Gli telegrafarono: "sei imperatore!"