Print Friendly, PDF & Email

ISCHIA MIA

Antonio de Curtis, 1951
Ischia mia

Fra tante belli cose c'ha criato
'o Padreterno 'ncopp' a chesta terra,
'na cosa ha fatto che 'nce s'è spassato;
immiez' a 'nu golfo nu pezzullo 'e terra.

E 'ncoppa a chesta terra profumata,
c'addora 'e pace e regna 'na quieta,
chest'isola da tutte decantata,
te ce ha piazzato pure 'na pineta.

Ischia, paraviso 'e giuventù ,
Ischia, chistu mare è sempre blu!
Chistu cielo ch'è n'incanto,
chistu golfo ch'è 'nu vanto
chesto 'o tiene sulo tu.

'Sti bellizze songhe 'o vero.
Chesto 'o dice 'o forestiero,
ca scurdà nun te pò cchiù.

'A primma vota ca 'nce sò venuto
'ncopp' a 'stu scoglio d'oro illuminato,
senza parola sò rimasto, e muto
pe chesta spiaggia me sò 'ncammenato.

Vedenno cu 'o due pezzi sti ffigliole,
'a verità?, so asciuto d' 'o sentiero;
i' ch'ero già mbriaco 'e mare, 'e sole,
overo, sì, aggiù fatto nu pensiero.