Totò e... Giacomo Furia

Giacomo_Furia

Si divertiva sul set



Quando ero nella compagnia di Eduardo, alla fine del nostro spettacolo noi giovani ci struccavamo e scappavamo per andare a vedere Totò che facendo la rivista finiva sempre un'ora dopo la prosa. Arrivavamo in tempo per vedere lo sketch del sotto finale e poi la famosa passerella, la marcia dei bersaglieri con cui inesorabilmente chiudeva. Ho fatto poi molti film con Totò, erano film che si giravano in venti giorni, anche meno. I produttori avevano interesse a girarli nel minor tempo possibile e a sfornarli uno appresso all'altro. "Il medico dei pazzi" lo girammo addirittura in dodici giorni. Ma bisogna tener conto del fatto che Totò arrivava sul set verso le tre e finiva verso le otto, non c'era molto tempo.

Qualche volta non sono neppure sicuro se in un certo film c'ero o non c'ero, per certi film ho lavorato un giorno, due giorni, anche tre: si dimentica, non si può dire ho fatto un film, ma ho fatto una cosa. Mi ricordo che Mattòli si rivolgeva a Totò dicendogli: "Principe, tu devi fare così", mi faceva un po' ridere, ma lui accettava quello che Mattòli gli diceva, andavano d'accordo. Nei suoi film ci sono un po' sempre gli stessi attori, Totò aveva bisogno di stare sempre con gli stessi, non gli piacevano i cambiamenti. Quando andò a fare un film in Spagna si trovò malissimo con l'operatore, che voleva fargli fare determinati passi per riprenderlo con una certa illuminazione. Totò gli diceva: "No, i passi no", si sentiva legato, impacciato, aveva bisogno di muoversi liberamente, altrimenti si limitava a dire la battuta e non rideva più nessuno.

Il suo problema sono sempre stati gli occhi, all'inizio ci vedeva pochino, e poi alla fine non ci vedeva quasi più. Non potendosi divertire come una volta sulle tavole del palcoscenico, Totò si divertiva sul set. Quando tra una scena e l'altra riuscivamo a giocare a scopone, era contento di stare a guardare, sosteneva una volta un gruppo e una volta un altro. Era un uomo adorabile, molto generoso. Qualche volta mi diceva: "Buono, buono, ma perché l'hai detta così, si può perfezionare ...". Secondo me, perfezionare la battuta divertente di un altro, per un comico è il massimo del sacrificio, della generosità.

Quella che Age e Scarpelli consegnarono al regista per La banda degli onesti era già in partenza una signora sceneggiatura. L’ossatura del film è tutta loro. Totò e Peppino l’hanno infarcita ulteriormente durante la lavorazione. Succedeva che prima di una scena Totò convocasse Peppino e me in un angolo del set, e lì, come costumava ai tempi della commedia dell’arte, uno diceva una cosa, uno un’altra e si inventavano delle gag fuori dal copione. Quindi al ciak ognuno dava un ulteriore contributo personale così come gli veniva in mente. L’idea, per esempio, di velocizzare la sequenza dei soldi la ebbe Totò lì per lì. Sbaglia, però, chi definisce Peppino la spalla di Totò, perché Totò era un grande comico e Peppino era un grande attore comico. E tra una dote e l’altra corre una bella differenza. Sul piano umano Totò era una persona davvero eccezionale, ha fatto del bene a piene mani a tutti. Lavorarci era inoltre un andare a divertirsi. Comunque, era tanto spassoso sul set quanto pacato appena smetteva i panni della scena. La prima volta che mi invitò a casa sua mi trovai d fronte un gran signore che, sebbene affabile, incuteva soggezione.

Galleria fotografica e stampa dell'epoca

2008 10 11 Corriere della Sera Toto intro

2008 10 11 Corriere della Sera Toto f2«Totò? Il computer della comicità! Sofia Loren? Perfezionista già a vent’anni!». Giacomo Furia, 83 anni e il bagaglio di 140 film alle spalle (16 al fianco del principe della risata), non ha dubbi. Per lui «L’oro di Napoli», sei episodi con un cast d’eccezione, è un pezzo di storia del cinema. «L’atmosfera di quel set è indimenticabile — esordisce Furia —. De Sica alla regia, io e la Loren a dare l'anima nei panni di due pizzaioli, nell’episodio "Pizze a credito". Certo gli spunti per sorridere non mancavano. Io, don Rosario, marito geloso e cornuto. Lei, donna Sofia, una moglie che incantava con i suoi "promemoria" ben in vista Anche se, per la verità lei aveva pochi motivi per essere divertente».

