Totò, Peppino e i fuorilegge

Eh, ricchi sfondati siamo! Beh, veramente il ricco sono io: lui è solamente sfondato.

Antonio

Inizio riprese: ottobre 1956, Stabilimenti INCIR - De Paolis, Roma
Autorizzazione censura e distribuzione: 18 dicembre 1956 - Incasso lire 452.518.000 - Spettatori 3.030.323



Titolo originale Totò, Peppino e i fuorilegge
Paese Italia - Anno 1956 - Durata 104 min - B/N - Audio sonoro - Genere Commedia - Regia Camillo Mastrocinque - Soggetto Vittorio Metz - Sceneggiatura Edoardo Anton, Mario Amendola, Ruggero Maccari - Fotografia Mario Albertelli - Montaggio Gisa Radicchi Levi - Musiche Alessandro Cicognini


Totò: Antonio - Peppino De Filippo: Peppino - Titina De Filippo: Teresa - Dorian Gray: Valeria - Franco Interlenghi: Alberto - Maria Pia Casilio: Rosina - Barbara Shelley: la baronessa (la Vampa) - Teddy Reno: sé stesso - Memmo Carotenuto: Ignazio detto "il Torchio" - Mario Castellani: il braccio destro del Torchio - Mario Meniconi: il Guercio - Mimmo Poli: il bandito-cuoco - Gino Scotti: il professore - Guido Martufi: il giovane aiutante di Peppino



Toto_Peppino_e_i_fuorileggeSoggetto

Provincia di Roma, primi anni del dopoguerra. Antonio, disoccupato di mezza età, ha sposato una donna ricca, Teresa, che lo tiranneggia: egli vive in campagna con la moglie e con la seriosa figlia Valeria ed è sempre senza un soldo in tasca. Valeria fa la conoscenza di Alberto, giovane giornalista, venuto in paese col proposito di avvicinare e intervistare il bandito Ignazio detto "Il Torchio", temuto in tutta la regione per le sue audaci imprese. Con la complicità di Peppino, il barbiere del paese, Totò fa credere alla moglie di esser stato sequestrato da Ignazio e induce così l'avara Teresa a versare cinque milioni per il suo riscatto. Il denaro viene sperperato in bagordi da Totò e Peppino, recatisi a Roma, dove vengono raggiunti da Valeria e Alberto, che hanno scoperto l'inganno; anche Teresa scopre lo stratagemma del marito, quando dalla televisione viene trasmessa una ripresa in un locale notturno, dove i due compari si danno alla pazza gioia.

Finiti i denari, Totò ritorna al paese e dice alla moglie di essere sfuggito ai banditi; Valeria non fa in tempo ad avvertirlo cosicché l'uomo viene smascherato. Il giorno dopo Totò viene veramente catturato dagli uomini di Ignazio, il quale, saputo anch'egli del finto rapimento compiuto a suo nome, esige per lui un forte riscatto; Teresa però pensa che si tratti di un altro falso rapimento e non vuol dare un soldo. Valeria e Alberto, ormai fidanzati, architettano un piano per salvare Totò; si recano da Ignazio nel suo covo e gli chiedono la libertà di Totò in cambio di un'intervista che renderà celebre il bandito: Ignazio accetta e Totò torna a casa. Dopo le nozze di Valeria e Alberto, Teresa caccia di casa il marito, intimandogli di non tornare finché non si sarà fatto una posizione. Totò, che non ha mai lavorato, si riduce a fare il "ragazzo" nella bottega di Peppino.

Critica e curiosità

Inizialmente il film avrebbe dovuto chiamarsi "Totò a peso d'oro" (dato il ricatto del vero Ignazio il torchio) ma, sulla scia del successo inatteso di Totò, Peppino e la malefemmina, si decise di optare per il titolo che conosciamo.

Ennesima grande prova di affiatamento della coppia Totò/Peppino. Da ricordare anche le interpretazioni di Memmo Carotenuto nei panni del "Torchio" e di Titina de Filippo.

Questo film fu girato, verso metà ottobre del 1956, sulla scia del grandissimo successo di Totò, Peppino e la malafemmina, che incassò una cifra astronomica. Il cast è quasi identico ed in fondo la trama è abbastanza simile, con i due nostri eroi che sbarcano in una grande città e che si danno alla pazza gioia.
Il ridotto apporto al film di Peppino De Filippo che comunque vinse il Nastro d'argento come miglior attore non protagonista nel 1957, sarà compensato dalla strepitosa performance di sua sorella Titina, di nuovo moglie di Totò quindici anni dopo San Giovanni decollato, appena ritiratasi dal teatro per un disturbo al cuore che la porterà lentamente alla morte.
Dorian Gray in questo film parla, curiosamente, con due voci differenti: in poche sequenze (interni casa) evidentemente girate in presa diretta, ha la sua voce autentica, mentre in quasi tutte le altre scene è doppiata da Rosetta Calavetta.
Tornano lo sketch del separé e la piattata da San Giovanni decollato, l'epico lancio di piatti delle donne ai mariti ritorna nel film di Mastrocinque, la scena è evidentemente diversa, ma è il medesimo espediente cinematografico. Alla fine i protagonisti si fanno beccare in televisione come Laurel & Hardy in I figli del deserto di William A.Seiter del 1934. Anche qui, le mogli scopriranno i mariti bugiardi grazie ad un cinegiornale.

Indimenticabili i duetti tra Totò e Titina, la moglie tirchia, e tra Totò e Peppino, specie quando Peppino è vittima di Totò: gli pesta ripetutamente una mano, gli rovescia una bacinella, lo sporca, lo urta col cilindro, gli mette in mano un fiammifero accesso, esilarante la scena del telefono quando i due parlano a se stessi avvolgendosi coi fili. Ma la scena forse più divertente dell'intero film è l'invito a pranzo con Peppino che è costretto a comprare tutto il necessario per il pranzo. Il film fu girato piuttosto in fretta, Totò stava preparando il suo rientro in teatro in quella che sarebbe stata la sua ultima rivista A prescindere. Isidoro Broggi e Renato Libassi, organizzatori e ormai padroni della DDL, preparerebbero subito un terzo Totò, Peppino e... se non fosse che Antonio de Curtis, dopo tanti progetti e altrettante smentite, ha finalmente deciso di tornare a teatro.

"I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998


Così la stampa dell'epoca

Totò, Peppino e la... malafemmina colleziona quattro milioni e mezzo di spettatori, uno in più rispetto al film con Mike Bongiorno. E questo dimostra almeno due cose: che la forza della televisione nei confronti di Totò non era poi così devastante, e che la presenza di Mike non era l'attrattiva principale di Totò lascia o raddoppia?. Così, poche settimane dopo l'uscita, Broggi e Libassi mettono precipitosamente in lavorazione un numero due, Totò, Peppino e i fuorilegge. Si gira intorno alla metà di ottobre, con qualche esterno nei dintorni di Roma. [...]

Alberto Anile


A pensarci è una malinconia. Totò è il più estroso comico del nostro tempo, Peppino porta ogni anno sui palcoscenici della penisola la strepitosa allegria dei nostri comici dell'Arte, Titina è, quando il copione l'aiuta, un'attrice che tiene testa a chiunque nella commedia dialettale. Che cosa potrebbero fare insieme se un produttore intelligente spendesse qualche milione in più per la stesura di una sceneggiatura scritta col cervello invece che con i piedi? Comunque, un duetto tra Totò e Peppino vale sempre la spesa del biglietto [...]

Morando Morandini, 1956


1956 12 21 Il Popolo Toto Peppino Fuorilegge intro

Nella serie di Totò. Peppino e qualcos'altro si inserisce, con un tantino di qualità narrative e di trovate, quest’ultimo film in cui si narra di un marito soffocato dalla avarizia della moglie alla quale fa credere di essere stato preso in ostaggio dai banditi.

La cifra per il riscatto è pagata dalla moglie e spesa da Totò e dal suo amico Peppino, in divertimenti dì ogni genere. Naturalmente a breve distanza avviene un autentico ratto di Totò, ma questa volta la moglie pon è più disposta a cadere in quello che considera un secondo tranello, mentre il poveretto, costretto a rimanere in mano ad autentici fuorilegge — anche se di tipo paesano — viene posto all’ingrasso. I banditi infatti avevano chiesto per la restituzione, oro pari al peso dell’uomo al momento del riscatto.

