Il monaco di Monza

Lei discende dai Borboni? Allora siamo parenti: da piccolo in casa tenevo un barboncino.

Fra' Pasquale da Casoria

Inizio riprese: gennaio 1963, Teatri di posa INCIR - De Paolis, Roma
Autorizzazione censura e distribuzione: 16 marzo 1963 - Incasso lire 539.482.000 - Spettatori 2.444.857


Titolo originale Il monaco di Monza
Paese Italia - Anno 1963 - Durata 101 min - B/N - Audio sonoro - Genere commedia - Regia Sergio Corbucci - Sceneggiatura Bruno Corbucci e Giovanni Grimaldi - Produttore Giovanni Addessi - Scenografia Ottavio Scotti


Totò: fra Pasquale da Casoria/Don Manuel y Alcazar y Gomera y Fernandez y Montygo - Nino Taranto: Don Egidio, marchese de Lattanziis - Erminio Macario: fra Mamozio - Lisa Gastoni: Fiorenza, marchesa del Giglio - Moira Orfei: Suor Virginia, la monaca di Monza - Giacomo Furia: Cecco, un bravo - Fiorenzo Fiorentini: Smilzo, il bravo balbuziente - Dany París: La zingara - Mario Castellani: Il nobile con due scarpe destre - Gianni Baghino: il bravo "miracolato" - Clara Bindi: Una popolana - Carlo Delle Piane: L'oste - Mimmo Poli: Il frate cercatore - Franco Ressel: Ufficiale del balzello - Adriano Celentano: Adriano, un falso frate - Don Backy: Un falso frate - Marco Morandi: il figlio neonato della marchesa - Renato Terra - Tina Gloriani - Roberto Proietti - Miranda Poggi - María Badmajew


Soggetto

Monza, 1630, epoca del dominio spagnolo. Pasquale Cicciacalda, un umile calzolaio originario di Casoria a cui è morta la moglie (Provvidenza, che svolgeva il lavoro di levatrice), non riesce a mantenere i propri 12 figli e pertanto escogita un furbo stratagemma. Travestito se stesso ed i figli da frati, vaga con loro come frate cercatore alla ricerca di cibo e carità. Sulla strada incontra Mamozio, un pastore povero che pascola solo il proprio cane (dal momento che le 10 pecore che aveva le ha mangiate una dopo l'altra) e che chiede di potersi unire al gruppo. Insieme giungono al castello del perfido Marchese Egidio De Lattanzis che tiene prigioniera la cognata Fiorenza nella speranza che essa voglia sposarlo dal momento che suo fratello ha trovato la morte in battaglia: ella è però innamorata del capitano spagnolo Don Manuel (identico a fra Pasquale) e aspetta da lui un figlio, fatto con il quale il Marchese la ricatta. Incaricato di celebrare il matrimonio fra Pasquale sa che ciò non è valido in quanto egli non è un vero religioso. Dopo una serie di peripezie che vedono il tentativo fallito da parte di fra Pasquale di avvelenare il Marchese e la conseguente vendetta, i protagonisti vengono salvati dal provvidenziale intervento di suor Virginia, sorella di Don Manuel, e delle sue consorelle le quali erano state nel passato sedotte dal marchese e costrette poi a prendere i voti.

Critica e curiosità

E' una parodia dei Promessi sposi di Alessandro Manzoni, circa la figura deLa monaca di Monza diretta da Sergio Corbucci, interessante perché mette in scena tre colossi della comicità come Totò, Nino Taranto ed Erminio Macario, ma anche perché in un breve siparietto comico cita il musicarello, sottogenere di successo che vede in prima fila il fratello Bruno (sceneggiatore del film insieme a Grimaldi). La monaca di Monza di manzoniana memoria è soltanto un pretesto per far sbizzarrire Totò nei panni di Pasquale Cicciacalda, un falso frate (Fra’ Pasquale da Casoria, il monaco di Monza, appunto!) che vaga in cerca di elemosine insieme al fido Mamozio (Macario) per mantenere i suoi 12 figli (della Provvidenza!). Mamozio è un pastore rimasto senza gregge perché si è mangiato tutte le pecore, mentre Totò è così affamato che sogna di mangiarsi il cane arrosto. A un certo punto il finto frate si trova coinvolto nel rapimento a scopo matrimonio che Don Egidio (Taranto) compie ai danni della marchesa del Grillo (Gastoni), la cognata rimasta vedova.

Totò azzecca diverse scene, ben servito umilmente da Macario: il suo rosario inventato, con un finto latino in cui si biascicano le parole “autobus” e “brigittebardot” farà infuriare le censura, che chiederà di eliminarle. Ma dove Totò mette i brividi è quando arriva al vilipendio di cadavere, accanendosi su quella che crede essere la salma del perfido marchese Egidio, che morde, percuote, gli sputa in un occhio... Corbucci si limita a lasciare spazio agli interpreti, tenendo inquadrature lunghissime e aspettando di riutilizzare le scenografie costruite alla De Paolis per girarci con Margheriti Danza macabra.

Mentre era impegnato nelle riprese di questo film, Totò viene prelevato da Corbucci e con ancora il vestito di frate gli mette in testa un cappello da bersagliere e gli fare girare la scena finale de "Il giorno più corto".

