Il più comico spettacolo del mondo

Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene, rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola, ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura. C'è tanta gente che si diverte a far piangere l'umanità, noi dobbiamo soffrire per divertirla; manda, se puoi, qualcuno su questo mondo capace di far ridere me come io faccio ridere gli altri.

La preghiera del clown

Inizio riprese: aprile 1953, Stabilimenti Ponti - De Laurentiis
Autorizzazione censura e distribuzione: 17 ottobre 1953



Titolo originale Il più comico spettacolo del mondo
Paese Italia - Anno 1953 - Durata 70 min - Colore - Audio sonoro - Genere comico - Regia Mario Mattoli - Soggetto Mario Monicelli, Ruggero Maccari, Sandro Continenza, Italo Di Tuddo - Sceneggiatura Mario Monicelli, Ruggero Maccari, Sandro Continenza, Italo Di Tuddo - Fotografia Fernando Risi, Riccardo Pallottini, Karl Strauss - Montaggio Roberto Cinquini - Musiche Armando Trovajoli - Scenografia Piero Filippone - Costumi Dario Cecchi


Totò: Tottons - May Britt: May, la domatrice - Franca Faldini: Dorothy, la soubrette - Mario Castellani: Karl il domatore/Lucio, il coiffeur - Toto Mignone: un marinaio - Gianni Agus: il signore con i capelli tinti di rosso - Alberto Sorrentino: Bastian - Ignazio Balsamo: il giornalista siciliano - Enzo Garinei: il presentatore - Lia Rainer: una cliente del parrucchiere - Tania Weber: Tania, la trapezzista - Elena Sedlak: una ballerina - Marc Lawrence: il proprietario del circo - Eleonora Morana: Stella


Il_piu_comico_spettacolo_del_mondoSoggetto

Un clown di nome Tottons (Totò) del circo Togni, obbligato a non struccarsi mai per non svelare la sua identità, viene perseguitato continuamente dalle gelosie di tre donne (una domatrice di leoni, una fantasista, una trapezista) e anche dalle indagini di un poliziotto. La trama è un chiaro pretesto per una serie di numeri tratti dalle riviste di Totò (come quello del parrucchiere omosessuale e della massaggiatrice).

Critica e curiosità

La ditta Ponti - De Laurentis dopo aver sperimentato il colore colFerraniacolor e il Gevacolor tenta una nuova via, sempre sulla pelle di Totò, ovvero il cinema tridimensionale brevettando un sistema originale il Podelvision. I problemi tecnici sono enormi, non si deve girare con una ma con tre cineprese e anche in fase di sviluppo e stampa si incontrano altri inconvenienti, questo comporta che i tempi per la distribuzione del film siano notevolmente lunghi. Mettono sotto contratto Karl Strauss", non per la fama di direttore della fotografia di Aurora e di Luci della ribalta ma in quanto autore di un cortometraggio in 3D.

Alto e allampanato, Struss coadiuva i due direttori della fotografia, Fernando Risi e Riccardo Pallottini. A un tecnico della troupe, Claudio Mancini, sembrava papa Pacelli, tanto è vero che noi elettricisti dicevamo: “Mannaggia, mo’ ce benedice!”. Struss, come tutti quelli che avevano lavorato con Charlot che faceva tutto lui, non sapeva fare niente».

Le luci, come in questi primi film a colori, sono fortissime e Totò, come al solito, accetta di rovinarsi la vista sottoponendosi anche al calvario del Ferraniacolor Podelvision. La produzione riesce ancora una volta ad aggiudicarsi il primato tecnico ma è l’unica cosa di cui può gloriarsi: in laboratorio lo sviluppo è complicato e la proiezione lo sarà ancora di più. Le due pellicole vanno proiettate insieme, in perfetto sincrono, e in tutta Italia solo dieci sale si dichiarano disponibili. Finisce che il film viene riportato alle due solite dimensioni, senza occhiali, proiettando solo una delle due copie della pellicola, e ridoppiando Enrico Viarisio che nell’introduzione al film anziché l’originario elogio del 3D rivendica la validità del vecchio sistema (dando al contempo, con scarsa coerenza, alcune dimostrazioni pratiche di rilievo).

E infatti quando il film esce nelle sale pare che la febbre del 3D si sia affievolita, il film viene dato in visione solo a 10 sale attrezzate per il 3D mentre alle altre viene data una copia in edizione normale; ma in queste 10 sale l'affluenza è talmente poca che gli esercenti si affrettano subito a sostituire la copia in 3D con una normale. Il primo tentativo italiano di cinema tridimensionale può considerarsi fallimentare.

Mario Mattoli riunisce molti spunti delle precedenti riviste di Totò con l’unico obiettivo di mettere insieme almeno 70 minuti di spettacolo e di far lanciare ai protagonisti un gran numero di oggetti verso la macchina da presa; ai produttori il film serve soprattutto come allenamento tecnico in vista di una Odissea internazionale a tre dimensioni per la regia di Pabst. La trama è appena un canovaccio dentro cui infilare numeri del circo Togni, la sequenza del massaggio riciclata da Fermo con le mani, il quadro del coiffeur pour dames da Bada che ti mangio! e persino lo sketch del manichino da Belle o brutte mi piaccion tutte che lo stesso Mattoli aveva già filmato nei Pompieri di Viggiù.
Nel film troviamo pure alcuni motivi d’interesse per quanto riguarda la maschera di Totò: dalla riproposizione parziale dell’antico numero del morto-vivo, l’unica presente nei suoi cento film, la scenetta di Totò trasformato in un tirassegno da luna park è poi una nuova variante della sua ambiguità biologica, del suo essere insieme animato e inerte, infine la preghiera del clown, in cui il profilo sghembo del comico e quello compassato del principe si sovrappongono per la prima e unica volta, ha accenti di commozione e sincerità piuttosto inusuali in un prodotto del genere.

Il fez che Totò indossa la nella scena della "testa di turco",  è lo stesso che porta nel successivo film di Mattoli, Un turco napoletano, che si stava preparando nel frattempo.

Da ricordare "la preghiera del comico" che Totò recita, vestito da clown, nel finale del film. Tra il pubblico che assiste agli spettacoli del circo si notano diversi attori che fanno la loro comparsa per pochi secondi, forse per prendere confidenza col 3D, tra essi si notano: Aldo Fabrizi, Carlo Campanini, Isa Barzizza, Antony Quinn, Silvana Mangano, Antonella Lualdi, Carlo Croccolo. Essendo una parodia non potevano mancare riferimenti al film serio di De Mille, Seastian. Alberto Sorrentino cadendo dal trapezio si ferisce alla mano (rimanendo paralizzato, riferimento all'episodio di Sebastian Cornel Wilde) e non può più lavorare come trapezista, di conseguenza gli suggeriscono (appendendogli dei palloncini colorati alle dita rattrappite) di fare il venditore di gadget sugli spalti del Circo. Nel 2011, dopo due anni di restauro, il film è stato presentato da Aurelio De Laurentiis al VI Festival Internazionale del Film di Roma. Il restauro è stato difficile per l’alta infiammabilità delle vecchie pellicole e la necessità di ricostruire le parti logorate.

"I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998


Così la stampa dell'epoca

1952 11 16 La Domenica del Corriere Il piu comico spettacolo del mondo intro

Prima che inventassero le motociclette, non c’era nulla che facesse più fracasso del circo. equestre. E nulla che fosse altrettanto temerario, eccessivo, iperbolico; ecco perchè il regista americano Cecil B. De Mille, a cui piacciono i film di ambiziosa grandiosità, ha finito con il mettere assieme, come prima o poi doveva accadere, una pellicola sul circo. E giacché i superlativi sono il suo forte, gli ha dato un titolo che esprimesse, pomposamente, ‘ un primato assoluto, «Il più grande spettacolo del mondo».