Trovate e soluzioni sono spesso di cattiva lega, tuttavia la comicità immediata di Totò e Peppino De Filippo, il personaggio della avara, abilmente disegnato da Titina, ed alcune caratterizzazioni assicurano al film un certo consenso. E' con questo tipo di produzione che si chiude il 1956. Crisi e film di Totò da una parte, dall’altra. cioè dal fronte degli esercenti, si continua a combattere con successo. E’ di ieri la notizia dell’apertura di un nuovo cinema: il Mignon.

Vice, «Il Popolo», 21 dicembre 1956


Il tandem Totò - Peppino De Filippo conduce una nuova impresa farsesca e questa volta nel campo della malavita. Come si trovino quei due sprovveduti compari alle prese con una banda organizzata di spietati fuorilegge ce lo racconta il regista Camillo Mastrocinque con doviziosa parità di trovate e matte risate che si rincorrono per tutto il film in un vertiginoso carosello di situazioni incalzanti, di trovate paradossali, di allegre battute. Data la materia si è puntato soprattutto sul lato comico senza indulgere a quelle sfumature patetiche o ricche di umanità che sono la prerogativa dei genere comico proprio, in altre occasioni precedenti, della coppia Totò - Peppino De Filippo.

In un paesino di provincia, Antonio «Totò» vive con la moglie (Titina De Filippo) tanto ricca quanto avara, e, per riuscire ad evadere dalla «prigione» casalinga, architetta, con l'aiuto del barbiere locale (Peppino De Filippo), un rapimento, forte della presenza nella zona del temuto bandito Ignazio li Torchio (Memmo Carotenuto). Lo scopo, naturalmente, è di spillare il riscatto alla moglie per godersi una settimana di «vacanze» a Roma. La cosa riesce, ma l'arcigna moglie scopre tutto e quando in un secondo tempo Antonio è rapito veramente non vuol saperne di pagare il riscatto mettendo in serio pericolo la incolumità dell'«adorato consorte». Risolverà tutto un giornalista (Franco Interlenghi), innamorato della bellissima figlia di Antonio (Dorian Gray), che riesce, prospettando ai bandito i vantaggi e la popolarità che gli deriverebbero da un'intervtsta, ad ottenere la salvezza dello stravagante prigioniero.

Il complesso degli interpreti che circondano i due protagonisti è imponente e tutti si prodigano per far dal loro meglio. Ha diretto secondo i soliti schemi, Camillo Mastrocinque.

Vice, «Il Tempo», 31 dicembre 1956


1956 12 31 Il Messaggero Toto Peppino e i fuorilegge R intro

Diretto da Camillo Mastrocinque, questo film narra la storia di un poveruomo, Totò, infelicitato da una moglie ricca ma tirchia sino all'inverosimile. Con la complicità di Peppino, fido barbiere, egli decide di fingersi rapito dai banditi che infestano la regione, in modo da estorcere alla sua aguzzina cinque milioni di riscatto. Il colpo infatti riesce, e i due se ne vanno a sperperare pei locali notturni di Roma il denaro cosi ottenuto. Ma la moglie, per un seguito di circostanze, viene a scoprire la trama: sicché quando Totò, appena tornato all’ovile, cade davvero nelle mani dei banditi, ella pensa trattarsi di una nuova finzione e si guarda bene dall'inviare il secondo riscatto richiestole. Sarà dunque soltanto grazie all'opportuno intervento del fidanzato delia figlia che il povero Totò riuscirà a porsi in salvo. Una salvezza relativa, tuttavia, chè la persecuzione della Infuriata metà finirà col costringerlo a mettersi a fare il garzone di baroiere

Tutto ciò si svolge a un ritmo che forse vorrebbe ricordare quede delle vecchie farse mute ma che, tranne in qualche punto genera confusione in luogo di divertimento. La recitazione di Totò, Titina e Peppino De Filippo, cui si aggiungono Donan Gray, Franco Interlenghi, Maria Pia Caslio, Memmo Carotenuto e, in una canzone, Teddy Reno, non si può dire abbondi nè di garbò nè di gaia leggerezza

Vice, «Il Messaggero», 31 dicembre 1956


1957 01 07 Corriere della Informazione Toto Peppino e i fuorilegge intro

Un provincialotto che vorrebbe godersi la vita a Roma ma ne è impedito dalla moglie brutta ed avara la costringe a sborsare cinque milioni tingendosi rapito da un brigante che infesta le campagne intorno. Coi cinque milioni in tasca, eccolo a Roma in compagnia di un amico barbiere, e in una sera sola, In un tabarin. Ira torte in faccia. piatti in testa ed altro coso del buon tempo antico, dà fondo a tutta la sua ricchezza, non solo, ma, stando dinanzi all’apparecchio televisivo, la moglie vede tutto. Non è finita. Tornato a casa e desideroso di nuove evasioni, il provincialotto, progetta nuovi piani, e chi sa che farebbe se il brigante, questa volta, non lo rapisce davvero. Naturalmente — come nella favola del pastorello bugiardo — la moglie crede ad un nuovo trucco e non sborsa la somma richiestale. Fortuna vuole che un giornalista riesca a liberare il poveretto, il quale, però. non verrà riammesso in casa dall’avara consorte Ano a che non avrà imparato a guadagnarsi la vita. Finirà perciò garzone nella bottega dell’amico barbiere.

Il provincialotto è Totò, la moglie Titina De Filippo, e il barbiere Peppino De Filippo. Se la cavano tutti o tre da bravi mestieranti, strappando quelle risate di cui poi, subito. ci si pente. Il giornalista è Franco Interlenghi, che da alcuni anni è uno del nostri migliori attori cinematografici senza aver Imparato ancora a recitare, e dimenticavo di dire che c’è anche Dorian Gray, i cui meriti son tutti nella scollatura.

Regia alla buona, fotografia alla buona, sceneggiatura idem ma per un pubblico che si contenta di tanto poco, tutto va bene.

Mosca, «Corriere dell'Informazione», 1 gennaio 1957


1957 01 01 Momento Sera Toto Peppino e i fuorilegge intro

Non si può dire che i film italiani abbiano abbondato, sui nostri schermi, in questo periodo di festività: la crisi, purtroppo, non la risolve Papà Natale e quando i film "da festa" non ci sono non si può pretendere che gli esercenti rifiutino i «colossi» stranieri per fai posto agli «scartini» nostrani. Tuttavia, non faremo Capodanno senza Totò e speriamo che questo segno di buonumore sia propizio per il nuovo anno cinematografico.

Non staremo, naturalmente, a discettare su di un film come questo che discettazioni davvero non chiede. Si ride e tanto basta. Si potrebbe ridere di più e meglio, è vero: beh, sarà per un'altra volta! Ai punto in cui siamo, contano anche le « presenze »: e il nostro grande comico non è venuto meno alla tradizione, che lo vuole ogni anno ad augurarci nelle sale cinematografiche il tradizionale «buona fine e buon principio».

Afflitto da una moglie avara e tiranna, benché ricca, per quanto egli è povero e sfaticato, Totò, con l'aiuto dell'antico Peppino (un barbiere) organizza un finto ratto di sé stesso, intasca i cinque milioni chiesti per il riscatto e li va a spendere a Roma in bagordi, insieme con il complice.

Disdetta vuote che la televisione trasmetta da un locale in cui egli si dà pazzamente agli sperperi con ballerine e che lo moglie veda lo spettacolo. Perciò, quando un bandito autentico rapisce sul serio Totò, la moglie, invece di pagare, si dà anch'essa ai festini e agli sprechi.

I banditi hanno chiesto un riscatto «a peso doro » e mettono Totò «all'ingrasso» per rilevare la somma: quando però vedono che questa non arriva, per convincere la moglie stanno per tagliare un orecchio allo sventurato prigioniero. Giungono in tempo sua figlia ed li fidanzato di lei, un giornalista, il quale, promettendo al bandito interviste «alla Giuliano» e pubblicità nei rotocalchi ed alla radio, ottiene ugualmente la liberazione.
Matrimonio finale e felicità per i due ma non per Totò, il quale, scacciato dall'inflessibile consorte finchè non avrà trovato un lavoro, deve ridursi a fare il «giovane di bottega» presso l'amico barbiere.

