Tuttototò: in dieci personaggi il meglio di Totò

Tutto Totò Sandro Borni

1966 10 Radiocorriere TV Tuttototo intro

La scenetta più bella, dicono non si vedrà. Un fuoritesto che il comico-principe ha recitato, alla fine del suo lungo lavoro per la TV. La «troupe» si stava sciogliendo; i soliti «grazie», «addio», «ci rivedremo»: un intrico di mani che si stringevano. Alla fine, lui, s’è fatto in mezzo al gruppo; s’è accostato al regista, Daniele D'Anza. Ha recitato un discorsetto di commiato. E quel che ha detto non è che abbia molta importanza. Ma, per l'occasione, ha tirato fuori una maschera inedita, più intensa che mai.

«Sono commosso... ecco, sono commosso...». Spingeva le sopracciglia verso l'alto, a V rovesciata, sgranava gli occhietti umidi; e un agitarsi di mascella, a comando, da destra a sinistra, da sinistra a destra. E avanti a parlare. Un discorso patetico, se vogliamo, ma detto da un comico sottile: «E' stato, per me, come percorrere a ritroso, in uno spazio di tempo brevissimo, l'intero arco della mia carriera, dalle prime esperienze della giovinezza, dell’avanspettacolo, ai primi film, ai primi successi e dopo, molto dopo, alla celebrità. Continui ricordi che affioravano alla mia mente... E’ diffìcile spiegare». Il ristretto, qualificatissimo uditorio, ascoltava attento: guardavano la maschera e scoppiavano le risate; mentre, le parole commuovevano: a qualcuno facevan venire le lacrime.

1966 10 Radiocorriere TV Tuttototo f0  
 1966 10 Radiocorriere TV Tuttototo f1 1966 10 Radiocorriere TV Tuttototo f2

Forse, è stata per davvero la sua più succosa esperienza professionale. Ha presentato un «digest», un'antologia, il meglio di quanto ha fatto in una vita d'attore, al grande pubblico della TV. Tuttototò è proprio questo. Sei puntate di un’ora ciascuna. Si intitolano «Don Giovannino», «Il tuttofare», «Il Premio Nobel», «Il grande maestro», «Il lottatore» e «La scommessa». Le prime quattro prendono le mosse da storie famose del grande comico: i classici del suo teatro. «Premio Nobel», per esempio, non è altro che la scenetta del «vagone letto», opportunamente riveduta e corretta: le esperienze, le avventure di un professore italiano che va a Oslo, in «wagon-lit», per ritirare l'ambito riconoscimento internazionale. Gli ultimi due atti unici sono «originali», scritti apposta per l’occasione da Mario Corbucci.

1966 10 Radiocorriere TV Tuttototo f3 
 1966 10 Radiocorriere TV Tuttototo f4

Seguiranno, poi, altri quattro «numeri unici». I titoli ne suggeriscono il contenuto: «Totò a Natale»; «Totò a Napoli»; «Totò-Ciak»; «Totò-yé-yé». Avranno un carattere comico-satirico-musicale e consentiranno all’attore di sfruttare tutte le sue qualità di grande personaggio dello spettacolo, eclettico, poliedrico, che ha fatto ridere almeno due generazioni d'italiani e fa ridere ancora.

«Radiocorriere TV», anno XLIII, n.41, 9-15 ottobre 1966


Radiocorriere TV
«Radiocorriere TV», anno XLIII, n.41, 9-15 ottobre 1966