1952 11 16 La Domenica del Corriere Il piu comico spettacolo del mondo f1Grande crisi finanziaria, per il circo equestre Ringling, Barnum e Bailey. Esso ha bisogno di enormi incassi, ma i suoi spettacoli in provincia si fanno sempre meno fruttuosi. Il direttore Brad Braden, è angustiato; ama troppo il circo per scioglierlo, come vorrebbero gli azionisti. Il clown Buttons (l’attore James Stewart), uomo dal misterioso passato, tenta Invano di elettrizzare le rappresentazioni, con le sue scenette comiche, in coppia con il comico Kelly. A destra, la trapezista Dolly (Betty Hutton), di cui Brad Braden i violentemente innamorato, fa anch’essa del suo meglio. Per rialzare le fortune del circo occorre scritturare un atleta popolarissimo, Sebastian, ancora più abile di Holly. E questa ne è addolorata, anche perchè deve cedere al nuovo venuto li trapezio centrale, conservando per sè quello secondario. Ma Sebastlan, galante, lascia che ella usi ancora II suo trapezio, suscitando la gelosia di Braden.

C’è molto romanticismo, se non nella vita degli zingari che sì trascinano, sui carrozzoni, da una città all'altra, almeno nella nostra idea su quella vita. Sulle funi del trapezio e nelle gabbie delle belve, tra le luci dei riflettori e nel frastuono delle fanfare, gente spericolata rischia ogni sera, sorridendo, la sua integrità fisica. Tutto sembra il frutto di un’improvvisazione, mentre invece è il risultato di. ima lunga, graduale, audace familiarità con la morte. Nel film di De Mille, l’attore James Stewart doveva figurare un clown, dal viso impiastricciato di farina e di minio, la cosa gli è riuscita facile; ma come trasformare Betty Hutton in ima ginnasta da trapezio è fare altrettanto con Cornei Wilde? E come fare una domatrice di elefanti della fragile Gloria Grahame? Autentici acrobati, che non figurar no nel film, come Lynn Conch e Antoinette Concello, hanno dato lezioni di abilità e di coraggio agli interpreti; e poi si sono sostituiti ad essi nei momenti in cui la macchina da presa doveva riprenderli pericolanti dalle incastellature, a decine di metri dall’arena, tutti affidati alla saldezza della fune e a quella dei muscoli.

1952 11 16 La Domenica del Corriere Il piu comico spettacolo del mondo f2Il contrasto professionale non impedisce che tra i due trapezisti sorga simpatia. Per via, comunque, della loro rivalità, gii esercizi si fanno sempre più rischiosi. Un giorno, Sebastian (l’attore Cornel Wilde) tenta un nuovo ardito salto mortale, ma le dita mancano la presa ed egli precipita. Braden (Charlton Heston) e il clown Buttons accorrono accanto a lui. E’ ferito a un braccio, forse non potrà più lavorare. Holly, afflitta, sente di essere responsabile della disgrazia. A destra, la domatrice degli elefanti, Angel (Gloria Grahame), che ha amato, in altro tempo, Sebastlan, è di nuovo attirata verso di lui. Per ingelosirlo, civetta con Brad; e ciò infuria il suo compagno, che è il domatore prussiano Klaus (Lyle Bettger), a sua volta invaghito di lei. Durante il «numero» degli elefanti, mentre un pachiderma solleva una zampa sul viso di Angel, Klaus gli ordina di schiacciarla. Solo l’intervento di Brad la salva all’ultimo istante.

E’ stata un’esperienza appassionante, per attori che abitualmente recitano avendo sempre sotto i piedi il consistente sostegno delle assi di uno « studio ». Volteggiare sospese sul grande vuoto, pur sapendo di avere, sotto di sè, ovattati materassi o elastiche reti, è cosa che non possa essere fatta da delicate attrici indifese contro i capogiri e, comunque, abituate a posizioni assai meno disagevoli. E in quanto agli elefanti, si può essere indotti a stringere rapporti cordiali con essi quando li si incontrano al giardino zoologico, ma è meno facile fraternizzare quando, a tu per tu, tra sbarre di ferro, si cerca di ottenere che eseguano passi di danza; c’è qualcosa di poco rassicurante, nei loro barriti e nel loro modo di agitare proboscidi, zanne e zampe.

1952 11 16 La Domenica del Corriere Il piu comico spettacolo del mondo f3Furioso d’essere stato licenziato, Klaus escogita, con altri due bricconi, di assaltare i carrozzoni del circo. In piena campagna, per rubare gli ultimi incassi. La rapina provoca un urto tra i grandi carrozzoni della carovana, che sbandano e si sfasciano. I lamenti degli uomini e delle donne feriti si uniscono alle voci delle belve; I carri bruciano. Dal groviglio del rottami escono i feriti, curati dai clown Buttons, che rivela di essere un medico e salva i più gravi. Tutto sembra perduto, ma nessuno vuole che il cirro muoia. E' Holly che — ora consapevole del suo amore per Brad, il direttore — riorganizza gli uomini allestendo un nuovo spettacolo, cui partecipa anche Sebastian, appena guarito. Ecco, dopo la riuscita della rappresentazione, che Holly abbraccia Brad, felice: Anche Sebastian sarà felice, al fianco di Angel, liberata dall'incubo della gelosia di Klaus. «Il più grande spettacolo del mondo» continua

Un film come questo è fatto apposta per giustificare le pavidità degli attori, quando si accingano a parteciparvi solo dopo avere avuto un lungo colloquio con l’agente delle assicurazioni sulla vita. Cecil B. De Mille ha realizzato Il più grande spettacolo del mondo (The greatest show on earth) mettendo addirittura a soqquadro una cittadina della Florida, Sarasota, dove tutto un intero circo equestre autentico fu reclutato perchè apparisse, nel film, con i suoi « prodigi » umani e le sue rarità zoologiche. Sfilate clamorose, a suon di fanfare, furono eseguite, dai cineasti e dal loro amici del circo, nelle strade di Sarasota. Ancora adesso, a molti mesi di distanza, se ne parla, laggiù, come del giorni della « grande tempesta un altro film come questo, dicono, e finiremo tutti nelle cliniche per la malattie dei nani.

Art., «La Domenica del Corriere», 16 novembre 1952


1953 01 07 Film d Oggi Il piu grande spettacolo del mondo intro

«Film d'oggi», 7 gennaio 1953


Tra le mostruosità che hanno sulla coscienza tanto Mattoli quanto Totò, Il più comico spettacolo del mondo è certo la più madornale.» [...] Col tempismo che spesso li contraddistingue i nostri produttori sono arrivati, per così dire, a battaglia finita, quando ormai gli spettatori danno chiari segni di impazienza, di fronte all’impaccio degli occhiali: così che, dopo due o tre giorni di proiezioni in 3D i locali si sono affrettati a sostituire la copia con quella normale, basando per di più su questo fatto la loro pubblicità [...] Karl Struss ha affidato le sue macchine al nostro Fernando Risi di cui riconosce l’eccezionale bravura, e se ne sta intorno al set con l’aria incantata di un turista americano che stia a guardare i monumenti della Roma dei Cesari; alcuni dicono che Struss cerchi soltanto di sottrarsi all’infernale ambiente del set sul quale convergono gli infuocati fasci di luce di decine di riflettori [...] Totò ha trovato una buona scappatoia per entrare sicuramente nella storia del cinema: interpretare il primo film italiano in 3D».