Le gag tra Totò e Nino Taranto sono esilaranti, in un film teatrale giocato sulla bravura dei protagonisti che interpretano un avanspettacolo di taglio storico - letterario. Il monaco di Monza alla fine salva dalle nozze obbligate la bella marchesa, grazie all’intervento di un gruppo di suore inferocite. Totò interpreta due personaggi: il finto frate e Don Manuel, soldato spagnolo innamorato della marchesa che nell’ultima sequenza risolve la situazione. Il film è quasi tutto girato in interni, ma una delle poche scene esterne riprende il solito Castello Piccolomini (Balsorano), tempio del gotico italiano.

Il film è quasi una farsa, ma presenta elementi da horror comico durante la visita alla cripta dove Don Egidio ha fatto morire una serie di frati fedifraghi. Da qui la battuta di Totò: “Ma lei è criptomane!”. Il dialogo esilarante tra Taranto e Totò, in questa fase del film, è da antologia del cinema comico. Adriano Celentano (doppiato da Gino Bramieri!) e Don Backy sono due finti frati che cantano La carità, una canzone divertente per invitare gli avventori a fare l’elemosina. Carlo Delle Piane è un oste che duetta con Totò su questioni di naso, visto che entrambi gli attori sono dotati di un naso importante. La comicità è spesso surreale e giocata su anacronismi: “Io sono un monaco vero, iscritto ai sindacati”; “Sono un vero monaco: guardi sulla Guida Monaci”. Totò a Macario: “Ai confini del tonto ci sei tu…”. Ma anche: “Il morto lo veglia lui che è vegliardo”. I dialoghi tra i protagonisti sono irresistibili. Nino Taranto: “Mio padre era molto magnanimo”. Totò: “E che si magnava?”

Inutile cercare in un film come questo approfondimento psicologico dei personaggi, sceneggiatura priva di difetti, logica e persino solida struttura. Non si troveranno. Il monaco di Monza va gustato per quel che è: avanspettacolo. Ricordiamo la presenza di due bellezze, per l’occasioni in abiti molto casti, come Lisa Gastoni e Moira Orfei (doppiata da Mirella Pace), che interpreta addirittura una suora.

"I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998


Così la stampa dell'epoca

Parodia abbastanza scontata, vagamente debitrice al Manzoni e sceneggiata da Bruno Corbucci e Gianni Grimaldi, ma letteralmente infarcita di giochi di parole e calembour capaci di strappare più di una risata.

Paolo Mereghetti, 1963


Morando Morandini non si spreca in valutazioni ma conferma una stella e mezzo, aggiungendo le due stelle del pubblico. Pino Farinotti concede due stelle ma non motiva. La critica contemporanee a distrugge il film, Onorato Orsini scrive:«Totò fa un film peggiore dell’altro e l’ultimo è sempre inferiore al precedente». MaIl monaco di Monza, rivisto a distanza di due lustri fa ancora sbellicare dalle risate.


Corbucci, che nel frattempo dirige anche Il monaco di Monza, mette addosso a Totò il saio di fra' Pasquale e gli mette in testa un cappello da bersagliere. L'apparizione è la più divertente e surreale della pellicola, giusto finale per un film basato sull'entrata a sorpresa. Sopravvissuti alla prima guerra mondiale e a un processo per tradimento, i soldatini Franco e Ciccio hanno appena deciso di andarsene finalmente al giardino zoologico ma proprio in quel momento si spalanca una finestra e compare Totò, sulfureo frate bersagliere.

Alberto Anile


Totò interpreta Pasquale Cicciacalda. Siamo nel Seicento e Pasquale Cicciacalda, un ciabattino che fabbrica solo scarpe destre, vedovo e padre di dodici figli, viene cacciato dal villaggio natio perché non paga le decime al signore locale. Travestito da monaco, insieme alla numerosa prole e a un pastore di nome Mamozio (Erminio Macario), Pasquale incomincia a vagabondare cercando di sbarcare il lunario. La fame rende il cammino faticoso, ma la comitiva riesce ad arrivare in un castello dove sta per avvenire un misfatto.

Matilde Amorosi


Esistono film che dovrebbero veder limitato il visto di programmazione ai cinema di periferia, per motivi di gusto. [...] Ora, con questo Il monaco di Monza è da credere che la cinematografia nostrana abbia raggiunto la categoria più infima. [...] Qui, la qualità delle trovate comiche è talmente povera da non riuscire a strappare il minimo accenno di sorriso. Il buon Totò si sbraccia inutilmente.

Anonimo, «Il Nuovo Secolo XIX», 1963


Ancora una volta un Totò in abito da frate, ma stavolta alle prese con un bieco marchese il quale per assicurarsi l'eredità paterna, intende sposare a tutti ì costi la bella cognata vedova, innamorata, tra l'altro, di un nobile spagnolo e per giunta in attesa di un bimbo.

Il povero frate che è capitato al castello con un altro fraticello e con dodici orfanelli, si schiera dalla parte della donna e, dopo aver mandato a monte il rito nuziale, non esita a ricorrere al veleno per eliminare il nobiluomo. Questi però si salva e sta per attuare la sua feroce vendetta nel confronti del pio uomo e della cognata quando ecco il colpo di scena finale per cui ogni cosa si sistema per il meglio.

