SULO

Comme 'na varca

Antonio de Curtis, 1955

Solo (Come una barca)


Comm'a'na varca spersa 'nmiez'o mare
stongo sbattenno'a che te ne si ghiuta,
nun saccio ch'aggia fà, parole amare
vaco parlanno sulo e penso a te.

E penso che t'aggiu voluto bene
comme bene se vò 'na vota sola,
e tu pe' ricumpenza a tanta pene,
le mise int'a 'stu core... ma pecchè?

Sulo!
Songo rimasto sulo
nun tengo cchiù a nisciuno,
tenevo sulo a te.

Sulo!
'ncopp'a 'stu munno sulo
chisongo mò... song'uno
ca chiagne e chiamma a te.

Sulo!
tu m'e rimasto sulo,
io moro 'e pucundria
e chesto 'o saie pecchè.

Sulo,
nun pozzo campà sulo,
pecchè 'sta vita mia
apparteneva a te.

'Sta vita toia è tutta 'na buscia
promesse, vase, abbracce e giuramenti,
quanno 'nce penso che malincunia
s'astregne 'o core e dico, ma pecchè?

Pecchè si bella e 'nfama cumm'o mare,
e cumm'o mare si 'na traditora,
tutt'è distrutto, tutt'è cose care,
e 'sta tempesta mò distrugge a me.

Sulo...