Giulio Cesare Castello, «Cinema» n.108, 30 aprile 1953


1953 05 24 Noi Donne Il piu comico spettacolo del mondo intro

Fino a qualche giorno fa, gli spettacoli che I ' l’organizzazione del Circo Togni. (uno degli ultimi, gloriosi circhi equestri, uno dei pochi che fa ancora, puntualmente, tutti gli anni, il giro delle grandi città d’Italia per esibire i suoi domatori, i suoi clown, le sue bestie feroci ed i suoi trapezisti) erano due. Uno era lo spettacolo della sera, quando la grande tenda del circo si illuminava, e cominciavano i vari numeri; l’altro, invece, forse anche più divertente, si svolgeva al mattino.

1953 05 24 Noi Donne Il piu comico spettacolo del mondo f2

Dalle otto del mattino, infatti, il circo veniva invaso da una folla di operatori, elettricisti, cineasti. E, poco dopo, cominciava « II più comico spettacolo del mondo». Un film con un pagliaccio d’eccezione: Totò, perfettamente truccato secondo il costume tradizionale che la nostra fotografia vi mostra; con una « prima donna » paludata di un abito di sontuoso raso rosa, adornata da un cappello con grandi piume di struzzo: Franca Faldini, fidanzata di Totò e protagonista del film: e, infine, con una graziosissima domatrice, in aderente costume bianco e nero: May Britt.

1953 05 24 Noi Donne Il piu comico spettacolo del mondo f1

«Il più comico spettacolo del mondo», un film che sarà la satira dell’americano «Il più grande spettacolo del mondo» di De Mille (Totò ha nel film la stessa truccatura che nella pellicola americana aveva James Stewart), sarà a tre dimensioni : una novità per l’Italia, una innovazione già in atto da molti anni nell’Unione Sovietica ed ai primi esperimenti in America.

«Noi donne», anno VIII, n.21, 24 maggio 1953


"Il più comico spettacolo del mondo", di Mario Mattoli, é il primo film Italiano a tre dimensioni. Non crediamo che ne debbano seguire molti altri: la stereoscopia ha subito fatto il suo tempo. Si tratta, almeno all'Inizio, d'una parodia del "Più grande spettacolo del mondo", di De Mille: storia di un pagliaccio da circo equestre inseguito dalla polizia. Sfrutta, con il solito lancio di oggetti verso la sala — fiori, palle, getti d’acqua, proiettili — e possibilità emotive del rilievo. E sfrutta il surrealismo marionettistico della più consueta comicità del maggiore interprete, Totò. Due o tre episodi, e specialmente un «quadro» da rivista, quello di Totò parrucchiere e massaggiatore, riconducono al clima degli altri film di Mattoli. La conclusione frettolosa, una flebile preghiera recitata da Totò, perde di vista il tema del film e sembra messa il per dare una soluzione purchessia alla vicenda, più corta di fiato del solito. A May Britt e a Franca Faldini, ma meglio ancora a Tania Weber, è affidato il compito di dare risalto, diciamo, al risalto; ossia di lasciare intendere, nella procacità di certe ostentazioni, a quale prestigio volentieri si affidi la riuscita della stereoscopia; il prestigio della corposità.

lan. (Arturo Lanocita), «Corriere della Sera», 3 dicembre 1953


1953 12 03 Corriere della sera Il piu comico spettacolo del mondo intro

Un estroso e misurato, espressivo e godibile Totò è al centro di « Il più comico spettacolo del mondo»; alla fine anzi, quando egli raduna intorno a sè i compagni d'arte e di rischio del circo equestre dove, a somiglianza del film quasi omonimo di Cecil De Mille, lo spettacolo si svolge, e pronuncia parole di congedo nelle quali è tanta umanità, un senso di vero ed un moto di consentimento compensano la fatica di Mario Mattoli, anche per quella parte in cui l'adattamento, abile sempre, rimane allo scoperto. Al film, la cui avvincente materia si presta a quadri ed a scene pittoresche, ha collaborato con le sue attrezzature, i suoi artisti, le sue belve il circo Togni e, trattandosi di un saggio tridimensionale a colori, campo nel quale si mostra così di saper scendere anche noi vittoriosamente, va ammesso che miglior destro per raggiungere singolari effetti non poteva venire offerto ad una fantasia che si sviluppa ricca e fertile di trovate, nonché di soluzioni anche in campo tecnico. Con il suo reale e il suo parodistico, i suoi effetti spettacolari, gli episodi gustosi, la sua simpatica gente, il film riesce a prendere e a divertire.

«Corriere d'Informazione», 3 dicembre 1953


1953 12 05 Il Tempo Il piu comico spettacolo intro

Alle smorfie e ai lazzi di Totò sembrano affidati, da qualche tempo, tutti i tentativi e gli esperimenti più azzardati del nostro cinema ieri era la volta del primo film realizzato con un sistema a colori italiano, oggi è toccato al primo film in 3D (brevetto americano, però). Di fronte al tentativo dichiarato, così, il giudizio sul risultato spettacolare non deve essere troppo ingeneroso perché anche se da vicenda prendendo le mosse da un tentativo di parodia che si rifà, fin dal titolo, a un film americano sulla vita dei circhi, finisce per essere soltanto una sbiadita antologia dei più famosi numeri delle riviste di Totò. Il pubblico, che ha eletto il comico napoletano proprio beniamino, ride, comunque si diverte, applaude. Che desiderate di più? In 3D si possono ammirare oltre al mento di Totò, le grazie fiorite e fiorenti della dolce May Britt, della sempre più bella Tania Weber e di Franca Faldini. La regia di Mario Mattoli, Ferraniacolor.

«Il Tempo», 5 dicembre 1953


1953 12 05 Il Popolo Toto in 3D intro

Abbiamo oggi anche Totò protagonista di un film a tre dimensioni.

Il «tre dimensioni» è quello spettacolo che va visto con gli occhiali colorati. Con questi occhiali l personaggi assumono un netto rilievo e quando dallo schermo fanno il gesto di lanciare acqua o «ciche» verso il pubblico, si ha l’impressione che vi arrivino sul naso. Ripetuto questo, che per gran parte del pubblico è cognito, esaminiamo il film in sè e il signor Totò protagonista del medesimo. E qui dobbiamo ripetere quanto abbiamo scritto altre volte: è un vero peccato che un autentico artista come Totò (un attore di potenza non comune) si avvilisca nello sciorinare al pubblico scemenze, gesti osceni e doppi sensi. Lo abbiamo tanto ammirato'nella umanissima interpretazione di
« Guardie e ladri » e dobbiamo rivederlo invece ancora e sempre nei panni di un personaggio da rivista che si abbassa al livello, spesso, di un attore da avanspettacolo.

In questo film a tre dimensioni la cosa più attraente è il circo Togni in cui Totò si muove nei panni di un pagliaccio come protagonista di una scipita vicenda. L'ambiente è senza dubbio interessante e il colore e le tre dimensioni trovano in questo sfondo un materiale «scenico» che fa spicco.

Non mancavano i bambini in sala a deliziarsi alle prodezze del clown, degli acrobati, degli animali ammaestrati, ma anche a vedere e a sentire cose ben poco adatte alla loro innocenza (sperando ancora ne abbiano, un pizzico...).

Il film si chiude con la preghiera serale detta da Totò, cui assiste tutta la compagnia. Dice cosi bene cose vere e delicate da sentirne commozione, ma ecco che con intercalari buffi, che rendono la preghiera irriverente, sconcerta chi ha creduto per un momento che fra tante cose melense, ve ne fosse una intonata.