Movimentato e non privo di gradevoli spunti umoristici, il film che Sergio Corbucci ha diretto con buon mestiere risulta piacevole. Il pubblico ride e sovente di cuore, grazie soprattutto alla brillante interpretazione dell'intramontabìle Totò, al cui fianco si muovono con bravura Nino Taranto, Erminio Macario e Lisa Castoni Del «cast» fanno parte anche Fiorenzo Fiorentini, Giacomo Furia, Mario Castellani e la graziosissima Dany Paris, disinvolta e vivace, in un ruolo sostenuto con lodevole impegno. Bianco e nero.

Vice, «Il Messaggero», 30 marzo 1963


Da un pò di tempo Toto ci provava, ma questa volta c'è riuscito. Sì c'è riuscito a farci ridere, a renderci finalmente allegri; ci ha ingomma regalato un po' di buonumore in questi tempi di cibi adulterati e di moduli Vanoni. Questo film diretto da Sergio Corbucci è ambientato nel secolo XVII e tratta la storia di un padre di dodici bambini che per assicurarsi il rancio quotidiano si traveste da frate cercatore e così conciato capita in un castello nei pressi di Monza dove trova prigioniera di un marchese arrogante e cattivo la bella Castellana. In questa occasione, il falso frate dal «figlio facile» insieme ad un pastorello che nel frattempo ha adottato, si trova protagonista di mille impensabili situazioni che poi si risolveranno per il meglio. Infatti la Castellana ha uno spasimante che a sua volta ha una sorella monaca. Sarà quest‘ultima, insieme alle sue consorelle, a liberare la castellana il falso frate e i dodici marmocchi, ed a punire il cattivo marchese e i suoi «bravi».

Totò nella parte del frate ci è sembrato veramente quello di un tempo: comunicativo e brillante. Nino Taranto è il terribile marchese. Prendono inoltre parte al film Erminio Macario nella parte dei pastorello, Lisa Gastoni la castellana, Moira Orici, Adriano Orientano e Don Backy ed altri. Buona la sceneggiatura anche se in qualche punto è troppo «discorsiva». Non proprio eccellente la fotografia. Bianco e nero.

Vice, «Momento Sera», 31 marzo 1963


Per rassicurare un sospettoso marchese sulla propria autentica identità di monaco, Totò gli consiglia di consultare la «Guida Monaci». Le battute dell’ultimo film del nostro Inesauribile comico sono di questa stoffa, ma saremmo ingiusti se negassimo che qualcuna riesce a far sorridere. La mimica di Totò, questa volta in saio francescano, la tontaggine di Macario in abito di terziario, la bieca spavalderia di Nino Taranto nelle vesti di un secentesco signorotto che vuol piegare Lisa Gastoni ai suol voleri aiutano a sopportare una vicenda in cui gli echi vagamente manzoniani (la monaca di Monza, sul finire, si vendica di Egidio guidando le consorelle all’assalto del maniero) si intrecciano a spunti di attualità.

La regia di Sergio Corbucci si diverte a muovere in processione dodici ragazzini (i figli del ciabattino Totò), a far ballare e cantare Celentano, anch'egli vestito da frate, a trasformare Totò in levatrice, a gettare nella mischia nerborute monacelle, con l’avvertenza di mostrarcele di spalle perchè non si veda che in realtà sono maschiacci.

Il monaco di Monza conferma che la nostra censura è disposta persino a lasciare irridere gli uomini di chiesa, purché un film non metta in circolazione le idee.

G. Gr., «Corriere della Sera», 6 aprile 1963


Ma perché Totò riesce sempre a fare un film più brutto del precedente? Chi lo conosce sa che Totò, per quanto stanco e acciaccato, non può rinunciare a recitare; per lui equivarrebbe rinunciare a vivere. E perciò recita, qualunque sia il soggetto che gli propongono e il regista che dovrà dirigerlo, gli attori che lo affiancheranno.

Onorato Orsini, «La Notte», 6 aprile 1963


E' la solita, squallida storia di Cinecittà: questi filmetti che parodiano un titolo. Ora, è la volta del monaco di Monza. Un povero diavolo con dodici figli a carico che finisce in un castellaccio. Qui, un bieco marchese, oriundo partenopeo pure lui al pari del falso monaco, tiene prigioniera una bella cognata. Il ribaldo vorrebbe che il monaco, che si fa chiamare fra Pasquale da Casoria, celebrasse le nozze, ma i suoi piani falliscono anche per l’energico intervento di un gruppo di monache, che danno botte alla maniera di Robin Hood.

E alla fine si scopre che Totò ha un doppio. Il film è meno che mediocre e se strappa qualche risata è per merito esclusivo dei suoi interpreti. Lisa Gastoni è bella e con quella bocca potrebbe dire ciò che vuole ma lo dicesse almeno in lingua italiana.

