AGGIO PERDUTO 'AMMORE

Antonio de Curtis, 1954

Ho perduto l'amore

Ammore perduto, pecché m'he lassato?
Pecchè si fujuto? Rispunne, pecchè?
Ammore perduto, rispunne a 'stu core.
Pecchè rieste muto? Dimmelo 'o pecchè?

Aggio perduto ammore pe' 'na fatalità,
mpietto me chiagne 'o core,
nun se pò rassegnà!

'Stu core ca pareva indifferente,
c' 'o bene tuio nun le 'mpurtava niente,
mo c'ha perduto ammore
che pena ca me fa,
soffre pe stu dulore,
pe' 'sta fatalità.

Ammore perduto, i' t'ero truvato,
nun aggio saputo tenerte cu mme,
ammore perduto, m'ha ditto 'stu core
ca tarde ha saputo tu ch'ire pe mme.

Aggio perduto ammore pe' 'na fatalità,
'mpietto me chiagne 'o core,
nun se pò rassegnà!

'Stu core ca pareva indifferente,
c' 'o bene tuio nun le 'mpurtava niente,
mo c'ha perduto ammore
che pena ca me fa,
soffre pe' 'stu dulore,
pe' sta fatalità.





{gallery preview_width=800 preview_height=800 caption-title="Piedigrotta, Festival della canzone napoletana 1953 - Totò sul palco con Virginia da Brescia che canta la sua canzone 'Aggio perduto 'ammore'"}00-Immagini_Introvabili/Partecipazioni-Ricorrenze-Premi/1953-Festival_della_Canzone_Napoletana_Virginia_da_Brescia-000-L.jpg{/gallery}