Diretto con svelta pulizia da Camillo Mastrocinque, il film si avvale, oltre che della decisiva presenza del due protagonisti, degli apporti di Titina De Filippo, di una cinematograficamente più matura Dorian Gray, di Franco Interlenghi, Memmo Carotenuto, Teddy Reno e Maria Pia Casiiio.

Vice, «Momento Sera», 1 gennaio 1957


1957 01 06 Corriere della sera Toto Peppino e i fuorilegge intro

La moglie avara e il marito scialacquone; un rapimento simulato, seguito da un rapimento vero; la bisboccia di due compari nel locali notturni di perdizione; c, nello sfondo, l'Idillio di due giovani: questo nel canovaccio clic Vittorio Metz ha dato al regista Cnmlllo Mastroclnque per il film Totò, Peppino e i fuorilegge. Non è tutta materia divertente e meno ancora inedita, sono tipi e situazioni che ci accompagnano fedelmente da molti anni; ma se si collocano nel quadro del teatrino minore, dialettale, dal quale sono assorbiti. non c’é ragione di considerarli con severità e corruccio.

Si tratta di una burla che Totò, assoggettato ad una micragnosa consorte, Tltina De Filippo, decide di giocarle, con la complicità del barbiere Peppino De Filippo, per estorcerle alcuni milioni. Egli si finge ricattato dal brigante Torchio, e volge a suo beneficio la somma del riscatto. Il brigante Torchio, cioè Memmo Carotenuto, interviene e rivendica il suo bottino; ma è un bonario e vanesio criminale, sarà facile ridurlo al patteggiamento. Ci pensa un giovane giornalista, Franco Interlenghi, che somiglia a un giornalista vero come un gallinaceo a una locomotiva; tutto, del resto, è deformato in uno caricatura non sempre volontaria.

Ma la farsetta, recitata con spontaneità e immediatezza dai due De Filippo, da Totò e dagli altri, e priva delle grossolanità licenziose che spesso volgarizzano questo genere di film, scorre senza cigolìi sino alla fine. Il musetto di Dorian Gray, la fidanzatina del giornalista, é graziosa e gli occhiali non gli tolgono nulla, la miopia si addice alle stelline.

Arturo Lanocita, «Corriere della Sera», 6 gennaio 1957


Totò, Peppino e i fuorilegge

Dopo la serie dei Pane e amore e dei Don Camillo, abbiamo ora dunque quella dei Totò e Peppino. C’era da aspettarselo, visto che Totò Peppino e la... malafemmina è il film italiano che ha totalizzato gli incassi più alti dell'attuale stagione cinematografica: cosa questa che tanto più colpisce in quanto si tratta di un modesto filmetto in bianco e nero, realizzato senza pretese e privo di particolari attrattive d’ordine spettacolare. L'accoppiamento di Totò con Peppino De Filippo rappresenta evidentemente una buona trovata, capace di fare larga presa sul pubblico; in effetti l’incontro e il contrasto fra la maschera comica dell'uno, cosi mossa, pronta al lazzo e alla buffoneria, con quella dell’altro, fissa su un modulo di serietà grave e un po’ atona, come di chi prende tutto sul serio e capisce sempre a metà; questo incontro riesce realmente ricco di effetti e sa far sorridere lo spettatore nonostante la incredibile banalità del soggetto.

E’ abbastanza interessante rilevare come al progressivo esaurirsi del filone idillico-umoristico dei Comencini e dei Castellani faccia riscontro l’affermarsi di queste pellicole — che si riallaccia, anzi è l'ultima versione, del filone dei film con Totò, uno dei più costanti e redditizi del dopoguerra — nelle quali tutto si basa sulla personale comunicativa dell attore, cosi da rendere completamente insignificante l’apporto del regista, del soggettista o dello sceneggiatore; mentre, al tempo stesso, il film comico americano sembra puntare sulla commedia di costume (in cui soggetto, dialogo e sceneggiatura sono elementi essenziali) e sull’affinamento degli elementi coreografici e musicali. Anche per questo aspetto, dunque. l’Italia ritorna al rango di provincia cinematografica, di "zona depressa”, in cui sì vive di riflesso e a rimorchio di quanto accade in altri Paesi.

Personaggi come quelli incarnati da Totò e De Filippo in questi film di Mastrocinque esprimono a perfezione una situazione di tal genere; poveri diavoli, a metà fatti di grossolana astuzia e a metà di ingenua balordaggine, aspiranti alla bella vita e condannati a tirare a campare, tiranneggiati dai parenti o dagli amici e smaniosi di imporre le proprie trovate balzane; siamo sul terreno della farsa di paese, che si manifesta ormai, con le sue ricchissime tradizioni, l'unica àncora di salvezza cui il nostro cinema sia capace di aggrapparsi.

Ai due protagonisti fanno corona Titina De Filippo con le sue consuete qualità di attrice, Dorian Gray con le sue interessanti scollature, Memmo Carotenuto e Franco Interlenghi, la cui recitazione sarebbe stata trovata seriamente manchevole in qualsiasi filodrammatica di dilettanti.

«Cinema Nuovo», anno VI, n.99, 1 febbraio 1957


1957 02 10 Il Messaggero Nastro Argento P De Filippo Toto Peppino e i fuorilegge introLa giuria dei «Nastri d'argento» 1957, dopo aver considerato, a norma di regolamento, i risultati del referendum effettuato tra i 'soci del Sindacato giornalisti cinematografici relativo ai film programmati in Italia dal 1° gennaio al 31 dicembre 1956. ha assegnato i seguenti premi:

Al produttore del miglior film: Enic-Ponti-De Laurentiis per Il ferroviere;

Alla migliore regia: Pietro Germi per Il ferroviere;

Al migliore scenario: Cesare Zavattini per Il tetto;

Alla migliore attrice protagonista: Anna Magnani per Suor Letizia;

Al miglior attore protagonista: non assegnato (all'unanimità) ;

Alla migliore attrice non protagonista: Marisa Merlini per Tempo di villeggiatura;

Al miglior attore non protagonista: Peppino De Filippo per Totò, Peppino e i fuorilegge (all'unanimità) ;

Alla migliore musica: Nino Rota per Guerra e pace;

Alla migliore fotografia: Mario Craveri per L'impero del sole;

Alla migliore scenografia: Mario Chiari per Guerra e pace;

Al miglior film straniero: Moby Dick di John Huston.

Al miglior cortometraggio: Parma città d’oro di Antonio Peducci, prodotto dall’Istituto Nazionale Luce.

La consegna dei simbolici nastri è avvenuta nel corso di una serata di gala svoltasi nei saloni del Grand Hotel alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio on. Brusasca; dopo che il Presidente del Sindacato giornalisti cinematografici Domenico Meccoli ha auspicato una piena ripresa del nostro cinema. Vinicio Marinucci ha dato lettura del verbale redatto dalla giuria. Era presente al gran completo il mondo cinematografico italiano e numerosi rappresentanti di quello estero, nonché personalità della politica, della cultura e del giornalismo. I premiati (alcuni dei quali erano assenti per impegni di lavoro) sono stati cordialmente e lungamente applauditi.

«Il Messaggero», 10 febbraio 1957


1957 02 12 Tempo Nastro argento Peppino De Filippo intro

Come sempre accade, i "nastri d’argento" — assegnati l'altra sera a Roma con tutta la solennità che merita il massimo premio cinematografico italiano — hanno lasciato dietro di sè un’ombra leggera di malumore. I "nastri”, com’è noto, vengono assegnati dai critici italiani, mediante un referendum che porta una tema di nomi o di titoli alla scelta finale di una giuria di nove membri. Era una scelta pressoché obbligata, dato l’esiguo numero di buoni film in concorso. Tre spiccavano sugli altri; tutti e tre sullo stesso piapo di valore, ma purtroppo per motivi diversi. Di qui è nata quell’ombra di perplessità che dicevamo e che può essere dissipata.

