Lollobrigida Gina (Luigia)

Gina Lollobrigida

All'anagrafe Luigia Lollobrigida, storicamente soprannominata la Lollo (Subiaco, 4 luglio 1927), è un'attrice, scultrice e fotografa italiana.

Da ragazza ha disegnato caricature. Dapprima cantante e generica, poi attrice per un quarantennio circa; dal 1990 si ritira dalla carriera di attrice per dedicarsi alla scultura nel bronzo, ispirandosi a Manzù, e pure alla fotografia.

Dal 1949 al 1971 è stata moglie del medico greco Milko Skofic e sono stati genitori di Milko Junior. Nel 1984 risultava fidanzata allo spagnolo Javier Rigau(lui classe 1961).

Numerosi i ruoli interpretati, anche nei fotoromanzi con cognome d'arte "Loris"; nel cinema fra i ruoli determinanti Miss Italia, Maria Antonia Desideri-Frine, "la bersagliera" dei primi due PANE, AMORE..., la "romana", Lina Cavalieri - la donna pių bella del mondo, la fata dai capelli turchini nel Pinocchio di Comencini.

Nel 1961 ha avuto la prestigiosa Medaglia d'oro - La vita per il cinema.

Tra i diversi incontri con Totò De Curtis, nessun film condiviso, quella della immagine fotografica allegata dove lei gli consegna un Premio.



Da un errore di memoria di Carlo Ludovico Bragaglia, nel corso di una intervista riportata nel volume "Totò" di Orio Caldiron, si potrebbe accreditarla alla pellicola LE SEI MOGLI DI BARBABLU' del 1950... ma, appunto, trattasi di "granchio"!


Galleria fotografica e stampa dell'epoca

1954 07 31 Settimana Incom Gina Lollobrigida f03La Bersaglierà è ricomparsa a Castel San Pietro con le sue buffe treccine, il suo vestituccio stinto e strappato, le sue ciabatte. «Guai a chi ci tocca Gina», dicono i paesani. Gina abita in una delle casettine rustiche, con la scaletta di pietra e il rame appeso in cucina e il letto di ferro. La sera gli attori della troupe giocano a bigliardo nell’unico caffè del paese. Le attrici vanno a letto presto. Il regista Comencini comincia a girare il film alle sei della mattina.

1954 07 31 Settimana Incom Gina Lollobrigida f07De Sica conversa con il sindaco di Castel San Pietro, il signor Porry Pastorel, ex giornalista e il più anziano fotoreporter della capitale. Porry Pastorei conobbe Vittorio De Sica al tempo in cui il celebre attore era un «bambino prodigio». Oggi lo chiama «maestro». Il Sindaco di Castel San Pietro vorrebbe intitolare le strade del paese ai nomi del personaggi del film.

1954 07 31 Settimana Incom Gina Lollobrigida f04

1954 07 31 Settimana Incom Gina Lollobrigida f05

1954 07 31 Settimana Incom Gina Lollobrigida f06

Castel San Pietro, a pochi chilometri da Palestrina, è un paesino da presepe, poche case sul cocuzzolo di un monte, una piazza grande come una stanza, e tante stradine che salgono e scendono. Gli abitanti vanno per i sentieri a dorso di mulo, sanno poco di quel che succede in città. La prima volta che le macchine dà presa e i riflettori fecero la loro apparizione in paese ci fu molto scompiglio. Ma ora tutti hanno preso confidenza con il cinema. Chiamano gli attori per nome, fanno circolo intorno al regista, alla Lollobrigida, a De Sica. Nelle foto qui sopra un gruppo di paesane insegna a De Sica come si porta l'orcio.