Vice, «Corriere dell'Informazione», 9 aprile 1963



I documenti

Lo scandalo del Monaco di Monza

Nel 1963, con una nuova legge di censura approvata e funzionante, un filmetto come Il monaco di Monza non fa più tanto scandalo in Ministero; in Curia invece inorridiscono e questo porterà i funzionari a un ripensamento. Il Centro cattolico si scaglia con veemenza contro la pellicola: "Film di pessimo gusto e gravemente offensivo del sentimento religioso. La stupida storiella pare non avere altro obiettivo che sfruttare qualunque pretesto per parodiare la religione e vilipenderne i simboli: dal farsesco e irriverente uso degli abiti e delle cose sacre fino a quello blasfemo delle preghiere, delle formule liturgiche e sacramentali in un contesto di volgarissimi doppi sensi e di battute triviali. È un lavoro veramente disonorevole per la produzione e per coloro che ne consentono la circolazione. Escluso."

"Totò proibito" (Alberto Anile) - Ed. Lundau, 2005


Cosa ne pensa il pubblico...


I commenti degli utenti, dal sito www.davinotti.com

Nulla a che vedere con la monaca di manzoniana memoria. Il protagonista è in questo caso un ciabattino che si traveste da monaco per aiutare la sua numerosa famiglia. Trama non particolarmente originale così come la sceneggiatura che sembra a tratti "tirata via". Godibili tuttavia le gag comiche orchestrate da Totò insieme ai suoi bravissimi comprimari mentre la presenza di Celentano è assolutamente inutile e non funzionale alla vicenda.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)


Non è una parodia manzoniana, ma un delirante divertissement in cui il finto frate Totò (che fa la parte del leone) in compagnia dell'ottimo Macario si lancia in spassose avventure per salvare una castellana dalle mire del cognato (un altrettanto scoppiettante Taranto). Trama superficiale (con finale tirato via) che serve in realtà da supporto alle gag e ai giochi di parole (alcuni davvero pregevoli ed esilaranti) dei comici. Incongruo l'inserto rock'n'roll di Celentano e Don Backy, che poteva essere sfruttato altrimenti.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)


Manzoni c'entra come il cavolo a merenda, al di là del titolo e della generica ambientazione storica. Qui Totò è un poveraccio travestito da frate, che, contrariamente a Don Abbondio, il matrimonio lo dovrebbe fare, ma ovviamente cerca di rinviare le nozze... Attorniato da buone spalle e da "comparse musicali" curiose per quanto incongrue, Totò deve rimediare con l'inventiva delle battute ad una sceneggiatura assai misera. Fatto non infrequente nei suoi film, ma questa volta l'improvvisazione non riesce a tappare tutti i buchi ed il divertimento è assai sporadico.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)


Non male. Totò è un buon interprete e tra battute diventate molto famose ("lei è un criptomane!") riesce a dare lustro al film. L'unica critica è che quando il principe non è in scena, il ritmo cala leggermente, ma pazienza. Da vedere sicuramente. Ci sono pure Celentano e Jimmy il fenomeno!
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)


Farsa scatenata che si avvale sicuramente delle grandi improvvisazioni del Principe, testimoniate da tutti quelli che lavoravano con lui. Se il duetto con Macario funziona a tratti per la comicità stralunata di ques'ultimo, Nino Taranto è un ottimo perfido che si fa vessare strepitosamente, facendo ridere di gusto. Apparizione cult di Celentanto (frate, un presagio...) e Don Backy.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)


Tra i migliori film interpretati dall'indimenticato comico napoletano. Divertente, ben scritto e diretto con mano leggera da Corbucci, ha un fuoco di fila di trovate e di battute davvero esilaranti. Cameo impagabile della coppia Celentano/Backy e grande duetto Totò/Macario. Sempre grande anche Nino Taranto. Buono.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)


Siamo un po' lontani dai filmoni di Totò, ma il nostro De Curtis riesce sempre a far sganasciare dalle risate con grande improvvisazione ed espressioni facciali, nonché battute geniali nonostante la discutibilità del soggetto. Grazie anche al simpatico Macario nel film si susseguono gag esilaranti (lui vende solo scarpe destre, l'inventario dei mobili da pignorare, il parto....). Da non perdere il trio Celentano-Backy-Jimmy Il Fenomeno. Peccato per le sequenze finali (il finto morto e l'assalto delle suore).
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Lei è fissato con queste cripte, è un criptomane!".
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)


Uno dei migliori film di Totò di sempre. Lo spunto iniziale si perde in una sceneggiatura poverissima ma la coppia (Macario è il coprotagonista) è in grande forma e riesce a improvvisare dando ritmo e risate a volontà. Divertentissimo anche Taranto nel ruolo del cattivo, simpatici i bravi Furia e Fiorentini e comparsata per Celentano e Don Backy. Un film da vedere e rivedere per apprezzarne a pieno la grande carica comica.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena con Taranto finto morto.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)


Il principe della risata si traveste da monaco per una farsa ridanciana che lo vede protagonista di alcune simpatiche battute accompagnate dalla sua unica mimica facciale. Lo sviluppo narrativo è abbastanza semplice e si avvale di un simpatico Macario e un prepotente Taranto. Celentano e Backy fanno i frati canterini. Godibile.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)


È un Totò già sul viale del tramonto, e per di più gli si affianca una spalla che con la sua comicità c'entra come i cavoli a merenda: Macario, l'eterno balbuziente, che si limita a fare più da eco che da spalla. Meno male che a salvare il film dal disastro c'è un Nino Taranto in palla, che alla fine risulterà essere il vero mattatore insieme a Totò; poi un Furia discreto ma efficace e una serie di comparsate (Celentano, Don Backy, Dalle Piane, Moira Orfei) vivacizzanti. Sceneggiatura non lasciata al caso, questa volta.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)