I tre film maggiori erano, e lo si sapeva da sempre, "Il tetto”, ”Il ferroviere”, "Guerra e pace”; i tre premi maggiori erano destinati, per definizione del regolamento, al produttore del miglior film italiano dell’anno (1956), alla migliore regia, al migliore scenario (intendendosi il complesso del soggetto, della sceneggiatura e dei dialoghi). Si sa com’è andata; "Il ferroviere” si è preso i primi due "nastri”, ”Il tetto” ha ricevuto il terzo. E' stata commessa dunque una ingiustizia ai danni di "Guerra e pace”? No certamente, se si guarda la cosa dal punto di vista dei giudici tenuti a rispettare la lettera del regolamento, il quale parlava appunto di « miglior film italiano » esigendo evidentemente un giudizio d’ordine prevalentemente estetico. Sì, affermano coloro che volentieri avrebbero visto dare a Dino De Laurentiis un riconoscimento ufficiale dello sforzo produttivo, industriale, costituito appunto da "Guerra e pace". Ma è evidente che la dizione del regolamento avrebbe dovuto essere diversa (e personalmnte ci auguriamo che sia modificata l’anno venturo), parlare cioè con chiarezza di produzione e di industria; e allora sarebbe stato possibile superare anche l'altro ostacolo che intanto si era posto dinanzi a "Guerra e pace": come è possibile, anche a voler mescolare l’estetica con lo spettacolo e l’industria, definire "migliore italiano" un film diretto e interpretato in grande prevalenza da stranieri?

Ristretta dunque la battaglia al terreno estetico, s’è visto De Sica sconfitto da Germi: con rilevante superiorità di voti, per la cronaca, nel caso del "miglior film"; con minore scarto nel caso della "migliore regia”. Nulla da obiettare, evidentemente: non soltanto la maggioranza dei giudici, ma anche quella dei critici partecipanti al referendum, era per Germi. De Sica poi s’è preso una piccola, Indiretta rivincita (il nastro al migliore scenario dato a Zavattini per "Il tetto"), e probabilmente anche un altro piccolo dispiacere (l’interprete del "Tetto”, Gabriella Pallota, è stata sconfitta da Anna Magnani nella competizione per il "nastro” alla migliore attrice).

Il "nastro” al miglior attore protagonista non è stato assegnato. Lo avrebbe ricevuto lo stesso Germi, a grandissima maggioranza, per la sua interpretazione di "Il ferroviere”; disgraziatamente Germi aveva ritenuto necessario farsi doppiare e il regolamento (forse da cambiare anche su questo punto) non lo consente. Per la stessa ragione è caduta la candidatura di Luisa Della Noce a quello che sarebbe stato il quarto "nastro” del "Ferroviere”: è accaduto così che la migliore attrice non protagonista sia stata giudicata, all’unanimità, Marisa Merlini per "Tempo di villeggiatura”. Ma qui davvero non può esservi alcuna recriminazione, giacché la Merlini è una brava, seria, onesta attrice professionista che da tanti anni va delineando caratteri minori con una precisione ed un gusto che meritavano il riconoscimento. Altrettanto unanime è stata la decisione di dare a Peppino De Filippo il "nastro” per l’attore non protagonista, per il film ”Totò, Peppino e i fuorilegge”.

Meritati e previsti gli altri "nastri": a Nino Rota per la musica di "Guerra e pace", a Mario Craveri per la fotografia di "Impero del sole”, a Mario Chiari per la scenografia di "Guerra e pace”. Assai più incerta la lotta per il miglior film straniero: ha prevalso per un solo voto "Moby Dick” di John Huston su "Riccardo III" di Laurence Olivier. Antonio Petrucci, con il suo "Parma città d’oro”, ha vinto abbastanza agevolmente il "nastro” destinato al miglior documentario.

Nel complesso, dunque, questi "nastri d’argento” sono venuti a suggellare senza brividi, senza sorprese, un'annata che è stata povera sì, forse la più povera del dopoguerra, ma che a guardarla così un po’ dall’alto, in distanza, rivela anche alcune cime alte e rassicuranti. La giuria non è stata minimamente insidiata da dissensi intestini, se l’è sbrigata in poche ore: è buono e cattivo segno al tempo stesso. Molto più dura sarà la battaglia dell’anno venturo — si sa già che concorreranno Fellini, Maselli, Antonioni, Castellani, Blasetti, Visconti, Lattuada, De Santis, forse ancora Germi, De Sica. — Dunque il cinema italiano dà segni di gagliarda ripresa.

Vittorio Bonicelli, «Tempo», 12 febbraio 1957


1957 02 21 La Stampa Toto Peppino e i fuorilegge intro

Il perno su cui gira alquanto faticosamente la farsa Totò, Peppino e i fuorilegge, che Camillo Mastrocinque ha diretto sopra un canovaccio di Vittorio Metz, è una moglie ricca e avarissima, ben tratteggiata da Titina De Filippo, il marito, Totò, che senz’arte né parte non dispone mai d’un soldo, architetta un piano per recarsi a bisbocciare a Roma a spese della consorte. Fingerà d’essere stato rapito dal «Torchio», famigerato fuorilegge, e che questo chieda, per il riscatto, cinque milioni. Un suo amico barbiere, Peppino, fa la parte del bandito; la moglie caccia la somma; e i due compari se ne vanno nella Capitale, a goderai le belle donnine. Li vede la signora Teresa alla televisione, capisce tutto, e quando il bandito « Torchio » rapisce davvero Totò, credendo a un nuovo imbroglio, lascia che il marito cuocia nel suo brodo. Lo salverà poi la figlia di lui, grazie alla trovata d’un giornalista innamorato.

Per due terzi il filmetto si sostiene appena su qualche estro dei tre popolari attori comici; poi, con l'introduzione del bandito (Memmo Carotenuto), il copione, con qualche velleità satirica, prende anche un po’ di sapore. Ma il bilancio è piuttosto magro, dove fiorentissima è invece la bella Dorian Gray, nella parte della figlia miope, che con Franco Interlenghl e Maria Pia Casllio, ravviva, eccome, il contorno.

l.p. (Leo Pestelli), «La Nuova Stampa», 21 febbraio 1957


1979 11 23 L Unita Toto Peppino e i fuorilegge intro

Totò, Peppino e i fuorilegge è il film di questa sera sulla Rete uno. Il sesto della serie dedicata al comico, lungometraggio non certo tra i migliori nella prolifica produzione di questo binomio, Totò e Peppino De Filippo appunto, che pure dette innumerevoli saggi di comicità (come ad esempio, il film della prossima settimana. Signori si nasce).

La storia di questa sera, firmata alla regia da Camillo Mastrocinque, è quella di un marito, angariato dalla moglie avara e tiranna, il quale, pur di spillare quattrini alla consorte, escogita un complicato piano di un finto rapimento. Suo complice è naturalmente Peppino, barbiere di professione, il quale dà una mano nella messa a punto del piano. I due faranno finta appunto, di essere stati sequestrati da un terribile bandito, costringendo in tal modo la donna a cac-
ciare i soldi del riscatto. La moglie però, ad un certo punto scopre ogni cosa: ma questo sarebbe niente... Il guaio è che poco dopo Totò e Peppino vengono rapiti per davvero e la donna, naturalmente. non vuole più pagare. Così, i due suderanno le proverbiali sette camicie per tornare liberi. Si fa per dire. Con quella moglie...

«L'Unità», 23 novembre 1979


1993 11 27 L Unita Toto e i fuorilegge intro

In Totò Peppino e i fuorilegge il comico interpreta la parte di un marito nullatenente che ha sposato una moglie tirchia ma così tirchia che quando invita il povero Peppino a pranzo gli fa fare la spesa gli lega le posate d'argento al tavolo con una catena Non solo, ma in una mirabile interpretazione Titina De Filippo si scandalizza perché Totò le fa cambiare una camicia ogni quindici giorni, se i commensali sono tre tre saranno le olive servite come apentivo. A lui non resta che fingere un rapimento e intascare i soldi del riscatto per spenderli in un tabarin romano la notte di Capodanno. Ma la faccenda andrà male e lui si ritroverà garzone di bottega nel negozio da barbiere di Peppino. Grande Totò anche in 47 morto che parla dove è lui a fare la parte del tirchio e Carlo Croccolo quella del cameriere factotum nonché cocchiere fallito perché si sono mangiati anche il cavallo. L'olio è in cassaforte e dal macellaio Totò mette il suo bastone sotto la bilancia per fregare sul peso della fettina di carne. Che é naturalmente trasparente.