Un esempio: Oh, tu che sei la vera rete di salvezza... C’è tanta gente al mondo che fa piangere... Noi dobbiamo piangere per far ridere... E poi ecco la battuta sciocca: Salvaci dalle unghie delle nostre donne, chè da quelle delle belve ci salviamo noi.

C. Tr. (Carlo Trabucco), «Il Popolo», 5 dicembre 1953


1953 12 05 L Unita Il piu comico spettacolo intro

C'era da aspettarselo dopo un “Totò a colori” non poteva mancare un Totò tridimensionale. Non che dispiace il fatto che una casa di produzione italiana abbia voluto utilizzare il nuovo mezzo tecnico  la cui funzionalità del resto è piuttosto discutibile; e ciò che deploriamo è che si è creduto che bastasse aggiungere il 3D al nome di Totò per assicurare comunque il successo di cassetta. Il film, almeno nelle intenzioni (e intenzioni sono rimaste)  voleva essere una parodia di “Il più grande spettacolo del mondo”, di Cecil B De Mille.

In realtà esso non è che uno scadente canovaccio, il quale permette al Circo Togni di  esibire i suoi artisti e a Totò di dar via libera ai suoi lazzi che  nonostante tutta la buona volontà raramente riescono a strappare qualche risata. Tra l'altro gli sceneggiatori erano così a corto di idee che non hanno esitato a rispolverare alcuni noti sketch di Totò come per esempio quello dei manichini che faceva parte del repertorio teatrale del comico e quello della massaggiatrice, tolto di peso dal vecchio film “Fermo con le mani”.

Gli attori cui è stato affidato il compito di interpretare questa pellicola sono, oltre Totò, May Britt, Marc Lawrence e Franca Faldini. Ha diretto Mario Mattoli.

vice, «L'Unità», 5 dicembre 1953


1953 12 05 Il Messaggero Il piu comico spettacolo intro

Sbollita la prima curiosità, il cinema tre dimensioni si è dimostrato sprovvisto di particolare capacità non dico espressive, che potrebbero non avere importanza ai fini commerciali di un film, ma di immediata efficacia spettacolare. I tanto decantati effetti di profondità e di rilievo non solo non intensificano le risorse comiche o drammatiche del racconto, ma passano ben presto inosservati; e tale inefficienza fa maggiormente sentire il fastidio degli occhiali e rilevare il confuso sfarfallio dei movimenti bruschi.

Non per nulla questo inutile infantile espediente è stato già abbandonato dagli americani che pur vi avevano riposte tante speranze. non potendo, Dunque, contare sulle specifiche risorse del sistema, il film deve fare assegnamento sui mezzi di un normale spettacolo cinematografico che sono quelli di un interessante e divertente congegno narrativo. Nel film presentato ieri esso manca del tutto: la vicenda, se così si vuol chiamare, si limita ad un seguito di non sempre comici interventi di Totò in uno spettacolo di circo equestre.

Gli accenni ad un filo conduttore che leghi il tutto: la vicenda, se così si vuol chiamare, si limita ad un seguito di non sempre comici interventi di Totò in uno spettacolo di circo equestre. Gli accenni ad un filo conduttore che leghi il tutto (Totò ricercato dalla polizia non si sa bene per qual ragione si camuffa da acrobata, da domatore, da pagliaccio con l'aiuto di donne che hanno con lui non si sa bene quali rapporti) si contraddicono e si perdono di scena in scena.

E a ridere delle pretese trovate umoristiche sono i soli in spettatori del circo fra i quali si scorgono la Mangano, Fabrizi ed altri attori. I numeri del Circo Togni sono ricchi ed attraenti, i costumi di gusto, la fotografia a colori e assai riuscita, la stereoscopia eccellente. Peccato che tanto impegno produttivo sia così male impiegato. Totò e il regista Mattoli hanno fatto quel che hanno potuto: non si può cavar sangue da una rapa.

E.C. (Ermanno Contini), «Il Messaggero», 5 dicembre 1953


Film sgarrupato e incoerente quant’altri mai, "Il più comico spettacolo del mondo" ha comunque dal punto di vista tecnico dei pregi non indifferenti; riemerso dopo un lungo restauro al Festival di Roma 2011, mostrerà una profondità di campo e un’efficacia stereoscopica superiori al 3D dei film realizzati sessant’anni dopo.

Cfr. Alberto Anile, Totò Exploitation, «Cabiria», n. 174, maggio-agosto 2013, pp. 55-64


1953 06 Cinema La stereoscopia non si addice al cinema

3D contro rilievo
La stereoscopia non si addice al cinema

«Cinema», n.110, 1 giugno 1953


Catanzaro 13 aprile, notte.

Catanzaro è in subbuglio per un film di Totò. Si tratta della pellicola «Il più comico spettacolo del mondo» proiettata in questi giorni in un locale cittadino: a un certo momento, il noto attore napoletano si rivolge a un'attrice, truccata da negra, e le chiede di che paese sia. La ragazza risponde: «di Catanzaro», al che Totò aggiunge un suo commento salace.
La battuta ha provocato la reazione degli spettatori, che hanno ritenuto di cogliere nella frase un'offesa al decoro della città. Alcune centinaia di cittadini hanno firmato una petizione al sindaco e un consigliere ha presentato oggi al Consiglio comunale un ordine del giorno .che è stato approvato all'unanimità.

Nell'ordine del giorno, rilevato il tono offensivo della frase quanto mai «lesiva della dignità, dell'onorabilità e del buon nome della città» si dà mandato alla Giunta comunale, e per essa al sindaco, di intraprendere Immediatamente tutte le azioni necessarie, non esclusa quella legale, per la tutela della dignità, del buon no-mè e degli interessi della città tutta ». Dal canto suo il sindaco, avv. Francesco Bova, ha inviato al produttori un telegramma chiedendo l'immediata eliminazione della battuta incriminata.

«Corriere della Sera», 14 aprile 1954


1954 04 29 Gazzetta del Popolo Toto Catanzaro intro

Confessiamo che grande sarebbe il nostro imbarazzo se ci chiedessero di stabilire con precisione di confini se e fino dove la vita sia rappresentazione cinematografica e quando il cinema sia edificante interpretazione della vita. Peggio ancora poi quando la vita si inserisce nella finzione di celluloide e diviene spettacolo nello spettacolo. Pochi giorni or sono su un lucido e ponderoso tavolo della Presidenza del Consiglio a Roma, s'è posata un’accesa petizione di molti cittadini di Catanzaro, i quali chiedevano il taglio di un passo da una pellicola cinematografica » nella quale Totò si abbandona ad un giudizio per niente lusinghiero nei confronti di quella forte gente di Calabria.

Pensiamo proprio che quel severo tavolo si sia alquanto spostato dalla sua solita ubicazione, come percorso da un prurito ci stupore. Abituato ad accogliere istanze magari strane, magari assurde ,si deve certo essere meravigliato che dei cittadini italiani questo secondo scorcio di secolo, facessero giungere a Roma la loro voce, non già per sollecitare un sussidio, una licenza, una onorificenza ma solo ed esclusivamente per difendere un civico onore. Dicendo della metaforica sorpresa del tavolo ministeriale (e nostra), non intendiamo affatto emettere un giudizio e meno ancora avallare la incriminata allocuzione di Totò.