Una storia folle che vede Totò calato nei panni improvvisati di un irriverente e scanzonato monaco cercatore. Sono tanti gli spunti divertenti, alcuni dei quali veramente esilaranti grazie anche a Macario e soprattutto a Nino Taranto, che offre la sua migliore prova come spalla di Totò sfoggiando una classe non indifferente. Purtroppo non regge fino al termine e si perde in un finale abbastanza confusionario.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)


Un film che ha la possibilità di usufruire di tre grandi nomi come Totò, Macario e Nino Taranto, ma il risultato è decisamente stiracchiato e si ride con i classici giochi di parole imbastiti più volte nel corso della pellicola. Alcune scene vengono allungate fin troppo e vengo salvate dal mestiere e dall'improvvisazione dei tre. Presenze francamente inutili di Celentano e Don Backy.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)


Forse l'ultimo film di Totò ancora vecchio-stampo, dove "riconosco" ancora il MIO Totò, quello che ho amato e che mi ha (quasi) sempre divertito e rasserenato. Certo, dopo questo, fece ancora qualcosina di carino, come l'episodio de Gli onorevoli (Vota Antonio, vota Antonio!), il cult grottesco Che fine ha fatto Totò Baby? e La mandragola, ma a mio avviso è come se il "mio" Totò in un certo senso si congedasse con questa simpatica parodia, a tutt'oggi spassosa e piacevolissima da vedere. Bravissimi anche Taranto (soprattutto) e Macario.
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)


Molto divertenti gli equivoci e le battute del trio Totò-Taranto-Macario. Il film si rifà a temi romantici gotici, dove il nobile cattivo tiene prigioniera nel suo castello la donna che vuole sposare contro il suo volere e in più c'è la cripta, con gli strumenti di tortura e dove si svolge una delle scene più divertenti del film (quella dei due monaci che vegliano il morto). Ci sono elementi tipici dei film comici come le monache battagliere e una parte musicale con Celentano (molleggiatissimo) e Don Backy.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Grazie maresciallo, grazie" "Ma che maresciallo, so' marchese"!
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)


Commedia in costume con Totò che una volta tanto ha una storia più o meno lineare; anche la sceneggiatura ha un suo senso fino a quando non entra in gioco Taranto che dalla prima scena con Totò rende qualsiasi cosa fosse scritta sul copione assolutamente superflua. Nella parte Macario, spalla dimessa ma efficace, anche perché la sua non napoletanità spesso stimola il Principe a soluzioni meno prevedibili. Ma quando sono in scena i due maggiori improvvisatori del cinema comico italiano per gli altri diventa dura... Finale un po` appiccicato.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutti i dialoghi fra Totò e Nino Taranto, in particolare gli sguardi (i due erano grandi amici e lo sono rimasti fino alla morte di Totò).
I gusti di Pessoa (Gangster - Poliziesco - Western)


Piuttosto mediocre questa falsa e fuorviante parodia della Monaca di Monza di Carmine Gallone. Mi pare operazione pensata a tavolino e organizzata in tutta fretta e con i soldi contati; il solito Totò morto di fame si finge monaco... Qui la sua comicità sembra piuttosto irrigidita e leziosa, le trovate comiche sono di bassa lega, i giochi linguistici si dissipano e rasentano la trivialità, la regia grossolana di Corbucci non aiuta, Celentano e Don Backy c’entrano come i cavoli a merenda, la scena delle suore proto femministe non è comica ma ridicola.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il "Don Rodrigo" di Nino Taranto è molto incisivo e il suo aspetto da corvo è veramente lugubre e inquietante, nella scena della veglia del finto morto.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)


Commedia del principe della risata in ambientazione manzoniana. Poco a che vedere con il racconto "ufficiale", anche se le gag sono comunque divertenti e gli avvenimenti nella cripta del castello hanno, con il dovutl "rispettl", qualcosa di "hammeriano" in termini di atmosfera gotica. Ottima come sempre la spalla di Taranto, ininfluenti Don Backy e Celentano.
I gusti di Jurgen77 (Fantascienza - Guerra - Horror)


Ecco uno dei tanti film in cui Totò si carica sulle spalle la mediocre sceneggiatura e riesce a dare un senso alla pellicola. Le sue gag mascherano l'inconsistenza della storia ma stavolta non bastano per raggiungere la sufficienza. Macario simpatico ma inutile; si segnala la presenza di un giovane Celentano.
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)


Molto liberamente ispirato ai "Promessi sposi", Totò veste i panni del (finto) monaco di Monza... anche se una monaca di Monza c'è davvero (ed è una bellissima Moira Orfei!). Macario si conferma un'ottima spalla per le (tantissime) battutone improvvisate del Principe De Curtis ma la vera stella del film è sicuramente un superbo Nino Taranto nei panni del perfido Marchese De Lattanzis invaghito della cognata Lisa Gastoni. Tra i "bravi" ricordiamo un Giacomo Furia sovente schiaffeggiato e Fiorenzo Fiorentini. Classicissimo.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La veglia alla salma del Marchese De Lattanzis che ha delle contrazioni nervose...
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)