«L'Unità», 27 novembre 1993



I documenti

1956 Toto Peppino e i fuorilegge 10
Petritoli, 1957. Volantino della programmazione al cinema Astra

Totò e Peppino si capivano al volo, battuta contro battuta, pause... Con Totò ho solo una scena, nella parte finale, quando ci fanno la fotografia con “il torchio”. Che era poi Memmo Carotenuto, un attore simpaticissimo e straordinario, come il fratello Mario, tutti attori che hanno avuto meno di quello che meritavano. Totò si trovava a suo agio, per lui il set era il palcoscenico perché faceva quello che gli pareva: nella scena in cui io intervistavo “il torchio”, quel “Pronto, pronto, chi parla?” è tutto inventato. Forse abbiamo provato una volta, e poi al momento di girare anche se avevamo provato in una certa maniera era possibile che lui cambiasse qualcosa e bisognava seguirlo. Ma non era difficile perché anch’io avevo già la mia esperienza, avevo 25-26 anni ma avevo già le spalle quadrate. Si capiva quando bisognava attaccare, Totò dava il la, bastava uno sguardo, un tempo e uno attaccava subito. Era un signore vero, una persona garbatissima, gradevole, senza intolleranze. Ho lavorato con tanti attori, specialmente americani, che m’hanno fatto disperare, sempre isterici: se c’era il primo piano, ti giravano per metterti di spalle. Totò invece era uno che ti aiutava e basta. Il clima durante la lavorazione si può immaginare: simpatico, non c’era mai un filo di tristezza, preoccupazioni o problemi. Camillo Mastrocinque lo dirigeva sapendo benissimo che con lui bisognava aspettarsi dei cambiamenti nel corso della scena. Era un regista raffinato, una persona dolcissima, che aveva fatto tanti film con Totò, ed era un suo grande amico. Totò lavorava soltanto con gli amici: non negava la possibilità ad altri attori di lavorare, però si contornava di amici anche perché aveva voglia di stare a suo agio, tranquillo, senza patemi d’animo... Ricordo che mi ha portato due volte a cena; amava sempre durante il film fare queste cene tutti insieme al Grill del Grand Hotel. Non parlava quasi mai di lavoro, ed era divertentissimo, anche se c’era sempre un filo di malinconia; non era un mattacchione, ma nel corso della serata quelle quattro o cinque risate vere te le faceva fare.


Franco Interlenghi


Discutendo con Andrea Camilleri su Totò e Peppino De Filippo, da lui molte volte diretti:

Che cosa volevi intervenire su quei due? Io mi facevo dire supergiuù come avrebbero recitato in scena, stabilivo dove mettere la camera e mi andavo a prendere un caffè.

Camillo Mastrocinque


Cosa ne pensa il pubblico...


logodavi

I commenti degli utenti, dal sito www.davinotti.com

  • Divertente film con Totò e con Peppino (i cui duetti sono talora irresistibili), ma forse il personaggio che si ricorda di più è quello di Titina De Filippo, perché bravissima e servita da un ruolo divertente. Il film ha i suoi alti e bassi, scopiazza qua e là (pure - e vistosamente - da I figli del deserto) ma porta a casa un discreto risultato, grazie anche ad un cast di ottimo livello.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le posate d'argento.

  • Tiranneggiato dalla moglie dispotica, Totò organizza un finto rapimento della consorte. Simpatica commedia diretta da Camillo Mastrocinque; il film presenta una sceneggiatura piuttosto curata (sopra la media di molte delle pellicole interpretate da De Curtis) ma il valore aggiunto è costituito dalla magistrale prova del cast, nel quale a sopresa la vera mattatrice è Titina De Filippo.

  • Totò finge di essere stato rapito per prendere i soldi della moglie e fare la bella vita. Classica commedia di Totò e Peppino: coppia comica straordinaria (qui con una altrettanto straordinaria Titina De Filippo), divertimento e risate assicurate, gag dal sapore antico ma sempreverdi; e d'altra parte storiella insulsa e scontata, girata senza cura. Comunque godibile.

  • Come il bambino che grida “Al lupo”, anche qui Totò, dopo essersela spassata (con Peppino) coi soldi dell’avara moglie (la bravissima Titina De Filippo), fingendo un rapimento con riscatto, quando verrà rapito davvero non sarà più creduto. I due comici sono in grande forma e questo sopperisce a una sceneggiatura spezzettata. Ci sono molti spunti divertenti, alcuni dei quali irresistibili (il rapporto Totò-moglie, quando fanno i ricconi al night, posate incatenate e tagliole nei cassetti messe dalla moglie, il Torchio). Perde qualche colpo nella seconda parte, ma resta notevole.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il girotondo di Totò e Peppino (incappucciati), per far sembrare che i briganti siano molti.

  • Film di Totò caratterizzato da un inizio scoppiettante (la vita con la moglie, l'invito a pranzo di Peppino, il finto rapimento e la fuga al night sono irresistibili) e da alcuni momenti molto divertenti. Sebbene gran parte della pellicola gravi sulle spalle del comico napoletano, va detto che la presenza di Peppino ma soprattutto quella di una Titina de Filippo in forma straordinaria, innalzano il tasso di comicità del film.

  • Per spillare quattrini alla moglie ricca ed avarissima, Totò mette in scena il proprio rapimento con la complicità di Peppino, ma i veri banditi non la prendono bene. Pur senza arrivare alla vetta comica della malafemmina, commedia piuttosto divertente anche grazie alla presenza, accanto alla coppia ormai rodata, di Titina, virago attenta al soldo. Certo la sceneggiatura è modesta e gli intermezzi sentimentali degli attori giovani sono da latte ai ginocchi, ma questa non è certo una novità per i film di Totò & Peppino.

  • Abbondiamo con le palline! "Adbudandis adbudandum". La cena con le forchette attaccate al tavolo, "E che devo andare in galera io?" "E vabbè, ma tu sei barbiere", "Che specie 'e bestie stanno int' 'a 'stu bosco?". Un rosario di gag verbali irresistibile, secondo solo a quello di Totò, Peppino e la Malafemmena. Il siparietto romantico, sempre attaccato con lo scotch venduto dagli ambulanti, è, tuttavia, meno scipito (questo sì) di quello Teddy Reno/Dorian Gray del sopracitato.

  • Meno fastidiosi i siparietti romantici grazie alla capacità di autoironia della Gray e di Interlenghi, è un film che vede assoli di Totò e Peppino assolutamente strepitosi. Un inno al buon vivere alla facccia della tirchieria, rappresentata dal volto ossuto e dalla grandezza recitativa della grande Titina. Tra tutte la scena del bosco, dove Totò e Peppino spaventano Titina facendo i versi di animali notturni; immortali le facce di Peppino! Grande anche la diretta televisiva dove i due sfottono la consorte di Totò. Finale tirato via ma non importa.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I versi nel bosco; "Moglie mia non so dove sei ma dovunque tu sia bevo alla facciaccia tua". La banda di Ignazio il torchio gabbata dalle carte di Totò.

  • Film abbastanza divertente, in cui la sceneggiatura sconta il dazio della solita storia sentimentale tra "i giovani" che si svolge in parallelo a quella dei protagonisti del titolo; qui Totò sembra tormentare sul serio il povero Peppino (forse la gag del dondolo non è finta...) il quale se la deve vedere anche con la bravissima sorella, vera arpia che quando si unisce ai due dona sostanza alla pellicola. Grandi come al solito anche i caratteristi. Con alcune scene si ride automaticamente.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La cena con l'ospite che deve portare qualcosa; le posate incatenate; questa è... questa è... Peppino balla! Al ristorante, chiamare un cameriere...

  • Totò e Peppino all'apice dell'affiatamento e della forma comica, irresistibili in tantissime occasioni e capaci di non far pensare a una sceneggiatura non troppo uniforme. Anche i comprimari sono di gran classe, soprattutto Titina De Filippo e Memmo Carotenuto, eccezionale Ignazio detto il Torchio. Il ritmo è svelto, con qualche inutile intermezzo romantico o musicale, ma che nulla toglie a un film tra i più divertenti del cinema italiano.

  • Il sodalizio continua con risultati sempre piacevoli. Nonostante lo sviluppo narrativo sia leggero, si assiste a ottimi momenti ridanciani in cui i due protagonisti sono affiancati da un'efficacissima Titina burberamente simpatica. Meno spazio alla Gray e una nuova lettera memorabile.

