Sophia Loren vorrebbe lavorare meno

1955-Sofia-Loren

1955-07-10-Epoca-Sofia-Loren

A Tivoli c'è un mulino del Settecento che fino a non molti anni or sono era mosso dalle acque dell'Aniene. Oggi va a motore, ma nell’aspetto è rimasto quello di un tempo. Il regista Mario Camerini l’aveva preso in considerazione per alcune scene del film La bella mugnaia, poi ragioni tecniche lo consigliarono a preferire un mulino nei dintorni di Firenze. Tuttavia Sophia Loren, protagonista del film, ha voluto egualmente visitarlo. Un trasecolato mugnaio ha visto capitare fra le sue tramogge la più bella mugnaia che mai avesse osato sognare. Quel giorno, al mulino si è fatto festa.

1955 07 10 Epoca Sofia Loren f1
Quando Sophia Loren si è recata nel vecchio mulino sulle rive dell’Aniene, tutta Tivoli è accorsa a festeggiare la « bella mugnaia » e mani solerti hanno rapidamente intrecciato per lei una ghirlanda di fiori. In pochi mesi, la Loren è stata pizzaiola (« L'oro di Napoli ») e mugnaia (« La bella mugnaia »). In « Pane, amore e... » i diventata pescivendola.
1955 07 10 Epoca Sofia Loren f2

Si è bevuto e mangiato e la Loren ha cantato la sua canzone favorita: Chistu è o’ paese d’o’ sole, chistu è o’ paese d’o’ mare... La sera, quando è tornata a Roma, ha dovuto preparare le valigie per Sorrento dove si è iniziato Pane, amore e... Sono due anni che la loren lavora a pieno ritmo, un film dietro l’altro. Infatti, appena finito Pane, amore e..., dovrà cominciare La fortuna di essere donna col quale Blasetti, affiancandole di nuovo Marcello Mastroianni, vuol ripete e il successo di Peccato che sia una canaglia. Ma in seguito non vorrebbe interpreta e più di due film all'anno. Tanto più che allora potrà imporre meglio la sua volontà: a settembre sarà maggiorenne.

1955 07 10 Epoca Sofia Loren f3
Come avevamo previsto (nel servizio pubblicato sul N. 243 di EPOCA), la Loren non ha resistito molto a lungo al regime dietetico che si era imposta ed è tornata a divorare, come un tempo, piatti di pasta al sugo. Un giorno ha detto: « Se non mangio pasta muoio » e ha ricominciato. A mantenere la linea bastano gii assidui esercizi di ginnastica ritmica che essa compie sotto la guida del ballerino Leo Coleman.
1955 07 10 Epoca Sofia Loren f4
La visita al mulino di Tivoli è stata per Sophia Loren il pretesto per passare un'allegra giornata di vacanza lontano tanto dalle noie del lavoro quanto dalle preoccupazioni procuratele dalle beghe che ai recente hanno portato i suoi genitori in Tribunale. Estranea a queste vicende, che tuttavia l’addolorano, essa vuole rimanerne fuori il più possibile. Sophia avrebbe ora bisogno di pensare con tranquillità ai suo lavoro, poiché il suo futuro dipende da questo momento, Essa se ne rende conto ma è ancora incerta fra le parti drammatiche e le parti brillanti. In realtà, le sue preferenze sono per i film briosi.
1955 07 10 Epoca Sofia Loren f5

«Epoca», anno VI, n.249, 10 luglio 1955


Tempo
«Epoca», anno VI, n.249, 10 luglio 1955