Tra i titoli che meno mi entusiasmano della corposa filmografia di Totò, sebbene gli ingredienti per un buon lavoro vi siano tutti: una trama (seppur parodistica), un cast di rispetto (Taranto, Macario, la Gastoni, Furia) e tanti giochi di parole divertenti. Tuttavia la recitazione del Principe appare spenta, le gag con Macario non ingranano e quello di Taranto appare essere il personaggio più brillante e riuscito della pellicola. L'apparizione di Celentano è del tutto avulsa. Affascinante la Gastoni, finale mediocre. C'è di meglio.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La litania recitata da Totò e Macario; Il primo incontro tra Totò e Taranto.
I gusti di Smoker85 (Commedia - Drammatico - Fantastico)



Uno dei miei Totò preferiti. Anche perché il film presenta una sceneggiatura talmente esile e piena di buchi che il Principe riesce ad infilarvi lazzi e battute a profusione. Taranto e Macario, poi, non gli sono da meno: i due non reggono solo il ruolo di spalle, ma hanno modo di rubare spesso la scena al protagonista. Lasciati a briglia sciolta dallo sbrigativo Corbucci, i tre comici danno vita ad un’esibizione da avanspettacolo puro. Promozionale la presenza di Celentano e Don Backy.
• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La litania recitata da Totò e Macario usando nomi di attori e attrici: "Tony Curtis" "Ora pro nobis"...
I gusti di Pstarvaggi (Comico - Commedia)


Foto di scena, video e immagini dal set

©Archivio Riccardi- ©Archivio Storico Istituto Luce



Le incongruenze

    .
  1. In un dialogo con un esattore a Totò viene richiesto il pagamento di non ricordo quanti scudi. Totò risponde di non potere pagare in quanto non era in possesso di una lira!
  2. Quando Totò e la castellana vengo legati ai blocchi di pietra per essere schiacciati, questi blocchi aumentano e diminuiscono la loro velocità a seconda dell'inquadratura, e nei cambi di scena ora sono vicini ora sono lontani
  3. Scena comica con Mario Castellani che va a ritirare un paio di scarpe dal calzolaio Toto' Ma all'atto di provarle non entrano nel piede, allora Toto prende un martello per calzarle meglio ma nel cambio d'inquadratura la scarpa calzata sul piede di Castellani non e' piu' la stessa (e a punta)
  4. Il pancione della marchesa incinta di Don Manuel non si vede mai ne' prima e ne' durante il parto da dove nasce il bebè
  5. Nella scena dove cantano Celentano e Don Backy e vengono interrotti da Totò incavolato, possiamo ascoltare Celentano che parla con la sua voce in presa diretta e si giustifica del fatto che hanno cantato. Quando poi vengono cacciati fuori dalla taverna sentiamo i due parlare tra loro e notiamo che Celentano ha una voce totalmente diversa da quella che aveva nella locanda, evidentemente è stato doppiato in fase di montaggio nelle scene girate senza presa diretta
  6. Poco dopo l'inizio, Totò cerca inutilmente di infilare una scarpa destra al piede sinistro di Castellani. Alla fine della scenetta deve desistere e Castellani, molto infastidito, obietta che Totò è un calzolaio solo di scarpe destre. Totò, altrettanto seccato, ribadisce che il problema è suo ". . . . che c'ha il piede DESTRO al piede SINISTRO". Ma avrebbe dovuto dire il contrario, "che ha il piede SINISTRO al piede DESTRO", visto che è una scarpa DESTRA che non riescono ad infilare (se il piede fosse. . . "DESTRO", la scarpa avrebbe calzato, no?).
.

www.bloopers.it


Tutte le immagini e i testi presenti qui di seguito ci sono stati gentilmente concessi a titolo gratuito dal sito www.davinotti.com e sono presenti a questo indirizzo.

1963-Il monaco 01

Il monastero della monaca di Monza (ovvero Suor Virginia / Orfei, la sorella di Don Manuel / Totò), alla quale Fra Mamozio (Macario) si rivolge per salvare Fra Pasquale da Casoria (Totò) e la marchesa del Giglio Fiorenza (Gastoni), imprigionati nel suo castello dal tremendo marchese Don Egidio de Lattanziis (Taranto) non si trova a Monza, come vorrebbero farci credere: si tratta, infatti del Casal dei Pazzi, situato in Via Giovanni Zanardini a Roma, presso il quale l'anno successivo Totò girerà diverse scene de Le belle famiglie (1964) (fotogramma più in basso), al quale vi rimandiamo per le dimostrazioni

Il castello vicino Monza (set principale) nel quale il marchese Egidio De Lattanzis (Taranto) tiene rinchiusa la cognata Fiorenza (Gastoni) e presso il quale si presenteranno travestiti da frati Pasquale Cicciacalda (Totò) e il pastore Mamozio (Macario) è in realtà il Castello di Tor Crescenza in Via di Tor Crescenza 1 a Roma, che ritroveremo anche in 2061, Un anno eccezionale. Grazie a Mauro per fotogramma e descrizione.