  • Prove generali del trio Totò/Peppino/Mastrocinque per il successivo Totò, Peppino e la... malafemmina che perfezionerà molte delle situazioni già presenti in questo film. E anche se non ha avuto lo stesso successo è comunque un buon film, con molte gag ottimamente riuscite e la coppia comica in grande spolvero. Ciliegina sulla torta la presenza della De Filippo, capace spesso di rubare la scena al "marito" e perfettamente inserita nel contesto generale. Senza dimenticare l'eterno Castellani e Memmo Carotenuto.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I versi nel bosco di Totò ma soprattutto di Peppino; La figlia dalla scale cerca di far capire a Totò appena arrivato che la moglie sa tutto.

  • Nato sulla scia del successo della Malafemmina, riesce in più di una situazione a bissare gli episodi comici e divertenti tra i due attori napoletani, a cui si aggiunge una bravissima Titina De Filippo e un simpatico Memmo Carotenuto. Tuttavia, la storia parallela tra la figlia e il giornalista è stancante e assai noiosa, come tutti i momenti in cui Totò e i De Filippo non sono in scena.

  • Tra i migliori in assoluto di Totò in duo con Peppino De Filippo, per me addirittura preferibile al più blasonato la malafemmina. Anche la sottotrama che vede i giovani alle prese con la nascita del loro amore è meno fastidiosa e meglio intersecata del solito. Tante le gag verbali (la cena al ristorante) e mimiche (la messa in scena del rapimento) da antologia. Menzione d'onore anche per Titina, la moglie tirchia e severa di Totò, che spinge anche la figlia (e lo spettatore) a simpatizzare di più col cialtronesco padre.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Ma come, ti invito a cena e tu porti da mangiare solo per te? Io ci metto i famosi antipasti di mia moglie" (un piatto vuoto con tre olive al centro).

  • Divertente commedia di Mastrocinque con due grandi protagonisti. Totò e Peppino se la intendono a meraviglia e portano avanti da soli un film dalla sceneggiatura a tratti risicata (Totò simula il proprio rapimento per arricchirsi coi soldi della moglie...). Molto convincente anche la prova di Titina De Filippo e di Franco Interlenghi (specie nell'ultima parte). Riuscito.

  • Formula vincente non si cambia, avranno pensato gli autori di un record d'incassi come Totò, Peppino e la... malafemmina, ed infatti qui troviamo ancora una volta l'allegra coppia di eterni comici, nuovamente alle prese con una biondissima Dorian Gray ed uno smielato Teddy Reno, tra fugaci giornate da nababbi improvvisati e scatenati gozzovigliamenti in night-club di lusso. Titina De Filippo, austera matrona spilorcia e carceriera dell'economia famigliare, tiene testa in modo deciso alle irrefrenabili smanie mimiche di un Totò alla disperata ricerca della sua costosissima ora d'aria...• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Totò a Titina: "Lasciami parlare! Se non ti sbrighi, un giorno di questi ti vedi arrivare a casa un orecchio! Quell'orecchio sono io, in persona!".

  • Spassosa commedia con tre assi nella manica come Totò, Peppino e Titina De Filippo: quest'ultima veramente in forma strepitosa tanto da sembrare a volte lei la vera protagonista, e non a caso i duetti migliori sono quelli fra lei e Totò. La pellicola scorre assai bene e ci sono alcune gag memorabili che dopo tanti anni sono fresche e gradevoli. Bene anche gli altri attori: Interlenghi, Casilio, Carotenuto, Gray e in un piccolo cameo Teddy Reno.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le posate d'argento legate al tavolo; Titina che porta 5 milione di lire al pozzo dove l'aspettano Totò e Peppino.

  • A mio modesto parere il miglior film comico di Totò, che può interagire con Peppino e Titina, suoi amici d'infanzia e fra i più grandi comici italiani, che ben si adattano al ruolo di insuperate spalle. Per fortuna la sceneggiatura è poco più che un abbozzo e lascia libero sfogo all'immenso talento nell'improvvisazione dei tre protagonisti. Senza i siparietti melensi sarebbe stato da 5 pallini, ma anche così rimane una fondamentale e un'imperdibile pietra miliare del cinema italiano. Obbligatorio!• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena dell'invito a pranzo a Peppino è un capolavoro di arte comica: impossibile non ridere.

  • Un "Totò e Peppino" di assoluto valore, miscela comica di nitroglicerina che esplode mandando in pezzi il mondo della logica. Totò vuole spillare un po’ di milioni all’avarissima moglie per passare una settimana di bagordi a Roma e così si mette in combutta con Peppino, il barbiere del paese... La misera sceneggiatura, piena di buchi e alquanto sconnessa, viene impreziosita dal consueto ricamo di scene e scenette nelle quali i due grandi comici palesemente improvvisano seguendo l’uzzolo buffo del momento. Teddy Reno frena il ritmo del film.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Titina De Filippo é una moglie tirchia di arcigna efficacia espressiva.

  • In commedie di questo tipo poco conta la trama, quello che va apprezzato è il valore indiscutibile degli attori, che con la loro interpretazione, ricca di improvvisazioni, rendono gradevole il racconto. Su Totò c'è ben poco da dire ormai: in questo caso il binomio con Peppino De Filippo è particolarmente riuscito e una nota di merito va a Titina De Filippo, che interpreta alla grande la moglie avara. Vecchie, care commedie italiane: non stancano mai!• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le imitazioni dei versi degli animali nel bosco.

  • Stupendo sodalizio Totò-Peppino diretti, (a memoria) dal buon Mastrocinque. Le battute si moltiplicano, ubriacano, soddisfano completamente gli amanti della coppia più comica del cinema italiano, nessuno si senta escluso. I comprimari stanno a guardare compiaciuti. Film impreziosito dalla presenza di Titina De Filippo che ben affianca il Principe.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Un rospo, una P, due rospi si scrive con due P".

  • Film abbastanza spassoso, forse troppo oscurato dal più celebre Totò, Peppino e la malafemmina. Totò e Peppino, ormai collaudati, danno vita a siparietti divertenti. In più si aggiunge Titina De Filippo, moglie tiranna e avarissima. Risultano un po' meno briose le scene dove vi è Totò senza Peppino e senza Titina (la parte del vero sequestro, per esempio). Comunque un film da vedere per passare un'ora e mezza di allegria e spensieratezza.• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La cena a casa di Titina con le posate incatenate, Totò e Peppino nel night a Roma.

  • Immenso Peppino, spettacolare Totò, gran professionista Memmo Carotenuto. Titina, tornata alla comicità, con cui inizia la sua carriera sin da piccola, è tirata dentro un po' per forza risultando perfetta nella parte della vittima della banda del Torchio, ma meno credibile da quando comincia l'atteggiamento vendicativo dopo la scoperta della truffa, forse eccessivamente da avanspettacolo (sia pur detto con tutto il rispetto). Lei non faceva volentieri il cinema e lo si vede benissimo. Spiccano i costumi incongruenti della Gray.

