IL PARADISO DELLE DONNE

(1928)

Scheda dell'opera

Titolo originale Il paradiso delle donne

  • Testo: Ripp (Luigi Miaglia), Bel Ami (Anacleto Francini), in 3 atti e 21 quadri
  • Compagnia: Compagnia di Isa Bluette
  • Interpreti: Totò, Angela Ippaviz, Isa Bluette, Elsa Ferri, Nella Ferri, Dino Lugara, Minnie Lises, Rita Marucco, Anna Castellani, Adriano Dandy, Pucci e Stellina Toschi, Vittorio Vaser, Gianni Lombardi, Ernesto Vaser, Alfredo Orsini, Alba De Rubeis, Antonio De Rubeis, Sister Isabet, Cesare Barbetti, Astolfi, Garzelli, Nino Marchetti, Manfrino, Camozzo, Prola, Galliano, Gargano
  • Musica: M.o Luigi Rizzola

Sketch, quadri e notizie

Vicolo (parodia della canzone Vipera), Il bel Ciccillo, Paraguay, Se fossi ricco, Cane e gatto, Il gagà, Biondo corsaro, Otello, l'Asino, Capostazione, Il Futurista, Dante von Alighieren, Filomenita, Abatino.


Così la stampa dell'epoca


1928-02-04-L-Impero-Il-paradiso-delle-donne

Se volete farvi « radioscopare », mercè l’ultima genialissima applicazione dei raggi X escogitala da Ripp e Bel Amy, potete recarvi tutte le sere alla sala Umberto, alle 21,30, ed attendere che i due insigni clinici che effettuano le piacevoli operazioni si occupino di voi.

Con opportuno pensiero, la direzione he affidato gli uomini alle cure della dottoressa Isa Bluette, la signore a quelle del professore Totò. I due illustri clinici della gaiezza — veri ed indiscussi benefattori dell'umanità — hanno riscosso ieri sera, prima giornate degli esperimenti radioscopici, il più entusiastico successo di pubblico.

Mentalissimo.

Isa Bluette, che ci vantiamo d'aver classificato da tempo Regina del Teatro della Rivista, ha trionfato, ancora una volta.
Questa nostra artista riesce a raggiungere degli effetti prodigiosi e affascinanti. Quando canta pianamente, nell'ombra talvolta, quasi la diresti sommersa nella castità del canto, come un piccolo fiore nell'erba di un prato. Donde, improvvisamente, esplodendolo intorno la luce, sboccia e si scaglia nella danza e vi rotea dentro e se ne inebbria. Allora intorno al suo caldo corpo vapora, coma una nebbia lussuriosa, innumerevole e fine, la polvere dei riflettori. Una intelligenza guida il ritmo veloce col quale ella concede la persona al suo pubblico; e tutta la composizione dei quadro Isa asservisce al proprio gaudio, ma con una apparente discrezione che le arreca un tono distinto.
Sull'arte poi del suo compagno. dell’irresistiblle Totò è inutile dilungarsi, poiché basta a caratterizzarla quel suo volto cosi mobile e cosi espressivo quello sue trovate
geniali per le quali da un semplice gesto egli ricava effetti comici impreveduti. La sua personalità, è talmente spiccata e la sua comicità proviene da fonti cosi profonde e sincere che anche quando è costretto dalle situazioni creategli intorno dagli attori a dire battute troppo azzardate sa farsele perdonare con l’aggiunta del gesto che le rende più accette alla ipersensibilità dei moralisti.

Affidata a due interpreti di così alto valore, « Il Paradiso delle donne », rivista in ventun quadri e... dodicimila costumi, è riuscita facilmente, ieri sera, a toccale il porto del successo.

E il pubblico, lieto di essersi divertito, non ha lesinato negli applausi a Isa e Totò, alla vivacissima Lises, alla fascinosa brava, delicata Garzelli, alla Marucco — una negra indiavolata — alla Castellani, alla Dandy, alle squisite e valentissime sorelline Toschi, armoniose ed eleganti nelle loro danze originalissime.

Lugara, Vittorio Vaser, l’Astolfl, il Lombardi, Ernesto Vaser, Camozzo, Prola e Lombardi contribuirono validamente alla buona riuscita del lavoro.

Ottimo il corpo di ballo e l'orchestra. Sfarzosissima la messa in scena.

«L'Impero», 26 gennaio 1928


«Anche questa nuova rivista dei fecondissimi Ripp e Bel Ami è in tutto degna dell'ottima fama di questi due autori che, ben a ragione, sono fino ad ora ritenuti i migliori specialisti italiani del genere. Diremo anzi che col Paradiso belle donne che iersera un pubblico numerosissimo e fine ha vivamente e ripetutamente applaudito, Ripp e Bel Ami sono rientrati più strettamente nel tipo rivista da cui, in qualche altro loro recente lavoro, s'erano allontanati. [... ] La Bluette e il comicissimo Totò furono particolarmente applauditi . I bis e le chiamate furono numerosissimi [...]»