E ’ comunque da convenire che in tempi come i nostri in cui il successo arride ai funamboli del compromesso ed agli equilibristi della morale, fa un certo effetto sentir parlare di «question d’onore». Sarà questione di Natura. In Calabria, dove la terra, come il viso degli uomini sono arsi dal sole, non v’è posto per i chiaroscuri : ogni pietra come ogni sentimento conosce il bruciore di una luce esasperante e nella consunzione scottante d’ogni cosa creata v’è forse la catarsi d’una vita rim asta sincera e sempre uguale. Persino il mare, qui in Calabria, non conosce mollezze e blandizie d’altre riviere : batte mordente contro le erose scogliere e il suo forte respiro flagella l’interno sino a strinare l'intonaco bianco e abbacinante d’una bicocca o la pelle caprigna e rugosa d’un pescatore.

In Calabria tutto è conquista: la vita, l ’amore e persino la morte. Qui la volontà vai più della Natura. Qui il progresso deve essersi arrestato alle soglie della farmacia o del caffè di provincia, ai tempi in cui la vita si infilava spensieratamente nel guanto da gettare in faccia all’ offensore ed in cui l’onore colpito veniva inalberato sulla punta aguzza d’una spada da duello. In Calabria non dev’essere ancora giunto l’alito viscido e greve di quel civile compromesso che è l’asfalto. Come si potrebbe diversamente capire questa strana difesa dell’onore, in momenti in cui l’onore è divenuto un'arma retrattile, in cui più nulla riesce ormai a tinger di rossore l’anima, ed in cui il bimbo più non crede al mondo incantato delle fate bionde, ed alla favola bella del principe azzurro, paladino dell’onore, mentre si trastulla per non più d’un giorno con un infernale balocco meccanico che troppo presto gli apprende la prevalenza della Forza sulla Giustizia?

Ma dove, a nostro giudizio, i querelanti di Catanzaro hanno sbagliato è stato, come dicevamo all’inizio, nell’inserire uno spettacolo nello spettacolo. Non hanno capito, i forti cittadini di Catanzaro, che chi parlava nel film in questione era, nient’altro che una maschera. Se a parlare fosse stato il principe Antonio De Curtis, con quel che segue, poteva forse valere la pena di offendersi e stampargli sul viso con aria di superiore disprezzo il classico schiaffo come s’addice a gente d’onore e di spada. Ma con le maschere no, non ci si può offendere! Le maschere non si sa da dove vengano: son nate con l’uomo, stanno in piedi sorrette dalle miserie nostre, la loro vita è lunga quanto la durata d’una risata, e profonda quanto la puntura d’un sarcasmo. Ogni uomo che nasce dà vita alla sua maschera: il carattere d'ogni maschera si fissa nel gran palcoscenico della Vita per quel tanto di fisso e di reperibile che è in ogni lato miserevole della natura umana. Spesso però le maschere soffrono della loro finzione e nessuna creatura umana è più triste d'un pagliaccio destinato solo a far ridere gli altri ed è per questo che a volte dalla bocca stirata e senza denti d’una maschera esce una tirata che trascende il singolo ed il caso per insegnare a tutta l’Umanità, così come sull’occhiaia vuota d’una maschera può salire la lacrima più sincera e più sofferta sulla sorte d'un triste genere umano.

Meglio avrebbero fatto i cittadini di Catanzaro a indirizzare la loro petizione al Re delle Maschere, perchè fosse redarguita la maschera Totò e salvaguardato l'onore dell’antica città calabrese: al cinema, come a teatro, v’è posto solo per maschere e fantasmi. Per redarguire il principe De Curtis, nella vita vera, ci vuol la carta da bollo, e in queste cose si sa, tutto diventa serio, col rischio finale di rovinare lo spettacolo. Sui tavoli ministeriali di Roma c’è posto ormai solo per l’onore delle categorie: l’onore dei commercianti, degli industriali, degli artigiani, delle Nazioni, dei Popoli. O che forse Totò e Catanzaro sono una di queste cose? Piuttosto a consolazione nostra, dei cittadini di Catanzaro e degli uomini di tutto il mondo, vorrei citare ciò che in proposito pensava Montaigne: «Ogni persona onorata preferisce perdere l’onore piuttosto che la coscienza»

Bruno Galvani, «Il Popolo», 29 aprile 1954


2011 10 30 L Unita Il piu comico intro

Pionieri Restaurato e presentato dalla Filmauro alla Festa di Roma il film fu girato nel 1953 da Mario Mattoli con un sistema brevettato da Ponti e De Laurentiis. Allora fu fiasco, oggi la tecnica ne rivela gli effetti stupefacenti

Totò era in 3D anche quando era piatto, perché «piatto» non lo era mai. La sua comicità era talmente turgida che le sporgenze e gli spigoli del suo corpo, a cominciare dal naso, riempivano gli schermi. Ciò non toghe che, fra tutti i restauri recenti e meritori realizzati in Italia, Totò in 3D - Il più comico spettacolo del mondo era forse il più attuale e necessario. Al punto che Aurelio De Laurentiis, che con la sua Filmauro ha contribuito alla riscoperta, pensa giustamente di rilanciare il film nelle sale. Film che risale addirittura al 1953, e fu diretto da Mario Mattoli utilizzando un sistema brevettato da Carlo Ponti e Dino De Laurentiis e ribattezzato (mescolando i loro cognomi) Podelvision. Purtroppo il film fu un fiasco, e certo non per colpa di Mattoli e Totò, che allora riempivano le sale «a prescindere»: il pubblico non era abituato agli occhialetti e in più le condizioni di proiezione, nell’Italia del primo dopoguerra, dovevano essere precarie. Rivisto oggi, dopo il magnifico restauro realizzato su materiali della Cineteca Nazionale da Cinecittà Digital Factory (super-visione di Pasquale Cuzzupoli: un applauso), questo Totò in 3D è tecnica-mente stupefacente.

2011 10 30 L Unita Il piu comico f1

IL TURCO NAPOLETANO

Il 3D trionfa soprattutto nella scena in cui Totò, travestito da turco napoletano, deve fare da bersaglio in uno di quei baracconi da «tre palle un soldo» del luna-park: le palle d arrivano letteralmente in faccia, così come lo schizzo dell’estintore con il quale Totò cerca di spegnere un incendio da lui stesso provocato in un salone di bellezza (ha lasciato una cliente troppo a lungo sotto il casco della permanente...). Naturalmente Mattoli si diverte con effetti «ad uscire» dallo schermo che oggi il 3D usa molto meno, ma va capito: eravamo agli albori, era salvo omissioni la prima volta in Italia.

Totò in 3D è passato ieri al festival di Roma, in una serata in cui Aurelio De Laurentiis ha coinvolto come «testimonial» il comico napoletano Alessandro Siani. Cosa c’entri Siani con Totò è un mistero, ma c’entra con le commediole oggi di moda: coinvolgere due splendide signore come Isa Barzizza o Franca Faldini, che affiancano Totò nel film e sono vive e vegete, pareva forse brutto. È la volgarità dei nostri tempi, al confronto dei quali la dirompente carica sexy del film appare tenera e fanciullesca. Totò in 3D è uno dei lavori più audaci di Totò e Mattoli, a cominciare dalla scena in cui May Britt e Tania Weber eleggono il comico a novello Paride, mostrando entrambe le proprie grazie, fino alla scena del massaggio in cui Totò manipola una bella bionda... ripreso ovviamente in primissimo piano, ma il suo volto - anche grazie alla tridimensionalità - dice più di quanto i censori potessero e possano accettare. Nel film c’è un Mario Castellani immenso, un Gianni Agus pre-tv e piccoli cammei - come spettatori del circo dove si svolge la trama - di Silvana Mangano, Aldo Fabrizi, la citata Bar-zizza, Carlo Croccolo e Anthony Quinn, che era in Italia per girare La strada di Fellini. Quando (ri)uscirà, non perdetelo: è molto meglio di Tin Tin.