Foto di scena, video e immagini dal set


Le incongruenze

  1. Nella scena del tabarin, Totò urta un cameriere che rovescia una grossa coppa di panna montata sul frac di Peppino. Questi si pulisce sommariamente col tovagliolo ed ovviamente il frac rimane vistosamente sporco, ma quando i due in seguito si affacciano alla ringhiera del palchetto, il frac è di nuovo perfettamente pulito.
  2. In casa di Totò dal salone si puo entrare anche in cucina ma quando lo fanno (in svariate occasioni) si nota che non entrano da nessuna parte, come se ci fosse un paravento, infatti nelle inquadrature immediatamente successive all'ingresso in cucina, si può vedere un grosso mobile che si dovrebbe vedere anche dall'altra stanza.
  3. I famosi antipasti della moglie di Totò consistono in tre olive, la scena in cui Totò ne mangia una all'insaputa della moglie è ripetuta due volte.
  4. Totò va a trovare la prima volta Peppino al lavoro (barbiere). Quando Totò entra, Peppino ha un attrezzo del mestiere in mano che non e' più lo stesso nel cambio d'inquadratura.
  5. Il gufo che fa i bisognini in testa a Totò nella scena del riscatto e' chiaramente finto e mosso da fili.
  6. Totò torna a casa dopo il finto rapimento, all'ingresso fa cadere una grossa brocca di rame, poi si siede cominciando a dare farneticanti spiegazioni alla moglie, per qualche inquadratura la brocca e' sempre in terra poi improvvisamente sparisce.
  7. Il "Torchio" (Memmo Carotenuto) spiana le carte del mazzo "fatato" sul tavolo con un movimento da destra verso sinistra; quando fanno vedere il primo piano delle carte si nota che le carte sono disposte in modo non logico rispetto al movimento fatto in precedenza. (Le carte devono sovrapporsi tutte nello stesso senso o al massimo essere staccate, ma mai nel senso opposto da qualsiasi parte sia l'inquadratura).
  8. Quando Totò e Peppino organizzano il falso rapimento si vede che il labiale di Totò è costantemente fuori sincrono con il doppiaggio. Non si può obiettare che sia un errore di sincronia generale della scena dovuta all'operatore perchè nella scena Peppino è perfettamente "sincronizzato".
  9. Quando Totò sta nel negozio di Peppino domanda "E' nuovo quel calendario?" e Peppino risponde di Si. Ma il film si svolge a fine autunno; questo lo si capisce quando il professore a cui l'aiutante di Peppino ha tagliato i capelli dice "Adesso andiamo incontro all'inverno..". Pertanto il calendario non poteva essere nuovo...ma aveva almeno 8 9 mesi.
  10. Quando Totò e Peppino scrivono la lettera minatoria, Totò afferma di aver ritagliato dal giornale 10 lettere ' o '. Però se si rilegge il testo della lettera, vi sono molte più lettere ' o '.
  11. Quando il giornalista apre la porta e trova la lettera minatoria conficcata in essa, la lettera è piegata, mentre quando la legge essa è arrotolata.
  12. La lettera conficcata con un pugnale nella porta dovrebbe avere un taglio, ma quando viene aperta si vede che è intatta.
  13. Il giornalista toglie il pugnale dalla porta e lo tiene in mano insieme alla lettera, ma nel cambio di inquadratura ha in mano solo la lettera.
  14. La scena si svolge sul ponte dove Totò pensa di incontrare Peppino per inscenare il secondo finto rapimento, mentre ha davanti a sè il vero Torchio (Memmo Carotenuto). Dopo che Mimmo Carotenuto dice "quei cinque milioni spettavano a Me, a Ignazio il Torchio" viene fatto un primo piano sulla pistola (mentre dice "cammina o ti faccio fuori") si vede il giubbotto del Torchio abbottonato mentre nella scena precedente ed in quella successiva è sbottonato.
  15. Mentre rileggono la falsa lettera per la richiesta del riscatto, appena realizzata ritagliando le lettere del giornale, Totò rimprovera a Peppino di aver scritto "rospi" con due "P". Però quando la lettera viene "recapitata" a casa di Totò e il fidanzato della figlia la apre (e viene inquadrata in primo piano), la parola "rospi" è scritta in maniera esatta, con una sola "P".
  16. Quando la falsa lettera con la richiesta del riscatto, realizzata dai due protagonisti usando ritagli di giornale, viene inquadrata in primo piano, si vede chiaramente che la parola "rospi" è composta da un unico pezzo. Come logica la parola avrebbe dovuto essere composta da singole lettere attaccate una accanto all'altra; tanto più che a un certo punto del film Totò rimprovera Peppino per aver "scritto" male proprio quella parola. Probabilmente quelli della produzione del film non si sono preoccupati più di tanto nel rendere verosimile la lettera, dato che si notano anche altre parole composte da un unico ritaglio, anche se con vari caratteri.
  17. Avvertito dalla figlia che la moglie è al corrente del falso rapimento, Totò si appresta a scrivere il telegramma da mandare al barbiere per interrompere il secondo rapimento che dovevano inscenare. Per scrivere il telegramma, Totò appoggia il cappello su di una "alzata", al centro tavola, ed il cappello sporge, leggermente, verso di lui. Ma dopo uno stacco, quando la m.d.p. inquadra ancora Totò, il cappello ha una posizione più centrata, rispetto a prima, senza che nessuno l'abbia toccato.

www.bloopers.it


Totò Peppino e i fuorilegge (1956) - Biografie e articoli correlati

17 Nov 2018

Albertelli Mario

Albertelli Mario Lanzo Torinese 22 gennaio 1904 - 1966 (da verificare), direttore di fotografia. E' figlio del cineoperatore Guido. "Still photographer" allo studio FONTANA. Intensa…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1376
29 Ott 2018

Alivernini Umberto

Alivernini Umberto Fratello di Ferdinando (fu segretario di produzione nel 1960, per il film "Letto a tre piazze"). Generico sia in fotoromanzi che cinematografico. Riguardo i fotoromanzi,…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1733
29 Nov 2016

Amendola Mario

Amendola Mario (Recco, 8 dicembre 1910 – Roma, 22 dicembre 1993) è stato un autore, soggettista, sceneggiatore e Regista cinematografico e teatrale, è stato occasionalmente attore teatrale…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
3840
17 Dic 2015

Antinori Lamberto

Antinori Lamberto (Fermo, 15 dicembre 1930 – Fermo, 5 aprile 2015) è stato un attore italiano. Biografia Formatosi al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma è stato un attore…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3006
12 Set 2018

Baralla Orlando

Baralla Orlando Biografia (20 febbraio 1906 - deceduto ma non so la data). Padre dell'attrice Fiammetta Baralla e patrigno dell'attore Galeazzo Benti. Sposò Margherita Servadio vedova del…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
60540
20 Nov 2015

Carotenuto Memmo (Guglielmo)

Carotenuto Memmo (Guglielmo) Guglielmo Carotenuto detto Memmo (Roma, 24 luglio 1908 – Roma, 23 dicembre 1981) è stato un attore e cabarettista italiano. Biografia Fratello di Mario…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4028
20 Nov 2015

Casilio Maria Pia

Casilio Maria Pia (Castelnuovo, 5 maggio 1935 – Roma, 10 aprile 2012) è stata un'attrice italiana. Biografia Famosa per le sue caratterizzazioni di ragazza di provincia dal viso grazioso, i…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4942
09 Apr 2014

Castellani Mario

Castellani Mario Incontrai Totò nel 1927. Lui proveniva dal varietà, io dall’operetta. Allora le riviste erano a filo conduttore ed eravamo i due comici della rivista. Poi ci lasciammo per…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
9004
03 Lug 2022

Cirillo Claudio

Cirillo Claudio (Roma il 31 agosto 1926). E' stato direttore della fotografia Sono nato nel 1926. Riguardo “TOTÒ, PEPPINO E LA MALAFEMMINA”, la sequenza del trattore fu filmata in esterni,…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
381
09 Apr 2014

De Filippo Giuseppe (Peppino)

De Filippo Giuseppe (Peppino) All'anagrafe Giuseppe De Filippo (Napoli, 24 agosto 1903 – Roma, 27 gennaio 1980), è stato un attore, comico e commediografo italiano. È stato uno dei più…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
7130
27 Nov 2015

De Filippo Pasquale

De Filippo Pasquale Figlio di Anna De Filippo e Eduardo Scarpetta, fratello minore di Eduardo Passarelli e fratellastro dei più celebri De Filippo, è stato un attore caratterista o secondo…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
19129
12 Nov 2015

De Filippo Titina (Annunziata)

De Filippo Titina (Annunziata) Vero nome Annunziata (Napoli, 27 marzo 1898 – Roma, 26 dicembre 1963), è stata un'attrice teatrale, attrice cinematografica e sceneggiatrice italiana.Fu tra…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
5686
23 Feb 2022

Dorian Gray ha dimenticato la rivista

Dorian Gray ha dimenticato la rivista Abbandonata definitivamente la passerella per il cinema e stabilitasi a Roma, Dorian Gray ha cominciato a demolire il suo personaggio: quello della…
Stelio Martini, «Tempo», anno XVIII, n.16, 19 aprile 1956 (Fotografie di Paolo Costa)
751
23 Feb 2022

Dorian Gray, la ragazza anti-crisi

Dorian Gray, la ragazza anti-crisi Dorian Gray, ex-soubrette di rivista, ha sfidato la crisi del cinema italiano interpretando sei film in dodici mesi. Dice oggi di lei il regista…
Armando Daniello, «Tempo», anno XIX, n.19, 9 maggio 1957 (Fotografie di Paolo Costa)
540
03 Apr 2022

Dorian Gray, la ragazza delle mense popolari

Dorian Gray, la ragazza delle mense popolari Dorian Gray racconta la sua difficilissima infanzia e confessa perchè al culmine del successo abbandonò il teatro di rivista cominciando da capo…
Dorian Gray, «Tempo», anno XX, n.39, 23 settembre 1958
686
17 Ott 2018