Perché, la Loren aveva litigato con qualcuno?

«Chi, Sofia? Ma scherziamo? È sempre stata una compagnona La verità è che arrivò sul set con una fastidiosa bronchite. Ma De Sica aveva previsto una scena dove, sotto la pioggia, cercavamo l’anello scomparso. A Napoli, però, non pioveva Così, Vittorio chiamò i vigili del fuoco. Ma i pompieri presero troppo alla lettera il loro ruolo. Tanto che fummo investiti da un diluvio. La Loren? Impassibile, da navigata professionista. Eppure aveva solo vent’anni».

Quali doti hanno reso Sofia un mito del cinema internazionale?

«Innanzitutto un perfezionismo raro. Durante "L’oro di Napoli" era instancabile. Prima di girare, fino all’ultimo minuto, diceva: "Giacomo, dai, proviamo ancora!". E poi ha un talento innato. Una determinazione da primato. Sofia aveva un sogno e l’ha realizzato. Anzi, è andata oltre i suoi sogni. Un esempio per chi vuole fare il buon cinema». Ne «L’oro di Napoli» ce anche l’episodio «Il guappo», dove Totò veste i panni di un tragicomico «pazzariello». Che ricordi ha di quella interpretazione?

«Non ero sul set quando lui girò. La sua fu un’interpretazione cosi realistica che spiazzò gli spettatori, abituati alla maschera comica. Seppi poi, che si amareggiò con De Sica. Vittorio, per rendergli omaggio, decise di iniziare il film con il suo episodio. Totò, invece, pensò che fosse uno sgarbo. Era abituato alla rivista, dove ai grandi è riservata la passerella finale».

Lei ha recitato con il principe della risata in tante pellicole. Com'era lavorare con lui sul set?

«Lavorare? Ma recitare con Totò era puro divertimento! Perché, per far ridere il pubblico, doveva divertirsi prima lui. Immaginate uno studente in vena di scherzi e di prese in giro. Ecco, Totò sul set era cosi. Una volta fitto un aereo da turismo per lanciare volantini sugli studi De Laurentiis. Prendeva in giro Pasquale De Filippo, figlio di Scarpetta, "esperto" di scopone. Pensate che prima di arrivare in palcoscenico, diceva: "Stasera li farò ridere con le vocali: aah, eeh, iih, ooh, uuh. E puntualmente accadeva. Poteva leggere l’elenco telefonico e la gente rideva I suoi tempi comici erano unici: un vero computer della comicità! Certo adesso è facile parlare bene di Totò. Ma farlo negli anni '50 era andare controcorrente».

Sembra assurdo a raccontarlo oggi...

«Eppure fu così. Lo conferma un episodio. In quel periodo c’era un giornalista, Andrea De Pino, in difficolta economiche. Tanto che non aveva neanche la macchina per scrivere. Totò lo seppe e con la sua grande umanità cercò di aiutarlo. Gli comprò una "portatile" e gliela fece recapitare a casa. Indovinate De Pino come ricambiò tanta generosità’ Scrivendo uno degli articoli più terribili contro Totò. Gli amici del principe si arrabbiarono: "Hai visto? Questa è la riconoscenza!". Totò, invece, scoppiò ridere e rispose: "Ha fatto benissimo. Se mi avesse elogiato non l’avrei apprezzato. Chiamatelo, voglio invitarlo a cena!».