Alberto Crespi, «L'Unità», 30 ottobre 2011



Il più comico spettacolo del mondo (1953) - Articoli d'epoca

Fora lo schermo il mento di Totò

Fora lo schermo il mento di Totò Nel suo ultimo film, «Il più comico spettacolo del mondo», parodia di un recente successo di Cecil B. De Mille, il Principe De Curtis apparirà in rilievo agli spettatori. Fra i cineasti italiani Totò è certamente il…
Italo Dragosei , «Festival», 6 giugno 1953 1044
Articoli d'epoca - 1950-1959
Fora lo schermo il mento di Totò

Ruggiscono sullo schermo i leoni in rilievo

Il più comico spettacolo del mondo: ruggiscono sullo schermo i leoni in rilievo Intanto anche in Italia i produttori dei film a tre dimensioni ordinano centinaia di migliaia di occhiali polaroid La pericolosa concorrenza della televisione ha…
Renzo Trionfera, «L'Europeo», anno IX, n.19, 7 maggio 1953 624
Articoli d'epoca - 1950-1959
Ruggiscono sullo schermo i leoni in rilievo


I documenti


Signori, io sono qui per dirvi che vedrete in edizione normale questo primo film tridimensionale a colori realizzato in Italia. La tridimensione, come tutte le novità che si rispettano, ha i suoi sostenitori e i suoi denigratori. Ma noi crediamo che non si debba rinunciare al vecchio sistema...

Enrico Viarisio, il presentatore del film


A differenza degli altri film di Totò che come lavorazione duravano dalle tre alle quattro settimane, Il più comico spettacolo del mondo durò di più perché era uno sforzo molto grosso. Credo che Totò ci abbia sofferto parecchio perché un film di quel genere, il primo tridimensionale, portava a delle lentezze che lo stancavano moltissimo e lo innervosivano. Era una persona socievolissima, sul set non si tirava mai indietro, non si presentava all’ultimo minuto per lavorare quanto gli pareva; però voleva che la lavorazione scorresse, mentre per questo film si perdeva molto tempo per l’allestimento delle luci, delle macchine, delle riprese, e quindi andava tutto un pochino a rilento. La cinepresa non era più una ma tre che dovevano funzionare quasi in contemporanea, quindi tre dovevano essere gli operatori, i direttori delle luci. Certo, per Totò era una bella soddisfazione fare questo primo tentativo in 3D, però non c’era la solita atmosfera: mentre prima quello che contava nei film di Totò era la presenza di Totò, in questo film contava anche la parte tecnica. Poi Mattoli era un uomo molto ligio al dovere e molto fissato, anche tecnicamente, voleva che le cose si svolgessero in quella determinata maniera. E Totò per Mattoli aveva un’enorme stima, perché aveva un lato debole. Mattoli era un laureato, Totò un principe: i titoli, nobiliari o di studio, a lui facevano molto colpo. Succedeva anche con me, perché ero laureato in farmacia, Totò lo sapeva e mi chiamava “il dottorino”, gli faceva un po’ piacere sapere che sui suoi set c’era anche un laureato. Mattoli era avvocato, e quindi non dico che avesse solo per questo una stima maggiore, però era un pochino più ligio a certe cose, e le cose filavano più per il verso giusto.

Enzo Garinei


Ci fu anche un film di Totò in tre dimensioni, Il più comico spettacolo del mondo, una parodia del filmone di De Mille sul mondo del circo. Fu girato in un circo vicino San Paolo e avevano preso l’operatore di Charlot, Karl Struss, alto alto che sembrava Papa Pacelli, tanto è vero che noi elettricisti dicevamo: “Mannaggia, mo' ce benedice!”. Struss, come tutti quelli che avevano lavorato con Chaplin che faceva tutto lui, non sapeva fare niente.

Claudio Mancini


Con te Oggi a me domani tocca a te Il piu comico spettacolo mini"Oggi a me domani tocca a te" (Bonagura-Redi) dal film "l più comico spettacolo del mondo" (1954)


La prima avventura del 3D in Italia

Per ogni pellicola è necessario ottenere due copie assolutamente identiche, corrispondenti una all’occhio destro e l’altra all’occhio sinistro. Le difficoltà potrebbero aumentare ancora nelle cabine di proiezione, perché basta lo spostamento di un solo fotogramma per annullare gli effetti stereoscopici ed aumentare enormemente il disagio degli occhiali polarizzati.


Cosa ne pensa il pubblico...


logodavi

I commenti degli utenti, dal sito www.davinotti.com

  • Insieme di sketch poco divertenti che cercano di sfruttare la novità del 3D (penso sia l'unico film italiano girato con questa tecnica) e la popolarità di Totò. La storia è ai minimi storici e il grande attore ricicla lo sketch del manichino (unico momento riuscito) e improvvisa una malinconica preghiera del clown. Troppo poco per un lungometraggio abbastanza evitabile, se non fosse per la presenza di Totò appunto.

  • Se è vero che i personaggi del mondo del circo devono sapersi adattare ad ogni genere di lavoro, in questo film viene chiesto a Totò di interpretare ogni ruolo e di sostenere tutto il peso di una pellicola (una delle tante parodie di celebri film interpretate dal grande comico napoletano) che si fregia di essere il primo film in 3D (anche se il primo film stereoscopico italiano dovrebbe essere Nozze vagabonde del 1936). Attori famosi tra il pubblico del circo e sketch divertenti e già conosciuti, che vedono protagonisti Totò e Castellani.

  • Un po' velleitario tentare di parodiare Il più grande spettacolo del mondo di Cecil B. De Mille pretendendo d'utilizzare le piste dell'allora ben più piccolo circo Togni. A poco serve il 3-D (la moda era già finita e il film fu visto da quasi tutti in versione normale) e il Ferraniacolor. Fra le cose salvabili, la toccante preghiera finale del clown (oggi considerata una vera e proprio sequenza d'antologia), oltre a May Britt e Tania Weber, qui veramente bellissime, molto ben valorizzate da fotografia e colore.

  • Questo film a colori girato in 3D è uno dei più corti della storia del cinema: non dura nemmeno 70 minuti. Mattoli ribadisce la sua personale estetica del film come spettacolo che riprende un altro spettacolo (qui il circo, ma nella trilogia scarpettiana e anche nei Pompieri di Viggiù, il teatro). La trama è, in effetti, un pretesto per dare occasione a Totò di presentare alcuni suoi famosi sketch di origine rivistaiola. Il comico non appare in grande forma forse perché deve sostituire la sua maschera mobile con la fissità della maschera da pagliaccio.

  • Un tentativo di sfruttare il grande repertorio teatrale di Totò, come avvenuto per il lancio dei film a colori in Italia, ma, a dispetto dello spassoso Totò a colori, questo espediente per lanciare il 3D italiano non ha la medesima fortuna. Il film presenta il suo unico momento di vera bellezza nella celeberrima "preghiera del clown" e presenta qualche altro schetch ilare ma, complessivamente, non lascia il segno. Per appassionati del grande attore napoletano.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La preghiera del clown.