«La Settimana Incom Illustrata», anno VII, n.31, 31 luglio 1954


1957 08 03 Le Ore aV n221 Gina Lollobrigida f1

1957 08 03 Le Ore aV n221 Gina Lollobrigida f2

Finalmente l’attesissimo «figlio dell’anno» è nato: erano le otto e quindici del ventotto luglio, domenica. Sabato sera Gina Lollobrigida aveva assistito, nella sua villa sull’Appia, ad una trasmissione televisiva nella quale si esibisce un noto comico ed aveva tanto riso che suo marito Milko, con l’autorevolezza di un medico, le aveva detto: «Non ridere troppo, potrebbe farti male». Fu così che Gina fu colta dalle doglie. Trasportata nell’appartamento riservatole per ventimila lire al giorno in una clinica romana, Gina è riuscita ad eludere la guardia dei fotografi, degli inviati e degli ammiratori ebe proprio quella sera avevano tolto l’assedio alla villa ed a realizzare il desiderio di non essere «sorpresa» prima dei «momento più bello». Comunque la famiglia Skofìc è stata generosa e non ha voluto deludere il suo pubblico: ecco dunque la fotografia «ufficiale» del piccolo Milko Gino Nazzaro: pesa tre chili e trecento grammi, ha gli occhi azzurri e i capelli neri. Appena lo ha visto la mamma ha pianto per la commozione e ha detto al marito: «Guardalo bene, rassomiglia tutto a te».

«Le Ore», anno V, n.221, 3 agosto 1957


Tenuto in braccio dalla madre, il piccolo Milko Skofic, di due settimane, ha visto per la prima volta Roma, da un terrazzo della clinica dove e nato. Come del resto accade anche a moltissimi romani, il panorama della Città Eterna ha messo al bambino una gran voglia di dormire; davanti alla sterminata distesa di tetti e comignoli, monumenti, obelischi e campanili, gli occhi del piccolo saggio si sono chiusi per una gustosa « pennichella ».

Al risveglio, troverà pronto il buon latte ciociaro della balia Celeste Carinci, e cosi via, nel tempo, quando gli spunterà il primo dentino, quando dirà mamma e papà e muoverà i primi passi, sempre circondato dalle amorose cure di noi che scriviamo sui giornali. Si apprende intanto che all’anagrafe di Roma hanno rifiutato di registrarlo con il nome di Milko, essendo tale nome, in virtù di una legge razzista, considerato comunque non ariano al 100%. Per lo Stato, egli si chiama quindi Marco, non Milko, e questo, oltre alla doverosa considerazione della protezione che viene accordata dalle leggi non soltanto al panorama ma anche al calendario, è tutto quanto resta da dire.

Nelle foto, Gina Lollobrigida culla amorosamente il piccolo Milko, nato due settimane fa e già rivelatosi impavido davanti agli obbiettivi. Documentazione della frase di prammatica: « La puerpera gode ottima salute ».

Sandro Vespasiani, «Le Ore», anno V, n.222, 10 agosto 1957

 

 

1969 03 01 Noi Donne Gina Lollobrigida intro

«Noi donne», 1 marzo 1969 - Gina Lollobrigida


1954 07 31 Settimana Incom Gina Lollobrigida f01Gina Lollobrigida e Roberto Risso hanno ritrovato i loro personaggi di « Pane, amore e fantasia a. Ecco il carabiniere Stellati mentre aiata la Bersaglierà a mettersi sulle spalle una pesante fascina. Il seguito della storia della Bersagliera, del carabiniere-timido e del burbero maresciallo si chiamerà «Pane, amore e gelosia». I personaggi saranno gli stessi, interpretati dai medesimi attori, e le loro vicende saranno ambientate nello stesso paesino, Castel San Pietro.

1954 07 31 Settimana Incom Gina Lollobrigida f02De Sica e Risso nella strada principale di Castel San Pietro. Stanno discutendo su certi enormi bidoni variopinti che il sindaco del paese b» fatto installare nei punti strategici per raccogliere le immondizie. Risso non sì toglie mai il berretto da carabiniere, si vergogna dei suoi capelli tagliati a recluta 


Riferimenti e bibliografie:

  • Simone Riberto, alias Tenente Colombo
  • «La Settimana Incom Illustrata», anno VII, n.31, 31 luglio 1954