Michele Avitabile, «Corriere della Sera», 11 ottobre 2008


2008 10 11 Corriere della Sera Toto f1


Una sera degli anni ’50, a casa di Giacomo Furia, il «Pinturicchio» squattrinato della «Banda degli onesti», una partita di scopone vedeva coinvolti: Pasquale De Filippo – cugino di Eduardo e Peppino – il produttore Gilberto Carbone, gli attori Aldo Giuffrè e Armando Curcio. Alle tre e qualcosa, tra pizze fritte e primiere, il gioco fu interrotto da una telefonata. «Di scatto – ricorda Furia nel libro di Michele Avitabile «Le maggiorate, il Principe e l’ultimo degli onesti» – osservammo l’apparecchio impauriti e sconvolti. Chi mi chiamava a quell’ora? “Pronto, qui è la Questura centrale – disse una voce – abbiamo saputo che state gestendo una bisca clandestina!”. Un brivido freddo m’attraversò il corpo. Durò un attimo, per fortuna. Una risata di divertimento mi liberò dall’incubo. Era Totò. “Giacumì, state ancora giocando? Volevo sapere come se la cavava Pasqualino”».

Chiamato a lavorare per un solo giorno per il film Totò cerca casa, Giacomo Furia vede il suo ruolino lievitare a uno sketch: "Ero stato chiamato per dire proprio due battutine, dovevo solamente andare all’anagrafe e denunciare la nascita di un mio figlio. Invece venne fuori una cosa molto carina sulla difficoltà di trovare il nome giusto perché il personaggio di Totò bocciava ogni nome che proponevo. Capii che Totò andava cercando da me dei nomi che potessero dare dell’imbarazzo... Chiamandosi Paimiro, per esempio, poteva essere solo di sinistra per via di Togliatti, e roba del genere. Totò rispondeva ‘No no no, per carità...’, e così andammo avanti per un bel po’. Fu fatto tutto ‘a soggetto’, non era scritto sulla sceneggiatura".


Toto e Giacomo Furia

Videoclip estratti dalle serie televisive prodotte dalla RAI e curate da Giancarlo Governi; "Il Pianeta Totò", ideata e condotta da Giancarlo Governi, trasmessa in tre edizioni diverse - riviste e corrette - a partire dal 1988 e "Totò un altro pianeta" speciale in 15 puntate trasmesso nel 1993 su Rai Uno.

Totò e... Giacomo Furia - Le opere

Totò cerca casa (1949)

Totò cerca casa Un posto da guardiano del cimitero non si rifiuta: a cimitero donato non si guarda in bocca. E poi in casa c'è un silenzio di tomba.Beniamino Lomacchio Inizio riprese: settembre 1949, Stabilimenti Titanus, RomaAutorizzazione censura…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
10914

Totò sceicco (1950)

Totò sceicco Hai perso un occhio per la causa? Mi dispiace, ma chi te lo fa fare a perdere tempo con le cause? Vanno sempre per le lunghe e poi gli avvocati costano cari. Non fare il causillo!Antonio Sapone Inizio riprese: settembre 1950,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
12865

Totò Tarzan (1950)

Totò Tarzan La mia età? Quattro eclissi, due alluvioni e un pediluvio. Lo so, non dimostro i miei anni, nella foresta mi danno tutti un pediluvio in meno.Antonio Della Buffas Inizio riprese: settembre 1950, Stabilimenti Titanus, RomaAutorizzazione…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
10842

Un turco napoletano (1953)

Un turco napoletano Io sono nato col destino di essere forte, la mia è la forza del destino.Felice Sciosciammocca Inizio riprese: giugno 1953Autorizzazione censura e distribuzione: 5 agosto 1953 - Incasso lire 594.300.000 - Spettatori 4.525.242…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
8533

Il medico dei pazzi (1954)

Il medico dei pazzi State tranquilli, per me siete tutti uguali uomini e porci, provvederò a tutti!Felice Sciosciammocca Inizio riprese: giugno 1954, Studi Ponti - De LaurentiisAutorizzazione censura e distribuzione: 8 settembre 1954 - Incasso lire…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
6027

L'oro di Napoli (1954)

L'oro di Napoli Sono dieci anni, dieci lunghissimi anni... Tu gli dicesti "condoglianze Don Carmine, condoglianze. Venga a passare una sera in casa nostra. Questa sera voi non dovete restare solo, onorateci." E sono dieci anni che ci sta onorando…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
9071

Tempi nostri - La macchina fotografica (1954)

Tempi nostri - La macchina fotografica (Zibaldone n.2) Ma mi dica un pò, mi sta sorgendo un dubbio, lei non penserà mica che io, con la scusa della fotografia... Modestamente io sono un gentiluomo, a Roma mi conoscono tutti; Dionillo, quando si è…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4374

Destinazione Piovarolo (1955)

