SI FOSSE 'N AUCIELLO

Se fossi un uccello
Si fosse 'n auciello, ogne matina
vurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:
“Bongiorno, ammore mio, bongiorno, ammore!”
E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille
e chiano chiano, comme a na carezza,
cu stu beccuccio accussi piccerillo,
mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo,
si fosse 'nu canario o 'nu cardillo.

Testo in italiano

Se fossi un uccello, ogni mattina
vorrei cantare sulla finestra tua:
“Buongiorno, amore mio, buongiorno, amore!”.
E poi vorrei saltare sui tuoi capelli
e piano piano, come una carezza,
con questo beccuccio così piccolino,
ti mangerei di baci a pizzichillo*
se fossi un canarino od un cardillo.


*(bacetti a mò di pizzicotti o morsetti trattandosi di un uccello)