Furlai Armando

Furlai Armando Nell'agosto 1919 risulta Generico nella Compagnia d'operette Lombardo N° 2. Ad inizio 1922 era disponibile in qualità di "Generico macchiette" Perlomeno per il biennio…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1263
18 Dic 2015

Furlai Vincenzo (Furlanetto Enzo)

Furlai Vincenzo (Furlanetto Enzo) Furlanetto, nome d'arte di Vincenzo (Enzo) Furlai (Milano, 19 settembre 1895 – Milano, 6 aprile 1969), è stato un attore italiano. Nell'ottobre '23 è nella…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
2491
25 Lug 2014

Gray Dorian (Mangini Maria Luisa)

Gray Dorian (Mangini Maria Luisa) Pseudonimo di Maria Luisa Mangini (Milano, 2 febbraio 1934 – Torcegno, 15 febbraio 2011), è stata un'attrice italiana. Biografia Figlia di Attilio Mangini…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
29839
27 Mar 2022

Ha ucciso Dorian Gray

Ha ucciso Dorian Gray Queste sono probabilmente le ultime Immagini della soubrette che si faceva chiamare Dorian Gray. Dalle sue ceneri sta nascendo una donna completamente diversa,…
Stelio Martini, «Tempo», anno XIX, n.51, 19 dicembre 1957 (Fotografie di Chiara Samugheo)
425
17 Dic 2015

Interlenghi Franco

Interlenghi Franco Franco Interlenghi (Roma, 29 ottobre 1931 – Roma, 10 settembre 2015) è stato un attore italiano. Biografia Franco Interlenghi iniziò la carriera d'attore nel 1946,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
3994
31 Ott 2018

Laurenti Romolo

Laurenti Romolo Nato nel 1896 (da verificare) deceduto. Fratello di Angelo (l'attore teatrale famoso con alias "Bragalone"). Papà del regista Mariano. Probabilmente percorse la gavetta…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1463
02 Lug 2021

Le immagini introvabili - Peppino De Filippo

Peppino De Filippo - Galleria fotografica e rassegna stampa Peppino De Filippo è «'nu poco nervioso» (un po’ nervoso) come egli stesso ripete in una sua commedia. Un giorno, a Napoli,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
1321
05 Nov 2018

Libassi Renato

Libassi Renato Figlio degli attori Ambrogio e Pia, fratello di Salvo e Massimo. La moglie si chiamava Erica. Nel settembre 1939, come parecchi suoi parenti, risulta attore teatrale. In…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1920
18 Nov 2015

Libassi Salvo (Salvatore)

Libassi Salvo (Salvatore) (Pantelleria (TP), 18 maggio 1910 - Roma, 8 settembre 1984), è stato un attore italiano. Biografia Figlio di Ambrogio e Pia Colombo e fratello di Renato (nato a…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
4288
23 Dic 2015

Lodi Rodolfo

Lodi Rodolfo E' stato un generico sia nel cinema sonoro che nei fotoromanzi, attivo tra gli anni cinquanta e ottanta del Novecento. Le informazioni biografiche sull'attore sono estremamente…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2318
12 Nov 2018

Lupo Michele

Lupo Michele (Corleone, 4 dicembre 1932 – Roma, 27 giugno 1989) è stato un regista cinematografico italiano. Prima di diventare noto come Regista (famose alcune pellicole con protagonista…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
2946
14 Dic 2015

Martufi Guido

Martufi Guido (Roma, 1940) è un attore italiano. Biografia Figlio di un barbiere, iniziò ad appena due anni a frequentare i set cinematografici[1]. Nel 1951, a soltanto undici anni, venne…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
4337
09 Apr 2014

Mastrocinque Camillo

Mastrocinque Camillo (Roma, 11 maggio 1901 – Roma, 23 aprile 1969) è stato un regista, sceneggiatore, montatore e scenografo italiano. Discutendo con Andrea Camilleri su Totò e Peppino De…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
5605
11 Dic 2019

Mastrocinque Simona

Mastrocinque Simona (22 febbraio 1927 – 9 aprile 2012), scrittrice e regista italiana. Piero Mastrocinque era mio zio paterno, fratello di papà Camillo. Mamma no, non lavorò nello…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
1197
27 Nov 2015

Meniconi Mario

Meniconi Mario (Roma, 14 marzo 1912 – Roma, 15 giugno 1984) è stato un attore italiano. Biografia Fratello di Furio Meniconi, ha interpretato come attore caratterista i ruoli più disparati,…
Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
3199
17 Nov 2015

Metz Vittorio

Metz Vittorio (Roma, 18 luglio 1904 – Roma, 1º marzo 1984) è stato uno scrittore, umorista e sceneggiatore italiano, autore di programmi televisivi e regista cinematografico. Biografia La…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2983
20 Gen 2021

Peppino in tentazione

Peppino in tentazione A teatro chiuso, Peppino De Filippo non riposa: si dedica al cinema e alla televisione. Nel film “Boccaccio 70” e sul video, in “Peppino al balcone”, dimostra che le…
Arturo Gismondi, «Noi donne», anno XV, n.33, 13 agosto 1961
860
18 Nov 2015

Poli Mimmo (Domenico)

Poli Mimmo (Domenico) Pseudonimo di Domenico Poli (Roma, 11 aprile 1920 – Roma, 4 aprile 1986), è stato un attore e caratterista italiano. Biografia È stato uno dei più noti e attivi…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
4135
17 Dic 2015

Reno Teddy (Merk Ricordi Ferruccio)

Reno Teddy (Merk Ricordi Ferruccio) Nome d'arte di Ferruccio Merk Ricordi (Trieste, 11 luglio 1926), è un cantante, produttore discografico e attore italiano naturalizzato svizzero. L’unico…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
6627
31 Ago 2019

Rizzoli Angelo

Rizzoli Angelo (Milano, 31 ottobre 1889 – Milano, 24 settembre 1970) è stato un imprenditore, editore e produttore cinematografico italiano. Iniziò come tipografo e stampatore, poi divenne…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2944
14 Nov 2015

Scotti Gino

Scotti Gino (4 maggio 1914 – 6 agosto 2004) è stato un attore italiano. Biografia È stato un prolifico attore caratterista o di secondo piano dai primi anni quaranta. Galleria fotografica e…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
8445
17 Dic 2015

Shelley Barbara

Shelley Barbara (Londra, 15 agosto 1933) è un'attrice inglese. Biografia Ora ritirata dalle scene, lavorò soprattutto dalla prima metà degli anni cinquanta fino alla fine degli anni…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
2108

Strette di mano: il principe De Curtis

Strette di mano: il principe De Curtis Strette di mano - Il principe de Curtis Alludo al caro Totò. Al grande comico napoletano Totò che si arrabbiava tanto e seriamente quando non lo si…
Peppino De Filippo, «Il Messaggero», 13 aprile 1969
2921
29 Mag 2017

Titina De Filippo, l'amica e la compagna di lavoro

Titina De Filippo, l'amica e la compagna di lavoro Era tutt’uocchiee chelli mmaneasciutte e bianchebianche ’e chillu biancore d’ ’a magnolia [...]che sapevano fa’!E che voce!No pe’ canta,…
Daniele Palmesi, Federico Clemente, Maurizio Giammusso
7509
07 Giu 2016

Totò e... Mario Castellani

Totò e... Mario Castellani Un improvvisatore nato Per quarant’anni gli sono stato vicino nella vita e sul palcoscenico. Ho avuto l’onore di essere la sua « spalla » prediletta. Ci…
Orio Caldiron, Davide Morganti, repubblica.it, Alessandro Nocera, Giuseppe Grieco
10771
10 Apr 2014

Totò, Peppino e... ho detto tutto (2001)

TOTÒ, PEPPINO E... HO DETTO TUTTO (2005) Titolo originale Totò, Peppino e... (ho detto tutto) Opera composta da un video e il libro «Fratelli d'Italia» edito da Einaudi.Paese di produzione…
Daniele Palmesi, Federico Clemente
6960


Riferimenti e bibliografie:

  • "Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
  • "Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983
  • "I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998
  • "Totò e Peppino, fratelli d'Italia", (Alberto Anile, Pablo Escobar), Einaudi, 2001
  • «Cinema Nuovo», anno VI, n.99, 1 febbraio 1957