Destinazione Piovarolo Se Piovarolo si chiamasse così perché ci piove spesso, a Chiasso ci dovrebbe essere chiasso e a Lecco si dovrebbe leccare.Totò Esposito Inizio riprese: maggio 1955, Stabilimenti Pisorno TirreniaAutorizzazione censura e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
9492

Siamo uomini o caporali (1955)

Siamo uomini o caporali L'umanità io l'ho divisa in due categorie di persone: uomini e caporali. La categoria degli uomini è la maggioranza, quella dei caporali per fortuna è la minoranza. Gli uomini sono quegli esseri costretti a lavorare tutta la…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7750

La banda degli onesti (1956)

La banda degli onesti Il pavimento è una schifezza, lo so, e mi scuso a nome suo. La prossima volta glielo faccio trovare incartato.Antonio Bonocore Inizio riprese: gennaio 1956, Studi INCIR - De Paolis, RomaAutorizzazione censura e distribuzione:…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
9796

Totò nella luna (1958)

Totò nella luna Tuo padre era il guardiano dello zoo e tua madre, credi a me, durante la gestazione frequentava il reparto rettili.Pasquale Belafronte Inizio riprese: settembre 1958, Stabilimenti Ponti - De LaurentiisAutorizzazione censura e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4752

Totò, Peppino e le fanatiche (1958)

Totò, Peppino e le fanatiche Voi siete scapole, noi siamo scapoli... Ci facciamo una bella scapolata!Antonio Vignanelli Inizio riprese: aprile 1958, Teatri di posa INCIR - De PaolisAutorizzazione censura e distribuzione: 13 giugno 1958 - Incasso…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
8928

I ladri (1959)

I ladri Secondo quanto sostiene la polizia scientifica, si può scoprire il colpevole attraverso un capello. Può darsi. Prendiamo un capello di sesso maschile e lo uniamo a uno di sesso femminile, una capella. Mettiamoli insieme al caldo e, se…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
5166

La cambiale (1959)

La cambiale Democrazia significa che ognuno può dire tutte le fesserie che vuole.Antonio Posalaquaglia Inizio riprese: giugno 1959, Stabilimenti Titanus, RomaAutorizzazione censura e distribuzione: 17 novembre 1959 - Incasso lire 708.209.000 -…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7979

Totò, Eva e il pennello proibito (1959)

Totò, Eva e il pennello proibito A Madrid c'è il Prado, embe'? A Roma, a Villa Borghesa, di pradi ce ne stanno tanti, ci vanno pure i caniTotò Scorcelletti Inizio riprese: ottobre 1958, Teatri di posa Titanus Farnesina, RomaAutorizzazione censura e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
5953

Il giorno più corto (1963)

Il giorno più corto Abbiamo conquistato Fiume e conquisteremo gli affluenti, abbiamo conquistato Pola e conquisteremo anche Amapola, Trento l'abbiamo fatta nostra e dopo Trento faremo anche trentuno! Pace e bene fratelli, pace e bene...Il frate…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
6456

Il monaco di Monza (1963)

Il monaco di Monza Lei discende dai Borboni? Allora siamo parenti: da piccolo in casa tenevo un barboncino.Fra' Pasquale da Casoria Inizio riprese: gennaio 1963, Teatri di posa INCIR - De Paolis, RomaAutorizzazione censura e distribuzione: 16 marzo…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
9464

Totò contro il pirata nero (1964)

Totò contro il pirata nero Capitano, icchè la fa, la concilia?Josè/Mario Petri Inizio riprese: gennaio 1964, Stabilimenti Interstudio, RomaAutorizzazione censura e distribuzione: 25 marzo 1964 - Incasso lire 295.718.000 - Spettatori 1.227.046 Titolo…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4713

Rita, la figlia americana (1965)

Rita, la figlia americana Malgrado la mia forza maschiaccia, ho un cuore tenero, da piccioncino.Prof. Serafino Benvenuti Inizio riprese: settembre 1965 Stabilimenti De Paolis, RomaAutorizzazione censura e distribuzione: 25 novembre 1965 - Incasso…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
6627


Riferimenti e bibliografie:

  • "Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
  • "Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983
  • Giacomo Furia, intervista di Alberto Anile, "I film di Totò", cit., p. 79.