[Anonimo], «La Tribuna», Roma, 4 febbraio 1928


«(Totò) E' riuscito un eccellente Dante von Alighieren, una Filomenita spassosissima, un Abatino assai fine»

«Il Messaggero», Roma, 3 febbraio 1928


«Chi è Totò?» si chiedeva nel ’28, salutandone l’abbandono del varietà, un cronista del «Il Piccolo» di Roma:

«Quali sono i mezzi di cui questo singolare artista si serve per suscitare il riso? Semplici in apparenza, ma complicati nelle origini e portati a quel punto di grande naturalezza come è dato al pubblico di ammirare, solo attraverso uno studio paziente e tenace. Allorché egli si presenta in scena con quel suo passo elastico, con quelle movenze marionettistiche e grottesche, un’ondata di buonumore si diffonde per la platea e gli animi si apparecchiano alla più spensierata giocondità. [...] È innegabile che in Totò è insito il senso del grottesco e della parodia: nelle sue interpretazioni ci si può magari scorgere l’imitazione, ma ampliata, deformata, resa grottesca nell’espresso gioco scenico, in cui la smorfia, lo strizzare d’un occhio, il dimenare del capo esulano dal lazzo pagliaccesco per assumere una loro propria fisionomia artistica. [...] Egli non è più l’interprete ma il collaboratore prezioso degli autori: Totò non è pago di dire quel che gli fan dire, ma vuole e sa creare qualcosa anche lui. Sono silenzi sapienti, e il dimenare grottesco della persona, e un braccio alzato, un curvare di ginocchi... tutti gesti più eloquenti di venti battute di spirito 1..J Gli spettatori plaudono al comico simpatico ed originale che sa, con la sua arte, fugare, sia pure per breve tempo, pensieri tristi, umori oscuri, e con l’ausilio della sua arte nuovissima e potentemente comunicativa.»

U.M.B., «Il Piccolo», 1 febbraio 1928


1928 12 16 Gazzetta di Parma Si si susette Il paradiso La stella del charleston Girotondo intro

Dopo le recite di Emma ed Irma Gramatica, sarà per alcune sere al nostro Reinach la compagnia di riviste di Achille Maresca, di cui fan parte Alfredo Orsini, l’Ipjpavitz e Totò, che offrirà al pubblico diverse interesisianti novità.

Sì, si, Susette; Il paradiso delle donne; La stella del charleston; Girotondo.

I parmigiani, in fatto di divertimenti non possono proprio lamentarsi. E' il caso anzi di esclamare: troppa grazia Sant’Antonio! Avere contemporaneamente una primaria Compagnia d’operette, ed una non meno promaria Compagnia di riviste, non è cosa di tutti i giorni, nè di tutte le città.

E che ne sarà quando anche il Regio sarà aperto? Evidentemente è una gran verità che il parmigiano ama divertirsi!

«Gazzetta di Parma», 15 dicembre 1928


«Anche ieri sera - come avevamo previsto - il Reinach rigurgitava di pubblico, attratto e dalla simpatia con cui segue le recite della compagnia Maresca e dalla novità in programma.

Novità che, inscenata con sfarzo inaudito - in una gloria di luci e di colori - ha ottenuto, per merito degli interpreti, quel successo che forse le sarebbe mancato se fosse stata presentata in un'edizione meno ricca ed altri attori.

Il paradiso delle donne (tre atti di Rip e Bel Ami) non si stacca infatti dalle altre produzioni del genere: anche qui, come in ogni altra rivista, una rapida successione di quadri smaglianti concatenati più o meno logicamente fra loro; un susseguirsi di frizzi spiritosi e... no; uno spumeggiare di trine; uno scintillio di bellezze femminili… Il tutto rivestito da una musichetta a volte lieve e carezzevole, a volte rumorosa e frenetica non sempre originale, ma pur sempre piacevole.

E poi l'interpretazione della Ippaviz indemoniata e simpaticissima; di Orsini e Totò la cui signorile comicità sulle ondate di buon umore; uno spettacolo insomma che, per tre ore buone, a vinse gli spettatori costringendoli al pranzo caloroso.

Bellissimi i costumi di Ramo e gli scenari di Bosio. Stasera un'altra novità che sarà diretta dall'autore: Stella del Charleston, di A. Pragna punto indubbiamente un altro "pienone"».

«Gazzetta di Parma», 22 dicembre 1928


Galleria fotografica


Ricostruzione delle rappresentazioni della rivista nelle varie città italiane


TITOLO DELL'OPERATAPPE

Il paradiso delle donne

Rivista in in 3 atti e 21 quadri di Ripp & Bel Amì

Compagnia Maresca n.2 (Isa Bluette)

Torino, Teatro Balbo, 11-23 gennaio 1928

Roma, Teatro Umberto I, 3-10 febbraio 1928

Bologna, Arena del Sole, 14 marzo 1928

Torino, Teatro Balbo, 1-10 giugno 1928

Genova, Politeama Genovese, 11-18 giugno 1928

Roma, Teatro Adriano 23-25 settembre 1928 (spettacolo del 23 pomeridiano)

Parma, Teatro Reinach, 20-23 dicembre 1928

Torino, Teatro Balbo, 3-4 gennaio 1929

Milano, Teatro Lirico, 28-30 gennaio 1929

Roma, Teatro Adriano 22-24 marzo 1929

Torino, Teatro Maffei, 9-11 gennaio 1930


Riferimenti e bibliografie:

Rassegna stampa dai quotidiani:

  • La Stampa
  • Corriere della Sera
  • Corriere d'Informazione
  • Il Messaggero
  • L'Impero d'Italia
  • Il Brillante