Il monaco di Monza (1963) - Biografie e articoli correlati

Addessi Giovanni

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Addessi Giovanni (Fondi il 30 Aprile 1915 - Roma 16 Dicembre 1973), fu un produttore cinematografico. Probabile parente di tale Furio (da verificare) Con diverse sigle e Società ha prodotto…
1770

Ariè Bruno

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Ariè Bruno Stuntman, caratterista e Maestro d'armi. Capelli ricci, somiglianza a Borgese Sal ma più alto. Fratello della parrucchiera cinematografica Maria, del "cavallerizzo" / generico…
1578

Baghino Gianni (Giovanni Nedo)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Baghino Gianni (Giovanni Nedo) All'anagrafe Giovanni Nedo Baghino (Carloforte, 25 giugno 1919 – Carloforte, 23 aprile 1995), è stato un attore italiano. Dotato di una corporatura robusta,…
2946

Bindi Clara

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Bindi Clara (Napoli, 1º novembre 1927) è un'attrice italiana. È vedova dell'attore Aldo Bufi Landi. Biografia Figlia d'arte. Sua madre, Clara Belmonte, è stata un'importante attrice di…
2935

Castellani Mario

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Castellani Mario Incontrai Totò nel 1927. Lui proveniva dal varietà, io dall’operetta. Allora le riviste erano a filo conduttore ed eravamo i due comici della rivista. Poi ci lasciammo per…
8865

Celentano Adriano

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Celentano Adriano (Milano, 6 gennaio 1938) è un cantautore, ballerino, conduttore televisivo, attore, regista, sceneggiatore, produttore discografico, montatore e showman italiano. È…
2735

Corbucci Bruno

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Corbucci Bruno (Roma, 23 ottobre 1931 – Roma, 6 settembre 1996) è stato un regista e sceneggiatore italiano. Biografia Fratello di Sergio Corbucci, inizia come sceneggiatore di film,…
3837

Corbucci Sergio

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Corbucci Sergio (Roma, 6 dicembre 1927 – Roma, 1º dicembre 1990) è stato un regista e sceneggiatore italiano. Fratello di Bruno Corbucci, il suo primo approccio professionale con il cinema…
2506

De Marchis Marcella

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
De Marchis Marcella (Roma, 17 gennaio 1916 – Sarteano, 24 febbraio 2009) è stata una scenografa e costumista italiana. Ha sposato nel 1936 il regista Roberto Rossellini dal quale ha avuto i…
1227

Delle Piane Carlo

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Delle Piane Carlo (Roma, 2 febbraio 1936 – Roma, 23 agosto 2019) è stato un attore italiano. Nel corso della sua carriera ha lavorato con alcuni dei più importanti attori e registi come…
3789

Deodato Ruggero

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Deodato Ruggero (Potenza, 7 maggio 1939) è un regista e sceneggiatore italiano. Inizialmente regista di commedie e polizieschi all'italiana (poliziotteschi), si afferma con la direzione di…
1911

Don Backy (Caponi Aldo)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Don Backy (Caponi Aldo) Pseudonimo di Aldo Caponi (Santa Croce sull'Arno, 21 agosto 1939), è un cantautore, attore e pittore italiano.Aldo Caponi, prima di diventare Don Backy, lavora in…
3298

Fiorentini Fiorenzo

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Fiorentini Fiorenzo (Roma, 10 aprile 1920 – Roma, 27 marzo 2003) è stato un attore, sceneggiatore e compositore italiano. Biografia Fiorentini nacque a Roma il 10 aprile del 1920 da una…
3782

Fruscella Gaetano (Nino)

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Fruscella Gaetano (Nino) Talvolta Fuscella. Nato a Roma nel 1928. Raggiunto telefonicamente lunedì 30 ottobre 2000. Nel 1949 accompagnavo Totò alla FONOROMA a doppiarsi per YVONNE LA NUIT.…
1377

Furia Giacomo (Giacomo Matteo)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Furia Giacomo (Giacomo Matteo) Giacomo Matteo Furia (Arienzo, 2 gennaio 1925 – Roma, 5 giugno 2015) è stato un attore italiano. Biografia Furia nacque ad Arienzo, in provincia di Terra di…
3963

Gastoni Lisa (Gastone Elisabetta)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Gastoni Lisa (Gastone Elisabetta) Pseudonimo di Elisabetta Gastone (Alassio, 28 luglio 1935), è un'attrice cinematografica italiana. Biografia Di padre italiano e madre irlandese[1], negli…
7928

Grimaldi Giovanni (Gianni)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Grimaldi Giovanni (Gianni) Detto Gianni (Catania, 14 novembre 1917 – Roma, 25 febbraio 2001), è stato un regista e sceneggiatore italiano. Biografia Laureato in giurisprudenza e…
2021

Laurenti Giuliano

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Laurenti Giuliano Nato nel 1922 - Morto nel 1985 (data da verificare), fu un truccatore cinematografico. Cugino di Laurenti Mariano. Sposò Magnanti Elda, che come parrucchiera condivise…
1675

Macario Erminio (Macario)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Macario Erminio Noto semplicemente come Macario (Torino, 27 maggio 1902 – Torino, 26 marzo 1980) è stato un popolare attore e comico italiano di teatro, cinema e televisione. Considerato…
8549