Foto di scena, video e immagini dal set


Il più comico spettacolo del mondo (1953) - Biografie e articoli correlati

1898-1998: Totò cento

1898-1998: Totò cento Il 15 febbraio 1898 nasce a Napoli il principe della risata. Per i cento anni di Totò si preparano grandi festeggiamenti. Intanto, la figlia Liliana sta realizzando,…
Andreina De Tomassi, «Il Venerdi di Repubblica», 5 dicembre 1997
1202
16 Nov 2018

Agostinelli Claudio

Agostinelli Claudio Nell'Annuario del Cinema italiano 1950-1951 è elencato come GENERICO EXTRA, deceduto per malattia negli anni 60 (da verificare). Filmografia (Presente nei titoli)…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1251
09 Apr 2014

Agus Gianni

Agus Gianni (Cagliari, 17 agosto 1917 – Roma, 4 marzo 1994), è stato un attore italiano. Biografia Dopo avere conseguito il diploma di ragioniere, si dedica a un'intensa attività…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
8824
29 Ott 2018

Alivernini Umberto

Alivernini Umberto Fratello di Ferdinando (fu segretario di produzione nel 1960, per il film "Letto a tre piazze"). Generico sia in fotoromanzi che cinematografico. Riguardo i fotoromanzi,…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1750
13 Set 2015

Articoli & Ritagli di stampa - 1950-1959

Articoli e ritagli di stampa anni '50 Totò mondiale Tra il 1950 e il 1955 i film di Totò venivano regolarmente esportati in mezzo mondo, dall'Africa alla Svizzera. Uno dei Paesi in cui…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7136

Bada che ti mangio! (1949)

BADA CHE TI MANGIO (1949) Scheda dell'opera Titolo originale Bada che ti mangio (1949) Regia: Michele Galdieri, rivista in due tempi Soggetto: Michele Galdieri e Antonio de Curtis…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7692
03 Dic 2015

Balsamo Ignazio

Balsamo Ignazio (Catania, 25 ottobre 1912 – Catania, 7 agosto 1994) è stato un attore e produttore cinematografico italiano. Biografia Esordisce giovanissimo nei teatri di provincia…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2770
09 Apr 2014

Barzizza Isa (Luisita)

Barzizza Isa (Luisita) (Sanremo, 22 novembre 1929 - Palau, 28 maggio 2023) è stata un'attrice italiana, considerata una delle più importanti interpreti della rivista, del cinema e della…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7231
12 Nov 2015

Bertucci Ughetto (Ugo)

Bertucci Ughetto (Ugo) Ugo "Ughetto" Bertucci (Roma, 18 ottobre 1907 – Roma, 25 giugno 1966) è stato un attore italiano. Biografia Venditore di frutta e verdura in un mercato romano e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3158
19 Nov 2015

Britt May (Wilkens Maybritt)

Britt May May Britt, nome d'arte di Maybritt Wilkens (Lidingö, 22 marzo 1933), è un'attrice svedese. Biografia Ebbe una breve carriera di attrice cinematografica durante gli anni cinquanta,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3306
09 Apr 2014

Campanini Carlo

Campanini Carlo (Torino, 5 ottobre 1906 – Roma, 20 novembre 1984) è stato un attore italiano. Biografia La sua carriera artistica ha inizio in teatro, in cui si esibisce come attore…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4939
09 Apr 2014

Castellani Mario

Castellani Mario Incontrai Totò nel 1927. Lui proveniva dal varietà, io dall’operetta. Allora le riviste erano a filo conduttore ed eravamo i due comici della rivista. Poi ci lasciammo per…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
9026
30 Lug 2019

Continenza Alessandro (Sandro)

Continenza Alessandro (Sandro) (Roma, 13 luglio 1920 – Roma, 21 novembre 1996) è stato uno sceneggiatore e autore televisivo italiano. Biografia Esordì come sceneggiatore cinematografico…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
1346
09 Apr 2014

Croccolo Carlo

Croccolo Carlo (Napoli, 9 aprile 1927, Castel Volturno, 12 ottobre 2019) è stato un attore, doppiatore, regista e sceneggiatore italiano. Biografia Ha iniziato la carriera nel 1950,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7130
09 Apr 2014

De Filippo Giuseppe (Peppino)

De Filippo Giuseppe (Peppino) All'anagrafe Giuseppe De Filippo (Napoli, 24 agosto 1903 – Roma, 27 gennaio 1980), è stato un attore, comico e commediografo italiano. È stato uno dei più…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7150
21 Lug 2020

Di Giacomo Franco

Di Giacomo Franco (Amatrice, 18 settembre 1932 – Roma, 30 aprile 2016) è stato un direttore della fotografia italiano. Biografia Ha partecipato a più di ottanta film in sessant'anni di…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1125
07 Feb 2014

Fabrizi Aldo

Fabrizi Aldo Totò: Che, vai a lavorà?Fabrizi: Sì, sto al teatro numero due.Totò: E non ti trucchi?Fabrizi: No, io...Totò: Ma come, non ti trucchi?Fabrizi: Eh, perché mi devo truccare? Io…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
8937
09 Apr 2014

Faldini Franca

Faldini Franca (Roma, 10 febbraio 1931 – Roma, 22 luglio 2016) è stata un'attrice, giornalista e scrittrice italiana. Fu la compagna di Totò dal 1952 fino alla morte di lui nel 1967. Figlia…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
9213

Fora lo schermo il mento di Totò

Fora lo schermo il mento di Totò Nel suo ultimo film, «Il più comico spettacolo del mondo», parodia di un recente successo di Cecil B. De Mille, il Principe De Curtis apparirà in rilievo…
Italo Dragosei , «Festival», 6 giugno 1953
1044
09 Apr 2014

Garinei Enzo (Vincenzo)

Garinei Enzo All'anagrafe Vincenzo Garinei (Roma, 4 maggio 1926 - Roma, 25 agosto 2022), è stato un attore e doppiatore italiano. Cenni biografici Prolifico attore teatrale, televisivo e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
6310
04 Mar 2022

Immagini Introvabili - May Britt

May Britt - Galleria fotografica e rassegna stampa «Epoca», 1953 - May Britt «La Nuova Gazzetta di Reggio», 6 agosto 1954 May Britt ritoccava fotografie in un laboratorio di Stoccolma,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
750
04 Dic 2015

Landini Fanny

Landini Fanny E' stata un'attrice italiana. Biografia Attrice caratterista attiva negli anni Cinquanta, recitò in diversi film con Totò. Abbandonò il cinema nel 1959. Galleria fotografica e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3738
31 Ott 2018

Laurenti Giuliano

Laurenti Giuliano Nato nel 1922 - Morto nel 1985 (data da verificare), fu un truccatore cinematografico. Cugino di Laurenti Mariano. Sposò Magnanti Elda, che come parrucchiera condivise…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1731
03 Dic 2015

Lawrence Marc (Goldsmith Max)

Lawrence Marc (Goldsmith Max) Nome d'arte di Max Goldsmith (Bronx, 17 febbraio 1910 – Palm Springs, 27 novembre 2005), è stato un attore cinematografico e regista statunitense, noto anche…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
1853
18 Nov 2015

Libassi Salvo (Salvatore)

Libassi Salvo (Salvatore) (Pantelleria (TP), 18 maggio 1910 - Roma, 8 settembre 1984), è stato un attore italiano. Biografia Figlio di Ambrogio e Pia Colombo e fratello di Renato (nato a…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
4301
06 Nov 2018

Locchi Pino (Giuseppe)

Locchi Pino (Giuseppe) (Roma 10 novembre 1925 - Roma 21 novembre 1994), è stato un attore e doppiatore e direttore del doppiaggio. Padre di Stefano e Marina, attori doppiatori come lui. È…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
2082
19 Nov 2015

Lualdi Antonella (De Pascale Antonietta)

