma», 26 settembre 1935


Al Teatro Ferrario

La simpaticissima Clely Fiamma ha data la sua serata d’onore con la rivista «Questo non è sonoro» facendosi assai ammirare per la sua vivacità, il suo brio indiavolato e la sua eleganza. Tra il primo e il secondo atto la bionda e graziosa soubrette ha eseguito alcuni numeri di canto e danze del suo repertorio raccogliendo altri applausi calorosissimi e copiosi omaggi di fiori. Questa sera ha data la propria serata d’onore, Totò il brillantissimo comico che in queste sue recide si è accattivato tutte le simpatie del nostro pubblico.

E' stata rappresentata con molto successo la rivista «La vergine indiana». Totò e Clely Fiamma vi sono applauditissimi. Martedì 1o ottobre debutterà al Ferrario la Compagnia Veneta di Gigi Micheluzzl della quale fanno parte Pina Bertoncello e Margherita Seguin. Verrà rappresentata la nota commedia «Zente refada» di Giacinto Gallina.

«Gazzetta di Parma», 29 settembre 1935


TRIANON — Cinquanta milioni, c'è da impazzire, la nuova rivista di Inglese e Tramonti rappresentata ieri sera con successo dalla Compagnia di Totò è una bizzarria che attraverso divertenti parodie di drammi gialli e di truculento banditismo offre il destro a una sequenza di quadri, di cui la danza è quasi sempre protagonista. La comicità di Totò e le brillanti agilità di Clely Fiamma ebbero festosissime accoglienze, e la rivista si replica.

«Corriere della Sera», 25 ottobre 1935


TRIANON — Un’altra rivista La banda delle Gialle di B. Tramonti, vicenda di buffonerie tradizionali, rinfrescate con disinvolta briosità, ha fatto applaudire ieri sera la Compagnia di Totò per merito soprattutto di questo comico e della elegante vivacità di Clely Fiamma. Oggi la rivista si replica nel due spettacoli.

«Corriere della Sera», 12 dicembre 1935



Altri artisti