Magnanti Elda

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Magnanti Elda (in Laurenti) Parrucchiera di scena, moglie del truccatore di scena Giuliano Laurenti, lavorò in molti film con Totò. Di seguito, i suoi ricordi. Mi chiamo Elda. Una Elsa…
1795

Meniconi Alfio

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Meniconi Alfio E' cronologicamente l'ultimo dei 4 fratelli Meniconi (dopo Furio, Mario e Nello), e quello grazie al quale, da me contattato nel febbraio 2000 e poi a settembre 2002,…
8024

Orfei Moira (Miranda)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Orfei Moira (Miranda) Nome d'arte di Miranda Orfei (Codroipo, 21 dicembre 1931 – Brescia, 15 novembre 2015), è stata una circense e attrice italiana. Considerata la regina dell'arte…
5625

París Dany (Danielle)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
París Dany (Danielle) Danielle París, è un'ex attrice e conduttrice televisiva francese, attiva in Italia negli anni sessanta Attiva in Italia negli anni sessanta. Ha avuto il suo 'momento…
2629

Poli Mimmo (Domenico)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Poli Mimmo (Domenico) Pseudonimo di Domenico Poli (Roma, 11 aprile 1920 – Roma, 4 aprile 1986), è stato un attore e caratterista italiano. Biografia È stato uno dei più noti e attivi…
4029

Ressel Franco (Orabona Domenico)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Ressel Franco (Orabona Domenico) Nome d'arte di Domenico Orabona (Napoli, 8 febbraio 1925 – Roma, 14 gennaio 1985), è stato un attore italiano. Tra il 1959 e il 1984 ha recitato in oltre…
3075

Soffrano Luigi Origene (Jimmy il Fenomeno)

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Soffrano Luigi Origene (Jimmy il Fenomeno) Pseudonimo di Luigi Origene Soffrano (Lucera, 22 aprile 1932 - Milano, 6 agosto 2018), è stato un generico che ha saputo creare un suo…
3163

Taranto Nino (Antonio Eduardo)

Daniele Palmesi, Federico Clemente
Taranto Nino (Antonio Eduardo) Antonio Eduardo Taranto (Napoli, 28 agosto 1907 – Napoli, 23 febbraio 1986), è stato un attore, comico e cantante italiano. Amico mio questo non è un…
5510

Tonti Giorgio

Simone Riberto, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Tonti Giorgio Operatore cinematografico, direttore della fotografia Mio nonno materno era di origini francesi, di cognome Marlat, morto centenario (1888-1988). A Venezia sposò mia nonna,…
1549

Totò e... Bruno Corbucci

Daniele Palmesi, Orio Caldiron
Totò e... Bruno Corbucci Totò doveva fare sempre Totò Stavo facendo una commedia musicale con Macario. Mio fratello doveva fare la regia di Chi si ferma è perduto. Venne a Milano a vedere…
3227

Totò e... Giacomo Furia

Daniele Palmesi, Orio Caldiron
Totò e... Giacomo Furia Si divertiva sul set Quando ero nella compagnia di Eduardo, alla fine del nostro spettacolo noi giovani ci struccavamo e scappavamo per andare a vedere Totò che…
5818

Totò e... la parodia

Francesco Velletri, Daniele Palmesi, Federico Clemente
Totò e... la parodia L'analisi dei film in cui l'arte eccelsa di Totò è servita a sbeffeggiare, imitare e spesso ridicolizzare i "kolossal" e i miti del cinema nazionale e internazionale…
3258

Totò e... Macario

Daniele Palmesi, Orio Caldiron, cineforum.it
Totò e... Macario Meraviglioso clown Che cosa posso dire di quello straordinario Pulcinella moderno che è Totò? Per metà mimo, per metà attore, e tutto - nel cuore e nello spirito -…
7278

Totò e... Mario Castellani

Orio Caldiron, Davide Morganti, repubblica.it, Alessandro Nocera, Giuseppe Grieco
Totò e... Mario Castellani Un improvvisatore nato Per quarant’anni gli sono stato vicino nella vita e sul palcoscenico. Ho avuto l’onore di essere la sua « spalla » prediletta. Ci…
10521

Totò e... Nino Taranto

Orio Caldiron, Domenico Livigni, Daniele Palmesi, Federico Clemente, Nino Masiello
Totò e... Nino Taranto Siete una cosa tremenda Con Totò ci siamo conosciuti in un teatro della periferia di Napoli, il teatro Orfeo. Venne una sera vestito ancora da militare, era più…
14264

Totò e... Sergio Corbucci

Daniele Palmesi, Orio Caldiron, Franca Faldini, Goffredo Fofi
Totò e... Sergio Corbucci A Totò devo molto Il regista Sergio Corbucci, con il quale Totò ha girato ben sette film, al pari di Alfred Hitchcock, amava comparire in brevi sequenze dei lavori…
4346


Riferimenti e bibliografie:

  • "Totalmente Totò, vita e opere di un comico assoluto" (Alberto Anile), Cineteca di Bologna, 2017
  • "Totò" (Orio Caldiron) - Gremese , 1983
  • "Totò proibito" (Alberto Anile) - Ed. Lundau, 2005
  • Gordiano Lupi - www.infol.it/lupi
  • "I film di Totò, 1946-1967: La maschera tradita" (Alberto Anile) - Le Mani-Microart'S, 1998