Lualdi Antonella (Antonietta De Pascale) Pseudonimo di Antonietta De Pascale (Beirut, 6 luglio 1931 - Roma 10 agosto 2023), è stata un'attrice e cantante italiana. Antonella Lualdi nasce a…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7024
10 Dic 2019

Magnanti Elda

Magnanti Elda (in Laurenti) Parrucchiera di scena, moglie del truccatore di scena Giuliano Laurenti, lavorò in molti film con Totò. Di seguito, i suoi ricordi. Mi chiamo Elda. Una Elsa…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1885
19 Nov 2015

Mangano Silvana

Mangano Silvana (Roma, 23 aprile 1930 – Madrid, 16 dicembre 1989) è stata un'attrice cinematografica italiana. Annoverata tra le maggiori attrici del cinema italiano, per le sue…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4490
09 Apr 2014

Mattòli Mario

Mattòli Mario Non ho nessun merito nella carriera di Totò, se non quello di aver capito che non doveva continuare a fare il filmetto con la storiellina, ma che bisognava alzare un po' il…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
5625
12 Nov 2015

Mignone Toto (Ottone o Totò)

Mignone Toto (Ottone o Totò) Ottone Mignone detto Totò (Alessandria, 8 febbraio 1906 – Roma, 3 gennaio 1993) è stato un attore e ballerino italiano. Biografia Fratello minore di Milly e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3311
09 Apr 2014

Monicelli Mario

Monicelli Mario Le origini (Roma, 16 maggio 1915 – Roma, 29 novembre 2010) è stato un regista, sceneggiatore e scrittore italiano. Negli anni Cinquanta abbiamo sbagliato tutto nei confronti…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
5541
03 Dic 2015

Morana Eleonora

Morana Eleonora (Milano, 13 settembre 1922) è un'attrice italiana. Filmografia Il più comico spettacolo del mondo, regia di Mario Mattoli (1955)Ricordati di Napoli, regia di Pino Mercanti…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
1853
19 Nov 2015

Quinn Anthony (Quinn-Oaxaca Antonio Rodolfo)

Quinn Anthony (Quinn-Oaxaca Antonio Rodolfo) Nome d'arte di Antonio Rodolfo Quinn-Oaxaca (Chihuahua, 21 aprile 1915 – Boston, 3 giugno 2001), è stato un attore messicano naturalizzato…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2827
03 Dic 2015

Reiner Lia (Arcari Cloe)

Reiner Lia (Arcari Cloe) Bografia Nome d'arte di Cloe Arcari, spesso accreditata come Lia Rainer, è stata un'attrice italiana. Attiva fra gli anni anni cinquanta e la prima metà degli anni…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2190
03 Dic 2015

Sedlak Elena (Hélène)

Sedlak Elena (Hélène) Talvolta indicata anche come Helen Sedlak o Hélène Sedlak (6 giugno 1938), è una danzatrice, coreografa e attrice italiana. È stata anche cantante, in particolare…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4326
28 Nov 2015

Sorrentino Alberto

Sorrentino Alberto (La Spezia, 16 febbraio 1916 – Roma, 1º febbraio 1994) è stato un attore italiano. Biografia Di origini campane per parte di padre (era nativo di Castellammare di…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3889
10 Apr 2014

Supertotò (1980)

SUPERTOTÒ (1980) Titolo originale SupertotòPaese di produzione Italia - Anno 1980 - Durata 98' - Colore e B/N - Audio sonoro - Genere Commedia, film di montaggio - Regia Brando Giordani,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
5507
04 Mag 2016

Totò e... Carlo Campanini

Totò e... Carlo Campanini È stata un'esplosione Sono stato uno dei primi che ha avuto le confidenze di Totò a proposito delle sue ricerche araldiche. È stato durante la lavorazione del…
Daniele Palmesi, Valentina Pattavina
3181
21 Nov 2016

Totò e... Carlo Croccolo

Totò e... Carlo Croccolo La voce di Totò L’ho doppiato naturalmente non in tutti i film ma solamente nelle scene esterne, per via dei rumori che richiedevano la doppiatura e, siccome Totò…
Daniele Palmesi, Orio Caldiron, Simonetta Roblony, Settimanale "Gente"
6864
30 Apr 2016

Totò e... Isa Barzizza

Totò e... Isa Barzizza Diventava un altro Con Totò ho lavorato la prima volta nell'estate del '47 in "I due orfanelli" di Mattoli. Quell'anno facevo teatro con Macario e Mattoli venne a…
Orio Caldiron, Alberto Anile, Simone Riberto
8257
23 Gen 2020

Totò e... la parodia

Totò e... la parodia L'analisi dei film in cui l'arte eccelsa di Totò è servita a sbeffeggiare, imitare e spesso ridicolizzare i "kolossal" e i miti del cinema nazionale e internazionale…
Francesco Velletri, Daniele Palmesi, Federico Clemente
3364
07 Giu 2016

Totò e... Mario Castellani

Totò e... Mario Castellani Un improvvisatore nato Per quarant’anni gli sono stato vicino nella vita e sul palcoscenico. Ho avuto l’onore di essere la sua « spalla » prediletta. Ci…
Orio Caldiron, Davide Morganti, repubblica.it, Alessandro Nocera, Giuseppe Grieco
10796
15 Mag 2016

Totò e... Mario Mattoli

Totò e... Mario Mattoli Quasi un contorsionista Non ho nessun merito nella carriera di Totò, se non quello di aver capito che non doveva continuare a fare il filmetto con la storiellina, ma…
Orio Caldiron, Franca Faldini, Goffredo Fofi
5678
12 Mag 2016

Totò e... Sandro Continenza

Totò e... Sandro Continenza Totò era un comico tutto di battuta Sono forse lo sceneggiatore che ne ha firmati di più, ma non posso negare che i film di Totò erano tutti un po' raffazzonati.…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2612

Totò, il comico irripetibile

Totò, il comico irripetibile Di Totò — scomparso il 16 aprile scorso ancora in piena attività (stava girando le prime scene de Il padre di famiglia di Nanni Loy, che furono poi rigirate con…
Ernesto G. Laura, «Bianco e nero», anno XXVII, n.6, giugno 1967
1168
29 Feb 2016

Totò: i premi i riconoscimenti

Totò: i premi i riconoscimenti Indice degli eventi Per il teatro - 1948: Premiazione per il concorso "Maschera d'argento" Per il teatro - 1949: Premiazione per il concorso "Maschera…
Simone Riberto, Elisa Mallardo, Federico Clemente, Daniele Palmesi, Francesco Velletri
9375
10 Dic 2015

Viarisio Enrico

Viarisio Enrico (Torino, 3 dicembre 1897 – Roma, 1º novembre 1967) è stato un attore e cabarettista italiano. Il teatro e il cinema Scoperto dall'attrice e capocomica Paola Pezzaglia, che…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3597
03 Dic 2015

Weber Tania (Sarsgardeer Tanja)

Weber Tania (Sarsgardeer Tanja) Pseudonimo di Tanja Sarsgardeer (Helsinki, 18 agosto 1926), è un'attrice finlandese, attiva soprattutto in Italia fra gli anni cinquanta e sessanta.…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2745


Riferimenti e bibliografie:

  • "Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
  • Claudio Mancini, Enzo Garinei, interviste di Alberto Anile, "I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998
  • "Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983
  • «Noi Donne», anno VIII, n.21, 24 maggio 1953
  • «Cinema», n.110, 1 giugno 1953
  • Intervista a Enzo Garinei di Alberto Anile, "I film di Totò" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998, pp. 167-168.